Il fallimento del reattore - THTR 300 Le newsletter THTR
Studi su THTR e molto altro. L'elenco dei guasti THTR
La ricerca HTR L'incidente THTR nello 'Spiegel'

Le newsletter THTR del 2003

***


      2022 2021 2020
2019 2018 2017 2016 2015 2014
2013 2012 2011 2010 2009 2008
2007 2006 2005 2004 2003 2002

***

Newsletter THTR n. 79 gennaio 2003


Il reattore dalla scatola delle falene:

THTR non è ancora KO?

La prestampa dell'articolo "Ricerca in Renania settentrionale-Vestfalia per nuove centrali nucleari" dell'ultima circolare THTR ha suscitato un numero considerevole di reazioni. La collaborazione di un istituto di ricerca subordinato a Red-Green per la nuova costruzione di una variante THTR in Sud Africa ha sorpreso molte persone che pensavano che la cosiddetta eliminazione del nucleare potesse mettere le mani sui loro piedi e dovevano solo aspettare. È il contrario. L'industria nucleare ei suoi lacchè nella ricerca e nella scienza continuano imperterriti a lavorare sull'energia nucleare altamente pericolosa e vogliono mettere in pratica i loro progetti! L'attenzione che ora si è creata nei media e le inchieste di ambientalisti e giornalisti critici renderanno loro più difficile il proseguimento delle loro riprovevoli attività.

TAZ-Ruhr 28 novembre 11:

Forschungszentrum Jülich è coinvolto in un progetto per la progettazione di un reattore nucleare in Sud Africa. Il centro di ricerca, di proprietà del 90 per cento del governo federale e del 10 per cento dello stato del Nord Reno-Westfalia, è coinvolto nella progettazione per la costruzione di un reattore a letto di ciottoli insieme alla società britannica AEA-Technologies, ABB di Mannheim e la controllata Siemens HTR GmbH Gesellschaft für Hoch Temperaturreaktoren. Secondo le loro stesse dichiarazioni, i Jülich si qualificano per il progetto perché "l'idea di costruire un reattore a letto di ciottoli è nata originariamente dal centro di ricerca".
Alla gente di Jülich non piace parlare del progetto. Le richieste dovrebbero essere fatte solo via e-mail o fax e i ricercatori vorrebbero anche avere un "profilo" dell'interrogante. Christian Manthey, che lavora per l'Ufficio Internazionale del Ministero Federale della Ricerca a Jülich e, secondo il suo stesso resoconto, è coinvolto nei “colloqui tra Germania e Sud Africa a livello di governo”, risponde ancora ad alcune domande. La pura ricerca sui reattori non viene svolta a Jülich, ha affermato. La ricerca riguarda la "ricerca sulla sicurezza dei reattori", importante anche per i reattori ancora in funzione in Germania.
I due unici reattori a letto di ghiaia al mondo si trovano a Hamm e Jülich. Come la centrale elettrica Hammer VEW, il reattore di ricerca Jülich è stato spento rispettivamente dal 1988 e dal 1989.

Perché a Jülich viene condotta la "ricerca sulla sicurezza dei reattori" per un tipo di reattore che è stato spento in Germania?

La ricerca a Jülich riguarda le indagini di accompagnamento relative alla sicurezza, afferma Manthey, e ovviamente puoi dare consigli ai sudafricani.
Sabine Baun, portavoce del Ministero federale dell'istruzione e della ricerca (BMBF), dice qualcosa di diverso: "Lo stiamo osservando in modo molto critico". Il Centro Jülich è finanziato dal governo federale con 200 milioni di euro all'anno. Si tratta di un finanziamento istituzionale non correlato al progetto. Tuttavia, Baun non vuole avere nulla a che fare con l'energia nucleare: "Questa ricerca è pagata dall'industria". .
Risposte e formazione sul nucleare potrebbero presto essere necessarie anche ai sudafricani. (...) Anche il reattore di prova a Jülich non è stata risparmiata da incidenti. Nel 1978 c'era un ingresso di acqua in cui 25.000 litri d'acqua penetravano del nocciolo del reattore attraverso il circuito di raffreddamento elio. Critici sostengono che se il reattore era stato ad una temperatura superiore, un'esplosione sarebbe verificato. Inoltre, la regione sudafricana potrebbe affrontare un altro problema di sicurezza: l'uranio altamente arricchito richiesto nel reattore ad alta temperatura è di tipo militare.

TAZ-Ruhr 5 novembre 12:

Il primo modello del reattore ad alta temperatura sviluppato in collaborazione con Forschungszentrum Jülich (FZJ) ha superato il test di resistenza in Sudafrica. Lo ha annunciato il 29 novembre il futuro operatore, la compagnia elettrica statale sudafricana Eskom. È stato dimostrato che il modello del reattore può essere avviato e funziona a pieno carico.

Secondo le sue stesse dichiarazioni, Forschungszentrum Jülich ha una grande quota nella sicurezza dei reattori. Il 90 percento della FZJ appartiene al governo federale e il 10 percento allo stato del Nord Reno-Westfalia. In totale, nel 262 ha ricevuto da entrambi circa 2002 milioni di euro di finanziamenti. Si tratta di finanziamenti istituzionali, secondo Sabine Baun, portavoce del Ministero federale della ricerca, al progetto confluiscono solo fondi industriali. Dopotutto, il governo federale non vuole pagare per la ricerca sui reattori.

Ecco perché il Sudafrica paga "da 300.000 a 500.000 euro" per la ricerca, afferma Wolfgang Jaek, capo dell'ufficio di trasferimento tecnologico di Jülich. Per fare questo, insegna agli africani
"Per aggiornarsi nella ricerca sulla sicurezza". Il fatto che l'ultimo reattore ad alta temperatura tedesco sia stato spento nel 1989 è irrilevante per Jaek: "Il tipo di reattore ad alta temperatura non cambia", dice. Inoltre, il centro di ricerca non ha mai perso di vista la tecnologia.
I sudafricani vogliono produrre in serie il reattore 165 megawatt ed esportarlo in paesi sottosviluppati.

In alternativa, si dovrebbero combinare fino a dieci reattori per formare una grande centrale elettrica. L'FJZ ha sviluppato il software ei suggerimenti per "interconnettere i sistemi", spiega Jaek.

La società di sviluppo del reattore, la controllata di Eskom "Pebble Bed Module Reactor" (PBMR), sostiene che il reattore, che sarà costruito con parti cinesi, americane, russe e turche, è sicuro. Le reazioni a catena o le fusioni del nucleo non sono possibili perché il reattore raffreddato ad elio non ha la temperatura per provocare la reazione a catena. Inoltre, l'uranio nelle sfere dell'elemento combustibile è confezionato in modo resistente al calore sotto grafite e uno strato di carbonato di silicio.
Anche così, i proprietari dell'FZJ sono preoccupati. Isabelle Lorenz dell'ufficio stampa del ministero della ricerca NRW afferma che lo stato, in quanto azionista di minoranza, non può affermarsi contro il governo federale. (...) Lo stato del Nord Reno-Westfalia finanzia l'FZJ con circa 26 milioni di euro nel 2002. "Inoltre, con l'introduzione di finanziamenti relativi al programma, il controllo del contenuto dell'FZJ è stato in gran parte trasferito ai comitati dell'Associazione Helmholtz dei centri di ricerca tedeschi", risponde Lorenz per Mail e dopo pochi giorni la questione della responsabilità della NRW.

Sigillo TÜV per il nuovo THTR dalla Germania!

inizio paginaAll'inizio della pagina - reaktorpleite.de -

Certo, la politica non è del tutto priva di responsabilità. Al Senato dell'Associazione Helmholtz siedono il ministro federale della ricerca, Edelgard Bulmahn, quello dello stato del Nord Reno-Westfalia, Hannelore Kraft e il presidente di ver.di, Greens e membro dell'attac Frank Bsirske. Forse possono essere rassicurati da TÜV Rheinland. Il PBMR ha rilasciato un certificato in termini di garanzia della qualità.
Secondo l'articolo della TAZ sopra citato, il "Westfälische Anzeiger" ha riportato quanto segue su quasi un'intera pagina di giornale nell'edizione nazionale del 20 dicembre:
Il prototipo, sviluppato dal 1993, sarà costruito l'anno prossimo ed entrerà in produzione in serie dal 2007. In questo paese, potrebbe diventare una questione politica che il know-how tedesco sia stato acquistato per l'ambizioso progetto, nonostante l'eliminazione graduale del nucleare decisa dai governi federale e statale. Le conoscenze specialistiche provengono dal Forschungszentrum Jülich (FZJ), tra tutti i luoghi, che all'epoca aveva l'idea del tipo di reattore floppato e ha supportato tecnicamente il reattore nucleare di Hammer fin dall'inizio. (...) Horst Blume, portavoce di BI Environmental Protection Hamm, è incazzato: "Si tratta ovviamente di continuare in un altro stato con l'aiuto di un centro di ricerca NRW e almeno con la tolleranza di Red-Green nel governi federali e statali, dove l'industria nucleare nel Nord Reno-Westfalia doveva fermarsi ", ha affermato in un'intervista al nostro giornale. (...) Flower riceve aiuto dal portavoce politico atomico del gruppo parlamentare dei Verdi, Rüdiger Sagel: "Se ciò dovesse essere confermato, lo ritengo altamente problematico".

I risultati della ricerca rendono possibile in primo luogo la costruzione di centrali nucleari all'estero. In una richiesta, Sagel chiede anche chiarimenti al governo statale sul fatto che l'uranio per armi nucleari venga utilizzato anche in Sud Africa, come all'epoca al THTR di Hamm. Ciò avrebbe quindi rilevanza per la politica estera al di là dell'aspetto ambientale.
Il Ministero della Ricerca NRW non è stato affatto soddisfatto della partecipazione dell'FZJ alla progettazione di nuove centrali nucleari in Sud Africa. "Abbiamo immediatamente chiesto al centro di ricerca di informarci in dettaglio sul progetto e sullo stato del progetto entro la metà di gennaio 2003", ha affermato il portavoce della stampa Thomas Breustedt. Queste attività del Jülich non erano note al ministero. Prima una lettera dell'Hamm e. V. aveva fatto alzare il governo e prenderne atto.
Al contrario, nel Ministero federale dell'istruzione e della ricerca. Lì sono stati informati della cooperazione tra l'FZJ e il Sudafrica, che era "puramente commerciale" e limitata alla "ricerca sulla sicurezza". "In particolare, si tratta del trasferimento degli standard di sicurezza tedeschi a una centrale elettrica da costruire in Sudafrica", ha affermato il portavoce della stampa Peter Ziegler quando è stato chiesto dal nostro giornale. E ha aggiunto: "Questa cooperazione è nell'interesse del governo federale".
Anche il Ministero federale della ricerca ha preso posizione sulla compatibilità con l'eliminazione graduale del nucleare tedesco. Nell'accordo di consenso tra la Confederazione e le società di approvvigionamento energetico, secondo Ziegler, sarebbero esclusi i lavori di sviluppo su nuovi concetti di reattori, ma solo "nella misura in cui questi non riguardino esclusivamente aspetti di sicurezza". Il documento conferma espressamente che la ricerca nel campo della tecnologia nucleare, in particolare la sicurezza, resta libera. "Questo è principalmente inteso a sottolineare la possibilità di coinvolgimento del settore privato", ha detto Ziegler. Nel caso del Sudafrica è così. - Questo è ciò che ha scritto il WA. il 20 dicembre 12.

Domande dall'iniziativa dei cittadini

inizio paginaAll'inizio della pagina - reaktorpleite.de -

Il 29.11.2002 novembre XNUMX, su iniziativa dei cittadini, abbiamo posto al Ministero dell'Economia e delle Medie Imprese, dell'Energia e dei Trasporti dello Stato del Nord Reno-Westfalia, tra l'altro, la seguente domanda: quale fosse l'obiettivo dal governo statale della NRW e dal governo federale? ”Questa domanda difficile non era ciò che questo ministero voleva rispondere e ha inoltrato il nostro catalogo di domande al ministero per la scienza e la ricerca, che ovviamente si era confrontato con le stesse domande per molto tempo .

Gli economisti avvertono

inizio paginaAll'inizio della pagina - reaktorpleite.de -

Oltre alle innumerevoli bugie diffuse su Internet dall'industria nucleare secondo cui il THTR era "con successo" in funzione da cinque anni, è stato più volte riportato che il Gruppo Exelon aveva ordinato 20 reattori dagli Stati Uniti. Questo messaggio ora non è più corretto, come si può vedere nel giornale del Ministero federale dell'ambiente, della conservazione della natura e della sicurezza nucleare "Ambiente" n. 11/2002, pagina 750. In un rapporto del Segretario di Stato Rainer Baake su un viaggio informativo negli USA si dice: “Le Ong negano all'unanimità che gli investitori siano interessati a tali progetti, anche solo per ragioni economiche. Ciò è indicato anche dal fatto che Exelon si è allontanato dal progetto finora "più promettente" di un nuovo reattore sotto forma di reattore a letto di ciottoli per leggere: "Ma gli economisti in particolare segnalano dubbi e ricevono assistenza argomentativa da all'estero. Il PBMR è un investimento altamente rischioso che potrebbe andare a scapito dei contribuenti e dei clienti dell'elettricità se fallisce, avverte Steven Thomas dell'Università del Sussex, consulente dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica. La domanda di energia nucleare si sta riducendo sul mercato mondiale; i recenti disordini in California hanno mostrato che le grandi aziende sono alla ricerca di alternative rapide ed economiche. "Non c'è la minima possibilità che qualcuno al mondo comprerà tali reattori dal Sud Africa". È anche più probabile che il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti sia con quegli scettici che considerano i costi principali stimati da Eskom eccessivamente ottimistici: 11 centesimi per kilowattora, costruzione, funzionamento, manutenzione, carburante, assicurazione inclusa. (...)
Il basso calcolo dei sudafricani è possibile, secondo gli esperti statunitensi, perché risparmiano sulla sicurezza e ipotizzano un tasso di interesse estremamente conveniente e stabile - il sei per cento - sul mercato dei capitali. (...) Lo scorso novembre, British Nuclear Fuels (THTR-RB, che ha una partecipazione del 22,5% nel progetto) ha annunciato che sarebbe stata "praticamente insolvente" a causa degli estremi costi di follow-up della chiusura e dello smaltimento delle centrali nucleari. centrali elettriche; questo potrebbe avere un impatto sulla partecipazione allo sviluppo del mini-reattore. La dichiarazione dell'investitore britannico sembra l'annuncio di un ritiro".

Ricerca HTR anche a Stoccarda

inizio paginaAll'inizio della pagina - reaktorpleite.de -

Al di fuori di Jülich, anche la Germania è impegnata nella ricerca dell'ulteriore sviluppo del THTR. L'Istituto per l'energia nucleare e i sistemi energetici (IKE) dell'Università di Stoccarda sta elogiando il suo progetto di ricerca "Simulazione numerica tridimensionale dei flussi e del trasporto di calore in reattori modulari ad alta temperatura a ciottoli con nucleo ad anello" sotto la guida del Dipl. Ing. Aer. Sascha Becker: “Con il crescente interesse nel mondo per i reattori ad alta temperatura raffreddati a gas (HTR) dal 1990, sono ripresi gli sforzi di sviluppo per l'ulteriore sviluppo di questo tipo di reattore che nel frattempo sono stati interrotti. Oltre alla crescente domanda di energia elettrica, soprattutto nei paesi emergenti e in via di sviluppo, la motivazione principale è stata l'intenzione del Sudafrica in particolare di costruire in serie reattori di questo tipo basati sul modulo tedesco HTR. In ogni caso 10 reattori devono essere raggruppati in un grande sistema di approvvigionamento energetico. Questo reattore, chiamato PBMR, deve ora essere implementato dalla società di fornitura energetica sudafricana Eskom con il sostegno dello stato. "(Agosto 2001)
La demolizione del reattore di prova HTR da 15 MW a Jülich sarà costosa: "Invece dei 190 milioni di euro originari, l'Ufficio federale delle finanze sta ora assumendo costi di quasi 500 milioni di euro" (TAZ-Ruhr, 27 giugno 6)

Missili nucleari per l'India da Hamm?

inizio paginaAll'inizio della pagina - reaktorpleite.de -

Nel nostro numero 72 del dicembre 2001 abbiamo riportato sulla società tedesca "Montanhydraulik GmbH", che, secondo il pubblico ministero, aveva ragionevoli sospetti iniziali di aver fornito accessori per missili nucleari all'India. A metà luglio 2001 sono stati perquisiti anche i locali dell'azienda ad Hamm ed è stato sequestrato un vasto materiale.
Dopo quasi un anno e mezzo, il THTR-Rundbrief voleva sapere se i risultati erano "già" disponibili. L'ufficio del pubblico ministero di Dortmund ci ha informato dei seguenti due mesi dopo la nostra richiesta del 23.11.2002 novembre XNUMX:

“Le informazioni che stai cercando non possono essere fornite. Per motivi di tutela della privacy, secondo le linee guida per i procedimenti penali e amministrativi, ai privati ​​o alle istituzioni private devono essere rifiutate informazioni provenienti da procedimenti investigativi senza dimostrare un interesse legittimo. Dopo che l'indagine è stata completata, è prevedibile che la procedura di indagine da lei nominata diventerà oggetto di copertura mediatica, in modo che in generale (? errore di battitura?) fonti di informazione accessibili siano sufficientemente disponibili. "Firmato Düllmann

Bene, dove andremmo se tutti volessero sapere se stavano lavorando a un'armeria atomica nella loro città natale e se avrebbero manifestato contro di essa? A proposito: “A una conferenza delle Nazioni Unite sul controllo degli armamenti per i missili a lungo raggio, i rappresentanti di 92 paesi hanno firmato un codice di condotta per trattare questi sistemi di lancio. India e Pakistan non sono uno di questi!" (Junge Welt, 27 novembre 11) - Forse il pubblico ministero dovrebbe sbrigarsi con le indagini?

Veglie contro la guerra in Iraq

inizio paginaAll'inizio della pagina - reaktorpleite.de -

Giorno X - Si avvicina il giorno dell'inizio della guerra contro l'Iraq. La posizione un tempo chiara del governo federale a favore della non partecipazione è stata indebolita. I diritti di sorvolo e il supporto logistico a terra per le truppe americane sono già stati promessi al governo degli Stati Uniti, così come l'uso delle truppe tedesche in aerei da ricognizione (AWACS) al confine con l'Iraq.
Un'ampia alleanza di persone amanti della pace chiede quindi veglie dal 10 gennaio ogni venerdì dalle 17 alle 18 nella zona pedonale (vicino a Mc Don). Finora sono state registrate quattro veglie.

Appello per donazioni e "ultimo promemoria"

Alcuni degli abbonati al THTR-Rundbrief hanno donato in passato per ricevere questo foglio, mentre altri no. I sussidi di iniziativa dei cittadini non sono più possibili. Per il modulo di spedizione Infopost non sono ammessi "promemoria" allegati separatamente. Quindi, se vuoi ricevere questo giornale in futuro, dovresti aver donato 10 o 20 euro o donare ora. Altrimenti non potremo più inviare la circolare THTR! Soprattutto ora che l'industria nucleare vuole affermare una nuova variante THTR sul mercato globale, sono urgentemente necessari un minimo di segnalazione critica e la capacità di intervenire!

***


inizio paginaFreccia su - Fino all'inizio della pagina

***

Chiama per le donazioni

- Il THTR-Rundbrief è pubblicato da 'BI Umwelt Hamm e. V.' emessi e finanziati da donazioni.

- Il THTR-Rundbrief è diventato nel frattempo un mezzo di informazione molto notato. Tuttavia, ci sono costi in corso dovuti all'ampliamento del sito web e alla stampa di fogli informativi aggiuntivi.

- Il THTR-Rundbrief ricerca e riporta in dettaglio. Per poterlo fare, dipendiamo dalle donazioni. Siamo felici di ogni donazione!

Donazioni conto:

BI protezione ambientale Hamm
Scopo: circolare THTR
IBAN: DE31 4105 0095 0000 0394 79
BIC: WELADED1HAM

***


inizio paginaFreccia su - Fino all'inizio della pagina

***

GTranslate

deafarbebgzh-CNhrdanlenettlfifreliwhihuidgaitjakolvltmsnofaplptruskslessvthtrukvi
high-power-derfilm.jpg