Bollettino XIV 2024

dal 31 marzo al 6 aprile

***


  2024 2023 2022 2021
2020 2019 2018 2017 2016
2015 2014 2013 2012 2011

Notizie + conoscenze di base

Il file PDF"Incidenti di energia nucleare" contiene una serie di altri incidenti avvenuti in vari settori dell'industria nucleare. Alcuni degli incidenti non sono mai stati pubblicati attraverso canali ufficiali, quindi queste informazioni hanno potuto essere rese disponibili al pubblico solo in modo indiretto. L'elenco degli incidenti nel file PDF non è quindi identico al 100% a "L'INES e i disordini negli impianti nucleari", ma rappresenta un'aggiunta.

3. Aprile 1960 (INES 4) Akw Reattore WTR-2, Waltz Mill, USA

6. Aprile 1993 (INES 4 | NAM 4,8) fabbrica nucleare Tomsk 7, Russia

7. Aprile 1989 (Broken ArrowSottomarino K-278 Komsomolets affondò a sud dell'Isola degli Orsi, URSS

8. Aprile 1968 (Broken ArrowSottomarino K-129 affondò 2900 km a nord-ovest Hawaii, URSS

10. Aprile 2003 (INES 3 | NAM 3,9) Akw Paks, UNNO

Dal 10 aprile al 15 maggio 1967 (INES ? Classe.?fabbrica nucleare Mayak, URSS

10. Aprile 1963 USS Trebbiatrice Sottomarino SSN-593 affondò 350 km al largo di Cape Cod, Stati Uniti

12. Aprile 1970 (Broken ArrowSottomarino K-8 affondato Golfo di Biscaglia, URSS

19. Aprile 2005 (INES 3) fabbrica nucleare Windscale/Sellafield, GBR

21. Aprile 1957 (INES 4) fabbrica nucleare Mayak, URSS

26. Aprile 1986 (INES 7 | NAM 8) Akw Chernobyl, URSS

28. Aprile 2011 (INES ? Classe.?) Akw Asco, ESP

 

Siamo sempre alla ricerca di informazioni attuali. Se qualcuno può aiutarmi mandi un messaggio a:
nucleare-welt@ Reaktorpleite.de

 


6. Aprile


 

Messico | Südamerika | Ecuador

Critiche internazionali dopo l'assalto all'ambasciata del Messico a Quito

Diversi paesi sudamericani accusano il governo ecuadoriano di violare il diritto internazionale. In precedenza aveva preso d'assalto l'ambasciata messicana.

L'Organizzazione degli Stati Americani (OSA) ha criticato l'arresto dell'ex vicepresidente dell'Ecuador Jorge Glas presso l'ambasciata messicana a Quito. Anche diversi governi nazionali del Sud America hanno condannato l’azione.

"Il Segretariato Generale respinge qualsiasi azione che violi l'inviolabilità delle missioni diplomatiche", ha affermato l'OAS. "Esprimiamo la nostra solidarietà alle vittime dell'operazione inappropriata presso l'ambasciata messicana in Ecuador." L'arresto in un'ambasciata viola la Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche, secondo la quale i locali di una missione diplomatica sono inviolabili.

Il giorno prima, le forze di sicurezza ecuadoriane erano entrate nell'ambasciata messicana a Quito e lì avevano arrestato Glas. L'Ecuador aveva precedentemente chiesto al Messico il permesso di entrare nella rappresentanza, ma questo gli era stato rifiutato...

*

verdeuniversitàTübingenPalmer

Boris Palmer sulle elezioni locali a Tubinga

“Stolgo i problemi dall’AfD”

Meno AfD che a Tubinga è difficilmente possibile: il partito non mette nemmeno insieme una lista di candidati per le elezioni locali di giugno. Il sindaco Boris Palmer ha detto allo SPIEGEL che questa debolezza è stata il suo successo.

Mentre il partito di estrema destra nel Baden-Württemberg ha recentemente raggiunto il 16% nei sondaggi, la città universitaria di Tubinga rimane un’isola libera dall’AfD. Come ormai è stato rivelato, per le elezioni amministrative del 9 giugno non è stata stilata nemmeno la lista dei candidati. Anche il sindaco di Tubinga Boris Palmer vede in questo un successo della sua politica populista e piuttosto controversa. “Il mio approccio è quello di ridurre l’AfD”, ha detto ora allo SPIEGEL l’ex verde.

È stato più volte accusato di aver aperto la strada alla destra e di aver dato loro voce, dice Palmer. Ma ovviamente non è vero. Si concentra specificamente su questioni come la migrazione o la sicurezza e priva così l’AfD dello “spazio di risonanza”. Una tesi che molti nel consiglio comunale di Tubinga con i suoi 40 membri smentirebbero.

La roccaforte ecologica sceglie tradizionalmente il verde

Uno dei motivi principali della debolezza del blues a Tubinga può essere trovato altrove: la città con circa 90.000 abitanti è da tempo una roccaforte ecologica verde. “L’ambiente accademico universitario è un brutto posto per l’AfD”, afferma Palmer. Un buon reddito, un alto livello di istruzione e la corrispondente struttura sociale si riflettono nei risultati elettorali...

*

Messico | Ecuador | Inviolabilità dell'edificio della missione

Crisi diplomatica: la polizia dell’Ecuador prende d’assalto l’ambasciata messicana e arresta i politici

Ex vicepresidente allontanato con la forza dall'ambasciata. Il Messico interrompe i rapporti. Cosa segue lo scandalo?

Dopo l'assalto alla sua ambasciata a Quito, il governo messicano ha interrotto le relazioni diplomatiche con l'Ecuador. Venerdì sera, la polizia ecuadoriana è entrata con la forza nella rappresentanza del paese per arrestare l'ex vicepresidente ecuadoriano Jorge Glas.

Glas aveva chiesto asilo politico all'ambasciata, secondo il governo messicano. Anche i diplomatici messicani sono stati aggrediti e feriti nell'attacco all'edificio dell'ambasciata, protetto dal diritto internazionale.

Il Messico concede asilo, l’Ecuador risponde

Jorge Glas, condannato due volte per corruzione, aveva affermato di essere vittima di un'indagine politicamente motivata da parte del procuratore generale dell'Ecuador. Venerdì pomeriggio, il governo messicano del presidente Andrés Manuel López Obrador gli ha concesso asilo politico.

López Obrador, rappresentante della sinistra latinoamericana, era un alleato dell’ex presidente ecuadoriano Rafael Correa, che ha lasciato l’incarico nel 2017. Correa ha commentato in termini chiari la decisione del governo di destra del suo Paese:

Ciò che ha fatto il governo di Noboa non ha precedenti nella storia dell’America Latina. Nemmeno nelle peggiori dittature veniva profanata l'ambasciata di un paese. Non viviamo in uno stato costituzionale, ma in uno stato di barbarie, con un uomo improvvisato che scambia la patria per una delle sue piantagioni di banane. Riteniamo Daniel Noboa responsabile della sicurezza e dell'integrità fisica e psicologica dell'ex vicepresidente Jorge Glas. Chiediamo scusa al Messico, al suo popolo e al suo governo e offriamo loro la nostra eterna ammirazione. Hasta la Victoria sempre!
Rafael Correa

Le relazioni tra Messico ed Ecuador erano già tese prima dell'attacco all'ambasciata. López Obrador ha accusato il presidente ecuadoriano di destra Daniel Noboa di aver vinto le elezioni di ottobre creando "un clima di paura"...

*

Russia | Economia di guerra

Putin sta rovinando il suo Paese

La situazione economica in Russia è pessima e sta peggiorando. Anche una vittoria in Ucraina non farebbe nulla per l’economia russa.

La Russia è il paese più grande del mondo, ma non ha quasi abitanti, relativamente parlando. Su una superficie di 144 milioni di chilometri quadrati sono distribuite circa 17 milioni di persone. Sono 8,5 russi per chilometro quadrato. Solo per fare un confronto: in Germania, 236,6 abitanti devono condividere un chilometro quadrato.

Penseresti che ci sarebbe abbastanza spazio per i polli nella Russia deserta. Invece, quest’inverno è scoppiata una “crisi delle uova” che è diventata un affare di stato perché un pensionato arrabbiato si è lamentato in televisione con il presidente Putin. Le uova erano diventate più costose del 61% o erano completamente scomparse dagli scaffali dei supermercati.

[…] Nel 2021, prima della guerra contro l’Ucraina, i russi dovevano pagare in media 73 rubli per un dollaro. Attualmente si tratta di circa 92 rubli, il che corrisponde ad una perdita di valore del 26%.

Ancora più difficile: i lavoratori stanno diventando scarsi. Le aziende private, compresi gli allevamenti di polli, stanno perdendo i propri dipendenti a favore dello Stato. Sebbene Putin si sia finora astenuto dalla mobilitazione generale, si ritiene che siano stati arruolati circa 330.000 uomini aggiuntivi per rafforzare l’esercito regolare. Molti non torneranno. Alla fine di marzo, 436.750 soldati russi erano stati uccisi o feriti nella guerra, ha riferito l’Ucraina. Gli Stati Uniti ipotizzano circa 300.000 vittime russe.

[...] Le prospettive della Russia sono fosche perché Putin non ha una strategia di uscita economica. Per l'economia non importa se vince o perde. Anche se la Russia dovesse vincere la guerra in Ucraina, cosa che speriamo non accada, Putin avrebbe bisogno di molti soldati per occupare permanentemente il paese vicino. Allo stesso tempo, la Russia dovrebbe continuare ad armarsi perché anche la NATO sta investendo nella sua difesa. L’economia di guerra russa non finirà mai, ma il Paese è troppo povero per questo.

*

spedizioni di armi | uccisione

Guerra Israele-Gaza

Nancy Pelosi chiede di fermare la vendita di armi americane a Israele

È una delle democratiche statunitensi più influenti: Nancy Pelosi, insieme a dozzine di altri parlamentari, lancia un appello al governo americano affinché smetta di inviare armi a Israele e indaghi sulla morte degli operatori umanitari internazionali.

La deputata statunitense Nancy Pelosi, ex presidente della Camera dei rappresentanti e importante alleata del presidente americano Joe Biden, chiede lo stop alle vendite di armi statunitensi a Israele. Venerdì si è unita ad altri 36 democratici del Congresso nel firmare una lettera a Joe Biden e al segretario di Stato Antony Blinken in cui si afferma: "Dato il recente sciopero contro gli operatori umanitari e la crisi umanitaria in continuo peggioramento, riteniamo che sia ingiustificato" Approvare i trasferimenti di armi. Tra i firmatari ci sono le parlamentari Barbara Lee, Rashida Tlaib e Alexandria Ocasio-Cortez.

[…] Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, è di parere simile. "Il governo israeliano ha ammesso gli errori", ha detto Guterres venerdì. "Ma il problema essenziale non è chi ha commesso gli errori, ma piuttosto la strategia militare e le procedure che consentono di ripetere questi errori ancora e ancora."

Ora sono necessarie indagini indipendenti e cambiamenti significativi e misurabili sul campo, ha affermato Guterres. "196 operatori umanitari sono stati uccisi e vogliamo sapere perché ognuno di loro è stato ucciso."

*

INES Categoria 4 "Infortuni"6. Aprile 1993 (INES 4 | NAM 4,8) fabbrica nucleare Tomsk 7, Russia

 Nel 1993 si verificò un incidente radioattivo a Seversk quando un carro armato esplose e grandi quantità di particelle radioattive (3500 Tbq) contaminarono l'area circostante.
(Costa circa 51 milioni di dollari USA)

Incidenti di energia nucleare
 

La piaga delle centrali nucleari

Seversk, Tomsk-7, ex Unione Sovietica 1993

Il 6 aprile 1993 si verificò una sovrappressione in un serbatoio contenente una soluzione di 8.773 kg di uranio e 310 g di plutonio, che poi esplose. "Le particelle radioattive gettate nell'atmosfera hanno contaminato un'area di oltre 120 chilometri quadrati. Numerosi villaggi hanno dovuto essere evacuati e sono permanentemente inabitabili. Le persone nella regione ne soffrono ancora oggi le conseguenze. Molti mostrano gli stessi sintomi delle vittime di Chernobyl e Mayak: cancro, malattie del sangue, danni genetici."

“Smaltimento” delle scorie nucleari e rapporti di indagine

33 milioni di metri cubi di rifiuti radioattivi liquidi sono stati semplicemente pressati nel terreno, negli strati acquiferi. Vicino al fiume Tom, la radioattività è fino a 30 volte superiore alla normale radiazione di fondo. "Inoltre, nel suolo sono state trovate elevate concentrazioni di cobalto-58, cromo-51, zinco-65 e "molto plutonio". La concentrazione di cesio-137 nelle acque sotterranee è alta quanto quella di Chernobyl irradiata." Come a Chernobyl, le autorità locali e la popolazione sono state informate solo tardivamente. Non furono prese misure protettive contro le radiazioni; le persone furono semplicemente rimandate a casa.

Tre giorni dopo il grave incidente nucleare, l'allora presidente Boris Eltsin ordinò un'ispezione di sicurezza dell'impianto, che ebbe luogo solo nell'ottobre 1993 e i cui risultati furono anch'essi "smaltiti". "Il primo novembre, il vice capo della supervisione nucleare, Yuri Zubkov, ha firmato il rapporto, di cui esistono solo cinque copie. Sono scomparsi nei cassetti della mafia nucleare statale...
 

wikipedia di

Impianto di ingegneria nucleare di Tomsk

Il 6 aprile 1993 un'esplosione nell'impianto di ritrattamento, utilizzato principalmente per la produzione di plutonio ad uso militare, ha liberato grandi quantità di sostanze radioattive, per lo più a vita breve (secondo l'AIEA il rutenio, relativamente altamente radiotossico, nonché il niobio e zirconio, ma anche quantità minori di altri tipi di nuclidi come il plutonio). L'incidente è avvenuto durante la pulizia di un recipiente di reazione con acido nitrico. Di conseguenza, 120 chilometri quadrati nella regione di Seversk sono stati contaminati. L'incidente è stato classificato di livello 4 sulla scala internazionale degli eventi nucleari ed è stato descritto dalla rivista TIME come "uno dei peggiori disastri nucleari del mondo".

 


5. Aprile


 

CORRETTIVO

Il parlamentare ceco conferma: attraverso la Polonia sarebbe transitato fino a un milione di euro di denaro russo

“I soldi destinati agli agenti politici dell’UE – compreso l’AfD – sono arrivati ​​nella Repubblica Ceca attraverso la Polonia. Si trattava sicuramente di molte centinaia di migliaia di euro, fino a un milione”. - dice a CORRECTIV il presidente della commissione parlamentare per la sicurezza Pavel Žáček.

Si dice che il denaro dalla Russia ai politici di destra in Europa sia passato attraverso la Polonia. Pavel Žáček del partito liberal-conservatore (ODS) e presidente della commissione parlamentare per la sicurezza della Repubblica ceca ha dichiarato a CORRECTIV: “I soldi destinati agli agenti politici dell'UE – compreso l'AfD – sono arrivati ​​nella Repubblica ceca attraverso la Polonia. Si trattava sicuramente di molte centinaia di migliaia di euro, fino a un milione”.

La settimana scorsa il governo ceco ha aggiunto il portale d’informazione filo-russo Voice of Europe all’elenco delle sanzioni. In questo contesto lo Spiegel e il quotidiano ceco Denik K hanno riferito, citando ambienti dell'intelligence, che denaro dalla Russia sarebbe affluito attraverso Voice of Europe a politici di destra in Europa, tra cui anche politici dell'AfD.

Le registrazioni su nastro incriminerebbero il membro del Bundestag dell'AfD Petr Bystron. Bystron è al secondo posto nella lista dei candidati dell’AfD alle elezioni europee dietro Maximilian Krah. Entrambi i politici filo-russi hanno rilasciato interviste a Voice of Europe in passato e hanno incontrato l'oligarca ucraino e sostenitore di Putin Viktor Medvedchuk, che si dice sia dietro Voice of Europe, come ha riferito Denik N...

*

Israele | Netanyahu

L'esercito israeliano a Gaza:

La guerra eccessiva

Il primo ministro israeliano Netanyahu è testardo nella guerra di Gaza. Nonostante tutta la solidarietà, la Germania non è obbligata a rinunciare ai propri valori.

Il governo israeliano ha in gran parte sperperato il sostegno di cui godeva in Europa e Nord America. Anche in Germania non è rimasto quasi nessuno che voglia schierarsi dalla parte del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e dire: lasciamo che i bombardamenti continuino, Gaza non se lo merita altrimenti.

Netanyahu evidentemente non ritiene di dover nulla a coloro che hanno sempre difeso gli interessi del suo Paese. Piuttosto, confida che la sua impertinenza e testardaggine nei confronti degli alleati gli porterà effettivamente dei benefici a livello nazionale e continuerà a essere vista come un punto di forza in patria: mostra loro, Bibi, schiaffeggia loro in faccia le loro buone intenzioni a voce bassa! Lasciamo che la Germania, lasciamo che gli Stati Uniti cantino le loro canzoni diplomatiche, qui dobbiamo comunque combattere per noi stessi.

Per la Repubblica Federale il diritto di esistere di Israele non è in discussione. Così deve rimanere, i motivi sono tutti noti. Fino ad ora ciò significava che non era in discussione il sostegno della Repubblica Federale alla sicurezza di Israele, compreso qualsiasi tipo di fornitura di armi. Non deve rimanere così. Netanyahu non sta andando da nessuna parte nella guerra di Gaza. Non dovrebbe essere lasciato nulla di Gaza, nulla vale la vita delle persone che vivono lì, e lui non mostra alcuna volontà di scendere a compromessi per un futuro condiviso con i palestinesi. Questa politica di sicurezza non vale la pena di essere sostenuta – non più...

*

Demokratie | Evento AfD | Contro-demo

Evento AfD a Schortens: il partito vuole vietare le contromanifestazioni

La città di Schortens ha invitato i cittadini ad una festa della democrazia sul piazzale del centro comunitario, parallelamente ad una serata informativa organizzata dall'associazione distrettuale AfD. Il partito ora vuole vietare tali contro-eventi.

L'associazione distrettuale dell'AfD Friesland ha presentato una richiesta urgente al tribunale amministrativo di Oldenburg "per vietare alla città di Schortens, al distretto della Frisia e a tutti i comuni appartenenti al distretto di organizzare un simile controevento contro l'evento dell'AfD", come ha annunciato l'AfD. su Facebook. Secondo l'associazione di quartiere AfD, la città di Schortens viola il suo obbligo legale di neutralità, sfruttando l'evento per posizionarsi politicamente nella campagna elettorale europea.

Sindaco di Schortens: Il festival non è un controevento

La festa avrà luogo l'11 maggio nella città di Schortens, nel distretto della Frisia, mentre l'AfD ospiterà un evento elettorale nel centro comunale. Il sindaco di Schortens, Gerhard Böhling (indipendente), ha dichiarato alla NDR Bassa Sassonia che il festival non era un controevento ufficiale. Insieme agli altri comuni della Frisia e del distretto, promuoveremo la diversità e la democrazia con musica, cibo e bevande. Böhling è calmo riguardo alla causa: non crede che l'AfD avrà successo, ha detto a NDR Bassa Sassonia...

*

Antisemitismus | Organizzazioni giovanili | Congresso della Palestina

“Contro l’esaltazione del terrore e dell’antisemitismo”:

I giovani membri del partito protestano contro il Congresso sulla Palestina a Berlino

Gli odiatori di Israele stanno pianificando un congresso sulla Palestina tra una settimana. Le organizzazioni giovanili di SPD, Unione, FDP e Verdi chiedono ora una protesta comune.

Continuano le proteste contro il “Congresso della Palestina” previsto a Berlino dal 12 al 14 aprile. Le organizzazioni giovanili di SPD, Unione, FDP e Verdi, nonché il Forum dei giovani della Società tedesco-israeliana e l'Unione degli studenti ebrei (JSUD) chiedono la resistenza contro il congresso degli odiatori di Israele.

In una dichiarazione congiunta, chiedono ai politici federali, alla città di Berlino e all’ampia società civile di “parlare contro l’antisemitismo e l’esaltazione del terrore che minacciano di provenire dal ‘Congresso’”. Nello spirito del “Mai più è adesso”, ciò significa che chiunque sostenga la coesistenza pacifica in Medio Oriente deve opporsi al congresso, perché gli organizzatori vogliono la distruzione di Israele.

Vogliono promuovere il terrore antisemita e un’ulteriore radicalizzazione anti-israeliana.
Organizzazioni giovanili nella loro dichiarazione congiunta.

Dal congresso si prevede "la diffusione dell'odio antisemita e la banalizzazione del terrorismo di Hamas del 7 ottobre", si legge nel comunicato disponibile al Tagesspiegel. Le organizzazioni giovanili avvertono che all'evento hanno preso parte gruppi e persone "che si agitano contro l'esistenza di Israele, descrivono il massacro del 7 ottobre come un atto legittimo di resistenza o Hamas come un gruppo di guerriglia e combattente per la libertà e si esprimono contro la coesistenza pacifica". ..

*

Gaza | Organizzazione di aiuto | Attacco di droni

Attacco alla cucina centrale mondiale

Israele licenzia due agenti dopo aver ucciso operatori umanitari internazionali

Una squadra della World Central Kitchen è stata uccisa dal fuoco israeliano nella Striscia di Gaza, e ora l’esercito sta entrando in azione. Anche i militari descrivono tutta una serie di errori.

Dopo che sette dipendenti dell'organizzazione non governativa (ONG) World Central Kitchen (WCK) nella Striscia di Gaza sono stati uccisi in un attacco israeliano, l'esercito israeliano sta ora licenziando due ufficiali di alto rango. Anche altri tre agenti vengono rimproverati. Ciò emerge da una dichiarazione dell'esercito israeliano pervenuta allo SPIEGEL al termine dell'inchiesta sull'incidente.

“Il comandante dei vigili del fuoco, un ufficiale con il grado di maggiore, è sollevato dal suo incarico. Il capo di stato maggiore della brigata, un ufficiale con il grado di colonnello della riserva, viene licenziato dal suo incarico", si legge sui licenziamenti. Inoltre, il comandante della brigata, il comandante della 162a divisione e il comandante del Comando Sud vengono formalmente rimproverati.

Dall'indagine è emerso che durante il raid aereo sono stati commessi gravi errori e che sono state violate le norme operative comuni. I soldati israeliani hanno erroneamente pensato che il loro attacco con i droni nella Striscia di Gaza avesse preso di mira veicoli che trasportavano combattenti armati di Hamas. Invece è stato colpito un convoglio dell'organizzazione umanitaria World Central Kitchen...

*

energia solare auf spazi aperti e Agri-Fotovoltaico come protezione da tempeste

Nuovi studi sull'espansione degli impianti fotovoltaici sugli spazi aperti in Germania

In Germania per l’ampliamento degli impianti fotovoltaici a terra c’è molto più spazio a disposizione di quello necessario, secondo le stime attuali, per un sistema elettrico completamente rinnovabile.

I moduli fotovoltaici montati a terra (PV) sono moduli solari che, a differenza dei moduli solari montati sul tetto, vengono installati in spazi aperti come parcheggi, impianti industriali o su terreni agricoli. Forte Studio generale dell'Öko-Institut 287 gigawatt di energia solare potrebbero essere installati sulle spalle, sopra i parcheggi e solo nelle aree industriali e commerciali. Si tratta di una cifra nettamente superiore all'obiettivo della legge sulle fonti energetiche rinnovabili (EEG) di 200 gigawatt di impianti fotovoltaici in spazi aperti entro il 2040. In questo caso i terreni agricoli con rendimenti inferiori dovrebbero essere utilizzati solo in misura molto ridotta.

Inoltre, se si sfruttasse il potenziale tecnico in grado di creare sinergie con brughiere, bacini idrici o altre aree agricole di alta qualità, sarebbero disponibili quasi 5.000 GW. Quest'ultimo, il cosiddetto Sistemi agri-fotovoltaici, coniugano l'uso agricolo del territorio con la produzione di energia solare. A questo scopo, sui terreni agricoli vengono installati pannelli solari, che consentono sia la produzione di elettricità che l’agricoltura. Questi sistemi potrebbero offrire allo stesso tempo una protezione affidabile contro i danni causati dalla grandine e dalle scottature solari, in particolare per colture permanenti come la vite o gli alberi da frutto, rendendo superflui dispositivi di protezione costosi e dispendiosi in termini di manutenzione come le reti antisole e antigrandine...

*

Commissione UE | sussidi | Dumping

Il dumping minaccia l’industria solare:

L’UE prende di mira la Cina

La commissione sta indagando su due società sospettate di sussidi illegali. L'industria solare tedesca rifiuta i dazi antidumping.

BRUXELLES/BERLINO taz | Dopo la partenza di importanti produttori, l'industria solare tedesca rischia il prossimo colpo: un conflitto commerciale tra UE e Cina potrebbe rendere i moduli e i prodotti preliminari notevolmente più costosi. Un suggerimento: il La Commissione Ue se ne va perché sospettata di dumping contro i produttori cinesi di energia solare.

Si basa su un nuovo regolamento sui sussidi provenienti da paesi terzi, entrato in vigore solo nel luglio 2023. Il sospetto: grazie ai generosi finanziamenti statali provenienti dalla Cina, le due società sono riuscite a fare un'offerta notevolmente più conveniente rispetto alla concorrenza - e quindi a distorcere il mercato.

[...] Le azioni della Commissione indicano un cambiamento nel suo atteggiamento nei confronti dei produttori solari cinesi, che potrebbe portare a un conflitto commerciale. Questo sviluppo potrebbe, ad esempio, portare ad un aumento dei dazi antidumping. Dal punto di vista dell’industria solare tedesca, tali misure per proteggere il proprio mercato avrebbero conseguenze di vasta portata. "In linea di principio l'Associazione federale dell'industria solare respinge le misure protezionistiche perché mettono in pericolo la transizione energetica", ha detto un portavoce dell'associazione.

[...] Meyer Burger, attualmente il più grande produttore in Germania, ha già tratto delle conclusioni e licenzia i dipendenti dello stabilimento di Freiberg, in Sassonia. L'azienda vuole investire negli Stati Uniti. Lì può contare sui generosi finanziamenti del programma di sussidi del presidente americano Joe Biden.
 

IMHO

Se tale azione contro la Cina avesse davvero senso, allora la Commissione europea dovrebbe estendere la procedura agli Stati Uniti, perché il “generoso sostegno attraverso il programma di sussidi” di Joe Biden sta causando problemi molto simili all’Europa.

 


4. Aprile


 

PFAS | veleno dell'eternità | Abbigliamento

Indumenti da esterno contaminati da sostanze chimiche:

Giubbotti per bambini tossici sul mercato

Secondo i test, nell’abbigliamento outdoor sono presenti pericolose “sostanze chimiche per sempre”. Le ONG criticano il loro utilizzo perché esistono alternative.

BERLINO taz | Aprile è arrivato, i genitori tirano fuori dall'armadio le giacche impermeabili per i loro bambini. Per renderli idrorepellenti spesso contengono PFAS, cioè sostanze alchiliche per- e polifluorurate. Questi composti di carbonio e fluoro sono chiamati “sostanze chimiche per sempre” perché non solo sono parzialmente tossici, ma anche difficili da scomporre.

Tuttavia, vengono spesso utilizzati per l'abbigliamento outdoor resistente alle intemperie. Si stima che attualmente sul mercato siano presenti oltre 10.000 composti PFAS. Sono utilizzati in innumerevoli prodotti, tra cui indumenti resistenti alle intemperie e Teflon, per le loro proprietà repellenti all'acqua, al grasso e allo sporco e alla resistenza al calore.

Ora una serie di test condotti da 14 gruppi di protezione ambientale di quattro continenti, tra cui l'Associazione tedesca per la protezione dell'ambiente e della natura (BUND), mostra che quasi due terzi delle giacche outdoor per bambini esaminate contengono PFAS - sono stati rilevati in 35 su 56 capi di abbigliamento testati. Delle giacche esaminate, 32 sono state acquistate in sette paesi dell'UE, compresa la Germania. In 16 casi i valori limite Ue sono stati superati.

“Le sostanze chimiche pericolose non trovano posto nei prodotti di consumo. È assolutamente irresponsabile che anche i tessili per bambini, che sono particolarmente vulnerabili dal punto di vista fisico, contengano sostanze dannose per la loro salute", afferma l'amministratore delegato della BUND Antje von Broock. Nel test BUND, almeno 25 campioni erano privi di PFAS – “con design funzionali simili”, come scrive l’organizzazione. Quindi ci sono alternative sicure con proprietà simili. In particolare, le giacche testate provenienti dall'Europa centrale e dalla Scandinavia erano in gran parte prive di PFAS...

*

idrogeno | Fotovoltaico | Batteria | scambiatori di calore  | Celle a combustibile

Decarbonizzazione dell'industria: la centrale elettrica a idrogeno del Fraunhofer IWU dimostra il funzionamento della fabbrica a impatto climatico zero

Chemnitz - L'Istituto Fraunhofer per le macchine utensili e la tecnologia di formatura IWU di Chemnitz svolge un ruolo centrale nella ricerca sulle tecnologie efficienti dell'idrogeno. I progetti H2 mirano a costruire un’economia H2 di successo in Germania. La nuova centrale H2 è destinata ad acquisire un importante know-how per le piccole e medie imprese.

[...] L'impianto fotovoltaico dell'istituto fornisce elettricità verde, che l'elettrolizzatore della centrale H2 utilizza per produrre idrogeno. A questo scopo l'acqua viene trattata in un apposito sistema e poi immagazzinata in un serbatoio. L'idrogeno prodotto viene compresso fino a 300 bar da un compressore e immagazzinato in fasci di bombole. Se la fabbrica di ricerca ha bisogno di elettricità quando non splende il sole, l’idrogeno immagazzinato viene convertito in elettricità nel sistema di celle a combustibile. Per utilizzare ulteriormente il calore di scarto generato dalla cella a combustibile, viene utilizzato uno scambiatore di calore. L'energia elettrica prodotta nella cella a combustibile e non consumata immediatamente può essere immagazzinata in un ulteriore sistema di accumulo della batteria, se necessario. Tutti questi componenti si trovano in una struttura compatta direttamente dietro la fabbrica di ricerca...

*

Arricchimento di uranio | programma nucleare

Le insidie ​​dell'arricchimento dell'uranio

Dal mondo delle centrifughe

L'elevato arricchimento dell'uranio non viene utilizzato solo per produrre armi nucleari, come in Iran, ma anche per far funzionare piccoli reattori di nuova concezione.

Il programma nucleare iraniano passa da un record all'altro. L'attenzione non è sulla produzione di energia elettrica, ma sulla lavorazione dell'uranio per ottenere un arricchimento sempre maggiore dell'isotopo fissile U235. Nell'uranio naturale costituisce solo lo 0,7%.

Per il funzionamento delle centrali nucleari convenzionali è necessario il 11.000-XNUMX% degli isotopi presenti negli elementi combustibili. Questo basso arricchimento (LEU: uranio a basso arricchimento) si ottiene nel modo più efficace con le centrifughe a gas. L’Iran possiede attualmente XNUMX di questi dispositivi con prestazioni diverse, che vengono utilizzati in tre impianti di arricchimento. La loro ulteriore espansione procede rapidamente.

È un’ironia della storia o un prodotto inevitabile della logica interna della tecnologia nucleare? Parallelamente all’Iran, gli Stati Uniti stanno compiendo notevoli sforzi sulla (quasi) stessa questione.

Utilizzando lo stesso processo tecnico e le stesse centrifughe, l'uranio può essere arricchito sempre di più fino a raggiungere una concentrazione di U235 adatta per le bombe, che di solito è fissata al 90%. Lungo il percorso ci sono fasi intermedie di arricchimento del 20% (HALEU: uranio ad alto dosaggio e basso arricchimento) e di arricchimento del 60% (HEU: uranio altamente arricchito). L’Iran sta attualmente producendo quanto più uranio possibile con questi livelli più elevati di arricchimento, anche se questi sono del tutto inutili per il suo reattore nucleare commerciale a Bushehr.

Gli Stati Uniti hanno 487 tonnellate di HEU inutilizzato, di cui 361 tonnellate sono disponibili per armi nucleari, secondo il Gruppo internazionale sui materiali fissili (IPFM), un gruppo indipendente di esperti sul controllo degli armamenti che valuta i rapporti degli Stati all'AIEA. La Russia ne accumula addirittura 680 tonnellate. Ciò dimostra quanto valessero in definitiva i trattati di disarmo. Non è stato buttato via niente. “Gli stati dotati di armi nucleari hanno ancora abbastanza materiale fissile nelle loro scorte di armi per decine di migliaia di armi nucleari”, afferma l’IPFM.

*

lobby nucleare | Propulsione nucleare

Viene fondata l'Organizzazione marittima per l'energia nucleare

Una nuova organizzazione internazionale - la Nuclear Energy Maritime Organization (NEMO) - è stata lanciata per riunire gli attori coinvolti in tutti gli aspetti dell'energia nucleare galleggiante e della mobilità nucleare.

NEMO ha sede a Londra, Regno Unito e mira a fornire ai suoi membri una piattaforma per fare rete e stabilire un collegamento funzionale tra i regolatori per promuovere lo sviluppo e condividere le migliori pratiche.

[...] L'adesione a NEMO è aperta alle aziende che hanno uno stretto legame con l'industria dell'energia nucleare e soddisfano i criteri di adesione dell'organizzazione, che includono un impegno per la sostenibilità, l'innovazione e l'eccellenza.

I membri fondatori di NEMO sono: HD KSOE e JEIL Partners Ltd dalla Corea del Sud, Lloyd's Register e Core Power dal Regno Unito, BWXT Advanced Technologies LLC, TerraPower e Westinghouse dagli Stati Uniti, Onomichi Dockyard dal Giappone, The VARD Group dalla Norvegia, Bureau Veritas dalla Francia e RINA dall'Italia.

*

Israele | crimini di guerra | Gaza

Ops, un crimine di guerra: l’Occidente indignato perché gli operatori umanitari uccisi da Israele non erano palestinesi

Il genocidio di Israele contro i palestinesi ovviamente non è un problema per l'Occidente. Lo sostiene ancora con le armi. Ma ora anche gli Stati Uniti sono indignati: la macchina omicida israeliana ha colpito gli aiutanti stranieri, questo non è possibile. Benvenuti al razzismo liberal-democratico.

Un “Ops” indignato ha attraversato i media occidentali in questi giorni. L'esercito israeliano se ne è assicurato con un attacco chiaramente mirato contro gli operatori umanitari nella Striscia di Gaza. Ciò fa parte di una continua odissea di attacchi mortali contro aiutanti e altri civili, dai neonati agli anziani, che l’Occidente dei Valori ha finora liquidato con: Può succedere. Solo che questa volta non sono stati uccisi soprattutto palestinesi o "arabi", ma anche membri dei paesi occidentali.

Razzismo democratico

Eccolo di nuovo, questo razzismo liberal-democratico. Ciò che è vero per alcuni non vale necessariamente per altri. I crimini di guerra di Israele, alcuni dei quali sono filmati da leader e soldati, pubblicati sui social media e applauditi pubblicamente, non rappresentano un problema finché lo Stato continua a commetterli contro i meno privilegiati. Questo era il caso molto prima del 7 ottobre.

[...] Lotta per la sovranità dell'interpretazione

Tuttavia, non si prevede che l’attuale “Oops” durerà particolarmente a lungo. Dopotutto anche in Occidente esistono rigide gerarchie di valori. I padroni del capitale e i loro sponsor politici sono sempre stati più uguali dei normali salariati. Quindi un dipendente di una ONG che lavora a rischio della sua vita, in caso di dubbio, dovrà incolpare solo se stesso se i valori militari occidentali lo uccidono.

L’investitore miliardario Warren Buffett, che oggi ha più di 90 anni, una volta disse giustamente: “C’è una guerra di classe e la mia classe sta vincendo”.

*

Stati Uniti | Elezioni presidenziali | Dittatura | imperialismo

La Terza Guerra Mondiale – al rallentatore?

Le tre grandi potenze si comportano in modo irrazionale. Gli Stati Uniti in particolare stanno camminando ciecamente nel caos. Declino imperiale nell’era della guerra e della crisi climatica. Saggio dell'ospite.

Da quasi 23 anni descrivo il nostro mondo così com'è come giornalista sulla piattaforma multimediale TomDispatch. Ho scritto tre presidenze e mezzo: Dio ci aiuti, potrebbero essere quattro a novembre!

La vita nello stato imperiale 

Ho osservato da grande distanza le infinite guerre catastrofiche dell'America in questo secolo. Ho visto il recente budget militare degli Stati Uniti raggiungere quasi i 900 miliardi di dollari e indubbiamente dirigersi verso la “bella” soglia di XNUMX trilione di dollari nei prossimi anni, mentre anni fa l’intero budget per la “sicurezza nazionale” (anche se “insicurezza” sarebbe una parola migliore) è salito ben oltre i mille miliardi di dollari.

[...] In effetti, in questo secolo, mentre combatteva guerre inutili o impossibili da vincere in gran parte del mondo, il mio paese ha iniziato lentamente ma inesorabilmente a declinare, o (se non ti dispiace un'altra metafora) a sgretolarsi. scoppiare.

E non sembra voler finire, vero? Tieni presente che 32 anni dopo che gli Stati Uniti sono diventati l'ultima superpotenza sul pianeta Terra, questo paese, in mezzo a un caos politico devastante, potrebbe effettivamente rieleggere un uomo che intende guidare una futura "dittatura" americana...

 


3. Aprile


 

Turchia | Bürgermeister | vittoria elettorale

Elezioni locali in Turchia

Politico filo-curdo diventa sindaco dopo le proteste

In Turchia, un politico filocurdo è stato escluso dalla carica di sindaco nonostante la sua vittoria elettorale. Ora la Suprema Autorità Elettorale ha ribaltato la sua decisione.

In seguito alle proteste, l'autorità elettorale suprema della Turchia ha revocato la sua decisione di escludere un politico filo-curdo dal suo sindaco. L'autorità ha conferito al politico democratico Abdullah Zeydan il mandato per la carica di sindaco di Van, nella Turchia orientale, accogliendo così l'obiezione del suo partito, ha riferito l'agenzia di stampa statale Anadolu.

[...] La gente ha protestato contro la decisione in molte città turche, anche perché l'incidente ricordava i licenziamenti di politici locali filo-curdi avvenuti in passato. Nelle elezioni locali del 2019, il partito filo-curdo con il nome HDP ha vinto 65 posti di sindaco, ma il governo di Ankara ha fatto rimuovere dall’incarico la maggior parte dei politici a causa di accuse di terrorismo e sostituirli con curatori fallimentari.

*

Protezione del climalimite di velocità | Ministro dei trasporti

“Con un limite di velocità di 100, potremmo raggiungere gli obiettivi climatici quest’anno”

Una questione aperta, ma nessuna soluzione: così il ministro dei trasporti Volker Wissing valuta il dibattito sui limiti di velocità. Non è efficace a causa della mancanza di accettazione da parte della popolazione. Ora uno scienziato lo contraddice.

Da anni politici ed esperti discutono di un limite di velocità sulle autostrade tedesche. Secondo le ultime dichiarazioni del ministro dei trasporti Volker Wissing (FDP), si tratta di un problema attuale, ma non di una soluzione per la protezione del clima.

[...] In Germania il limite di velocità nazionale di 120 chilometri all'ora sulle autostrade, 80 sulle strade di campagna e 30 nelle città non è accettato, afferma il ministro dei trasporti Wissing. "La gente non lo vuole."

Tuttavia, un sondaggio dell’ADAC del 2023 tra i suoi membri ha mostrato che il 54% dei membri dell’ADAC è a favore di un limite di velocità generale. In un sondaggio condotto lo scorso anno da Civey su incarico di “T-Online”, due terzi degli intervistati si sono detti favorevoli a un limite di velocità. Un limite di 130 km/h ha dato i risultati migliori. Tuttavia il 32% degli intervistati è favorevole alla velocità illimitata...

*

StraßenverkehrLimite di velocità

Moderazione del traffico nelle città:

Lentamente ma sicuramente

Dopo due anni a 30 km/h, il Lione tira un bilancio positivo. Il numero delle vittime del traffico è diminuito dopo il limite di velocità.

PARIGI taz | Il caos del traffico previsto a Lione (e in altre grandi città francesi) dagli oppositori del limite di velocità di 30 km/h non si è verificato. Il sindaco Grégory Doucet ha potuto confermarlo alla fine di marzo, due anni dopo l'introduzione dei limiti di velocità nella sua città e in più di 30 comuni circostanti.

I risultati provvisori del provvedimento nell’ambito di un piano complessivo di moderazione del traffico sono “positivi” e “incoraggianti”: “Abbiamo reso la nostra città più sicura riducendo la velocità un po’ ovunque a (massimo) 30 km/h, adeguando le strade e i percorsi polizia municipale «Li abbiamo utilizzati per garantire il rispetto delle regole», dice soddisfatto Doucet.

[...] “A Lione in quattro anni abbiamo avuto il 35% in meno di incidenti con feriti e il 39% in meno di feriti gravi.” Il numero delle vittime della strada che hanno dovuto essere ricoverate in ospedale è diminuito del 21% e il numero dei decessi metà (54%). L’obiettivo è che nessuno muoia in incidenti stradali a Lione entro il 2050.

Una dozzina di autovelox e la polizia dovrebbero garantirlo con maggiori controlli...

*

Gran BretagnaEPR | EmiratoCentrale nucleare Sizewell C

Energia nucleare: gli Emirati Arabi Uniti vogliono investire nelle centrali elettriche europee

Costruire nuovi reattori nucleari è costoso. Gli Emirati Arabi Uniti vengono quindi intrappolati come possibili investitori, come sta facendo la Gran Bretagna. L’esempio della centrale nucleare di Sizewell C.

Gli Emirati Arabi Uniti (EAU) intendono entrare nel settore energetico europeo. Secondo un rapporto della Reuters, sarebbero particolarmente interessati alle centrali nucleari in Gran Bretagna, nelle quali vorrebbero investire.

La Emirates Nuclear Energy Company (ENEC) mira a diventare un attore internazionale nel campo dell’energia nucleare. L'azienda vuole investire in strutture e infrastrutture in vari paesi attraverso investimenti di minoranza senza gestirle o gestirle.

[...] La quota degli Emirati Arabi Uniti sul totale degli investimenti diretti esteri nel Regno Unito è stata dello 2021% nel 0,4. Secondo il governo di Londra, gli Emirati Arabi Uniti rimangono un investitore relativamente piccolo nel paese.

Tuttavia, la regione è sempre più vista come un partner importante per la Gran Bretagna e altri governi occidentali su importanti progetti infrastrutturali ed energetici. Sullo sfondo ci sono le crescenti tensioni geopolitiche con la Cina e la guerra in Ucraina, che limita gli investimenti dalla Russia.

*

Taiwan | Terremoto

Terremoto a Taiwan:

Le scosse più forti degli ultimi 25 anni

Almeno sette persone sono state uccise, le case sono state danneggiate e il traffico ferroviario è rimasto bloccato. Il terremoto è stato avvertito fino alla Cina.

TAIPEI ap | Il terremoto più forte dell'ultimo quarto di secolo si è verificato a Taiwan mercoledì mattina intorno alle 8 (ora locale). Almeno sette persone sono state uccise, ha detto l'autorità nazionale dei vigili del fuoco. Le vittime sono state segnalate nella contea di Hualien, centro del sisma. Almeno altre 700 persone sono rimaste ferite e gli edifici e le autostrade sono stati danneggiati. Il servizio ferroviario è stato sospeso in tutta l’isola di 23 milioni di persone, così come il servizio della metropolitana nella capitale Taipei.

[…] Hualien è stata colpita l’ultima volta da un terremoto mortale nel 2018. Il terremoto più violento degli ultimi tempi si è verificato a Taiwan il 21 settembre 1999 con una magnitudo di 7,7 e ha provocato 2.400 morti e circa 100.000 feriti.

*

INES Categoria 4 "Infortuni"3. Aprile 1960 (INES 4) Akw Reattore WTR-2, Waltz Mill, USA

Incidente di fusione del reattore WTR-2 nel sito di Waltz Mill di Westinghouse.
(Costo circa US $ 38 milioni)

Incidenti di energia nucleare
 

Questo incidente così come molti altri rilasci di radioattività sono in corso wikipedia de non è più reperibile.

Wikipedia su

Westinghouse_TR-2#1960_incidente

Domenica sera, 3 aprile 1960, il reattore subì una fusione parziale. Un elemento combustibile si è fuso e ha rilasciato i prodotti di fissione gassosi radioattivi krypton e xeno. Si dice che il surriscaldamento e il conseguente danno al gruppo del combustibile siano stati causati da una mancanza locale di un flusso di refrigerante sufficiente. L'incidente è stato classificato 4 sulla scala degli eventi nucleari internazionali, ovvero un incidente con conseguenze locali.

La prima notifica dell'incidente da parte dell'AEC è arrivata tramite una telefonata da Westinghouse all'ufficio operativo dell'AEC di New York. In una successiva lettera di rapporto, Westinghouse dichiarò: "L'elevata attività nel refrigerante primario e gli alti livelli di radiazioni nel sito hanno portato alla chiusura del WTR e all'evacuazione del sito intorno alle 20:50 del 3 aprile 1960. C'è prova che i livelli elevati sono stati causati da un guasto dell'elemento combustibile."...

traduzione con https://www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

 


2. Aprile


 

Cambiamenti climatici | ondate di caloreCondizioni meteorologiche estreme

I ricercatori lanciano l’allarme

Le ondate di caldo stanno diventando sempre più intense in tutto il mondo

Il cambiamento climatico provocato dall’uomo sta provocando un aumento delle temperature. Non è solo il numero delle ondate di caldo ad aumentare in tutto il mondo. Inoltre, gli eventi meteorologici estremi durano sempre più a lungo e più lentamente – “con impatti sempre più devastanti sui sistemi naturali e sociali”, mostra un nuovo studio.

Le grandi ondate di calore durano più a lungo e si spostano sempre più lentamente sulle terre emerse. Questo è ciò che hanno concluso gli scienziati cinesi e statunitensi dall’analisi dei dati delle osservazioni meteorologiche dal 1979 al 2020. Utilizzando simulazioni al computer basate sui dati, i ricercatori mostrano anche che l’aumento dei gas serra nell’atmosfera provocato dall’uomo gioca un ruolo significativo questo sviluppo.

"Le ondate di calore continue, di lunga durata e con movimento più lento avranno effetti ancora più devastanti sui sistemi naturali e sociali in futuro se le emissioni di gas serra continueranno ad aumentare", scrive sulla rivista il gruppo di Ming Luo dell'Università Sun Yat-sen di Guangzhou. La scienza avanza"...

*

Trasporto dell'uranio | SanktionenCentrali nucleari americane

Violazione delle sanzioni?

Apparentemente uranio a bordo: la dogana arresta un mercantile russo a Rostock

Dall'inizio di marzo una nave è bloccata nel porto di Rostock. Prima per problemi tecnici, ma poi sono entrati in gioco i costumi. Riguarda il carico: la nave veniva dalla Russia.

[…] Secondo una ricerca del “Giornale del Mar BalticoLa nave era in viaggio per gli Stati Uniti ed era carica, tra l'altro, di legno di betulla e uranio arricchito per le centrali nucleari statunitensi. Questa informazione è stata confermata da diverse fonti, scrive il giornale. Il valore totale del trasporto ammonta a circa 40 milioni di euro. La nave interessata fa parte della flotta di una compagnia di navigazione che gestisce filiali e uffici in Canada, Stati Uniti, Russia (San Pietroburgo) e Ucraina (Odessa), tra gli altri.

L’UE ha imposto massicce sanzioni alla Russia in risposta alla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, ma non esiste alcun divieto UE sulle importazioni di uranio. Le misure restrittive riguardano complessivamente oltre 1700 persone e oltre 400 strutture. Non è consentita l'importazione di acciaio, prodotti siderurgici e ferro, oro e diamanti, compresi gioielli, cemento, asfalto, legno, carta, gomma sintetica e plastica.

*

governo degli Stati Uniti | Piccolo reattore modulare | Sicurezza

Mini reattori:

Il governo degli Stati Uniti fa affidamento sull'energia nucleare per i data center

Per promuovere i reattori compatti il ​​ministro dell'Energia americano vuole ridurre gli ostacoli all'approvazione e quindi i costi. 

[...] Il governo americano vuole sostenere il più possibile lo sviluppo degli SMR, come sottolinea Granholm. Attualmente vede due grandi difficoltà nella costruzione di reattori compatti: da un lato, ottenere le autorizzazioni necessarie richiede molto tempo e, dall'altro, i costi sono elevati. Attualmente stanno cercando di trovare un modo per ridurre i costi senza trascurare la sicurezza.

Nessun SMR è stato ancora costruito 

Nonostante tutta l’euforia, non bisogna dimenticare che la costruzione degli SMR è tutt’altro che un compito da poco. Anche negli Stati Uniti non è stato ancora costruito nessun nuovo reattore compatto perché i costi di costruzione non possono essere coperti dalla vendita di elettricità. L'azienda tedesco-canadese vuole essere il primo progetto Dual Fluid sta costruendo un reattore sperimentale in Ruanda. Quello russo attualmente si avvicina di più all’idea degli SMR Akademik Lomonosov.

Anche se la tecnologia fosse pronta per il mercato, bisognerebbe comunque tenere conto di alcuni anni di sviluppo. Tuttavia, questo difficilmente può essere conciliato con la rapida crescita della domanda di elettricità.

*

Stati Uniti | politica climatica | Palisades

Gli Usa investono nel nucleare

Il governo americano concede al gestore della centrale Holtec un prestito di oltre 1,5 miliardi di dollari. Per raggiungere questo obiettivo, una centrale nucleare dismessa dovrebbe essere rimessa in funzione.

WASHINGTON taz | Il governo Biden vuole continuare a investire nel nucleare anche in futuro. Proprio la settimana scorsa, il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha annunciato di aver offerto alla società operativa un prestito di oltre 1,5 miliardi di dollari per riavviare una centrale nucleare dismessa nel Michigan.

Se la centrale nucleare rispettasse le norme burocratiche e di elevata sicurezza, sarebbe la prima volta nella storia degli Stati Uniti che una centrale nucleare già disattivata tornerebbe in funzione.

[…] La centrale nucleare, che sarà disattivata nel 2022, si trova direttamente sul lago Michigan. La centrale elettrica da 800 megawatt avrebbe dovuto essere smantellata e smantellata dopo essere stata disattivata alcuni anni fa. Ma ora l’inversione di marcia.

Il tentativo di riavviare la centrale rientra nella politica climatica del presidente americano Joe Biden. Il suo governo vuole restare fedele all'energia nucleare per raggiungere obiettivi climatici ambiziosi e coprire il crescente fabbisogno di elettricità del paese.

Come molte delle oltre 50 centrali nucleari degli Stati Uniti, anche questa veniva utilizzata come centrale nucleare Palisades Famosa centrale elettrica costruita all'apice dell'energia nucleare alla fine degli anni '1960...

*

Burger Meyer | Pannelli solari | industria solare

Iniziativa contro il secondo esodo solare

Ma un altro raggio solare di speranza

Un amministratore distrettuale sassone vuole salvare la produzione interrotta presso il gruppo fotovoltaico Meyer Burger a Freiberg. La produzione competitiva di moduli in Europa è possibile, dicono gli esperti solari.

La fine della produzione di moduli solari da parte dell'azienda svizzera Meyer Burger a Freiberg, in Sassonia, annunciata la scorsa settimana, ha scioccato molti sostenitori della transizione energetica. In realtà doveva diventare il nucleo di una nuova azienda tedesca leader nella produzione solare.

Ma politici come l'amministratore del distretto della Sassonia Centrale, Dirk Neubauer, ed esperti del settore non vogliono rinunciare alla speranza che la Germania possa resistere all'attuale concorrenza schiacciante della Cina. Una nuova iniziativa dovrebbe consentire addirittura di riprendere la produzione a Freiberg...

 


1. Aprile


 

movimento per la pace | marcia di pasqua | Pronto per la guerra

Aumenta il numero dei partecipanti alle marce di Pasqua: un segno contro la crescente minaccia della guerra

L’Europa prima della guerra, come chiariscono i politici. Non è ora che gli oppositori della guerra propaghino il disfattismo rivoluzionario? Un commento.

"Più partecipanti alle marce di Pasqua di quest'anno", hanno riferito gli organizzatori delle manifestazioni nazionali per la pace e il disarmo, che soprattutto a Berlino hanno registrato un notevole aumento rispetto all'anno precedente.

Le ragioni di ciò non sono certamente facili da determinare, poiché si parla di diversi conflitti militari. Si può tuttavia presumere che anche la capacità bellica della Germania, sottolineata in queste settimane da tutte le parti, sia stata motivo di resistenza.

Il ministro della Difesa Boris Pistorius (SPD) parla di una guerra con la Russia tra pochi anni. Il Focus vede una crescente minaccia di guerra dopo l'elezione di Vladimir Putin a presidente russo e il primo ministro polacco Donald Tusk vede l'Europa nel periodo prebellico.

Si sta preparando la guerra della NATO contro la Russia 

Va sottolineato che Pistorius, Focus e Tusk non mettono in guardia dalla guerra. Stanno preparando la popolazione a poter combattere di nuovo la guerra. Queste non sono solo frasi, gli scenari sono stati elaborati da tempo su come si sta preparando questo incontro europeo.

[...] Ma non bisogna mai dimenticare che ci sono guerrafondai simili in Russia e Bielorussia e che lì si dovrebbe fare di tutto per sostenere coloro che si rifiutano di entrare in guerra e persino di sabotare i preparativi bellici.

Per un disfattismo rivoluzionario 

Che viviamo oggi in tempi prebellici lo vediamo anche nei tanti piccoli e grandi gesti della vita politica quotidiana. Un vero politico dell’SPD come Rolf Mützenich menziona semplicemente l’espressione “congelamento del conflitto” e subito inizia la campagna contro i presunti disfattisti, con i Verdi e il FDP particolarmente rumorosi.

Ora il termine disfattismo è una reliquia comune del militarismo. Si riferiva a tutti coloro che non volevano entrare in guerra con chi detiene il potere, ovunque si trovassero. In realtà, il disfattismo dovrebbe essere un premio e dovrebbe esserci una campagna per il disfattismo rivoluzionario...

*

Israele | Netanyahu | Ultra-ortodosso

Proteste contro Netanyahu:

Israele brama un nuovo governo

Nel fine settimana si sono svolte a Gerusalemme le manifestazioni più grandi dall'inizio della guerra. Quanto potrà durare il Primo Ministro Netanyahu?

GERUSALEMME taz | Il movimento di protesta israeliano è tornato: domenica sera decine di migliaia di partecipanti hanno chiesto nuove elezioni e negoziati con Hamas nella più grande manifestazione dall'inizio della guerra davanti al parlamento di Gerusalemme. “Siamo a un passo dal baratro”, ha gridato Moshe Radman, uno degli organizzatori, dal palco degli oratori. “Le persone che ci minacciano davvero sono il Primo Ministro Netanyahu e i suoi alleati estremisti. Non ci sarà pace con loro. Gli ostaggi non torneranno con loro”. Molti dei presenti hanno montato le tende. Hanno intenzione di accamparsi davanti alla Knesset per quattro giorni.

[…] Ciò che potrebbe essere più pericoloso per Netanyahu potrebbe essere una disputa interna. Dopo che lunedì sera è scaduta l'esenzione dal servizio militare degli ebrei ultraortodossi, vecchia di decenni, la coalizione si trova ad affrontare un punto di rottura. Decine di migliaia di cosiddetti Haredim dovrebbero ora essere ufficialmente arruolati nell'esercito, cosa che difficilmente i partner della coalizione religiosa di Netanyahu, i partiti Shas e United Torah Judaism, potrebbero sostenere.

La società israeliana potrebbe cambiare tutto

“Netanyahu si è reso dipendente dagli ultraortodossi”, afferma Shuki Friedman del think tank di Gerusalemme Jewish Peoples Policy Institute. “Se lasciano la coalizione, il governo crollerà”. Ecco perché gli ultraortodossi hanno raggiunto molti dei loro obiettivi politici in passato, compreso il sostegno statale al loro sistema di istruzione religiosa.

La fine dell’esenzione potrebbe cambiare radicalmente la società israeliana perché metterebbe in contatto con la maggioranza della società decine di migliaia di persone strettamente religiose che vivono in isolamento. Oggi gli ultraortodossi, conosciuti come Haredim, costituiscono più del 13% della popolazione...

*

Uscita carbone | giustizia climatica | il degrado ambientale

Eliminazione progressiva del carbone in Renania e Lusazia:

I verdi festeggiano lo shutdown

La Germania vuole uscire dal carbone. C'è ancora disaccordo sulla data di fine. Sette blocchi di centrali elettriche in Germania sono andati offline a Pasqua.

BERLINO afp/dpa | La politica dei Verdi Kathrin Henneberger ha accolto la chiusura di 15 centrali elettriche a lignite e carbone il lunedì di Pasquetta come un “grande successo per la giustizia climatica”. La chiusura degli impianti “viene effettuata nella consapevolezza della responsabilità storica e globale per il raggiungimento dei nostri obiettivi climatici”, ha spiegato domenica.

L’eliminazione graduale del carbon fossile significa anche la fine delle importazioni da regioni in cui l’estrazione del carbon fossile è stata associata per decenni a gravi violazioni dei diritti umani e alla distruzione dell’ambiente. In Colombia, ad esempio, sono le comunità afro-colombiane e indigene quelle più colpite, che oltre agli spostamenti forzati e alla scarsità d’acqua, risentono anche delle conseguenze sanitarie delle miniere...

*

Guerra in Ucraina | servizio di guerra | stanco della guerra

Gli ucraini sono sempre più stanchi della guerra e disposti a negoziare

In Europa, a differenza dei detentori del potere, secondo un sondaggio, solo il 10% crede che l’Ucraina vincerà. In Ucraina, il 54% capisce gli obiettori di coscienza.

I governi dei paesi della NATO continuano ad aderire alla posizione secondo cui l’Ucraina deve vincere la guerra o non perderla, ma in nessun caso dovrebbe avviare i negoziati adesso. Ciò significa che gli ucraini devono continuare a combattere e mobilitare nuovi soldati per mantenere il fronte. Kiev non ha fatto alcun progresso qui dalla sconfitta dell'offensiva dell'anno scorso, anche se i soldati al fronte e le loro famiglie spingono per la rotazione e cresce la rabbia contro coloro che evitano il servizio militare o che sono già fuggiti all'estero.

La nuova legge sulla mobilitazione è rinviata da mesi. Sono stati presentati più di 4000 emendamenti; nessuno vuole essere ritenuto responsabile se centinaia di migliaia di uomini verranno arruolati, anche con la forza. Inizialmente si parlava di un bisogno di 500.000 soldati, ma ora la leadership militare ha affermato che forse ne sarebbero necessari “solo” 300.000. È chiaro che la mobilitazione sotto costrizione e violenza causerà una spaccatura nella società. L’unità nazionale finora faticosamente mantenuta contro il nemico russo rischia di sgretolarsi e scoppierà una battaglia aperta tra i concorrenti politici di Zelenskyj e il suo partito Servitore del Popolo.

[...] Quando i sostenitori della guerra dicono che non sono i sostenitori ma gli ucraini a dover decidere se e quando vogliono avviare i negoziati, allora sorge la domanda a chi si riferiscono: al governo o ai cittadini?

*

Turchia | Elezioni locali

Türkiye: Centinaia di soldati si sono recati nei piccoli villaggi per votare

I soldati sono stati portati ai seggi elettorali in autobus. L'obiettivo: la vittoria del partito del presidente Erdogan.

mdb. Una delegazione internazionale composta da 120 osservatori elettorali, tra cui anche membri del “Comitato per la costruzione del ponte Zurigo-Amde/Diyarbakir”, ha soggiornato nel sud-est della Turchia durante la Pasqua e ha osservato le elezioni locali. La delegazione era composta da osservatori elettorali non professionisti. Vuole preparare un rapporto dettagliato nei prossimi giorni. Infosperber pubblica qui le sue prime informazioni.

Una delegazione indipendente di politici, giornalisti, ricercatori e attivisti provenienti dalla Svizzera e da altri paesi ha osservato le elezioni locali nel sud-est della Turchia. I partiti di opposizione temevano che nelle zone a maggioranza curda fossero a rischio elezioni libere e corrette. Questa ipotesi è stata confermata. Gli osservatori elettorali indipendenti hanno riscontrato diverse violazioni:

Migliaia di soldati furono trasferiti nei distretti elettorali contestati. I risultati del 2023 dovrebbero essere inclinati a favore del partito di governo. In diversi luoghi si sono potuti vedere convogli di autobus che trasportavano soldati ai seggi elettorali. In villaggi più piccoli come Hamzali, 100 km a nord-est di Diyarbakir, dove vivono 630 persone, 366 soldati, polizia, guardie carcerarie e paramilitari sono stati recentemente registrati come elettori. A Igdir, gli osservatori hanno visto elenchi che mostravano 798 soldati registrati come elettori in due semplici case di quattro piani...

 


31. marzo


 

Wahlen nella Turchia 

Secondo i risultati preliminari, l'opposizione turca vince le elezioni locali

Secondo i risultati preliminari, il partito di Recep Tayyip Erdoğan ha perso le elezioni locali. La vittoria del CHP a Istanbul è particolarmente dolorosa per il presidente.

Secondo i risultati preliminari, il più grande partito di opposizione, il CHP, ha chiaramente vinto le elezioni locali in Turchia. Nelle due più grandi città turche, Istanbul e Ankara, i sindaci in carica del CHP si sono dichiarati vincitori delle elezioni dopo lo spoglio di quasi tutti i voti. "Abbiamo vinto le elezioni", ha detto il sindaco di Istanbul Ekrem İmamoğlu, che secondo i risultati preliminari, secondo l'agenzia di stampa statale turca Anadolu, ha ricevuto circa il 51% dei voti. Il sindaco di Ankara Mansur Yavaş ha dichiarato: "Le elezioni sono finite, continueremo a servire Ankara".

İmamoğlu è considerato un possibile sfidante del presidente Recep Tayyip Erdoğan alle prossime elezioni presidenziali turche. Le elezioni locali sono state quindi viste come un importante test di fiducia sia per Erdoğan che per il CHP.

Secondo l'agenzia di stampa statale turca Anadolu, finora è stato conteggiato il 90% dei voti. Secondo i risultati parziali, il CHP ha vinto a livello nazionale nella maggior parte delle 81 province della Turchia, tra cui l'Anatolia e le principali città di Izmir e Antalya. Secondo Anadolu, l'AKP ha registrato perdite anche in alcuni capoluoghi di provincia che aveva dominato per lungo tempo...

*

Crisi climatica | Guerra in UcrainaZeitenwende

Parallelismi tra guerra e clima:

Crisi? Stai scherzando

Un cambio di prospettiva rivela paralleli con la guerra in Ucraina e la crisi climatica. I tedeschi non capiscono nessuno dei due argomenti.

Chiunque sia a letto con la febbre sa che piccole deviazioni possono davvero lasciare a bocca aperta. Due gradi Celsius in più per il mio corpo mi stanno uccidendo, due gradi Celsius in più per l'atmosfera terrestre sono una catastrofe. Solo una brutta “m” fa la differenza tra protezione del clima e inquinamento climatico. E se si riunirà il Consiglio di Sicurezza dell’ONU o il Consiglio d’Incertezza sarà deciso dalla chiave di upshift.

Ho notato come piccoli cambiamenti cambino la prospettiva quando di recente ho letto un testo dello storico britannico Timothy Garton Ash. Dopo la Conferenza sulla sicurezza di Monaco ha scritto un breve saggio sulla guerra in Ucraina sulla Süddeutsche Zeitung. Tenore: “I tedeschi, come tanti europei, non hanno capito veramente cosa sia successo negli ultimi due anni”.

Mentre leggevo, non ho potuto fare a meno di sostituire il termine “guerra” con “crisi climatica” e “due anni” con “vent’anni”. E il testo di Ash si legge come una descrizione accurata di ciò che attualmente (non) sta accadendo in relazione alle molteplici crisi del clima, della biodiversità e dei rifiuti di plastica.

[...] Ash cita il primo ministro ceco: “L’unico sacrificio che tutti possiamo fare è ridurre la nostra zona di comfort”.

Naturalmente: attenzione alle metafore belliche nella crisi climatica, ai discorsi sull’economia di guerra e sulla mobilitazione totale. Ma mi piacerebbe sentire un Cancelliere federale proclamare un “punto di svolta” per il clima e la biodiversità. E gli investimenti a questo scopo sono fissati al 2% del Pil.

Perché anche lì i rapporti sono simili. Lo stesso quotidiano scrive: “Un gap di 56 miliardi di euro”. Si tratta delle spese militari, che nel 2024 ammonteranno a 52 miliardi, ovvero l’11% del bilancio federale. Non inteso, ma almeno sottofinanziato: il budget per l’economia e la protezione del clima con 11 miliardi, ovvero il 2,3% del budget.

Per parlare con Ash: i tedeschi non capivano bene cosa stesse succedendo.

*

armamento | Pronto per la guerra

Modello di business degli armamenti: dissenso nei sindacati

Prosperità e sicurezza attraverso una maggiore produzione di armi? Un appello degli ambienti sindacali mette in guardia dalle illusioni. Anche tra le nostre fila.

“Dobbiamo prepararci alla prosperità”, ha scritto qualche giorno fa un professore di macroeconomia in un articolo ospite per Der Spiegel. "La Germania attualmente non è in grado di difendersi e l'economia zoppica. Lo Stato dovrebbe fare di questa necessità una virtù e stimolare la crescita investendo in armamenti", ha continuato Moritz Schularick.

Rafforzare il settore della sicurezza e della difesa?

Il consiglio d'amministrazione della IG Metall probabilmente non la metterebbe proprio così. In un documento congiunto del febbraio di quest'anno, il sindacato, il Forum economico SPD e l'Associazione federale dell'industria tedesca della sicurezza e della difesa (BDSV) hanno chiesto "un concetto di politica industriale per rafforzare l'industria della sicurezza e della difesa".

È necessaria una “agenda di politica industriale” per “rafforzare la Germania, la sua industria e i posti di lavoro, nonché le capacità e la sovranità della Bundeswehr”. In questo contesto, Jürgen Kerner, secondo presidente dell’IG Metall, ha sottolineato che il 2024 sarà “l’anno decisivo per l’industria della tecnologia di difesa in Germania”.

Contro il riarmo e la guerra: un avvertimento

Ma questi toni non sono esenti da polemiche nei sindacati. L'appello "Sindacati contro il riarmo e la guerra! Capacità per la pace invece che capacità per la guerra!" Hanno firmato più di 4.500 membri di vari sindacati, compresi i membri dell'IG Metall che appartengono o dirigono i comitati aziendali.

Temono che il modello di business militare aumenterà il rischio di guerra a lungo termine - e che importanti investimenti nel settore civile andranno persi se si darà priorità alla "capacità di guerra" auspicata dal ministro della Difesa Boris Pistorius (SPD).

*

Amico | nemicoRapporto

Uscire dalla trappola nemica

"L'inimicizia porta alla cecità e alla follia"

La guerra della Russia contro l'Ucraina, l'ascesa globale delle forze populiste di destra: ovunque si creano immagini di nemici che in definitiva servono a giustificare la violenza. Lo psicologo e teologo Stefan Seidel invoca invece i “di-nemici”. 

ntv.de: Perché una divergenza di opinioni si trasforma sempre in ostilità?

Stefan Seidel: Abbiamo un po’ dimenticato come affrontare la diversità, l’alterità, le altre opinioni o posizioni a livello sociale o in contesti più piccoli. Anche nel senso che la mediazione, il dialogo e il compromesso sono possibili. Questa è stata la nostra esperienza negli ultimi anni ed è diventata sempre più grave. Quindi ti ritiri rapidamente nella tua bolla e ti separi categoricamente dall'altra persona. Ciò è difficile ed è dovuto anche a uno sviluppo più ampio: lo zeitgeist. Viviamo in tempi di crisi sempre più intense, sia globali che economiche, che, per così dire, limitano la portata delle manovre mentali individuali.

[...] Ma cosa faccio esattamente?

Da un punto di vista pratico, aiuta a stabilire relazioni con persone specifiche dall'altra parte. L’antidoto alla guerra e alla violenza sono proprio le relazioni, come le ha descritte Martin Buber. Viviamo dal rapporto io e tu, in modo molto fondamentale ed elementare, ma anche fino ai livelli più alti della convivenza sociale. Dobbiamo cercare di mantenere e vivere queste relazioni perché se distruggiamo la relazione, finiremo per distruggere noi stessi. A questo proposito si tratta di autoconservazione elementare. Quando focalizzi la tua empatia non solo sul tuo gruppo, ma su tutti, sviluppi un senso di appartenenza. Questo aiuta a superare mentalmente la divisione. Questi strumenti e strategie di risoluzione dei conflitti derivanti dalla ricerca psicologica sulla pace spesso sono molto efficaci. Richiedono un certo livello di rischio. Ci sono sempre questi esempi commoventi, soprattutto nelle aree di conflitto più calde come il Medio Oriente, dove, ad esempio, i genitori israeliani e palestinesi che hanno perso i propri figli in questo conflitto si sono riuniti. Nell’iniziativa Parents Circle, israeliani e palestinesi in lutto dicono: vogliamo porre fine a questo insensato spargimento di sangue tra i nostri popoli qui e ora, lo stiamo vivendo adesso e non stiamo aspettando un lontano trattato di pace. Questo è profondamente commovente e dà un’idea di quali altre forze possono prevalere e avere un impatto se si fa affidamento su di esse.

*

popolazione mondialefertilità | nascite

I tassi di natalità stanno diminuendo quasi ovunque:

La popolazione mondiale presto diminuirà

Se nascono meno bambini è un segno di prosperità e uguaglianza. Di conseguenza, l’economia globale si contrarrà.

Le donne hanno sempre meno figli. È una buona o una cattiva notizia? Nel 1960, nel mondo nascevano in media circa 5 bambini per donna; attualmente è di 2,2 – e la tendenza continua a diminuire. Tra pochi decenni la popolazione mondiale diminuirà perché sono necessari almeno 2,1 figli per donna affinché le generazioni rimangano stabili.

Il numero di figli per donna sta diminuendo così rapidamente perché nel Sud del mondo si stanno verificando cambiamenti drammatici. In pochi decenni, i tassi di fertilità si sono più che dimezzati in molti paesi. Esempio India: nel 1960 una donna aveva in media 6 figli, ora sono 2. Le donne iraniane avevano addirittura 1960 figli nel 7,3 e oggi ne hanno 1,69. La situazione è simile in Bangladesh: lì il tasso di fertilità è sceso da 6,8 a 1,95 bambini.

Tuttavia, ci sono ancora paesi che hanno tassi di natalità molto elevati. Si registrano ancora oltre 6 figli per donna in Niger, Ciad, Congo e Somalia, tutti paesi particolarmente poveri e instabili.

Nella maggior parte dei paesi del Sud del mondo, tuttavia, si ripete ciò che i ricchi paesi industrializzati hanno sperimentato dalla fine del XIX secolo: con l’aumento della prosperità, le famiglie diventano più piccole. In Germania sono nati solo 19 bambini per donna...

*

dipendenzaAtrioCorruzione

Nuovi reattori nucleari: perché l’Ucraina fa affidamento sull’insicurezza energetica

La guerra ha messo in crisi l’approvvigionamento energetico in Ucraina. Ma l’attenzione è ancora rivolta alle centrali nucleari fossili. Una classificazione.

Prima che Hans-Josef Fell spieghi come la dipendenza dall'energia fossile venga utilizzata come arma politica (la guerra in Ucraina lo dimostra) affinché si creino incertezze globali e una transizione energetica possa scongiurare questi effetti negativi (ma in Ucraina viene presa una strada diversa), una breve panoramica della crisi energetica in Ucraina dall’invasione della Russia nel febbraio 2022.

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha scosso il settore energetico ucraino in una misura senza precedenti, poiché Mosca ha attaccato le infrastrutture energetiche con missili, droni, esplosivi e artiglieria.

Gli attacchi aerei russi hanno immediatamente distrutto due dozzine di importanti depositi di carburante e impianti di raffinazione.

Prima dell’invasione, Russia e Bielorussia fornivano insieme più della metà del carburante utilizzato in Ucraina. Quando queste forniture vennero meno e la capacità di raffinazione interna fu distrutta, il paese entrò in una crisi dei combustibili fossili.

L’industria elettrica ucraina è quella che ha sofferto maggiormente le perdite legate alla guerra. L’occupazione dei territori orientali dal 24 febbraio 2022 ha fatto sì che l’Ucraina perdesse sempre più l’accesso alla capacità energetica.

Particolarmente significativa è stata la perdita del controllo sulla centrale nucleare di Zaporizhzhia nel marzo 2022, la più grande centrale nucleare d’Europa, che rappresentava il 44% della capacità nucleare dell’Ucraina prima del conflitto.

Le truppe russe sequestrarono la centrale subito dopo l'invasione. Il bombardamento della centrale ha aumentato i rischi per la sicurezza nucleare in modo minaccioso...

La terribile guerra di aggressione russa contro l’Ucraina ha gettato la sicurezza energetica sotto una nuova luce. Chi credeva e forse crede ancora che solo il petrolio, il gas naturale, il carbone e l’energia nucleare potessero offrire un approvvigionamento energetico sicuro perché questa energia è affidabile a differenza delle energie rinnovabili dipendenti dal clima e dalla stagione si sbagliava di grosso.

[…] Peggio ancora, attraverso l’acquisto di petrolio, gas naturale, carbone e persino uranio per generare elettricità nell’UE, stiamo finanziando i regimi terroristici islamici e la guerra russa in Ucraina. Anche gli attacchi del gruppo terroristico yemenita Houthi contro le navi da trasporto nel Mar Rosso e di altre organizzazioni terroristiche come Hamas e Hezbollah contro Israele sono in gran parte finanziati dal nostro consumo di petrolio e gas.

[…] Invece, vediamo invece che la disinformazione con l’influenza delle lobby e la corruzione delle aziende produttrici di energia fossile e nucleare continuano a esercitare una grande influenza sui governi.

Quanto sono simili le immagini. Anche nell’UE, come in Ucraina, le grandi compagnie petrolifere, del gas, del carbone e del nucleare esercitano ancora un’influenza decisiva sulla politica energetica dei governi, anche se gran parte della popolazione in Europa e anche in Ucraina sono da tempo i grandi quelli hanno riconosciuto i vantaggi delle energie rinnovabili.

Pertanto, è necessario porre fine all’influenza lobbistica e corruttiva delle aziende produttrici di combustibili fossili e nucleari in tutta Europa e oltre.

 


Notizie +  conoscenze di base inizio pagina

 

Notizie +

 

Ritiro graduale nucleare | generazione di energia | WNISR

L’elettricità prodotta dal nucleare sta diminuendo in tutto il mondo:

Non è solo la Germania a uscirne

La quota dell’energia nucleare nella produzione di elettricità sta diminuendo in tutto il mondo. Alcuni paesi stanno costruendo nuove centrali nucleari. In molti altri, tuttavia, l’energia nucleare non è un problema.

GÖTTINGEN taz | La CDU, la CSU, la FDP e le associazioni imprenditoriali, con la loro continua critica all'eliminazione nucleare della Germania, completata un anno fa, tirano fuori la pesante artiglieria retorica. L’uscita è stata “un errore drammatico”, ha detto il vicepresidente del FDP Wolfgang Kubicki. Il Consiglio economico della CDU ha visto in questo un “grande pericolo per la piazza economica tedesca”. E il deputato del gruppo parlamentare CDU Jens Spahn ha parlato di “una giornata nera per la protezione del clima” in occasione della chiusura delle ultime centrali nucleari.

Ciò che piace particolarmente agli apologeti nucleari locali è però il riferimento ad un presunto approccio speciale alla politica energetica della Repubblica Federale. Markus Jerger, presidente dell’Associazione federale delle medie imprese (BVMW) fino al 2023, ha affermato che la Germania è “una delle pochissime nazioni al mondo che si stanno ritirando gradualmente, mentre altri paesi stanno investendo massicciamente nell’energia nucleare”. Sorge la domanda, ha detto Jerger, “perché agiamo contro ogni calcolo”.

Ma l’energia nucleare è davvero di nuovo in crescita?

Come si vede, la produzione di elettricità dall’energia nucleare è stagnante in tutto il mondo Squadra guidata dall'esperto nucleare Mycle Schneider creato e recentemente pubblicato"Rapporto sullo stato dell’industria nucleare mondiale 2023"(wnisr2023-v5.pdf). Mentre la quantità assoluta di elettricità generata nelle centrali nucleari in tutto il mondo è rimasta sostanzialmente invariata, la sua quota nel mix elettrico globale è scesa al 2022% nel 9,2, il valore più basso in circa 40 anni. Il picco è stato del 1996% nel 17,5.

Centrali nucleari in 32 stati

Le centrali nucleari (centrali nucleari) operano in 32 paesi. Secondo i dati del WNISR, attualmente ci sono 415 reattori nucleari in funzione. Il leader sono gli Usa con 94 reattori, seguiti da Cina e Francia, entrambe con 56 unità. In prima linea anche Russia (36), Giappone (12), Corea del Sud (25) e India (20).

Nel 2023 sono entrati in funzione cinque nuovi blocchi reattore. Cinque reattori sono stati chiusi nel 2023, compresi gli ultimi impianti tedeschi Emsland, Isar-2 e Neckarwestheim-2. Il bilancio della produzione delle cinque centrali nucleari dismesse e delle cinque nuove è negativo di un gigawatt.

Negli ultimi vent’anni, tra il 20 e il 2004, sono state smantellate più centrali nucleari di quante ne siano state messe in funzione. Inoltre, quasi la metà dei nuovi reattori – 2023 su 49 – sono entrati in funzione in Cina. Al di fuori della Cina, ciò si traduce in un saldo negativo di 102 blocchi, un calo significativo. Negli ultimi quattro anni, dal 51 al 2020, sono stati costruiti 2023 reattori in tutto il mondo, di cui 31 in Cina e 20 dall’industria nucleare russa, soprattutto in Paesi terzi – ad esempio in Bangladesh, India e Turchia. Nient'altro, da nessuna parte.

Nell’Unione Europea (UE), 12 dei 27 Stati membri gestiscono reattori nucleari. Negli ultimi 30 anni sono state costruite solo due centrali nucleari, i cosiddetti reattori ad acqua pressurizzata di terza generazione (EPR) Olkiluoto-3 in Finlandia e Flamanville-3 in Francia. Il reattore finlandese è entrato in funzione dopo 17 anni di costruzione, e il reattore francese non fornisce ancora un chilowattora nemmeno 17 anni dopo l’inizio della costruzione. C’è un altro cantiere in Slovacchia: la costruzione di Mochovce-4 è iniziata nel 1985. Il reattore dovrebbe entrare in funzione quest'anno.

Quota più alta di energia nucleare in Francia

Costituisce la quota percentuale maggiore del mix elettrico mondiale energia nucleare in Francia anche senza Flamanville-3. Nel 2023 era al 65%. Il reattore più recente è entrato in funzione nel 1999 e l'età media è di 38,6 anni. Nelle ultime estati, metà del parco delle centrali nucleari francesi è stato spento a causa di difetti tecnici, ispezioni, riparazioni o perché i fiumi non trasportavano abbastanza acqua per raffreddare i reattori.

Alcuni stati membri dell’UE hanno annunciato piani per espandere l’energia nucleare. Il Belgio prevede di rinviare la fase finale dell'uscita concordata in risposta alle turbolenze sulla politica energetica derivanti dalla guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina. Invece del 2025, due dei cinque reattori rimanenti non saranno disattivati ​​fino al 2035.

La Polonia intende riavviare un programma nucleare, ufficialmente per eliminare gradualmente il carbone. Il primo dei sei reattori dovrebbe entrare in funzione nel 2033, un programma del tutto irrealistico secondo gli esperti. Due ulteriori blocchi di reattori di progettazione russa saranno costruiti in Ungheria, e la Romania sta progettando una mini centrale nucleare che utilizza la tecnologia statunitense. La Svezia gestisce un totale di sei reattori, che insieme coprono circa il 30% della produzione elettrica del paese.

Eliminazione del nucleare in Spagna e Svizzera 

La prima centrale nucleare chiamata Akkuyu è stata costruita in Turchia dal 2015 - finanziato e costruito dalla società statale russa Rosatom. Anche la Gran Bretagna continua a fare affidamento sul nucleare. Nove blocchi di reattori sono attualmente ancora in funzione e 36 sono in fase di smantellamento. Attualmente ci sono due nuovi reattori EPR in costruzione (Hinkley Point C-1 e -2) e altri due previsto per il sito Sizewell C.

Oltre al Belgio, anche Svizzera e Spagna stanno pianificando la progressiva eliminazione dell’energia nucleare: i quattro reattori svizzeri (quota del mix elettrico 36,4%, età media 48 anni) possono funzionare fino alla loro fine legata all’età, ma non possono essere sostituiti da nuovi. Non esiste una data per la chiusura. I sette reattori spagnoli verranno gradualmente disattivati ​​entro il 2035, con il primo spegnimento previsto per il 2027.

Per inciso, l’eliminazione del nucleare in Germania non è ancora completa. I sei reattori di ricerca attualmente in funzione possono continuare a funzionare. Anche l’impianto di assemblaggio del combustibile di Lingen e l’impianto di arricchimento dell’uranio di Gronau, che forniscono “combustibile fresco” alle centrali nucleari di molti paesi, hanno licenze di esercizio illimitate.

 


Notizie +  conoscenze di base inizio pagina

 

conoscenze di base

La mappa del mondo nucleare

Un approvvigionamento energetico decentralizzato e sostenibile con energia solare, eolica, idrica, geotermica ecc. può essere raggiunto in pochi anni...

*

La “Ricerca Interna”

Ritiro graduale nucleare | generazione di energia | WNISR

21 dicembre 2023 - Piano per nuove 1000 centrali nucleari entro il 2050? La fantasia sull’energia nucleare fallisce a causa dell’industria desolata

29 settembre 2023 - Le energie rinnovabili coprono più della metà del consumo di elettricità

3 luglio 2023 - Quaschning spiega: Zone di prezzo dell'elettricità

21 aprile 2023 - Energia nucleare: in declino in tutto il mondo

17 marzo 2023 - Analisi BEE: le centrali nucleari sono irrilevanti per la sicurezza dell'approvvigionamento e controproducenti per la transizione energetica

 

Rapporto sullo stato dell'industria nucleare mondiale

Rapporto sullo stato dell’industria nucleare mondiale 2023

traduzione con https://www.DeepL.com/Translator (versione gratuita) 
 

Pagina 44 - Figura 1 - Sviluppo dei programmi nazionali per l'energia nucleare, 1954-2022

  • Tra il 1996 e il 1997 i reattori di potenza erano in funzione in 32 paesi. Ci sono voluti altri 23 anni per raggiungere un nuovo massimo di 33 paesi.
  • Quattro paesi (Germania, Italia, Kazakistan e Lituania) hanno abbandonato i loro programmi nucleari.
  • Tredici dei 32 paesi nucleari hanno programmi attivi di costruzione di reattori.
  • Diciannove di questi paesi non stanno attualmente costruendo reattori; Di questi, sette paesi stanno abbandonando gradualmente l’energia nucleare, astenendosi dalla costruzione di nuovi reattori o dall’espansione del programma. Alcune di queste strategie, come quelle dei Paesi Bassi e della Svezia, sono attualmente in fase di revisione. Anche se i cambiamenti politici in alcuni paesi riaprissero la porta alla costruzione di nuove centrali nucleari, i lavori concreti in loco sarebbero ancora lontani molti anni.

Figura 1 Programmi nazionali per l'energia nucleare

Nel 2022, la flotta nucleare mondiale ha generato 2.546 terawattora (TWh o miliardi di kilowattora) di elettricità. Dopo un calo nel 2020, la produzione nucleare è aumentata del 3,9% nel 2021, ma è rimasta appena al di sotto dei livelli del 2019 ed è scesa del 2022% nel 4. La Cina ha prodotto più energia nucleare della Francia per il terzo anno consecutivo, con un aumento del 3% (rispetto all’11% nel 2021), rimanendo il secondo produttore di energia nucleare dopo gli Stati Uniti. Al di fuori della Cina, la produzione di energia nucleare è scesa del 5%, toccando il livello più basso dalla metà degli anni ’1990.

Nel 2022, la quota dell’energia nucleare nella produzione globale lorda di elettricità commerciale è scesa al 9,2%, il livello più basso degli ultimi quattro decenni e oltre il 45% al ​​di sotto del picco del 17,5% nel 1996.

I principali concorrenti dell’energia nucleare, le rinnovabili non idroelettriche, hanno aumentato la loro produzione lorda di elettricità del 14,7% e la loro quota sulla produzione lorda globale di elettricità è aumentata di 1,6 punti percentuali al 14,4%.

Nel 2020, in un contesto economico globale colpito dalla pandemia di Covid-19, il consumo di combustibili fossili nel settore energetico è diminuito: petrolio del 9,7%, carbone del 4,2% e gas naturale del 2,3%. Nel 2021 la tendenza si è invertita: petrolio (+8,9%) e carbone (+8,5%) sono aumentati in modo significativo, mentre il consumo di elettricità basata sul gas naturale è aumentato solo del 2,3%. Nel 2022, il consumo di petrolio per la produzione di energia elettrica è rimasto relativamente stabile (-0,7%), mentre carbone e gas sono aumentati leggermente dell’1%.

Nel 2022, il consumo di energia primaria commerciale nucleare è diminuito del 4,7%, la sua quota sul consumo mondiale è scesa leggermente al 4%; è a questo livello dal 2014 circa. Nell’Unione Europea (UE), il consumo di energia nucleare primaria è diminuito del 17%. Le energie rinnovabili, esclusa l'energia idroelettrica, che comprende soprattutto l'energia solare ed eolica nonché i biocarburanti, hanno continuato la loro crescita con un aumento del 13% e hanno raggiunto una quota del 7,5% dell'energia primaria. Sebbene la quota di energie rinnovabili esclusa l’energia idroelettrica sia ora 1,9 volte maggiore della quota di energia nucleare, entrambe le cifre illustrano quanto modesto sia ancora l’attuale contributo di entrambe le tecnologie nel contesto globale.

Nel 2022, otto paesi hanno aumentato la quota di energia nucleare nei rispettivi mix elettrici, incluso un nuovo paese, gli Emirati Arabi Uniti (EAU) - rispetto a sei paesi nel 2021 - mentre tredici hanno diminuito la quota e dodici sono rimasti a un livello costante ( variazione inferiore al punto percentuale). Oltre agli Emirati Arabi Uniti, sette paesi (Cina, Repubblica Ceca, Finlandia, India, Corea del Sud, Pakistan e Russia) hanno raggiunto finora la più alta produzione di energia nucleare. Cina, Finlandia, Pakistan, Corea del Sud ed Emirati Arabi Uniti hanno commissionato nuovi reattori durante l'anno, mentre la Repubblica Ceca e la Russia hanno registrato solo piccoli aumenti (meno dell'1%) e l'India ha lentamente aumentato la produzione di Kakrapar-3, iniziata nel gennaio 2021. è andato online ma non ha iniziato le operazioni commerciali fino a giugno 2023.

**

Il motore di ricerca Ecosia sta piantando alberi!

https://www.ecosia.org/search?q=Atomausstieg

https://www.ecosia.org/search?q=Risiko Atomkraft

https://www.ecosia.org/search?q=Uralte Reaktoren

*

wikipedia

Ritiro graduale nucleare

La decisione politica di uno Stato di smettere di gestire le centrali nucleari e di rinunciare all'uso dell'energia nucleare per generare elettricità viene definita eliminazione graduale del nucleare, nota anche come eliminazione graduale dell'energia nucleare o rinuncia al nucleare. L’Italia e la Germania hanno finora eliminato completamente la produzione di energia nucleare, e altri paesi come Spagna e Taiwan hanno annunciato o avviato un’eliminazione graduale del nucleare. Altri paesi hanno fatto marcia indietro sui piani di uscita, tra cui Giappone e Svezia. L’Austria non mise in funzione la centrale nucleare di Zwentendorf già completata nel 1978 dopo un referendum, e altri stati cancellarono i programmi nucleari, alcuni dei quali erano in fase avanzata.

L’eliminazione del nucleare è un aspetto parziale della transizione energetica, che mira a convertire l’approvvigionamento energetico in energie rinnovabili...

*

Grafici energetici

La pagina con la grafica interattiva sulla produzione di energia elettrica e sulla borsa dei prezzi dell'elettricità dell'Istituto Fraunhofer

Produzione pubblica netta di elettricità in Germania (mese marzo 2024)

Grafici energetici marzo 2024 - Si apre in una nuova finestra! - Produzione pubblica netta di elettricità in Germania (periodi e altre variabili possono essere selezionati liberamente, il valore predefinito è marzo 2024) - https://www.energy-charts.info/charts/power/chart.htm?l=de&c=DE&interval= mese&mese= 03

*

YouTube

ricerca:

Rischio nucleare

energie rinnovabili
 

Si aprirà in una nuova finestra! - Playlist del canale YouTube "Reaktorpleite" - radioattività in tutto il mondo... - https://www.youtube.com/playlist?list=PLJI6AtdHGth3FZbWsyyMMoIw-mT1Psuc5Playlist - radioattività in tutto il mondo...

Questa playlist contiene oltre 150 video sul tema degli atomi*

 


Torna a:

Newsletter XIII 2024 - 24-30 marzo

Articolo di giornale 2024

 


Per lavorare su 'Newsletter THTR','reattore.de'E'Mappa del mondo nucleare' abbiamo bisogno di informazioni aggiornate, di colleghi energici e freschi e di donazioni. Se qualcuno può aiutarmi mandi un messaggio a: info@Reaktorpleite.de

Chiama per le donazioni

- Il THTR-Rundbrief è pubblicato dal 'BI Environmental Protection Hamm' ed è finanziato da donazioni.

- Il THTR-Rundbrief è diventato nel frattempo un mezzo di informazione molto notato. Tuttavia, ci sono costi in corso dovuti all'ampliamento del sito web e alla stampa di fogli informativi aggiuntivi.

- Il THTR-Rundbrief ricerca e riporta in dettaglio. Per poterlo fare, dipendiamo dalle donazioni. Siamo felici di ogni donazione!

Conto donazioni: BI Protezione Ambientale Hamm

Scopo: circolare THTR

IBAN: DE31 4105 0095 0000 0394 79

BIC: WELADED1HAM

 


Notizie + conoscenze di base inizio pagina

***