Il fallimento del reattore - THTR 300 Le newsletter THTR
Studi su THTR e molto altro. L'elenco dei guasti THTR
La ricerca HTR L'incidente THTR nello 'Spiegel'

Le newsletter THTR del 2007


        2021 2020
2019 2018 2017 2016 2015 2014
2013 2012 2011 2010 2009 2008
2007 2006 2005 2004 2003 2002

***

Newsletter THTR n. 111, marzo 2007


La nostra resistenza si fa più concreta

La manifestazione di 400 persone il 3 febbraio 2007 a Münster non era diretta solo contro i piani di espansione dell'impianto di stoccaggio temporaneo di elementi combustibili di Ahaus, l'impianto di arricchimento dell'uranio (UAA) a Gronau e i trasporti di uranio lì, ma includeva anche espressamente la protesta contro la rinascita della linea del reattore ad alta temperatura. Il 17 gennaio, Horst Blume, su invito della comunità educativa SALZ e del WASG / PDS Dortmund, ha tenuto una conferenza sul ruolo speciale che la Renania settentrionale-Vestfalia e l'area orientale della Ruhr svolgono nel ripristino mondiale del fallimento di HTR tecnologia. Il movimento di iniziativa dei cittadini contro le centrali nucleari è apartitico, ma se i partiti vogliono informazioni da noi o addirittura lavorano con noi, allora è una buona cosa.

Uhde a fuoco

A Dortmund, la società Uhde e la costruzione di condotte ad alta pressione Essener (EHR) sono coinvolte con la loro filiale di Dortmund nella costruzione del reattore modulare a letto di ghiaia (PBMR) in Sud Africa. Comprensibilmente, inizialmente c'era un certo bisogno di discussione a Dortmund. La consapevolezza che fare soldi costruendo una tecnologia della morte è semplicemente immorale deve passare attraverso diverse fasi nel cervello degli unionisti prima che il centesimo (si spera) cada.

Le voci critiche sull'impegno nucleare di Uhde stanno aumentando. Il 19 gennaio 1, nel suo discorso all'assemblea degli azionisti di ThyssenKrupp, tra cui Uhde, l'associazione ombrello degli azionisti critici ha fatto riferimento in dettaglio al progettato edificio THTR in Sud Africa di fronte a circa 2007 azionisti: "Niente meno del Nobel per la pace Il vincitore del premio e l'arcivescovo Desmond Tutu ha dichiarato: "Non abbiamo bisogno dell'energia nucleare. Il mondo non ha bisogno dell'energia nucleare. Portare la morte per radiazioni alle generazioni presenti e future è imperdonabile". avversari. Lei scrive: "ESKOM, la compagnia energetica sudafricana, non è un partner affidabile. All'inizio del 2.000, la regione del Capo è stata afflitta da gravi interruzioni di corrente ed è sfuggita solo per poco a un grave incidente al reattore della centrale nucleare di Koeberg vicino a Città del Capo. Una delle cause sarebbe stato un bullone che ha danneggiato una turbina. Al problema hanno contribuito anche gli inadeguati lavori di manutenzione nella centrale nucleare. A causa dei fallimenti, c'è sempre una controversia tra ESKOM e l'autorità atomica nazionale - NNR, che accusa ESKOM di negligenza nella gestione del sistema. (...)."

È anche interessante in questo contesto che nel discorso sia stato discusso l'accordo della società madre di Uhde, ThyssenKrupp, per la fornitura di elettronica militare per le fregate militari al Sudafrica, comprese le accuse di corruzione obbligatoria su cui sta indagando il pubblico ministero di Düsseldorf. Quindi questa società "pulita" ha parecchie carne al fuoco mortale.

È stato molto gratificante per noi, come iniziativa dei cittadini THTR, che diversi gruppi fossero disposti a utilizzare Uhde come punto di partenza per la parata di auto alla manifestazione a Münster e quindi per supportare il nostro lavoro nella pratica. Prima di Uhde e ai due raduni intermedi di Lünen e Lüdinghausen, i vari oratori hanno affrontato più volte il problema della tecnologia HTR ed è stata distribuita alle parti interessate una ristampa della circolare THTR su Uhde. Mentre eravamo davanti alla porta d'ingresso di fronte a Uhde, un portavoce di Uhde ha incaricato la WDR che stava effettuando le riprese di lasciare i locali dell'azienda e di svolgere il proprio lavoro a distanza sul marciapiede. Speriamo, ovviamente, che Uhde continuerà a essere molto ostile ai rappresentanti dei media ... Sfortunatamente, i Verdi di Dortmund non hanno preso parte alla protesta a Dortmund, sebbene l'ufficio, quasi tutti i funzionari eletti, i distretti e i gruppi di lavoro siano stati invitati in dozzine di email in tempo utile. Qui dovremo "bussare" un po' più energicamente in futuro. La risposta dei media nelle varie città, inclusi diversi servizi televisivi nell'ora locale di Dortmund e Münster, è stata molto incoraggiante. È anche gratificante che oltre 40 persone abbiano preso parte al raduno intermedio a Lünen e abbiano mostrato la loro volontà di prendere parte a ulteriori attività.

EHR ha un'influenza

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

Anche l'altro lato non è inattivo. L'EHR sta cercando di influenzare la politica in modo mirato e diretto per fare più affari con la costruzione di centrali nucleari. Ad esempio, Hempelmann, portavoce del gruppo parlamentare SPD sulla politica energetica, ha visitato l'EHR l'anno scorso per un discorso informativo di cui ha riportato la rivista dei dipendenti NEWS 2/2006. Egli "... è rimasto colpito dalla competenza tecnologica e dai sofisticati impianti di produzione dell'EHR. (...) La decisione politica in Germania di eliminare gradualmente la tecnologia delle centrali nucleari è dannosa per le aziende e incomprensibile dal punto di vista tecnologico. Quello pratico L'uso domestico e le opportunità di esportazione nel mercato mondiale dell'energia sono direttamente correlate e decisive per il futuro.(...) Il signor Hempelmann porta con sé le argomentazioni a Berlino, dove si spera possano contribuire a un cambiamento nella politica energetica in Germania. " - Grazie per le parole sincere su come vengono prese le decisioni di politica energetica qui nella RFT. E ora sappiamo che, quando si presenta l'occasione, abbiamo anche qualcosa da dire con enfasi al signor Hempelmann. Quindi abbiamo compiuto un ulteriore passo avanti nella nostra resistenza a Dortmund e nell'area orientale della Ruhr. Qui, dove finora in gran parte inosservata l'industria nucleare sta producendo ed elaborando le singole parti per la tecnologia della morte, dobbiamo iniziare, salire su di esse e mobilitare il pubblico. I cancelli della fabbrica non sono più un tranquillo entroterra per l'industria nucleare!

fiore di Horst

Trasporto di materiali radioattivi attraverso Hamm

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

Un motivo importante per la manifestazione del 3 febbraio sono stati i numerosi e pericolosi trasporti di uranio a Gronau. L'anno scorso, i membri dell'iniziativa dei nostri cittadini, dotati di stivali, torce elettriche e macchine fotografiche, erano spesso in giro di notte per ispezionare le misure di sicurezza ad Hamm vicino alla stazione ferroviaria. Ma non c'era niente del genere! Dal momento che l'ufficio del sindaco ha inghiottito una mezza dozzina di tentativi di contatto e di dialogo, ora stiamo dimostrando che possiamo fare cose diverse. Ora l'amministrazione è autorizzata a lavorare attraverso un catalogo dettagliato di tre pagine di domande che abbiamo sottoposto alla commissione reclami. Se ne è già parlato sul Westfälischer Anzeiger, sul quotidiano della domenica e su Radio Lippewelle. Abbiamo il diritto di parlare alla prossima riunione del comitato e, naturalmente, commenteremo la risposta dell'amministrazione e, se necessario, faremo ulteriori domande. Qui stampiamo solo la "Prefazione", l'intero questionario può essere trovato sul nostro sito Web:

"I treni con l'esafluoruro di uranio altamente pericoloso (UF-2001) sulla strada per l'impianto di arricchimento dell'uranio di Gronau (UAA) attraversano la città di Hamm almeno dal 6. Valle della Mosella) e passano attraverso Treviri, Coblenza attraverso la Renania e la zona della Ruhr per fare una pausa ad Hamm di notte.

I membri dell'Hamm e. V. ha riscontrato che ogni 2 o 3 settimane un tale treno trascorre diverse ore nei locali della stazione e può essere trasferito. Alcuni vagoni sono ricoperti di telone, altri no. Ci sono solo piccoli segnali di avvertimento con segni di radioattività sul telaio. Oltre ai vagoni con contenuto radioattivo, sono stati osservati altri che potrebbero essere stati caricati con sostanze chimiche. Con grande preoccupazione abbiamo notato più volte che anche di notte non c'era nessuna guardia o presenza di polizia nelle vicinanze del treno dell'uranio. Nelle immediate vicinanze di questo carico nucleare, tuttavia, i treni passeggeri con numerose persone hanno superato i binari.


Secondo le informazioni della Westfälische Rundschau del 13 dicembre 12, 2006 vagoni all'anno raggiungono l'impianto di arricchimento dell'uranio di Gronau (un terzo dei quali è di proprietà dei fornitori di energia RWE Energie e E.ON Kernkraft tramite la società Uranit). Tuttavia, questo vale solo per l'attuale importo di 260 t di lavori di separazione dell'uranio. Dopo l'approvazione concessa nel 1800 per l'ampliamento dell'impianto nucleare a 2005 t di opere di separazione dell'uranio, anche la quantità di esafluoruro di uranio da trasportare si moltiplicherà molto presto e il potenziale di rischio aumenterà ancora notevolmente.


Quando l'UF-6 fuoriesce dai serbatoi sui vagoni, reagisce con l'umidità nell'aria per formare l'acido fluoridrico altamente tossico. Questo acido fluoridrico è più aggressivo dello zolfo, dell'acido nitrico o cloridrico ed è fatale anche in piccole quantità. Può essere assorbito attraverso le vie aeree e la pelle. A causa del suo stato gassoso, questa sostanza si diffonde rapidamente nell'ambiente".

THTR Hamm: Cambio della guardia

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

Deve essere economico, economico, economico per RWE per aumentare i suoi profitti. Si tratta della custodia del reattore fallimentare THTR. Finora le 18 guardie di sicurezza erano impiegate dalla società Wach- und Kontrolldienst Nord (Wako), che secondo il "Westfälischer Anzeiger" del 21 dicembre 12 è "rispettabile ed equa nei rapporti con i dipendenti". Ovviamente, questa azienda è diventata troppo costosa per RWE e dall'inizio del 2006 il "gigante industriale Dussmann si occuperà di questo servizio". Il manager distrettuale di Ver.di Ralf Bohlen ha dichiarato all'AdV: "La situazione è attualmente molto difficile. Sono preoccupato per i miei colleghi e per il monitoraggio dei sistemi". Le nuove guardie THTR, alcune delle quali saranno le vecchie, probabilmente non otterranno più il loro attuale "stipendio massimo" inusuale del settore di 2007 euro l'ora, ma dovranno accontentarsi di meno. E tutti sanno che tipo di conseguenze questo avrà: meno salari significa meno qualità, significa una minore protezione delle rovine nucleari. RWE stanno cercando di risparmiare sulla sicurezza da soli. Con oltre 12 milioni di euro, lo smantellamento del THTR è abbastanza costoso. E in soli due anni, il costo per rilevare l'operazione dismessa sarà rinegoziato. Naturalmente, il contribuente è autorizzato a pagare la maggior parte di esso. Per contenere i costi, resta solo una cosa da fare: risparmiare, risparmiare, risparmiare. E la sicurezza tra 5 o 20 anni, se continua così?

Cancello URENCO in NRW!

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

URENCO, con le sue sedi a Gronau, Almelo e Capenhurst, è ora diventata nota al pubblico non solo perché produce il combustibile nucleare per molte dozzine di centrali nucleari in Europa, sposta le scorie nucleari in Russia o perché è la destinazione di innumerevoli ferrovie trasporti con l'esafluoruro di uranio (U -6) altamente pericoloso. URENCO ha rappresentato una seria minaccia alla pace mondiale negli ultimi decenni ed è in parte responsabile del fatto che oggi siamo alle soglie dell'uso delle bombe atomiche da parte di terroristi e stati dittatoriali. Mentre URENCO sta affrontando questa responsabilità su un ampio livello nei Paesi Bassi, la percezione pubblica di questo fatto sta iniziando solo ora nella Repubblica federale di Germania. La nuova attenzione è dovuta principalmente al giornalista Egmont R. Koch, che con il suo libro "Atomwaffen für Al Quaida" e vari programmi televisivi ha richiamato l'attenzione sull'aiuto di aziende europee senza scrupoli nella costruzione segreta della bomba atomica. Il focus è sugli impianti di arricchimento dell'uranio di URENCO e dello scienziato pakistano Abdul Quadeer Khan, che ha potuto acquisire conoscenze sulla costruzione di bombe atomiche qui dai primi anni '70 senza grossi problemi, rubando i piani di costruzione e mettendo in discussione quelli per la produzione di le innumerevoli singole parti che individuano le aziende in arrivo. Moltissimi provenivano dalla Germania e dalla Svizzera. Dopo che Khan aveva fornito al suo paese d'origine il Pakistan il suo impianto di arricchimento dell'uranio, ha fornito alla Libia, all'Iran e alla Corea del Nord il suo "supermercato nucleare" per guadagnare denaro.

Quindi la minaccia globale è iniziata con URENCO. Koch scrive: "Lì, nell'autunno del 1974, iniziarono i lavori sui due moderni tipi di centrifuga, il G1 e il G2, che furono inventati dagli scienziati nazisti per l'ultima arma nucleare di Hitler e che i sovietici svilupparono dopo la guerra con l'aiuto di lo stesso anno degli scienziati nazisti, meno di sei mesi dopo il suo impegno come agente pakistano, ad Abdul Quadeer Khan fu chiesto di tradurre in olandese i documenti in lingua tedesca del G1 e del G2. (...) Durante questo periodo, Khan tradusse due parti di un rapporto tedesco in dodici parti, che è stato classificato come "segreto" è stato scoperto dalla commissione. Ciò che ha pesato molto di più: l'amichevole e popolare pakistano è stato visto dai colleghi URENCO come "uno di loro", è andato con loro alla mensa accanto per una pausa caffè, ha posto molte domande specifiche per poter spiare 'tutta la tecnologia della centrifuga tedesca', come indagò poi sarà chiamato il rapporto». (pag. 64) - E quello nella "scatola del cervello", in cui ogni tecnico aveva passato un mese di controllo di sicurezza - almeno normalmente.

Dopo soli due anni di intensa collaborazione con numerose società di produzione, Khan riuscì ad avviare il trasferimento del materiale esplosivo: "A fine aprile 1977, la prima parte della carovana partì per l'arduo viaggio verso il Pakistan. Migule (dalla Società CES Kalthof, partner contrattuale di Khan; HB) ha acquistato la tecnologia del sistema da 62 subfornitori in Europa, dalla vite più piccola ai tubi di Mannesmann e cavi di Siemens.Tutto è stato debitamente autorizzato e persino registrato presso le autorità in conformità con il linee guida per le statistiche del commercio estero, tuttavia erroneamente dichiarato - come fabbrica di fluoro per la produzione di dentifricio. " (P. 150) Per vedere chi nel Nord Reno-Westfalia, oltre a URENCO Gronau, era ancora coinvolto nella costruzione di una bomba atomica per scopi terroristici e dittature, ho scelto alcune località della NRW dal libro di Koch come esempio esemplare. I numeri di pagina sono tra parentesi:

Düsseldorf

L'esportazione di "acqua pesante" doveva essere segnalata all'autorità di vigilanza nucleare (AIEA) di Vienna se era superiore a una tonnellata. L'ambita sostanza veniva spesso scambiata oltre i controlli appena al di sotto di questo limite. "Una di queste società dubbie era la 'Rohstoff-Import GmbH' di Düsseldorf dell'ex nazista Alfred Hempel, e Munir Khan si rivolse a lui nella sua angoscia" (p. 61). E ha chiesto alla Società per la ricerca nucleare di Karlsruhe se potevano fare a meno di qualcosa. Il ministero federale della ricerca e della tecnologia (BMFT), l'Euratom e l'americana Atomc Energy avevano già approvato l'accordo. All'ultimo momento, però, non se ne fece più nulla a causa di eventi di politica estera. Da quando l'India ha fatto esplodere la sua prima arma nucleare il 18 maggio 5, questa rotta di consegna al Pakistan è stata chiusa. Altri tentativi, tuttavia, ebbero più successo.

Köln

La società Leybold-Heraeus AG di Colonia e Hanau è stata presa di mira da pubblici ministeri e analisti della CIA che osservano da decenni le attività di proliferazione globale a causa di una vasta gamma di controverse consegne di componenti nucleari. "... La Leybold-Heraeus AG ha fornito a Pyongyang una fornace speciale adatta alla produzione di centrifughe all'uranio. Leybold-Heraeus era forse il punto di contatto più importante per Abdul Quadeer Khan nella Repubblica federale di Germania all'epoca. E un un rapporto successivo diceva: il tecnico von Leybold-Heraeus è stato coinvolto nel trasferimento di attrezzature e informazioni a Pyongyang e uno o anche due dipendenti di LH potrebbero essere identificati nel 1989 e nel 1990 "(p. 238). Questa azienda, che era uno dei fornitori più importanti di URENCO, si sta attualmente affermando in un processo in corso. Il suo manager Gotthard Lerch (4), che aveva anche ottimi collegamenti con le società nucleari sudafricane, è stato estradato dalla Svizzera ai tribunali tedeschi e deve rispondere di contrabbando nucleare illegale in Libia. Il processo è ancora in corso. Nel caso di Khan, la consegna includeva "forni di saldatura, saldatrici, pompe, valvole e un sistema di pulizia del gas" (p. 83). Abbiamo già scritto di più su questo complesso di argomenti nelle circolari THTR n.95, 99 e 104.

Jülich

La società Jülich Uranit, collegata al Gruppo URENCO tramite una holding, è ora una filiale di RWE Power AG e E.ON Kernkraft GmbH. Nel 1984 si svolse nei Paesi Bassi un processo per spionaggio in cui Khan fu condannato a quattro anni di reclusione in contumacia per aver rubato piani di costruzione top secret elaborati dall'uranite. Lo sfondo: "Quando gli esperti Uranit hanno ricevuto i disegni per l'analisi settimane dopo, la maggior parte delle cose sembrava loro familiare: la 'struttura di base' della fabbrica di uranio descritta nei documenti corrisponde a quella dei moderni impianti URENCO di Almelo e Gronau '" (pag. 160). «Ma la sentenza, quattro anni di reclusione, doveva essere nuovamente riscossa un anno e mezzo dopo dall'autorità di appello - per motivi formali, perché all'imputato non era stata notificata in tempo la denuncia» (p. 134). E sul comportamento di Uranit Koch ha scritto: "Probabilmente era nell'interesse del partner tedesco URENCO lasciare che la faccenda si addormentasse. Un 'foglio interpretativo per un'autoclave mista' rubato era sproporzionato rispetto al possibile danno all'immagine causato segnalando che stabilirebbe un collegamento con il programma nucleare pakistano” (p. 136).

Coesfeld

Una piccola azienda di Coesfeld, non nominata da Koch, "che era uno dei fornitori della fabbrica di uranio URENCO" (p. 130), ha contribuito alla scoperta del caso di spionaggio sopra descritto. I disegni costruttivi presentati da una società svizzera (Metallwerke Buchs, MWB) a Coesfeld per un'offerta corrispondevano quasi esattamente a quelli "che erano stati consegnati dai Coesfelder a Gronau" (p. 130).

Dortmund

Khan ha procurato i componenti per l'armamento nucleare della Libia da Dortmund, tra gli altri. Vale a dire da Tridelta Dortmund GmbH, nata dalla società Thyssen Magnettechnik (Dortmund-Aplerbeck). Quindi faceva parte di una rete di aziende che include anche Uhde, che attualmente sta producendo la fabbrica di elementi di combustibile nucleare per HTR in Sud Africa.
Tridelta ha prodotto gli ambiti magneti ad anello, che insieme a motori e inverter ("necessari per portare i rotori alle loro velocità di rotazione estremamente elevate", p. 244), che sono stati infine assemblati a Istanbul (!) "E poi spediti a Dubai , lì riconfezionato e spedito in Libia» (p. 244). Solo attraverso l'abbandono delle ambizioni nucleari libiche negli ultimi anni e la conseguente divulgazione delle attività passate è venuto alla luce questo coinvolgimento delle società della Westfalia nella costruzione di bombe nucleari.

Bonn

"Il capo militare pakistano Zia ul-Haq aveva inviato suo cugino Abdul Waheed come nuovo ambasciatore a Bonn con rara audacia, affinché si occupasse dell'organizzazione delle forniture per la P2, il secondo impianto di arricchimento pakistano a Kahuta" (p. 153). È qui che si sono svolti gli incontri con le menti chiave della rete nucleare di Khan, alcuni dei quali sono stati filmati di nascosto dai servizi segreti statunitensi. Alcune delle transazioni finanziarie necessarie per questo sono state elaborate tramite Commerzbank a Bonn.

Sarebbe del tutto irrealistico presumere che Al Qaeda o stati come il Pakistan sarebbero stati in grado di costruire autonomamente un'arma nucleare e usarla con successo. Egmont R. Koch ha mostrato nel suo libro che le aziende tedesche, in particolare quelle del Nord Reno-Westfalia, sono state coinvolte in modo significativo nello sviluppo e nella costruzione di queste armi disumane. E che la verità sull'uso pacifico dell'energia atomica è un'oltraggiosa bugia. E soprattutto: senza gli impianti di arricchimento dell'uranio tedesco-olandese di URENCO, questo disastroso sviluppo non avrebbe potuto fare il suo corso. - Qualcosa di simile può accadere di nuovo in qualsiasi momento in futuro. Questo è uno dei motivi per cui l'UAA Gronau deve essere chiuso!

fiore di Horst

Egmont R. Koch "Atomwaffen für Al Qaida", 2005, Aufbau-Verlag, 348 pagine, 19,90 euro

***


inizio paginaFreccia su - Fino all'inizio della pagina

***

Chiama per le donazioni

- Il THTR-Rundbrief è pubblicato da 'BI Umwelt Hamm e. V.' emessi e finanziati da donazioni.

- Il THTR-Rundbrief è diventato nel frattempo un mezzo di informazione molto notato. Tuttavia, ci sono costi in corso dovuti all'ampliamento del sito web e alla stampa di fogli informativi aggiuntivi.

- Il THTR-Rundbrief ricerca e riporta in dettaglio. Per poterlo fare, dipendiamo dalle donazioni. Siamo felici di ogni donazione!

Donazioni conto:

BI protezione ambientale Hamm
Scopo: circolare THTR
IBAN: DE31 4105 0095 0000 0394 79
BIC: WELADED1HAM

***


inizio paginaFreccia su - Fino all'inizio della pagina

***

GTranslate

deafarbebgzh-CNhrdanlenettlfifreliwhihuidgaitjakolvltmsnofaplptruskslessvthtrukvi
thtr1a.jpg