Il fallimento del reattore - THTR 300 Le newsletter THTR
Studi su THTR e molto altro. L'elenco dei guasti THTR
La ricerca HTR L'incidente THTR nello 'Spiegel'

Le newsletter THTR del 2011

***


        2021 2020
2019 2018 2017 2016 2015 2014
2013 2012 2011 2010 2009 2008
2007 2006 2005 2004 2003 2002

***

Newsletter THTR n. 134, gennaio 2011


contenuti:

Servizi di notizie per l'industria del torio

*

Approfondimenti sui programmi nucleari indiani e pakistani

*

Atomwirtschaft-Zeitung riporta effettivamente la fine del PBMR!

*


Servizi di notizie per l'industria del torio

GUARDA E GUARDAL'uranio scarseggia ed è meglio non far funzionare più le centrali nucleari? - "Nessun problema, ora c'è il torio come sostituto innocuo!" afferma che l'industria sta sminuendo. Affinché questo messaggio precedentemente poco notato riceva più attenzione, il vivace ex presidente del Federal Intelligence Service (BND), Hans-Georg Wieck, aiuta un po' con i suoi "messaggi". E partecipa anche come partner in un'azienda molto speciale che promette di risolvere i problemi energetici del mondo. L'industria nucleare può tirare un sospiro di sollievo adesso? - Interviene Wieck.

Come ex agente dell'intelligence, Wieck sa come trovare il momento giusto per l'intervento politico. E come ex ambasciatore tedesco in India, conosce molto bene la situazione nel paese con le enormi quantità di torio. Nel 88 ha scritto nella serie di pubblicazioni "Reports & Studies" n. 2007 della Fondazione Hans Seidel affiliata alla CSU, uno dei suoi partner di cooperazione preferiti:

"L'accordo USA-India del 2005 sulla cooperazione nel campo dell'uso civile dell'energia nucleare è di importanza epocale in termini strategici Giornata per poter utilizzare le grandi risorse minerarie del torio per la produzione di energia nucleare. Brevetti dello scienziato russo Professore Lev Maximov, Novosibirsk, sono disponibili "(1)

Si dice che il torio amorfo porti a una resistenza antiatomica "amorfa"

Wieck vuole abilmente rendere appetibili i reattori al torio in Germania a spese delle vecchie e problematiche linee di reattori in una bozza che ha scritto anche nel 2007 ed è accessibile su Internet. Menziona il "possibile uso improprio dell'accumulo di plutonio per la produzione di esplosivi nucleari nonché i noti rischi di ritrattamento" e "problemi con lo smaltimento delle scorie nucleari" al fine di mettere in gioco una variante speciale dei reattori al torio come apparente alternativa:

"Tutti gli esperimenti precedenti erano basati sull'uso del torio allo stato cristallino, ad esempio nel reattore AVR Jülich (1967-1988), nel reattore Dragon a Winfrith, GB (1964-1973), nell'impianto di prova del fondo di pesca (USA dal 1967 al 1974), così come nei reattori sperimentali Kamini e Kalpakkam in India (1996) Torio come elemento base del combustibile nucleare.Gli impianti Karapar 300 e 1 in India utilizzano solo il torio come base combustibile, ma i problemi riscontrati con il l'uso del torio come combustibile - alto costo di produzione del combustibile, così come alcuni problemi legati alle armi (sic!) e i problemi della reintegrazione del combustibile - non potevano ancora essere risolti in modo soddisfacente.Allora perché sostituire l'uranio con il torio "nucleare" carburante' a tutti?" (2)

- Perché il grande professore Lev Maximov di Novosibirsk ha trovato la soluzione al problema e l'ha brevettata il 17 agosto 8 con il numero di domanda internazionale PCT / RU2006 / 2006! Qui dovrebbe essere usato il torio non più ceramico, ma piuttosto amorfo (strutture molecolari informi e parzialmente disordinate).

Nel dicembre 2009, l'ex diplomatico Wieck lo ha spiegato di nuovo al pubblico un po' dubbioso:

"Come il combustibile nucleare amorfo, il modo in cui viene controllato il reattore e la disposizione degli elementi di combustibile nel reattore stesso appartengono alla generazione di energia nucleare, che si basa sull'uso del torio. I prodotti di fissione che formano la fissione nucleare non dovrebbero essere in grado di rimuovere dal combustibile nucleare con processi chimici convenzionali, ma con processi puramente fisici. Secondo il processo del professor Maximow, questo viene fatto utilizzando torio amorfo. " (3)

Quello che segue ora è un tentativo molto chiaramente comprensibile di persuadere Wieck, che avrebbe fatto onore a qualsiasi rappresentante di aspirapolvere:

"Il professor Maximow si è rivolto ai competenti istituti di ricerca tedeschi con i suoi brevetti, dal momento che la Germania non si occupa più del perfezionamento ambientale e di sicurezza della terza generazione di centrali nucleari attualmente in costruzione e quindi, a suo avviso, non ancora dovrebbe essere aperta la concezione sperimentale verificata, ma teoricamente sviluppata, di una procedura priva di rischio o a basso rischio per l'uso dell'energia nucleare. La presentazione ha avuto un riscontro positivo dal punto di vista scientifico e tecnologico. " (4)

Il passato rivelatore di un fornitore di servizi

Per avere una prima impressione di chi è così ostinatamente impegnato nei reattori al torio, diamo un'occhiata a ciò che Wikipedia rivela su Hans-Georg Wieck:

“Dal 1954 al 1993 è stato funzionario pubblico presso il Ministero degli Esteri. Tra l'altro, è stato ambasciatore in Iran, URSS e India nonché rappresentante permanente della Repubblica Federale di Germania presso il Consiglio Nord Atlantico (NATO) il Consiglio Federale Servizio di intelligence fino al 1985. Dopo aver lasciato il servizio civile, è stato capo del gruppo consultivo e osservatore dell'OSCE a Minsk, in Bielorussia dal 1990 al 1998. Dal 2001 al settembre 1996 è stato presidente della Società indo-tedesca. " (5)

Già negli anni '50 Wieck lavorava come diplomatico con la cerchia ristretta di coloro che avevano preso il controllo del potere nel nuovo stato della RFT dopo la sconfitta del fascismo. Come ambasciatore in Iran e in Unione Sovietica e come rappresentante permanente della Repubblica Federale Tedesca nel Consiglio Nord Atlantico (NATO), la sua azione politica è stata inserita nel conflitto anticomunista tra Oriente e Occidente durante la Guerra Fredda. Al culmine della sua carriera dal 1985 al 1990, in qualità di Presidente del Federal Intelligence Service (BND), ha avuto accesso a un'ampia gamma di informazioni esclusive o rapporti di natura politica, militare ed economica. La sua successiva attività di ambasciatore in India (1990 - 1993) e il suo "lavoro nella società civile" come presidente della Società indo-tedesca (DIG) dal 1996 al 2008 danno anche un'altra indicazione del motivo per cui è così particolarmente interessato al torio: l'India ha circa un quarto delle riserve mondiali di torio.

La memoria onorevole dei nazisti fa parte del "nucleo culturale" di tutta la civiltà!

Nel 2005, una vivace discussione con l'allora ministro degli Esteri Joschka Fischer ha mostrato la consapevolezza che anche 60 anni dopo la fine del fascismo plasmavano ancora l'élite funzionale dello stato tedesco. Si trattava della pratica del necrologio nel bollettino interno dell'Ufficio federale degli esteri (AA). Il ministro degli Esteri Fischer ha decretato che in caso di morte tra i numerosi ex membri del NSDAP al servizio della RFT, il verbale di morte dovrebbe essere scritto solo in modo neutrale. Settanta dipendenti del servizio diplomatico hanno chiesto nel loro atto di firma da Fischer che il defunto continuasse a essere onorato con la seguente aggiunta: "Ne conserveremo la sua onorata memoria". (...) Secondo il quotidiano, la lettera dei critici afferma che onorare i morti fa parte del "nucleo culturale" di ogni civiltà."(6). Wieck era uno dei sostenitori di questo onore molto speciale per gli ex nazisti - un "nucleo culturale" davvero molto significativo!

"Gruppo di discussione" come lobby per gli interessi di BND

Insieme ai colleghi del BND, dell'Ufficio federale per la protezione della Costituzione, del Servizio di controspionaggio militare (MAD) e di vari scienziati e politici, Hans-Georg Wieck ha fondato il "Gruppo di discussione del Servizio di intelligence in Germania" in accordo con il allora capo della Cancelleria ed ex ministro degli Esteri Frank-Walter Steinmeier" (GKND). L'obiettivo ufficiale di questa organizzazione è "contribuire obiettivamente a una discussione costruttiva e pubblica sui servizi segreti di intelligence" (7). Da allora, diverse conferenze, collane di pubblicazioni e pubblicazioni sono state presentate a un "pubblico" più o meno selezionato, in particolare in collaborazione con le fondazioni affiliate al partito. I motivi non ufficiali erano probabilmente lo scambio di idee tra compagni e la difesa da indiscrezioni e critiche.

Gli ex nazisti nel BND continuano a lavorare

Questa difesa dovrebbe arrivare presto. Lo storico americano Timothy Naftali ha riportato sulla rivista "Foreign Affairs" i numerosi membri del NSDAP e criminali di guerra che l'"Organizzazione Gehlen" aveva accettato come precursore del BND e che hanno continuato a fare danni nel BND per diversi decenni. Nel difendersi da questa critica, Wieck ha condannato "l'approccio polemico" dei critici, in quanto "non era un buon terreno fertile per un'analisi sobria delle circostanze complessive dell'immediato dopoguerra" (8) offerta.

Queste dichiarazioni di Wieck si collocano anche sullo sfondo che il BND (così come la CIA) sapeva due anni prima che gli israeliani "sotto il nome di Adolf Eichmann, l'organizzatore dell'assassinio di ebrei, si nascondesse in Argentina", ma nulla riguardo intrapreso il suo arresto.

mut

I fogli giusti come organi di annuncio

Nel 2006 Wieck ha spiegato in modo molto dettagliato l'ampia gamma di compiti del BND nella rivista mensile "MUT": "Il Federal Intelligence Service lavora in tutti i settori, militari, politici, economici, tecnologici e altri settori specifici come la droga internazionale traffico e riciclaggio di denaro" (9) È davvero notevole in quale rivista lo dice. "MUT" è stata fondata nel 1965 ed era affiliata al militante radicale di destra "Action Resistance". Anche il liberale "Zeit" riportò con orrore:

"Il giornale è stato battezzato da Bernhard Christian Wintzek (nato nel 1943). L'ex candidato NPD per il Bundestag è ancora oggi editore e caporedattore della rivista (ancora nel 2010!; HB). Wintzek è diventato noto come co -iniziatore della "Resistenza d'azione" che ha combattuto militantemente contro la nuova Ostpolitik della coalizione social-liberale all'inizio degli anni settanta - con slogan come: "Brandt al muro" e "Impicca i traditori". (...) L'NPD è stato criticato da destra: troppo lassista!" (10)

Sulla discutibile "trasformazione" del giornale radicale di destra vent'anni dopo, "Die Zeit" scriveva nell'edizione sopracitata: "Il coraggio, dice Arno Klönne, è un notevole esempio di come le linee di demarcazione tra conservatori e l'estremismo di destra, il neoconservatore e il nuovo discorso politico di destra evaporeranno".

Giovane libertà

Il fatto che il contributo di Wieck alla controversa rivista "MUT" non abbia fatto eccezione è dimostrato dalla sua lunga intervista nella nuova destra "Junge Freiheit" (n. 28) nel 2010 sul tema dello "spionaggio industriale". Come ex presidente del Federal Intelligence Service, sapeva esattamente con quale giornale aveva a che fare. Avrà scelto con cura il suo mezzo. Nel 2004 ho scritto su questo giornale: "Dopo che le speranze elettorali della 'Giovane Libertà' nei 'Repubblicani' sono state infrante negli anni '90, hanno cercato di mettere sotto pressione il conservatorismo stabilito dalla destra usando termini e formule importanti appropriati per stessi all'interno del conflitto per rivalutarli in modo nazionalistico e nazionalistico» (11).

Impegno orientato al cliente per l'industria nucleare "domestica"

Nel libro "Sempre al tuo servizio. La BND tra radici fasciste e nuovo ordine mondiale", gli autori sottolineano il seguente aspetto della pratica di pubblicazione dei servizi: "Per la BND non si tratta necessariamente di migliorare la propria immagine di sé in la stampa, ma piuttosto in procinto di lanciare alcune informazioni che vorrebbe vedere stampate"(12). Di conseguenza, gli articoli al torio di Wieck hanno il compito di riportare nella discussione pubblica la variante nucleare "domestica", che è rimasta indietro a livello internazionale, tanto più che le condizioni di partenza per questo sono notevolmente migliorate con la deselezione del rosso-verde a livello federale . L'(ex) staff della BND sarebbe diventato il portavoce di una specifica fazione dell'industria nucleare.

Questa impressione è rafforzata quando si legge che August Hanning, anche come Wieck coautore della serie "Il ruolo dei servizi di intelligence nei processi decisionali politici", ha scritto: "I servizi di intelligence sono fornitori di servizi per la politica, le autorità di sicurezza e il forze armate. La priorità assoluta per ogni fornitore di servizi, e in essa se i servizi di intelligence non differiscono dai fornitori di servizi nel settore privato, l'attenzione al cliente è "(13). Questa serie di pubblicazioni è apparsa nella Hans Seidel Foundation, affiliata alla CSU. L'intensa collaborazione tra il German Intelligence Service Discussion Group (GKND) e le fondamenta della CDU/CSU e della FDP non può essere trascurata e mostra chi è principalmente uno dei destinatari dei suddetti "servizi".

Fondazioni affiliate al partito come strumenti BND

Ora le suddette fondazioni affiliate al partito tendono a interferire con metodi perfidi in alcuni paesi dell'America Latina dalla parte dei contras di destra, dove stanno arrivando movimenti di liberazione per alleviare un po' la sorte dei poveri. - E quale compito della "società civile" si assume Wieck come ex ambasciatore nell'ex Unione Sovietica? - È membro del consiglio di amministrazione dell'"Associazione per i diritti umani in Bielorussia". Ora, in quanto oppositori delle centrali nucleari, che si occupano anche delle aree contaminate in Bielorussia, sappiamo fin troppo bene che il presidente Lukashenko sta brutalmente reprimendo l'opposizione nel suo paese e in molti casi violando i diritti umani. Tuttavia, sappiamo anche che la situazione sociale (!) dei diritti umani in Bielorussia non è così grave per molte persone rispetto all'Europa orientale. Se, tra tutte le cose, gli strateghi neoliberisti dei partiti ai quali il BND è al servizio dovessero avere voce in capitolo qui, la gente in Bielorussia potrebbe in futuro scegliere il proprio "Berlusconi" a scrutinio libero e segreto, ma potrebbe dipendere da consegne di cibo per non morire di fame. - Wieck in una posa paternalistica come spedizioniere di pacchi in un paese saccheggiato dalle corporazioni sarebbe sicuramente la prossima misura di pubbliche relazioni del personale BND.

Cooperazione con fascisti e nazionalisti croati per garantire le sfere di influenza tedesche

In questo contesto, va anche fatto riferimento al ruolo del BND nella fase precedente alle guerre di disintegrazione jugoslave 1991-95, che furono una continuazione della prima linea nella seconda guerra mondiale in Jugoslavia. Il genocidio degli ustascia croati, alleati della Germania fascista, contro i serbi in Croazia nel 1941-45 continuò per decenni e secondo l'ex corrispondente dell'ARD Ulrich Schiller "le idee e i principi essenziali di questa regola sopravvissero e trovarono la loro strada in" (14) nell'odierna Croazia.

Nel suo libro del 2010 "La Germania e i "suoi" croati. Dal fascismo di Ustasa al nazionalismo di Tudjmann", descrive il ruolo del BND e del suo allora capo Wieck nella distruzione della Jugoslavia al fine di assicurarsi le sfere di influenza che erano state ambite. sotto la Germania nazista. Secondo questo, i presupposti più importanti perché il BND possa esercitare un'influenza sui servizi segreti croati "sono stati posti solo alla fine degli anni '1980" (15). Quindi esattamente durante il mandato di Wieck. Secondo le informazioni di Schiller, nel febbraio 1990 è stato concordato quanto segue:

"1. Cooperazione nell'azione contro la Jugoslavia e la Serbia; 2. Il BND fornisce ai croati tutte le informazioni relative alla Jugoslavia, comprese le informazioni militari-militari. Così Antun Duhacek, e inoltre: "La parte tedesca ha chiesto la totale subordinazione del servizio croato per i suoi servizi, e l'ha ottenuto.' Nel febbraio 1990 il capo della BND non si chiamava Klaus Kinkel, ma Hans-Georg Wieck, ex ambasciatore a Mosca, capo della BND dal 1990 al 1985. Ogni tanto chiedevo all'ambasciatore Wieck di parlare della Croazia a un evento a Berlino, e la risposta era una rammarico no "(16).

Wieck ha preferito non parlare in pubblico della corresponsabilità della Germania e del BND in migliaia di omicidi e sofferenze infinite nell'ex Jugoslavia. Ha fondato il suo "gruppo di discussione" solo 13 anni dopo, quando la questione era diventata erba.

Approfondimenti sui programmi nucleari indiani e pakistani

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

Essere un ex presidente della BND e poi ambasciatore tedesco in India: una combinazione interessante! Non solo le rivalità tra i servizi segreti indiani e pakistani, ma anche la corsa agli armamenti per la bomba atomica tra i due stati belligeranti sono state certamente molto rivelatrici. Le attività del "padre della bomba atomica pakistana" Abdul Quadeer Khan (17). Probabilmente per questo motivo, il messaggio di Wieck oggi è: con la tecnologia al torio tedesca originale e super sicura, un tale teatro di bombe non sarebbe mai esistito, il che, tra l'altro, non è vero.

"Uno o più percento di uranio o plutonio fissile" - completamente innocuo ??

Passiamo ora ai nuovi reattori miracolosi con torio allo stato amorfo come combustibile. Wieck e Rudolf König scrivono nella loro elaborazione "Amorphous Torium ..." (18) da novembre 2007:

"Nella domanda di brevetto di Lev Maximow, il combustibile nucleare amorfo è descritto come segue: il combustibile è a base di torio metallico e sue leghe con l'aggiunta di uno o più percento di uranio fissile e/o isotopi di plutonio-239 come materiale di accensione."

Questo uso di "uno o più percento di uranio fissile e/o isotopi di plutonio-239" comporta grandi rischi, come rileva l'"Istituto Austriaco di Ecologia" in uno studio per il Ministero della Vita austriaco:

“La radiotossicità del plutonio e dell'uranio non è da sottovalutare. L'inalazione di 40 miliardesimi (!) Grammi di Pu-239 è sufficiente per raggiungere il valore limite dell'assunzione annuale di attività per inalazione nei lavoratori. Pochi chilogrammi di 239-Pu ( delle dimensioni di una pallina da tennis Bullet) può - teoricamente - uccidere tutti se tutti ne inalano una parte. Con la sua emivita relativamente breve di 24.000 anni, il plutonio ha un'elevata tossicità a lungo termine. Il 233-U è altrettanto tossico e ha un'emivita di 159.000 anni." (19)

Poiché il torio (Th-232) da solo non può sostenere una reazione nucleare a catena, ma è solo un materiale riproduttivo, è necessario aggiungervi neutroni. Questo può essere fatto con l'uranio (U-235) o, come previsto in India, con il plutonio (Pu-235). Il risultato è l'uranio fissile (U-233), che è adatto come combustibile nucleare:

Th-232 + Pu-239 = U-233

Ciclo uranio-torio
Da: "Reactors for Tomorrow", 1975 (!), Pagina 22, Kraftwerk Union

Wieck e König lodano il loro concetto come segue: "La completa soppressione della produzione di plutonio e altri elementi transuranici; l'evitamento dell'eccesso di reattività come esiste nelle centrali nucleari odierne (...). Non vi è alcuna elaborazione del nucleare esaurito carburante. " (20)

L'"Istituto Austriaco di Ecologia" valuta la presunta "prevenzione della produzione di plutonio" come segue:

"L'arguto argomento dell'industria nucleare secondo cui l'uso di reattori al torio potrebbe limitare la produzione di nuovo plutonio e ridurre l'inventario del plutonio esistente per armi dovrebbe essere trattato con cautela. Riteniamo che l'economia del torio non sia meno pericolosa del plutonio economia Il bombardamento di neutroni dell'isotopo del torio Th-232 crea il non meno pericoloso isotopo dell'uranio U-233, che, come il Pu-239, può essere utilizzato sia per reattori nucleari che per armi nucleari a causa della sua massa critica.

Inoltre, si forma anche l'isotopo dell'uranio U-232. Questo isotopo crea prodotti derivati ​​di breve durata (es. TI-208) che, in quanto emettitori gamma, rendono più difficile la manipolazione, il ritrattamento e il "riciclaggio" dell'U-233. "(21)

Torio: cavallo di Troia per il rientro nella tecnologia degli allevatori e nella rigenerazione

Un ritrattamento, in cui il plutonio e l'uranio vengono separati dagli elementi del combustibile esaurito per poterlo riutilizzare, è quindi estremamente necessario per i reattori al torio, contrariamente alle informazioni fornite da König e Wieck. Perché se il carburante del reattore fresco viene prodotto (covato) dal carburante usato, questo autofertilizzante deve essere ritrattato. "C'è il sospetto urgente che, sotto le spoglie della quarta generazione, si stia tentando di far rivivere i concetti per i reattori autofertilizzanti che sono stati a lungo scartati per motivi di sicurezza" (22), scrive l'"Istituto austriaco di ecologia".

Secondo gli scienziati critici, la promozione dei reattori al torio come via d'uscita dalle scarse riserve di uranio rappresenta un abile tentativo di reintrodurre pericolosi ritrattamenti attraverso la porta di servizio nelle considerazioni strategiche di politica energetica. In questo contesto va sottolineato che soprattutto con (ex) "servizi di intelligence" non è solo importante quali frasi piacevoli usano su "reattori torium completamente nuovi e innocui", ma che dietro di essi si nascondono intenzioni e interessi reali.

India e Stati Uniti, nel frattempo, non sono rimasti inattivi nella preparazione della costruzione di un impianto di ritrattamento: "Il 30 luglio 2010 gli Stati Uniti e l'India hanno firmato un accordo che consentirà all'India di ritrattare il materiale nucleare americano oggetto di contratto" (23)

La produzione di armi nucleari è resa più semplice!

Poiché il torio e l'uranio o il plutonio possono essere facilmente separati chimicamente, il furto di elementi combustibili freschi aprirebbe un modo elegante per costruire bombe. Ad esempio, da 5.000 a 10.000 nuovi assemblaggi di carburante THTR contengono abbastanza U-235 per creare una bomba simile a Hiroshima.

L'Istituto austriaco per l'energia riassume: "Un passaggio ai generatori veloci significa, tuttavia, una continuazione dell'economia del plutonio e del torio in una misura che non è mai avvenuta prima. Molti materiali altamente tossici come gli isotopi di plutonio e uranio come il carbone o il petrolio greggio potrebbero essere perso mezzo mondo. Questo dovrebbe essere evitato a tutti i costi "(24).

La Norvegia non vuole più reattori al torio

La Norvegia ha la terza presenza più ricca di torio al mondo e i politici hanno affermato nello studio "Il torio come fonte di energia - Opportunità per la Norvegia" (25) nel 2008 per esaminare se i reattori al torio rappresenterebbero un'opzione realistica di politica energetica per questo paese. La TAZ scriveva nel 2009: "A quel tempo la forte lobby del torio aveva avviato un dibattito sui presunti vantaggi di questa tecnologia, che spinse anche la compagnia elettrica statale Statkraft a segnalare interesse per un reattore" (26).

I risultati dello studio fanno riflettere: "Un reattore al torio produce scorie nucleari meno longeve di una centrale nucleare con barre di combustibile all'uranio. Questo è anche più stabile delle scorie nucleari convenzionali. In cambio, emette più radiazioni, il che complica il trasporto e stoccaggio. Ciò che è decisivo, secondo lo studio, è che la tecnologia del torio non risolve neanche il problema dei rifiuti atomici. Inoltre, c'è una radiazione radioattiva molto più forte quando il reattore è in funzione. "Il dibattito sul torio dovrebbe ora essere un capitolo chiuso', ritiene Nils Bøhmer, esperto atomico presso l'organizzazione per la protezione dell'ambiente Bellona: 'Speriamo che i politici ora stiano affrontando soluzioni reali al problema climatico.' "(27)

Il governo e le autorità di protezione dalle radiazioni in Norvegia hanno respinto la costruzione di reattori al torio nel 2009. L'industria nucleare e i suoi propagandisti in altri paesi sono tanto più ansiosi di mantenere il loro argomento del torio nella discussione pubblica.

Appare "La società"

Nonostante le condizioni quadro migliorate durante la grande coalizione (e la successiva Black and Yellow), il progetto del reattore al torio non è andato molto bene. Motivo sufficiente per Wieck per mostrare la tanto citata iniziativa dell'economia di mercato. È stata fondata una "Società per la promozione di brevetti promettenti - Sviluppo, valutazione, pubblicazione e sfruttamento" con il nome un po' ingombrante "SBE Safe and Affordable Energy". Il già citato prof. Lew Maximow è l'amministratore delegato, gli zelanti giornalisti al torio Wieck e Rudolf König sono azionisti.

Con "cinque invenzioni rivoluzionarie per la costruzione e l'ammodernamento delle centrali elettriche", i signori nell'allegra età della pensione vogliono smuovere il mercato globale dell'energia. Dalla "produzione di urea" all'uso del torio amorfo per la produzione di energia rispettosa dell'ambiente, l'azienda agile ha molto da offrire. "La SBE si fa carico anche della valutazione delle invenzioni di terzi, della loro brevettabilità e dell'eventuale ottimizzazione, integrazione e finanziamento delle domande di brevetto nonché del loro sfruttamento commerciale". Nell'articolo "Sviluppo di combustibili nucleari sicuri - Una necessità del momento" (28) Wieck dà la direzione strategica: "L'energia nucleare è impopolare in Germania eppure importante. I rischi delle diciassette centrali nucleari in funzione in Germania, oltre 200 in Europa e oltre 450 nel mondo sono noti e vengono tenuti il ​​più possibile sotto controllo . Gli incidenti non si escludono, si verificano anche da noi”.

E l'azienda ha le soluzioni pronte per questi problemi. Herbert Wellner, avvocato e notaio presso SBE, riassume i grandiosi vantaggi dei reattori al torio progettati. Sono "non per armi, al di fuori del processo di applicazione non radianti". Di conseguenza, garantiscono "la massima protezione possibile contro attacchi terroristici e incidenti" e, naturalmente, "stoccaggio sotterraneo sicuro ed ecologico dei materiali lavorati" (29). Problemi ad Asse, Gorleben e Schacht Konrad - secondo il nuovo metodo, queste sono tutte le notizie di ieri.

Ulteriori domande? Quello che a prima vista sembra un falso del quotidiano satirico "Titanic" è evidentemente inteso sul serio. I vari contributi della società SBE sono ovviamente volti a rafforzare l'impressione della comunità internazionale di Internet e dei blogger che le più importanti fasi di sviluppo e brevetti per la realizzazione del reattore miracoloso al torio sono state eseguite da tempo. E ora il governo tedesco dovrebbe finalmente impegnarsi di più nella ricerca e nello sviluppo dei reattori di quarta generazione. Questo è il messaggio dietro di esso. Perché in certi forum e su Internet lettere al direttore di certi giornali conservatori, la litania di presunti vantaggi della nuova linea di reattori è stata pregata per anni e chiesto con preoccupazione quando la nostra CDU/CSU uscirà finalmente dall'ombra del rosso -verde e affrontare con coraggio una nuova opzione nucleare?

Tuttavia, non accade così rapidamente. Dalla domanda di brevetto del favoloso Maximow nel 2006, molta aria calda è stata prodotta, ma poco è stato implementato in termini concreti. Fondamentalmente, questo è stato il caso dei reattori al torio dagli anni '50. Miliardi di euro sono stati sprecati in un esperimento nucleare insensato e pericoloso. Il sito web di SBE non viene aggiornato da sei mesi. Non sembra essere successo nulla di rivoluzionario. Ciò che rimane è una piccola componente di propaganda nella struttura della strategia pubblicitaria nucleare.

Gli affari non sembrano andare così bene per Wieck, che è abituato al successo. Nel 1987, "Der Spiegel" riferì nel suo articolo "Con comportamento feudale e pregiudizi politici Il capo del BND Wieck cade nel crepuscolo" sulle sue insolite abitudini di viaggio come presidente del BND: "Wieck era convenientemente nella Lufthansa First Class per circa 10.000 marchi in volo per Sud America. Dietro il Boeing Lufthansa seguiva il jet Falcon 50 trimotore di proprietà di BND (costo di acquisizione: 7,3 milioni di dollari), di cui Wieck di solito ha bisogno per veloci sprint tra Pullach e Bonn "(30). - Oggi potete leggere sulla sua homepage: "Le pubblicazioni possono essere ristampate solo con il permesso dell'editore; gli articoli inediti possono essere pubblicati per una cifra simbolica di 50 euro e inviando una copia campione..."

La situazione in India

La crescita economica dell'India è stata rapida negli ultimi anni. Non solo aumenterà enormemente la domanda di energia, ma anche l'ingiustizia sociale associata a questo sviluppo. Le classi medie e alte ne beneficiano, le diverse centinaia di milioni (!) di persone più povere rimangono indietro. L'estrazione di enormi quantità di materie prime (tra cui l'uranio) e la costruzione di centinaia di dighe minacciano le popolazioni indigene dell'India (Adivasi) in particolare nelle aree rurali. Lo stato indiano sta creando "zone economiche speciali" in cui le società internazionali non devono soddisfare alcun requisito ambientale. Alcuni degli abitanti che vi abitavano originariamente vengono scacciati senza compenso e precipitati nella miseria. La rivista "Südasien" riporta:

"Una stima approssimativa è di 60 milioni di rifugiati e sfollati a causa di progetti di costruzione. Si tratta di quattro volte il numero di persone scambiate tra l'India e le due ali del Pakistan al momento della spartizione. La maggior parte degli sfollati a causa dei progetti sono tribù e senza terra. Dalit, che vivono su o su proprietà comunali. E appena il 20 per cento di loro è stato finora risarcito”. (31)

L'industrializzazione sconsiderata associata all'imperialismo interno-indiano ha incontrato resistenza, specialmente nei grandi progetti di dighe. Le lotte per la produzione di acqua, energia e contro le ambizioni delle grandi potenze industriali non solo portano a movimenti di resistenza ecologica non violenti, ma anche al rafforzamento di una guerriglia maoista che sta conducendo una guerra brutale da tutte le parti nella cosiddetta "cintura rossa" in una dozzina di stati indiani. È poco segnalato in Europa.

Sfilata degli indù davanti al loro tempio e al THTR ad Hamm Uentrop
A poche centinaia di metri dal sito THTR di Hamm-Uentrop si trova il più grande tempio indù dell'India meridionale in Europa, da cui circa 20.000 persone si spostano ogni anno a maggio/giugno. Informazioni sul tempio Sri Kamadchi Ampal:
www.kamadchi-ampal.de

Il programma nucleare indiano

Dal 1969 in India sono in funzione due centrali nucleari commerciali. Nel frattempo, 19 centrali nucleari producono circa il 2,5 per cento dell'elettricità indiana. L'obiettivo è il 2050% entro il 25. La Società tedesca per la cooperazione tecnica (GTZ) scrive: "Molti osservatori sono scettici, tuttavia, perché l'India ha pianificato di espandere l'energia nucleare più spesso in passato, ma non l'ha mai implementata" (32). "Prognos" cita una ragione importante per questo: "Dal momento che l'India non ha ancora firmato il Trattato di non proliferazione nucleare, le relazioni commerciali internazionali per la tecnologia e i combustibili nucleari sono state limitate. Di conseguenza, lo sviluppo della tecnologia indiana è avvenuto in modo isolato. . Un allentamento di questo embargo commerciale farà sì che l'India possa sempre più collaborare con altri paesi come Cina, Russia e Stati Uniti "(33).

L'"Energy Report India 2007" dell'Ambasciata di Nuova Delhi descrive gli sviluppi passati e previsti come segue:

"Il programma nucleare civile indiano è strutturato in tre fasi e mira a ridurre al minimo la dipendenza dall'uranio, che in India è presente solo in piccole quantità, e ad utilizzare invece le ricche riserve di torio nel medio termine. La prima fase del programma, il padronanza del programma Il prototipo del fast breeder attualmente in costruzione, che utilizza il plutonio prodotto nelle centrali nucleari esistenti, segna l'inizio della seconda fase del programma. Il torio viene utilizzato anche nei fast breeder per la produzione di uranio-233, che poi - questa sarebbe la terza fase del programma nucleare - sarà in un lontano futuro il combustibile per la più moderna generazione di centrali nucleari"(34).

Torio e rigenerazione in India

La rivista mensile "atw" ha scritto nel 2007 sullo stato dello sviluppo della linea del reattore al torio:

"Il Bhabha Nuclear Research Center (BARC) sta attualmente lavorando su un reattore al torio avanzato con una capacità di 300 MW (Advanced Heavy Water Reactor: AHWR) per dimostrare l'uso del torio come combustibile nucleare e un concetto di sicurezza avanzato. La costruzione è in corso pianificato presso la sede del centro di ricerca nucleare. Le proprietà fisiche e i componenti importanti sono testati in disposizioni di prova individuali "(35).

"Atw" ha scritto dello sviluppo dell'allevatore veloce e del ritrattamento:

"Il programma di energia nucleare dell'India si basa sul 'ciclo chiuso del combustibile nucleare', che include il ritrattamento del combustibile nucleare esaurito e il riciclaggio del plutonio e dell'U-233 nel combustibile nucleare. L'India gestisce un impianto pilota per il ritrattamento del combustibile a Trombay, in cui vengono elaborati combustibili nucleari da reattori di ricerca e 2 impianti di ritrattamento commerciale a Tarapur e Kalpakkam per combustibile nucleare da centrali nucleari. Il primo U-233 è stato estratto dal combustibile al torio irradiato nel 1970 "(36).

La cooperazione con gli USA e la firma dell'accordo nucleare nel 2010 hanno aperto nuove prospettive per il ritrattamento:

"India e Stati Uniti hanno ufficialmente firmato un accordo di ritrattamento e ritrattamento del combustibile nucleare che consentirà alle società statunitensi di assicurarsi una parte del mercato indiano dell'energia nucleare da 150 miliardi di dollari. (...) L'India ha un ambizioso programma per lo sviluppo dell'energia nucleare civile soddisfare il crescente fabbisogno energetico del Paese con l'obiettivo di aumentare di oltre sette volte la propria capacità installata a 35.000 MWe entro il 2022 e a 60.000 entro il 2032”(37).

È stato inoltre concordato il trasferimento di know-how nel campo dei reattori al torio. La società indiana di ingegneria e costruzioni "Punj Lloyd" ha firmato un accordo di cooperazione con la società statunitense "Thorium Power": "La sfera nucleare è molto promettente e con questa partnership perseguiamo l'obiettivo dell'impegno di lunga data dell'India per l' thorium Fuel Cycle ', ha affermato l'amministratore delegato del gruppo (38).

Nel 2010 sono state firmate diverse altre partnership e contratti di fornitura per centrali nucleari in collaborazione con Russia, Francia e Canada. Il tema "India e nucleare" rimarrà quindi di grande attualità.

Note:

  1. Rapporti e studi n. 88 "Approvvigionamento energetico come sfida alla sicurezza", pagina 219
  2. Vedi: Rudolf König e Hans-Georg Wieck: Torio amorfo - Base di un combustibile nucleare per centrali nucleari sicure del futuro ": http://www.hans-georg-wieck.com/data/Amorphes%20Thorium.pdf
  3. Hans-Georg Wieck: "Sviluppo di combustibili nucleari sicuri - una necessità del momento" sotto "Forum" in http://www.sbe-international.com/
  4. Vedi 3.
  5. Vedi: http://de.wikipedia.org/wiki/Hans-Georg_Wieck
  6. Der Spiegel del 27 marzo 3: http://www.spiegel.de/politik/deutschland/0,1518,348452,00.html
  7. http://de.wikipedia.org/wiki/GKND
  8. Citato da "Freitag" il 16 giugno 6, Otto Köhler
  9. "MUT" n. 471, 2006
  10. "Die Zeit" del 26 febbraio 2
  11. "Rivoluzione popolare" n. 285, 2004. Horst Blume: "Famoso, giovane sfacciato" ".
  12. Saskia Henze, Johann Knigge: "Sempre al tuo servizio", Unrast Verlag Münster, 1997, p.63
  13. Studi e commenti 10, 2010, Fondazione Hans Seidel, pagina 36
  14. Ulrich Schiller "La Germania e i suoi croati" Donat Verlag 2010, pagina 140
  15. Vedi 14.
  16. Vedi 14.
  17. Quadeer Kader Khan nella circolare THTR n. 95, 98, 99, 104, 111, 118
  18. Vedi 2.
  19. "Scienza o fantasia. L'energia atomica ha un futuro?"; Istituto austriaco di ecologia; Novembre 2007, pagina 14 http://www.ecology.at/files/pr577_2.pdf
  20. Vedi 2.
  21. Vedi 19.
  22. Vedi 19., pagina 15
  23. Forum nucleare Svizzera il 5 agosto 8
  24. Vedi 19., pagina 15
  25. "Torio come fonte di energia - Opportunità per la Norvegia": http://www.regjeringen.no/upload/OED/Rapporter/ThoriumReport2008.pdf
  26. TAZ dal 6 gennaio 1
  27. Vedi 26.
  28. In: http://sbe-international.com/
  29. Vedi 28.
  30. "Der Spiegel" del 19 ottobre 10: http://www.spiegel.de/spiegel/print/d-13525562.html
  31. "Asia meridionale" 1/2010, pagina 24, Walter Fernandes
  32. "Energy Market India 2010", pagina 31, GTZ (Società tedesca per la cooperazione tecnica)
  33. "Rinascimento dell'energia nucleare?" Pagina 94. "Prognos", per conto dell'Ufficio federale per la radioprotezione
  34. "India. Rapporto annuale sulla politica energetica". Ambasciata di Nuova Delhi, 2007, 10
  35. "atw" maggio 2007, pagina 348
  36. Vedi 34.
  37. "Notizie economiche dall'India", pagina 9, agosto 2010
  38. "Notizie economiche dall'India", gennaio 2009

Atomwirtschaft-Zeitung riporta effettivamente la fine del PBMR!

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

Quasi due anni dopo la prevedibile fine del PBMR in Sud Africa, la rivista "atw" (industria nucleare) riporta solo ora la fine ingloriosa del reattore fallimentare. Fino ad oggi le persone continuano a fantasticare sul brillante futuro del reattore ad alta temperatura in Sud Africa su innumerevoli siti web favorevoli all'energia nucleare. Si sono aiutati durante l'attuazione in fase di stallo con tutti i tipi di rapporti ventosi su "cooperazioni" e "colloqui" con paesi interessati come il Kuwait o l'Algeria. Ma ora anche il principale quotidiano tedesco dell'industria nucleare deve riconoscere docilmente i fatti.

I famigerati propagandisti nucleari non solo confermano il precedente budget di circa 1 miliardo di euro per lo sviluppo del PBMR, ma citano anche i costi che ci si aspetterebbe se il progetto dovesse essere perseguito:

"Sono previsti ulteriori investimenti per un importo di ben oltre 30 miliardi di ZAR (circa 3,3 miliardi di EUR)" (atw, numero 10, 2010, pagina 666). - È fantastico che il pubblico venga a conoscenza di questi costi aggiuntivi stimati esorbitanti almeno dopo!

E Barbara Hogan, ministro per le imprese statali, ha fornito ulteriori ragioni per interrompere lo sviluppo del PBMR:

"PBMR Ltd. non era riuscita ad attrarre investitori terzi a lungo termine in misura sufficiente ed entro il periodo concordato. NGNP) (era) non più dato dopo che il partner giapponese di PBMR Ltd, Mitsubishi Heavy Industries Ltd (MHI), si è ritirato dal programma all'inizio del 2010” (atw).

Anche parti della ricerca nucleare dell'università sono state interrotte: "Il laboratorio per lo sviluppo del carburante e l'impianto per i test dell'elio sarebbero stati chiusi. Anche l'impianto per i test di trasferimento di calore presso la Northwest University sarebbe stato chiuso a meno che l'università non volesse continuare a usarli", ha detto Hogan. . Hogan ha sottolineato che la tecnologia PBMR non è stata in alcun modo messa in discussione. (...) Ha anche sottolineato che il Sudafrica è stato riconosciuto come un pioniere del PBMR, un risultato notevole per un paese in via di sviluppo e di cui si può essere giustamente orgogliosi , ha aggiunto "(atw). Quindi in sintesi: non c'era niente tranne spese molto alte! Un povero "paese in via di sviluppo" può esserne molto orgoglioso!

Trasporto pianificato di Castor da Jülich ad Ahaus: incrociare non è più possibile!

Il trasporto di 152 botti Castor da THTR-Jülich ad Ahaus sarà probabilmente approvato nella seconda metà del 2011. Prossimamente avrà luogo una demo: 30 gennaio 2011, 14:XNUMX: demo da Rurtalbahnhof "Forschungszentrum" Jülich. Ulteriori informazioni sulla nuova homepage: www.westcastor.de

Cari lettori!

Se un articolo come "Smantellamento costoso di 12 reattori di ricerca!" appare nella circolare THTR n.133, la probabilità che il suo contenuto venga ripreso da diversi importanti giornali non è piccola. In questo caso da Tagesspiegel (Berlino), Junge Welt, Neues Deutschland, Fuge News e, naturalmente, la rivoluzione di base. Quando i rapporti sui casi di cancro vicino all'Asse sono emersi dai media alla fine di novembre 2010, la WDR ha reagito rapidamente e il 26 novembre, con me come interlocutore, ha dato un piccolo contributo su problemi simili al THTR. In precedenza, il 11 settembre 6, la radio WDR aveva riferito sul THTR nella serie in sei parti "Burst nightmares" su costose centrali nucleari che a malapena avevano fornito elettricità:

http://www.wdr5.de/sendungen/morgenecho/serienuebersicht/geplatzte-alp-traeume.html

***


inizio paginaFreccia su - Fino all'inizio della pagina

***

Chiama per le donazioni

- Il THTR-Rundbrief è pubblicato da 'BI Umwelt Hamm e. V.' emessi e finanziati da donazioni.

- Il THTR-Rundbrief è diventato nel frattempo un mezzo di informazione molto notato. Tuttavia, ci sono costi in corso dovuti all'ampliamento del sito web e alla stampa di fogli informativi aggiuntivi.

- Il THTR-Rundbrief ricerca e riporta in dettaglio. Per poterlo fare, dipendiamo dalle donazioni. Siamo felici di ogni donazione!

Donazioni conto:

BI protezione ambientale Hamm
Scopo: circolare THTR
IBAN: DE31 4105 0095 0000 0394 79
BIC: WELADED1HAM

***


inizio paginaFreccia su - Fino all'inizio della pagina

***

GTranslate

deafarbebgzh-CNhrdanlenettlfifreliwhihuidgaitjakolvltmsnofaplptruskslessvthtrukvi
laurenz-m.jpg