Bollettino III 2024

Dal 14 al 20 gennaio

***


  2024 2023 2022 2021
2020 2019 2018 2017 2016
2015 2014 2013 2012 2011

Notizie + conoscenze di base

Il file PDF"Incidenti di energia nucleare" contiene una serie di altri incidenti avvenuti in vari settori dell'industria nucleare. Alcuni degli incidenti non sono mai stati pubblicati attraverso canali ufficiali, quindi queste informazioni hanno potuto essere rese disponibili al pubblico solo in modo indiretto. L'elenco degli incidenti nel file PDF non è quindi identico al 100% a "L'INES e i disordini negli impianti nucleari", ma rappresenta un'aggiunta.

1. Gennaio 1977 (INES 5) Akw Belojarsk, URSS

2. Gennaio 1958 (INES 4) fabbrica nucleare Mayak, URSS

3. Gennaio 1961 (INES 4 | NAM 2,9) SL-1, NRTS Idaho Falls, Stati Uniti

4. Gennaio 1986 (INES 4) fabbrica nucleare Sequoyah, Stati Uniti

5. Gennaio 1976 (INES 3) Akw Jaslovské Bohunice, SVK

6. Gennaio 2016 (Quinto test sulle armi nucleari della Corea del Nord) Punggye-ri, PRK

6. Gennaio 1981 (INES 3) fabbrica nucleare L'Aia, FRA

13. Gennaio 1977 (INES ? Classe.?) Akw Gundremmingen, Germania

17. Gennaio 1966 (Broken Arrow) B-52 Palomares, E.S.P

18. Gennaio 2012 (INES 2) Akw Cattenom, FRA

20. Gennaio 1965 (INES 4 | NAM 3,7) fabbrica nucleare LLNL, Livermore, Stati Uniti

21. Gennaio 2002 (INES 2) Akw Flamanville, FRA

21. Gennaio 1969 (INES 5 | NAM 1,6) VAKL Lucens, CHE

21. Gennaio 1968 (Broken Arrow) B-52 Aeroporto Thule, Groenlandia, DNK

24. Gennaio 1961 (Broken Arrow) B-52 Goldsboro, Carolina del Nord, Stati Uniti

*

Stiamo cercando informazioni aggiornate. Se puoi aiutare, invia un messaggio a: nucleare-welt@ Reaktorpleite.de

 


20. gennaio


 

IsraeleSoluzione a due StatiPalestina

Richiesta di cessate il fuoco

Guterres: Israele deve riconoscere il diritto a uno Stato palestinese

Il primo ministro israeliano Netanyahu rifiuta uno Stato palestinese indipendente. Il segretario generale dell’ONU Guterres lo considera “inaccettabile”.

Il segretario generale dell’ONU António Guterres si è espresso ancora una volta a favore della soluzione a due Stati. "Il diritto del popolo palestinese a creare il proprio Stato deve essere riconosciuto da tutti", ha affermato Guterres all'incontro degli Stati non allineati a Kampala, capitale dell'Uganda. La negazione del diritto alla statualità del popolo palestinese è inaccettabile.

Guterres ha continuato affermando che negare la soluzione dei due Stati prolunga un conflitto che è diventato una minaccia globale alla pace e alla sicurezza, contribuisce alla polarizzazione e rafforza gli estremisti ovunque. Ha inoltre rinnovato gli appelli per un cessate il fuoco immediato nella lotta tra Israele e Hamas...

*

I paesi di Sud globale e ipocrisia della ovest in Davos

Il Sud del mondo sta prendendo sempre più posizione contro l’ipocrisia occidentale – giustamente

La Cina tratta con freddezza Zelenskyj a Davos. Il Sudafrica avvia una causa per genocidio contro Israele. Quando moralità e potere diventano multipolari. Commento.

[…] Zelenskyj sa che per il suo piano non ha bisogno solo del sostegno degli stati occidentali. Perché il “resto del mondo” è diventato sempre più rilevante dal punto di vista geopolitico, soprattutto perché i paesi del cosiddetto Sud del mondo hanno acquisito influenza economica.

Il potere economico degli stati Brics

I paesi Brics rappresentano ora il 30% della produzione economica globale, mentre il G7 è inferiore – e la tendenza è contro USA, Germania, Giappone e Co.

[...] La "guerra al terrore" che gli Stati Uniti hanno lanciato sotto la presidenza Bush nel 2001 e che continua ancora oggi nelle regioni arabe e africane non è stata, come proclamato dalla Casa Bianca, portata avanti dalla "volontà collettiva di il mondo", per ripristinare l'ordine di pace globale.

Piuttosto, l’alleanza occidentale ha agito per proprio conto, calpestando i valori ed essendo indifferente agli interessi e ai bisogni del “resto del mondo”, se non diretta contro di essi.

Ma è anche vero che molti Stati del Sud hanno obbedito agli ordini e agli ordini di Washington oppure sono rimasti in disparte perché non volevano attirarsi il disfavore degli Stati Uniti.

Questo è cambiato. Non solo quando si tratta della guerra in Ucraina, nella quale molti paesi, tra cui Cina e India, continuano a commerciare con la Russia, nonostante il regime di sanzioni di Stati Uniti e Unione Europea, mentre il Brasile del presidente Lula annuncia con sicurezza che inviterà Putin a incontri globali. (Brics e G20) da invitare quest'anno...

*

Stati Unitiindustria della difesaspese militari

A beneficiare degli aiuti all’Ucraina è l’industria degli armamenti, non l’economia

Negli Stati Uniti i fondi vengono venduti a Kiev come motore di lavoro. Ma non è vero. Perché serve i ricchi piuttosto che le classi più povere. Posto ospite.

Gli Stati Uniti estenderanno i finanziamenti alla guerra difensiva dell’Ucraina contro la Russia? Il Congresso degli Stati Uniti ha difficoltà a rispondere a questa domanda.

I repubblicani vogliono negare il loro consenso finché il presidente degli Stati Uniti Joe Biden non accetterà di rafforzare la sicurezza al confine tra Stati Uniti e Messico. Poiché il sostegno politico all’Ucraina sembra vacillare, la Casa Bianca è nervosa – e giustamente.

La narrativa del vantaggio generale

Per convincere i legislatori della necessità di armare l’Ucraina, lo scorso anno il presidente americano Biden ha sottolineato i vantaggi economici per gli Stati Uniti. L’idea alla base di questa strategia era che molti elettori avrebbero potuto erroneamente presumere che “aiutare l’Ucraina” significhi trasferire ingenti somme di denaro su conti bancari a Kiev.

In effetti, gran parte degli aiuti militari americani arrivano sotto forma di forniture in natura, come armi e munizioni, provenienti dalle scorte statunitensi esistenti. Se il Congresso voterà per continuare a sostenere l’Ucraina, la parte del leone di questi fondi andrà alle società nazionali incaricate di ricostituire le scorte di armi del Pentagono…

*

persecuzionedistruzioneomicidio di massa

Ricordando la Conferenza di Wannsee

"Cosa si fanno le persone l'una con l'altra?"

Il 20 gennaio 1942 i nazisti pianificarono lo sterminio della popolazione ebraica europea. Il vicedirettore del memoriale spiega in un'intervista quanto sia importante, soprattutto oggi, il ricordo della Conferenza di Wannsee.

tagesschau.de: Il 20 gennaio 1942, 15 funzionari amministrativi si riunirono nella sala conferenze di Wannsee per un incontro seguito da una colazione, come si diceva, per pianificare un omicidio di massa. Come avvicinare questo evento storico ai bambini e ai ragazzi?

Matthias Hass: Questa è davvero una storia complessa per trasmettere il coinvolgimento dell'amministrazione statale nell'organizzazione, pianificazione ed esecuzione dell'omicidio di massa. Dobbiamo concentrarci sui partecipanti e farlo sulla base di storie concrete, sulla base di biografie concrete: cosa spinge gli autori a prendere parte a tali crimini, anche alle loro scrivanie? Quale ideologia c’è sullo sfondo della comunità nazionale e dell’antisemitismo?

Ma ovviamente dobbiamo raccontare anche la storia delle vittime. Dobbiamo raccontare cosa è successo alle persone che non solo hanno dovuto affrontare la persecuzione dal gennaio 1942, ma che hanno subito l'esclusione, la discriminazione e la persecuzione subito dopo il 30 gennaio 1933? E come lo affrontano? Dobbiamo raccontare questa storia specifica.

E comunque non è interessante solo per i bambini e i giovani, ma per tutti noi. Questa è una storia inquietante e irritante che dobbiamo raccontare. Normale amministrazione statale: le persone lavorano dalle 9 alle 5 e lo scopo del lavoro è la deportazione e l'omicidio di milioni di persone. Questa è una sfida che dobbiamo affrontare ancora e ancora.

[...] Incontro a Potsdam “scioccante anche per noi”

tagesschau.de: La settimana scorsa si è saputo che in una villa a Potsdam, che in linea d'aria dista solo pochi chilometri dal memoriale della Casa della Conferenza di Wannsee, ha avuto luogo un incontro tra ambienti di destra ed estremisti di destra. Qui si è discusso tra l'altro dell'espulsione di persone con un passato migratorio. Quali sfide derivano dalla rinascita dei movimenti populisti ed estremisti di destra? 

Odio: Questo è davvero scioccante anche per noi. E i riferimenti fatti, soprattutto al luogo della Conferenza di Wannsee, sono diversi. Penso che negli ultimi dieci anni siamo tutti rimasti sorpresi dal fatto che in molti momenti dobbiamo portare avanti discussioni, dibattiti e lavori educativi che pensavamo di aver già lasciato indietro in alcuni momenti. Non è così. Questa è una sfida.

*

manifestazioni per Demokratie

Decine di migliaia di persone attese alle manifestazioni contro la destra

Questo fine settimana in tutta la Germania sono state annunciate più di 90 manifestazioni contro l'estremismo di destra. Sono attese decine di migliaia di persone. Dove ci sono manifestazioni ovunque

Nel fine settimana parteciperanno decine di migliaia di persone in tutta la Germania Manifestazioni contro la destra e per la democrazia previsto.

[...] Una manifestazione contro la destra e l'AfD ad Amburgo venerdì sera ha dovuto essere annullata a causa dell'elevato numero di persone. Uno degli organizzatori ha citato problemi di sicurezza. La gente è crollata tra la folla e i vigili del fuoco non sono riusciti a passare. La polizia ha parlato di 50.000 partecipanti, gli organizzatori di 80.000. Secondo le informazioni della polizia, più di 10.000 persone sono scese in strada a Münster, 13.000 a Bochum, circa 4.000 a Kiel e 3.000 a Jena...

*

impianti fotovoltaicioperatore di reteStazioni di ricarica

Tetti solari e stazioni di ricarica

I rivenditori lamentano tempi di attesa lunghi

I rivenditori in Germania lamentano lunghi tempi di attesa per il collegamento di impianti fotovoltaici e stazioni di ricarica e chiedono un'elaborazione più rapida da parte degli operatori della rete di distribuzione. Secondo informazioni dell'agenzia di stampa tedesca, tra i soggetti colpiti dai ritardi figurano i colossi del commercio al dettaglio Aldi Nord, Edeka, Lidl e Rewe, il gruppo all'ingrosso Metro e il rivenditore di mobili Ikea.

“I rivenditori hanno grandi difficoltà a collegare alla rete i sistemi solari e i punti di ricarica elettrica. Ciò non può essere nello spirito della transizione energetica”, ha affermato Stefan Genth, amministratore delegato dell’Associazione tedesca del commercio (HDE). Le aziende aspettano quindi fino a 18 mesi prima che venga stabilita una connessione.

[...] Secondo le proprie informazioni, l'Agenzia federale delle reti è in contatto con gli operatori di rete. Secondo l’autorità, il numero di nuovi edifici è quadruplicato tra il 2021 e il 2023. È interessante notare che gli operatori di rete intervistati sono riusciti a mantenere i tempi di elaborazione pressoché costanti, ha affermato un portavoce. Il pacchetto solare lanciato dal Ministero federale dell’economia porterà ulteriore sollievo. “Siamo ottimisti sul fatto che i tempi di elaborazione non rimarranno un problema a lungo termine”.

*

Israelecrimini di guerraGaza

Conflitto in Medio Oriente

Il blackout come arma

Guerra di Gaza: Israele nasconde gli attacchi dietro barriere di comunicazione. Avviate nuove cause legali

Venerdì le connessioni telefoniche e internet a Gaza sono state interrotte per il settimo giorno consecutivo. Il blackout è causato da Israele. Dall’inizio della guerra, il 7 ottobre 2023, Israele ha tagliato la fascia costiera palestinese da tutte le comunicazioni prima di attacchi particolarmente gravi, per non essere disturbato durante le sue azioni militari. Ma senza telefoni e Internet le persone non possono avvisarsi a vicenda. Le persone colpite non possono raggiungere i paramedici e le forze di protezione civile. Al contrario, le squadre di soccorso non possono individuare il punto in cui le bombe e i razzi hanno colpito per poter correre lì e aiutare. I previsti blackout mirano non da ultimo ad impedire ai giornalisti di trasmettere i loro servizi dalla zona di guerra. Senza connessioni telefoniche e Internet, anche le organizzazioni internazionali come l’ONU non sono in grado di trasportare le loro forniture mediche e umanitarie, cibo, indumenti caldi o coperte alle persone.

[...] Venerdì il Messico si è unito alla causa intentata dal Cile il 9 gennaio presso la Corte penale internazionale dell'Aia. Come il Sud Africa, i due stati dell’America Latina accusano Israele di crimini contro l’umanità e di crimini di guerra a Gaza. La mossa del Messico e del Cile è una risposta alla crescente violenza a Gaza, soprattutto contro la popolazione civile, si legge in una nota del Ministero degli Esteri messicano.

*

INES Categoria 4 "Infortuni"20. Gennaio 1965 (INES 4 | NAM 3,7) LLNL, Livermore, Stati Uniti

Circa 259 TBq furono liberati dal camino dell'impianto di trizio nel 1965. Questo incidente fu tenuto segreto per anni, durante i quali la popolazione crebbe e costruì case su terreni contaminati. (Costo circa US $ 6,1 milioni)

Incidenti di energia nucleare
 

Attento all'ecologia di Livermore

Livermore Eco Watchdogs (questo dominio non sarà più disponibile nel 2023.)

Dosi storiche al pubblico da rilasci di routine e accidentali di trizio

Durante i suoi cinquantatré anni di attività, il sito di Livermore del Lawrence Livermore National Laboratory ospitava circa 29.300 TBq trizio rilasciato nell'atmosfera; circa il 75% di esso fu accidentalmente rilasciato come trizio gassoso nel 1965 e nel 1970. Le emissioni di routine hanno contribuito con poco più di 3.700 TBq trizio gassoso e circa 2.800 TBq vapore acqueo triziato alla dose totale a...

traduzione con https://www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)
 

La seconda dose più alta è risultata dal Rilasciato 222 TBq nel 1970.

UTILIZZO DEL TRIZIO PRESSO IL LABORATORIO DI LIVERMORE:

Trizio e il Lawrence Livermore National Laboratory

Due dei tre più grandi incidenti dovuti al trizio che abbia mai visto documentati si sono verificati qui nella sede del Livermore Lab. Nel 1965 e nel 1970, il Livermore Lab pubblicò circa 650.000 Curie (23.700 TBq) Trizio rilasciato nell'aria dai camini dell'impianto trizio (Edificio 331).

Nota: una curie corrisponde a 37 miliardi di processi di decadimento radioattivo al secondo, in becquerel 37 GBq.

Dopo l'incidente del 1965, non sono disponibili molti dati sull'andamento del vento, sulle precipitazioni, ecc., ma dopo l'incidente del 1970, gli scienziati del Livermore Lab hanno trovato livelli elevati di trizio che hanno collegato all'incidente del 1970, fino a Fresno, a sud-est a circa 200 lontano miglia.

traduzione con https://www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)
 

wikipedia di

Purtroppo si trova anche in tedesco wikipedia nessuna informazione sugli incidenti del 1965 e del 1970.

Lawrence_Livermore_National_Laboratory

Wikipedia su

Anche nella Wikipedia inglese c'è solo la solita cronaca giudiziaria.

Lawrence_Livermore_National_Laboratory#Public_protests

Proteste pubbliche

* Gruppo d'azione di Livermore organizzò numerose proteste di massa contro la produzione di armi nucleari da parte del Lawrence Livermore National Laboratory dal 1981 al 1984. Il 22 giugno 1982, più di 1.300 attivisti contro le armi nucleari furono arrestati durante una manifestazione non violenta. Più recentemente, ci sono state proteste annuali contro la ricerca sulle armi nucleari a Lawrence Livermore. Nell'agosto 2003, 1.000 persone protestarono contro le "testate nucleari di nuova generazione" ai Livermore Labs. 2007 persone sono state arrestate durante le proteste del 64. Nel marzo 2008, più di 80 persone furono arrestate mentre protestavano fuori dai cancelli.

traduzione con https://www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

 


19. gennaio


 

Gran BretagnaStati UnitiAssange

Solidarietà ad Assange a Londra:

Un Tory dice le cose come stanno

Alla fine di febbraio in Gran Bretagna verrà presa la decisione sull'estradizione di Julian Assange negli Stati Uniti. A proposito di un incontro alla Conway Hall.

[...] Tra un mese, il 20 e 21 febbraio, il team legale del fondatore di Wikileaks Assange lancerà quello che probabilmente sarà l'ultimo tentativo possibile in Gran Bretagna di contestare la sua espulsione negli Stati Uniti davanti alla Corte Suprema.

Assange aveva vinto e perso precedenti cause giudiziarie. L’ultima notizia è che il governo britannico lo deporterà tramite un accordo di estradizione tra Stati Uniti e Regno Unito. Se fallisce a febbraio, è ancora possibile ricorrere alla Corte europea dei diritti dell'uomo.

[...] Di tutti i presenti, è David Davis che, in quanto conservatore, ha più probabilità di essere ascoltato negli ambienti governativi. “Tutti, indipendentemente dal colore, dalla politica, dall’origine o dalla religione, meritano un processo giusto, una giustizia giusta, non una privazione arbitraria della libertà”, inizia con un’osservazione sul suo precedente lavoro per i prigionieri di Guantanamo Bay.

[...] Davis ha concluso il suo discorso con una citazione del noto giudice britannico Lord Sumption: “La libertà di espressione include il diritto di pubblicare informazioni, anche se controverse, disturbanti o imbarazzanti per le autorità o altre persone”. Chiunque creda in una società libera che crede in una stampa libera e in un sistema giudiziario giusto deve essere convinto che Assange avrebbe dovuto essere libero da molto tempo...

*

Unione Cristiano-Sociale e altri Catturatore di pegni

Come la CSU ha dimenticato le sue piste ciclabili in Perù

Il segretario generale della CSU Huber accusa il governo di distribuire i soldi tedeschi in tutto il mondo invece di sostenere gli agricoltori locali. L’AfD aveva già sostenuto la stessa cosa. Il semaforo difende gli aiuti allo sviluppo che non sono mai iniziati.

Joana Cotar ha iniziato con le piste ciclabili in Perù. Il 1° dicembre 2023 ha accusato la coalizione del semaforo del Bundestag di aver fissato priorità sbagliate nel proprio bilancio. Cotar era in passato membro del gruppo parlamentare AfD, ma ora siede in parlamento come deputato non iscritto.

[...] Se ne occupa anche il segretario generale della CSU Martin Huber. Il 16 gennaio continuava a scrivere

Nel suo post, Huber elenca una serie di progetti che la Germania sta cofinanziando: frigoriferi verdi in Colombia, ad esempio, e sviluppo di villaggi sensibili al genere in Bangladesh.

Ciò che Huber non dice: i progetti da lui menzionati vengono portati avanti solo al semaforo. Gli impegni per sovvenzioni e prestiti per piste ciclabili e autobus in Perù, ad esempio, risalgono al 2020. Sono stati assunti dal predecessore di Schulze: Gerd Müller - come Huber della CSU....

*

Bundeswehr | Nato | Esercitazione militare

Giochi di guerra in Europa: come la Bundeswehr si sta preparando per un possibile attacco russo

La manovra della Quadriga prevede lo spostamento rapido delle truppe verso il confine russo. Gli scenari vengono rappresentati in un “documento segreto”. Cosa c'è dietro?

Attualmente circola sui media un "documento segreto" della Bundeswehr, che si basa su uno scenario in cui vengono utilizzati massicci trasferimenti di truppe per rispondere ad un attacco russo potenzialmente imminente - dal punto di vista della NATO. In generale oggi viene attribuita grande importanza al rapido trasferimento di soldati e materiali verso i confini della Russia.

Giocando alla guerra per diversi mesi

Già al vertice NATO del giugno 2022, la NATO ha deciso di aumentare massicciamente gli obiettivi rilevanti, che ora costituiscono anche la base per il documento della Bundeswehr attualmente in discussione. Ciò rappresenta una sfida enorme, soprattutto dal punto di vista logistico, con la Germania e la Bundeswehr che svolgono un ruolo centrale.

[…] In effetti, è tutt’altro che normale che tutte le risorse vengano investite nel riarmo e nella preparazione di una possibile guerra con la Russia, mentre non viene fatto quasi alcuno sforzo per uscire dall’attuale spirale di escalation… 

*

FranciaSchweizMobiltelefoneValore SAR

Radiazioni degli apparecchi: il Consiglio federale si oppone al controllo

Finora più di 40 telefoni cellulari non hanno superato i test di sicurezza francesi. La Svizzera continua a guardare deliberatamente dall’altra parte.

Qualche mese fa anche in Svizzera ha fatto notizia che l'iPhone 12 di Apple non ha superato i test francesi. Anche a questo l'ANFR ha risposto con un richiamo. Da allora Apple ha offerto un aggiornamento software, il che significa che il dispositivo è stato nuovamente approvato in Francia.

Tuttavia, Belgio, Germania e Italia, che avevano anch'essi richiesto l'aggiornamento, non lo hanno ricevuto. E neanche gli utenti svizzeri ne hanno ricevuto uno. Lo ha confermato a Infosperber un portavoce di Apple. Ciò significa che il dispositivo non sarebbe effettivamente conforme al mercato di questo paese.

Un portavoce dell'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) ha scritto a Infosperber: "La Svizzera non ha richiesto un aggiornamento ad Apple". Come altri stati dell’UE, stanno aspettando una decisione della Commissione UE per adottare la valutazione di conformità francese. Apple ha affermato che il risultato è dovuto allo speciale protocollo di test francese.

Gli addetti ai lavori non sono convinti da questo argomento. La Francia è l’unico paese europeo che effettua sistematicamente test (Lo ha riferito Infosperber). Il professore emerito dell’ETH Niels Kuster, che sviluppa e vende i sistemi di misurazione con la società SPEAG, ha dichiarato a Infosperber: “Il fatto che Apple abbia dovuto installare l’aggiornamento solo su dispositivi registrati in Francia ha sorpreso molti in Europa”. ...

*

ultima generazione | accusato | organizzazione criminale

La procura di Flensburg sta indagando su Last Generation

È controverso tra gli avvocati se Last Generation possa essere un'organizzazione criminale. Ora gli investigatori del Nord adottano la linea dura.

La procura di Flensburg sta indagando su diversi membri di Last Generation perché sospettati di far parte di un'organizzazione criminale. Lo afferma l'Autorità in un comunicato.

Alla base ci sono “gli accertamenti sulla struttura organizzativa e gli attacchi contro le infrastrutture sicure dei trasporti e dell'approvvigionamento in diversi Länder”. Nell'annuncio non sono stati forniti dettagli. L'indagine è ancora in corso, si legge.

[...] A Sylt lo scorso giugno hanno spruzzato di vernice, tra le altre cose, il bar di un albergo e un aereo e hanno anche danneggiato l'erba di un campo da golf. L'ufficio del pubblico ministero di Flensburg ha ora accusato diversi membri di sospettati di danni alla proprietà, violazione di domicilio e interruzione delle operazioni pubbliche.

Milioni di danni a Sylt

I danni materiali sono quindi ingenti. Il solo costo del denigrato aereo privato ammonta ad “almeno un milione di euro”. L'hotel costa circa 46.000 euro. In totale si tratta probabilmente di circa 1,4 milioni di euro. Il pubblico ministero ha sottolineato che gli imputati non erano sospettati di partecipazione ad un'organizzazione criminale...

*

Divieto dell'AfD e Petizione Höcke:

Esci dal tuo incoscienza

La destra minaccia di prendere il potere e la resistenza antifascista finalmente cresce. I tribunali potrebbero sostenerlo. Non pessimismo.

Che barlume di speranza in questi giorni bui: qualcosa si sta muovendo nelle strade tedesche - e non è di destra! Circa dieci anni dopo che l’Antifa ha iniziato a organizzarsi contro l’AfD, sempre più tedeschi medi riconoscono ora che l’AfD è un pericolo contro cui bisogna fare qualcosa. Migliaia di persone partecipano alle manifestazioni, discutono sulle strategie e firmano petizioni. E' semplicemente buono.

Ma invece di rallegrarsi, altri si lamentano: non è legale vietare un partito come l’AfD o privare il fascista Björn Höcke di alcuni diritti fondamentali, come richiede la petizione. Queste persone hanno più paura di discriminare i neonazisti che di essere governate dai neonazisti? O ritieni che tu stesso sarai tra gli ultimi ad essere deportato? ...

*

Stati Uniti pagare $ 1,1 miliardi per la proroga del termine di Canyon del Diabolo

Il governo degli Stati Uniti approva il finanziamento federale per Diablo Canyon

Il governo degli Stati Uniti ha firmato l’accordo di prestito e pagamento che finalizza il pagamento di 1,1 miliardi di dollari in prestiti nell’ambito del programma Civil Nuclear Credit (CNC) per mantenere le operazioni presso la centrale nucleare di Diablo Canyon.

I pagamenti saranno effettuati nell’ambito del programma Civil Nuclear Credit (CNC), un investimento strategico di 6 miliardi di dollari ai sensi della legge bipartisan sulle infrastrutture progettato per aiutare a mantenere il funzionamento della flotta di reattori esistente degli Stati Uniti. La centrale elettrica della Pacific Gas and Electric Company (PG&E) ha ricevuto il prestito a condizioni nel novembre 2022.

“Il mantenimento delle centrali nucleari del paese è fondamentale non solo per raggiungere gli obiettivi americani di energia pulita, ma anche per garantire una fornitura affidabile di energia alle case e alle imprese in tutto il paese”, ha affermato Maria Robinson, direttrice del Grid Deployment Office del Dipartimento di Difesa degli Stati Uniti. Energia. Ha aggiunto: "L'annuncio dimostra l'impegno del governo nei confronti dell'energia nucleare nazionale, preservando la produzione di elettricità esistente e sostenendo allo stesso tempo un'industria dell'energia nucleare più forte".

I pagamenti verranno effettuati a rate su quattro anni di attività a partire dal 2023, con importi adeguati, tra l'altro, ai costi effettivi di gestione dei due blocchi. Il primo pagamento nel 2025 sarà effettuato in base al funzionamento della centrale nel 2023 e nel 2024...

traduzione con https://www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

*

sussidi | Agricoltori | Agroalimentare

Politica agricola comune (PAC)

I falsi agricoltori guadagnano

Sovvenzioni agricole UE: agricoltori e aziende agricole non tra i principali beneficiari. Tra i beneficiari figurano comuni, investitori finanziari, aziende e associazioni ambientaliste

Sembra un cliché: i sussidi agricoli dell’UE sono destinati agli agricoltori e agli operatori agricoli. Chi altro, vero? Neanche vicino! Non c'è nessuna azienda agricola, nessun coltivatore di barbabietole, nessun allevatore di bestiame tra i primi dieci beneficiari in questo paese. Chi raccoglie? Ministeri, aziende statali, colossi agricoli. E aziende esterne al settore, come RWE e Aldi Nord. Una cosa colpisce se si guarda l'elenco dei beneficiari: anche le associazioni ambientaliste, l'Associazione tedesca per la conservazione della natura (Nabu) e l'Associazione per la conservazione dell'ambiente e della natura tedesca (BUND) ricevono finanziamenti milionari dalla politica agricola comune dell'UE ( PAC). Secondo l’Ufficio federale dell’agricoltura e dell’alimentazione (BLE), nel 2022 da Bruxelles sono passati complessivamente sette miliardi di euro a 315.000 beneficiari in Germania.

[...] Come giustificano le associazioni ambientaliste il loro impegno sovvenzionato? Nabu riceve molti soldi dalla politica agricola dell'UE, ha confermato Laura Henningson, consulente per la biodiversità agricola, interpellata da jW. Questo finanziamento servirebbe a finanziare la fornitura di servizi di conservazione. Inoltre afferma: "Ci posizioniamo chiaramente contro i bonus superficiali forfettari, ma non contro i pagamenti legati alle prestazioni che sostengono un'agricoltura rispettosa della natura", sostiene in modo simile Patrick Müller del BUND. Le singole divisioni della sua associazione riceverebbero sussidi agricoli. In questo modo hanno preservato le superfici con una qualità particolarmente elevata, motivo per cui il finanziamento “in questo caso è molto giustificato”, ha affermato il consulente per la politica agricola. Tuttavia, le somme destinate all'associazione sono piuttosto meno significative. Il portale specializzato top agrar stima che i sussidi UE per il BUND nel 2022 ammontino a oltre 1,45 milioni di euro.

Ma come prevenire, almeno su larga scala, il “land grabbing”? Van Aken di Greenpeace ha un suggerimento: la soluzione semplice: tagliare i sussidi alle grandi aziende a 300.000 euro all'anno. Un’opzione che la PAC consente. Il problema: "Il governo federale vi ha rinunciato." Il risultato: gli eccessi restano, gli investitori finanziari e le multinazionali continuano a sovvenzionare generosamente la loro immagine "verde".

 


18. gennaio


 

Norvegia | Mare del Nord | Trivellazione petrolifera

Gli attivisti climatici in Norvegia hanno fatto causa con successo contro l’approvazione del petrolio

Nella disputa che dura da anni tra i protettori del clima e la nazione petrolifera della Norvegia, le organizzazioni per la protezione dell’ambiente hanno potuto rivendicare una vittoria. Secondo la sentenza le autorizzazioni per tre giacimenti di petrolio e gas nel Mare del Nord non sono valide.

Gli attivisti climatici hanno fatto causa con successo in Norvegia contro l'approvazione di tre giacimenti di petrolio e gas nel Mare del Nord. Il tribunale distrettuale di Oslo ha dichiarato non validi i permessi per i campi Breidablikk, Yggdrasil e Tyrving. Secondo la sentenza lo Stato ha violato le condizioni in materia di permessi. Le organizzazioni ambientaliste ricorrenti Greenpeace e Nature and Youth avevano ragione nel sostenere che lo Stato aveva violato le condizioni della più alta corte del paese perché gli impatti climatici non erano stati esaminati al momento dell'approvazione dei giacimenti...

*

Era arrivato il 2024 Europa al largo-Centrali eoliche costruito con la capacità di 2 o 3 grandi centrali nucleari

Record per le nuove turbine eoliche in mare

L’anno scorso in Europa sono entrate in funzione più nuove turbine eoliche offshore che mai. Secondo i dati del settore, la produzione dei parchi eolici al largo delle coste è aumentata di oltre un terzo. 

Secondo i dati preliminari dell'associazione eolica WindEurope, l'anno scorso in Europa sono stati collegati alla rete complessivamente 4,2 gigawatt di capacità installata nei parchi eolici offshore. Si tratta del 40% in più di capacità marittima rispetto al 2022. La maggior parte della capacità è stata installata nelle aree marittime di Paesi Bassi, Francia e Gran Bretagna.

Secondo la Onshore Wind Energy Foundation, a metà dello scorso anno in Germania erano in funzione più di 1.500 turbine eoliche offshore con una potenza totale di 8,4 gigawatt.

[…] L'anno scorso l'Unione Europea ha approvato un piano d'azione con 15 misure immediate a sostegno del settore eolico. L’UE prevede di raggiungere una quota di energia rinnovabile pari ad almeno il 42,5% entro il 2030.

*

Groenlandia | Cambiamenti climatici | Corrente del Golfo

La Groenlandia perde 30 milioni di tonnellate di ghiaccio all’ora

L'isola più grande del mondo sta sudando: secondo un nuovo studio, negli ultimi 40 anni la Groenlandia ha perso il 20% in più di ghiaccio del previsto. Ciò potrebbe avere conseguenze per la Corrente del Golfo.

La calotta glaciale della Groenlandia ha perso un’area di 1985 chilometri quadrati tra il 2022 e il 5091, un’area grande circa il doppio della Saarland. È quanto emerge da uno studio pubblicato mercoledì sulla rivista Nature. Si tratta di circa il 20% in più rispetto a quanto ipotizzato in precedenza.

Il lavoro ha esaminato principalmente il ritiro dei ghiacciai della Groenlandia. Di conseguenza, nel periodo esaminato, rompendosi in mare, si sono perse 1034 gigatonnellate di ghiaccio in più di quanto l'isola ne abbia potuto aggiungere, ad esempio a causa delle nevicate - quindi, calcolando i conti, l'isola perde l'enorme numero di 30 milioni di tonnellate di ghiaccio all'ora...

*

AfD | democrazia difensiva | Divieto di feste

Centinaia di migliaia in strada: questo è il “popolo”, AfD!

I tedeschi si alzano. Contro l'AfD. Contro il fascismo. Questo, caro AfD, è il “popolo” per cui dici sempre di parlare. Questa è la maggioranza dei tedeschi! E non ti vogliono!

In risposta allo studio Correctiv, l'AfD abbassa le maschere e riconosce al più tardi le parole chiave dell'estrema destra. I politici dell’AfD ammettono apertamente che i piani di deportazioni di massa sono veri. La versione ufficiale ammette che si vuole privare i tedeschi della cittadinanza per deportarli. E migliaia di sostenitori dell’AfD chiedono nei commenti la pulizia etnica e politica. La frazione AfD brandeburghese ammette apertamente di sostenere i piani dell'incontro segreto.

[...] Questo partito è fondamentalmente costruito sull'odio, sulla menzogna e sulla divisione! I vostri piani o sono apertamente incostituzionali oppure servono solo allo scopo di banalizzarli e ingannare la popolazione abbastanza a lungo da prendere il potere!

[...] Possiamo tornare indietro ORA! Ora possiamo educare le persone e salvarci democraticamente da questo partito! Prima che sia troppo tardi! Lo slancio c'è. Stiamo discutendo seriamente se la Corte costituzionale federale debba decidere di vietare l’AfD. Nostro La petizione ha quasi 700.000 firme.

*

Mobiltelefone | Valore SAR

I telefoni cellulari hanno irradiato troppe radiazioni per decenni - fino ad oggi?

I produttori di telefoni cellulari hanno deliberatamente condotto test sulle radiazioni non realistici. Ancora oggi non esistono quasi controlli indipendenti.

Solo pochi anni fa le cosiddette rivelazioni Phonegate hanno dimostrato che le radiazioni emesse dai dispositivi mobili non sono adeguatamente controllate. Con l'eccezione di osservatore (Paywall), nessun media in questo paese finora ne ha parlato in modo approfondito.

L'entità degli effetti delle radiazioni dei dispositivi mobili come smartphone o tablet sul corpo umano viene misurata utilizzando il cosiddetto valore SAR. Questo determina l'energia assorbita in una parte specifica del corpo misurando la temperatura sulla pelle.

Ma i limiti sono controversi. In primo luogo perché i produttori hanno voce in capitolo su come vengono effettuate le misurazioni. In secondo luogo perché gli scienziati presuppongono che una semplice misurazione della temperatura non esclude la possibilità che le radiazioni colpiscano il corpo in altri modi, e anche con intensità inferiore. E in terzo luogo perché, come in Svizzera, non esiste quasi alcun controllo indipendente sul rispetto dei valori limite prescritti da parte degli apparecchi.

[…] Nel 2020 la Francia ha chiesto all’UE che i valori limite vengano ora rispettati senza alcuna distanza. Niels Kuster prevede che il cambiamento entrerà in vigore quest'estate. “Anche se l’industria non ne è contenta perché sta diventando sempre più difficile produrre dispositivi conformi”.

Tuttavia, probabilmente non sarà sicuro se i dispositivi saranno in grado di soddisfare i nuovi standard a lungo termine senza essere testati nei paesi interessati. Perché finora solo la Francia sta effettuando test sistematici.

*

Portogallo | siccità | Wasserversorgung

Il governo portoghese limita le forniture idriche in Algarve

Il sud del Portogallo soffre da mesi di una persistente siccità. In futuro le famiglie e le aziende agricole dovranno limitare notevolmente il consumo di acqua.

A causa della persistente siccità nella regione dell'Algarve, nel sud del Portogallo, molto apprezzata dai turisti, il governo ha ordinato di ridurre il consumo di acqua. L'approvvigionamento idrico per le famiglie della regione sarà ridotto del 15%, ha annunciato mercoledì sera il ministro dell'Ambiente Duarte Cordeiro dopo una riunione di crisi. Per il momento le aziende agricole dovrebbero cavarsela addirittura con circa il 25% in meno di acqua...

*

INES Categoria 2 "Incidente"18. Gennaio 2012 (INES 2) Akw Cattenom, FRA

wikipedia

Cattenom

Un componente mancante non ha impedito il riflusso nelle linee di raffreddamento del pool di stoccaggio per i gruppi di carburante delle unità 2 e 3. Il bacino di accumulo potrebbe essersi svuotato in modo incontrollato. A causa di un malfunzionamento, la linea di iniezione dell'acqua di raffreddamento della piscina del combustibile esaurito potrebbe, invece di alimentare regolarmente l'acqua, aspirare acqua dalla piscina, che la svuoterebbe lentamente e porterebbe a maggiori rilasci di radioattività. Di solito c'è un dispositivo per interrompere questo processo di aspirazione. A Cattenom è stato scoperto a gennaio che questo non era mai stato allegato ai blocchi 2 e 3. Se lì si fosse svuotato il bacino, l'ultima contromisura avrebbe potuto essere quella di pompare in acqua esterna, ad esempio dal fiume, utilizzando mezzi antincendio cisterna e raccordi per manichette...

 

La piaga delle centrali nucleari

Cattenom

Nel luglio 2012, l'Autorità francese di regolamentazione nucleare (ASN) ha chiesto all'operatore Électricité de France (EDF) di sostituire le motopompe per fornire acqua ai serbatoi di decadimento perché non erano sufficientemente robuste in caso di surriscaldamento del carburante. Ciò colpisce le centrali nucleari Cattenom, Belleville, Flamanville, Paolo e Sant'Albano ...

 


17. gennaio


 

Rosatom | FramatomeFabbrica di elementi combustibili Lingen

Fabbrica di elementi combustibili senza russi:

Rosatom non dovrebbe andare a Lingen

L'azienda russa vuole impegnarsi nella produzione di barre combustibili nella Bassa Sassonia. Gli ambientalisti chiedono che il processo di approvazione venga interrotto.

BERLINO taz | Il processo di approvazione in corso per l'ampliamento della fabbrica di elementi combustibili a Lingen, in Bassa Sassonia, deve essere annullato. Questo è ciò che hanno chiesto mercoledì ad Hannover le iniziative antinucleari. La fabbrica di Lingen “Advanced Nuclear Fuels” (ANF), come l’impianto di arricchimento dell’uranio a Gronau, in Vestfalia, è esclusa dall’eliminazione graduale del nucleare tedesco.

Anche il gestore dell'impianto di Lingen, l'impresa nucleare francese Framatome, in futuro intende produrre lì, su licenza e in collaborazione con l'impresa statale russa Rosatom, elementi combustibili per i reattori di progettazione russa. A tal fine Framatome ha fondato una joint venture in Francia con la filiale di Rosatom TVEL. Tuttavia, secondo i critici, i documenti per la richiesta di ampliamento, redatti dall'inizio di gennaio dal Ministero dell'Ambiente della Bassa Sassonia, nascondono il ruolo esplosivo dell'azienda russa nel progetto.

[...] Per far sentire le loro richieste, le iniziative ambientaliste e antinucleari hanno annunciato un'altra manifestazione a Lingen. L'inizio è previsto questo sabato davanti al cancello della fabbrica di elementi combustibili.

*

Francia | L'energia eolica | EPR

Record assoluto di energia eolica: la Francia produrrà oltre il 2023% in più di energia eolica nel 30

Parigi - Nel 2023 la Francia ha prodotto e immesso in rete più energia eolica che mai. Oltre all’espansione dell’energia eolica onshore, anche l’energia eolica offshore sta guadagnando slancio.

Nella percezione pubblica, la politica energetica francese è ancora legata principalmente al dibattito sull'energia nucleare. Tuttavia, l’espansione francese delle energie rinnovabili avviene sullo sfondo, ma il ritmo di espansione e l’impatto sono significativamente più elevati rispetto all’energia nucleare.

La produzione di energia eolica in Francia raggiungerà un nuovo livello record nel 2023

Nel 2023 le turbine eoliche in Francia hanno prodotto e immesso in rete complessivamente 48 miliardi di kWh di elettricità (2022: 36,6 miliardi di kWh). Secondo i dati degli operatori di rete europei (Entso-e), si tratta di un aumento del 31,1% rispetto all'anno precedente e di un nuovo record annuale.

[...] La produzione di energia eolica offshore potrebbe quindi aumentare fino a circa 2035 MW (18.000 GW) entro il 18.

L’espansione dell’energia nucleare è troppo lenta: al massimo una nuova centrale nucleare in funzione entro il 2035

Mentre lo sviluppo delle energie rinnovabili in Francia può avvenire a ritmo sostenuto, l’espansione dell’energia nucleare in Francia difficilmente sta andando da nessuna parte. Della centrale nucleare di Flamanville (1.650 MW) è in costruzione solo una nuova centrale nucleare, e lo è dal 2007. L'ultima data indicata da EDF per la messa in servizio di Flamanville è il primo trimestre del 2024. Sarebbe un tempo di costruzione record di 17 anni...

*

Demokratie | Legge fondamentale | Divieto di feste

Dibattito sul divieto dell’AfD

Il momento è qui

Nella discussione sulla messa al bando dell’AfD in politica prevale lo scetticismo. Ci sono buone argomentazioni a riguardo. Ma in tempi di costante rottura dei tabù, la società civile non può risolvere il problema da sola.

L’ex presidente della Corte costituzionale Hans-Jürgen Papier è contrario, così come il ministro federale delle finanze Christian Lindner e il leader della CDU Friedrich Merz. Contro il divieto dell'AfD.

Le argomentazioni degli oppositori al divieto ricordano i tempi della scuola. Già allora, nelle lezioni di storia e di politica, si discuteva contro la messa al bando dei partiti, che oggi ricorre in diverse varianti. E questo non vuol dire affatto sembrare dispregiativo. Anche gli argomenti politici contro la messa al bando dei partiti meritano di essere presi in considerazione dal punto di vista costituzionale.

[...] TikTok, X e YouTube dettano il passo. E questi media non sono luoghi di dibattito e ascolto ponderati. Gli algoritmi dei social media si basano sullo stimolo rapido, sulle folle rumorose, sulla costante rottura dei tabù.

L’AfD si muove in questa nuova sfera pubblica online come un pesce nell’acqua. Pregiudizio e dispetto, sfida infantile, divisione del mondo in amici e nemici, in tedeschi veri e migranti pericolosi: questo modello incontra un pubblico dei social media in cui la premurosità, la differenziazione, la pazienza e l'empatia stanno diventando sempre meno il tono.

[...] La Legge fondamentale non è cieca di fronte a questa situazione. Per una buona ragione dispone di strumenti di difesa della democrazia, come la messa al bando dei partiti o la decadenza dei diritti fondamentali nel caso di agitatori estremisti di destra come Björn Höcke. Ma la politica deve creare uno scudo protettivo per la democrazia. Il momento è qui, proprio adesso.

*

Russia | Eco-attivista | Baimak

Proteste dopo la sentenza contro gli ecoattivisti in Russia

Chiunque protesti pubblicamente in Russia corre il rischio di finire in prigione. Ciò non ha impedito a molte persone in Bashkortostan di mostrare solidarietà al condannato Fail Alsynov.

La piccola città di Baimak si trova nell'estrema punta sud-orientale dell'Europa. Lì, nella repubblica russa del Bashkortostan sul Volga, diverse migliaia di persone hanno manifestato contro la condanna dell'ecoattivista locale Fail Alsynov. Secondo quanto riportato dai media, questo mercoledì Alsynov è stato condannato a quattro anni di carcere per presunte dichiarazioni razziste.

In un discorso contro l'estrazione dell'oro al consiglio del villaggio l'anno scorso, Alsynov ha usato due parole in baschiro che sono state tradotte in russo come "gente nera". La corte ha affermato che il suo discorso aveva lo scopo di "incitare all'odio e sminuire la dignità di un gruppo di persone in base alla razza, nazionalità, lingua o origine". Alsynov ha testimoniato che si riferiva alla gente "povera".

La più grande protesta dall'attacco all'Ucraina

Secondo le stime del portale Internet indipendente Vyorstka, più di 3000 persone si sono radunate davanti al tribunale della cittadina di Baimak per sostenere Alsynov. Gli osservatori parlano di una delle più grandi proteste in Russia dall'inizio della guerra di aggressione contro l'Ucraina.

I manifestanti hanno cantato "Libertà per Alsynov" e hanno chiesto le dimissioni del leader regionale Radii Khabirov, su cui richiesta era stato avviato il processo contro l'eco-attivista. Un video condiviso dai media "Ostorozhno Novosti" mostra le forze di sicurezza che usano la forza per allontanare la folla. Secondo testimoni oculari sono stati utilizzati anche gas lacrimogeni. Si dice che 15 persone siano rimaste ferite. Diverse persone sono state arrestate...

*

politica climatica | Prezzo CO2 | soldi per il clima

Lettera aperta delle associazioni al ministro delle Finanze

“Signor Lindner, paghi i soldi per il clima durante questa legislatura!”

Aiuto ambientale, centri di consulenza per i consumatori, Diakonie: più di una dozzina di associazioni si sono riunite per lanciare un appello urgente al ministro delle Finanze Lindner. Si tratta di una politica climatica socialmente giusta.

16 associazioni hanno scritto insieme una lettera aperta al ministro federale delle finanze Christian Lindner (FDP). Chiedono che i soldi per il clima vengano pagati durante questa legislatura. La lettera è disponibile esclusivamente allo SPIEGEL.

Nel fine settimana il ministro ha affermato in un’intervista che le possibilità tecniche per versare i soldi per il clima non saranno create prima del 2025. Se i soldi arriveranno effettivamente lo deciderà il prossimo governo federale. Si è trattato di un chiaro rifiuto di mantenere effettivamente questa promessa dell’accordo di coalizione prima delle prossime elezioni federali.

Per questo è già stato criticato da più parti. I soldi per il clima sono destinati a distribuire equamente a tutti i cittadini i proventi derivanti dai prezzi della CO₂, ad esempio dal gas e dal petrolio. L’idea alla base è quella di indirizzare i consumatori verso alternative a basso contenuto di CO₂, ma in definitiva di non togliere loro denaro: coloro che emettono particolarmente poca CO₂ spendono meno di quanto ricevono in soldi per il clima...

*

Corruzione | Parlamento europeoimmunità

La causa è stata respinta:

Il politico europeo Kaili fallisce davanti alla corte europea

L'ex vicepresidente del Parlamento europeo Eva Kaili è sospettata di frode e corruzione. Ora rischia di perdere la sua immunità.

L'eurodeputata greca Eva Kaili, sospettata di frode e corruzione, è stata sconfitta nella sua lotta contro la revoca della sua immunità parlamentare.

Secondo le informazioni di martedì sera, il tribunale dell'UE ha respinto come inammissibile la causa di Kaili contro la procedura prevista. L'ex vicepresidente parlamentare aveva tentato di contestare la richiesta di revoca dell'immunità avanzata dal procuratore generale europeo Laura Kövesi...

*

CO2 e acqua per trasformazione chimica zu carbonio e idrogeno

Come convertire la CO2 dell'aria in fibra di carbonio

La catalisi combinata produce nanofibre di carbonio solide dal biossido di carbonio

Stoccaggio innovativo del carbonio: utilizzando un nuovo approccio, i chimici sono riusciti a convertire il gas serra biossido di carbonio in un materiale utile: le nanofibre di carbonio. Ciò è reso possibile da una reazione tandem in cui le fibre di carbonio vengono create da CO2 e acqua in due fasi catalitiche, come riferiscono i ricercatori in “Nature Catalysis”. Il processo potrebbe quindi compensare efficacemente le emissioni e produrre anche prezioso idrogeno.

L’anidride carbonica (CO2) prodotta dalle attività umane è in gran parte responsabile del riscaldamento globale. I ricercatori sono quindi da tempo alla ricerca di un modo elegante ed efficace per ridurre la concentrazione di CO2 nell’aria e per immagazzinare il carbonio in modo permanente. Senza questi sforzi, gli obiettivi climatici della comunità globale probabilmente non verrebbero raggiunti e il nostro pianeta continuerebbe a surriscaldarsi.

Tuttavia, i processi precedenti per la cosiddetta cattura della CO2 spesso richiedono alte temperature, alta pressione e nel complesso molta energia. Inoltre, di solito non sono molto efficienti e non possono ancora essere utilizzati su larga scala. Il legame e lo stoccaggio del carbonio mediante le tecnologie CCS non sono ancora completamente sviluppati.

Il nuovo processo tandem supera gli ostacoli precedenti

Un gruppo di ricerca guidato da Zhenhua Xie del Brookhaven National Laboratory del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti e della Columbia University di New York ha ora testato con successo un approccio diverso...

*

Bomba atomica (freccia spezzata)17. Gennaio 1966 (Broken ArrowPalomares, Stati Uniti

La catena nucleare

Palomares, Spagna

Incidente aereo nucleare

Nel gennaio 1966, quattro bombe all'idrogeno esplosero vicino alla città spagnola di Palomares dopo che un B-52 dell'aeronautica americana entrò in collisione con un altro aereo a mezz'aria. Gli esplosivi non nucleari di due bombe sono esplosi e hanno diffuso ricadute radioattive su una vasta area. Anche 40 anni dopo l'incidente, vicino al luogo dell'incidente è possibile trovare terreno contaminato radioattivamente...

wikipedia

Incidente nucleare di Palomares

Durante un rifornimento aereo sulla costa mediterranea spagnola, un bombardiere B-28G che trasportava bombe all'idrogeno B52RI del 68th Bomb Wing, che volava dalla base aeronautica Seymour Johnson nella Carolina del Nord, negli Stati Uniti, come parte dell'operazione Chrome Dome, si è scontrato con un aereo Aereo cisterna KC -135 dell'aeronautica americana a 9000 metri di altitudine. Si è verificata un'esplosione, che ha causato l'incendio dei 150.000 litri di carburante a bordo dell'aereo di rifornimento ed entrambi gli aerei si sono schiantati. Tutti e quattro i membri dell'equipaggio dell'aereo di rifornimento morirono. Cinque membri dell'equipaggio del bombardiere, composto da sette persone, riuscirono a scendere dall'aereo utilizzando il sedile eiettabile, ma il paracadute di uno di loro non si aprì, quindi morirono complessivamente sette degli undici soldati.

[...] Le precauzioni di sicurezza hanno impedito un'esplosione termonucleare, ma le cariche esplosive convenzionali ad alto potenziale esplosivo presenti in due delle bombe hanno fatto esplodere e contaminato circa 170 ettari di terreno agricolo a causa dei componenti radioattivi delle testate.

La composizione chimica del plutonio destinato alle armi è stata tenuta rigorosamente segreta dall'apparato governativo franchista per conto degli Stati Uniti. Non si è mai saputo quanto plutonio bellico sia stato sequestrato. Si stima che circa 3.000 grammi di plutonio-239 siano stati rilasciati sotto forma di polvere fine. Il villaggio andaluso di Palomares non è stato evacuato e non è stato fatto alcun tentativo di ripulirlo. Il 2 febbraio 1966 i rappresentanti delle autorità nucleari americane e spagnole si accordarono solo su un programma di decontaminazione limitato.

In un'operazione, circa 1400 tonnellate di terreno proveniente da piantagioni di pomodori contaminate radioattivamente furono rimosse e trasportate sulla nave USNS Boyce ad Aiken, nella Carolina del Sud, sul sito di Savannah River per lo smaltimento...

 


16. gennaio


 

Tecnologia delle armi | Doppio uso | Controllo delle esportazioni

La tecnologia occidentale nelle armi

Missili da crociera russi con sigillo TÜV

La Russia attacca l’Ucraina con missili e droni quasi ogni giorno. Contiene anche elettronica occidentale. Com'è possibile che ciò accada, nonostante le sanzioni in vigore?

Si tratta di reperti esplosivi che Andrii Rudyk dello Stato Maggiore ucraino ha portato con sé. La sua unità analizza i resti delle armi russe e, soprattutto, i loro componenti stranieri. Presenta parti del computer di bordo di un missile da crociera russo KH101, che ha spesso causato morte e distruzione in Ucraina. All'interno sono presenti diversi convertitori di tensione bianchi a forma di scatola. Dice "Made in the USA" e si vede anche il logo TÜV. "Questo computer di bordo controlla il volo del missile da crociera", spiega Rudyk. "Questo la rende un'arma di alta precisione."

Secondo Rudyk, la Russia fa molto affidamento sui componenti high-tech stranieri perché il Paese non è in grado di produrli autonomamente. Secondo lui, oltre il 70 per cento dei componenti esaminati provengono dall'estero: ad esempio microchip, processori, fotocamere, antenne o la moderna tecnologia di navigazione. "Tutto ciò che riguarda la tecnologia di alta precisione è completamente importato", afferma il dipendente dello stato maggiore ucraino ...

*

Agricoltura | Morte in fattoria

Cambiamento strutturale in agricoltura:

Poche aziende agricole ma più grandi

Migliaia di agricoltori si arrendono ogni anno. Il ministro dell’agricoltura Özdemir riceve il sostegno del suo predecessore conservatore in carica per la tassa sulla protezione degli animali.

BERLINO taz | Il cambiamento nell’agricoltura verso un minor numero di aziende agricole e più grandi continua, ma ha subito un rallentamento. È quanto emerge dall’indagine 2023 sulle strutture agricole dell’Ufficio federale di statistica. Negli ultimi tre anni il numero delle aziende agricole è diminuito di 7.800 unità, arrivando a 255.000. Ciò corrisponde a 2.600 aziende agricole all’anno.

Allo stesso tempo, la superficie utilizzata dalle aziende è aumentata in media di 2 ettari raggiungendo i 63 ettari, ha annunciato martedì l'Ufficio federale. Dal 2013 al 2020 hanno chiuso 3.200 imprese ogni anno; dal 2010 al 2013 sono state 4.700 l’anno. La superficie utilizzata per l'agricoltura è rimasta quasi la stessa dal 16,6 a 2010 milioni di ettari. Sempre più di questo viene coltivato biologicamente. Rispetto al 2020, la percentuale di superficie coltivata biologicamente è aumentata del 16% raggiungendo circa 1,85 milioni di ettari. Dal 2020 il numero di aziende agricole con agricoltura biologica è aumentato del 10% raggiungendo le 28.700, la loro quota è dell'11%...

*

Cambiamenti climatici | temperatura | salute

Previsioni deprimenti fino al 2050

Il rapporto di Davos prevede milioni di morti a causa dei cambiamenti climatici

Inondazioni, siccità, ondate di caldo, tempeste tropicali, incendi e innalzamento del livello del mare: in che modo queste conseguenze del cambiamento climatico influiscono sulla salute delle persone in tutto il mondo? Il World Economic Forum di Davos azzarda uno scenario basato su un rapporto in fase di presentazione.

Secondo un rapporto, il cambiamento climatico minaccia di causare diversi milioni di morti nei prossimi decenni, nonché malattie gravi e costi elevati per i sistemi sanitari. Il rischio maggiore è rappresentato dalle inondazioni. Questa è la conclusione del rapporto “Conseguenze del cambiamento climatico per la salute globale” del World Economic Forum e della società di consulenza Oliver Wyman, che sarà presentato martedì a Davos.

Gli autori dello studio esaminano sei impatti chiave del cambiamento climatico: inondazioni, siccità, ondate di caldo, tempeste tropicali, incendi e innalzamento del livello del mare. Si basa sullo scenario medio del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) relativo all'aumento della temperatura entro il 2100. Si presuppone, tra l'altro, un aumento della temperatura media di 2,7 gradi Celsius...

*

Gran Bretagna | EDF | Akw Torness 

Guasto della centrale nucleare di Torness

In Gran Bretagna sei centrali nucleari su nove non producono elettricità

Londra - In Gran Bretagna, nel gennaio 2024, sempre più centrali nucleari falliranno e non forniranno più elettricità. Ora un'altra centrale nucleare è stata messa fuori servizio con la chiusura di Torness 1 con una potenza lorda di 682 MW. Delle nove centrali nucleari britanniche ancora in funzione (potenza lorda di 6.500 MW), solo tre centrali nucleari con una potenza lorda di circa 2.500 MW sono ancora in funzione. Il guasto della centrale nucleare ammonta a sei centrali nucleari con una potenza di circa 4.000 MW (4 GW), che attualmente non producono elettricità.

Dopo una serie di chiusure di centrali nucleari negli ultimi anni, il parco nucleare britannico si è ridotto da un picco di circa 13.000 MW (a metà degli anni '1990) a soli 6.500 MW attuali (9 centrali nucleari in quattro località).

[…] Secondo i piani attuali, la centrale nucleare di Hinkley Point C con il blocco C1 dovrebbe essere operativa il 01° giugno 2027 e il blocco C2 il 01° giugno 2028. Ma ci sono molte indicazioni che questo programma già rinviato non può essere rispettato e che il completamento potrebbe richiedere fino alla fine del decennio o oltre... 

*

Venezuela | BirraExxonMobil | Guyana 

I “tentacoli” fossili americani: la ExxonMobil vuole scatenare una guerra in America Latina

Il colosso petrolifero cerca di creare un cuneo tra Venezuela e Guyana. Si tratta di enormi scoperte petrolifere in acque contese. E una vendetta. Posto ospite.

Il 3 dicembre 2023, un gran numero di elettori registrati in Venezuela hanno votato in un referendum sulla regione di Essequibo, contesa con la vicina Guyana. Quasi tutti gli elettori hanno risposto sì alle cinque domande.

Queste domande chiedevano al popolo venezuelano di riaffermare la sovranità del proprio paese su Essequibo. “Oggi”, ha detto il presidente venezuelano Nicolas Maduro, “non ci sono né vincitori né vinti”. L’unico vincitore è la sovranità del Venezuela. Il principale perdente, secondo Maduro, è ExxonMobil.

Nel 2022, ExxonMobil ha realizzato un profitto di 55,7 miliardi di dollari, rendendola una delle compagnie petrolifere più ricche e potenti del mondo. Aziende come ExxonMobil esercitano un potere eccessivo sull’economia globale e sui paesi con riserve di petrolio…

 


15. gennaio


 

eccitantedemocrazia difensiva | rimostranza

Incontro segreto a Potsdam

Il deputato di sinistra denuncia Martin Sellner per sedizione

L'estremista austriaco Martin Sellner avrebbe parlato in un incontro segreto dei networker di destra della deportazione di gruppi di persone dalla Germania. Un politico di sinistra lo considera un crimine.

Il deputato di sinistra Pascal Meiser ha sporto denuncia contro l'estremista di destra austriaco Martin Sellner per incitamento all'odio. Lo sfondo è un incontro segreto di networker di destra a Potsdam nel 2023. L'annuncio è disponibile per SPIEGEL.

Di fronte ai politici dell’AfD e ad altri ospiti, Sellner avrebbe presentato un piano per la “remigrazione” su larga scala – la deportazione o lo spostamento di massa di immigrati e persone con un passato migratorio dalla Germania. Si tratterebbe di richiedenti asilo, cittadini stranieri con diritto di soggiorno e “cittadini non assimilati”.

[...] Meiser ha inoltre sporto denuncia contro Gernot Mörig per sospetto di favoreggiamento all'istigazione. Si dice che Mörig sia stato l'organizzatore dell'evento. “Il discorso di Martin Sellner è stato annunciato da Gernot Mörig nella sua lettera di invito come un “concetto globale, nel senso di un piano generale”, scrive Meiser. All'evento Möring avrebbe moderato il discorso di Sellner affermando che la questione della "remigrazione" riguardava la questione "se noi come popolo sopravviviamo ancora in Occidente oppure no". "Si può quindi presumere che Mörig conoscesse le tesi di Sellner già prima dell'evento", scrive Meiser nella sua pubblicità...

*

GuatemalaDemokratie

Cambio di potere in Guatemala:

Contro le vecchie forze del Paese

Quella notte, il nuovo presidente del Guatemala, Bernardo Arévalo, prestò giuramento. La colpa è dell’opposizione parlamentare.

CITTÀ DEL GUATEMALA taz | Significativamente tardi, il nuovo presidente del Guatemala, Bernardo Arévalo, ha prestato giuramento come nuovo presidente del Guatemala poco dopo la mezzanotte di lunedì sera. L'opposizione ha voluto ostinatamente staccare la spina al Partito per il Rinnovamento della Democrazia, ma invano.

Arévalo non ha nascosto quanto fosse vicino nel suo discorso inaugurale. Il Paese ha sfiorato un nuovo autoritarismo e, grazie all'unità, il 65enne ha elogiato davanti a circa 1.000 ospiti invitati nel Teatro Nazionale della capitale.

Il ringraziamento del nuovo presidente, il cui discorso inaugurale nella piazza centrale della capitale è stato acclamato da migliaia di persone nonostante l'ora tarda, è andato anche alle nazioni amiche e alle autorità indigene. Questi ultimi avevano difeso ciò che restava della democrazia in Guatemala con massicce proteste durate 105 giorni, proprio mentre la comunità internazionale spingeva con veemenza per il giuramento del presidente eletto. Ciò è stato accolto con veementi applausi da migliaia di persone nella "Piazza della Costituzione", la posizione centrale nella capitale del Guatemala...

*

Stati UnitiKapitalreddito

Lotta di classe dall’alto negli USA

I 700 americani più ricchi hanno accumulato plusvalenze per 8,5 trilioni di dollari. Questi dovrebbero ora essere tassati.

Secondo le stime attuali, i miliardari negli USA pagano solo il 4,8% delle imposte sul reddito. In realtà, questa aliquota dovrebbe essere molto vicina all’aliquota fiscale massima del 37%. Ci sono due ragioni per cui questo non è il caso. Da un lato, i miliardari hanno abbastanza soldi per comprare senatori e rappresentanti. Negli ultimi anni i repubblicani in particolare hanno creato molte scappatoie fiscali per i super-ricchi. Anche per questo motivo il totale delle plusvalenze non tassate di circa 700 miliardari statunitensi è passato da 3200 a 8500 miliardi di dollari.

Questo ci porta alla seconda ragione: in questa categoria di attività, la maggior parte del reddito non proviene da salari o interessi e dividendi, ma da plusvalenze. E sono esentasse anche in quasi tutti gli altri paesi...

*

agricoltorisussidiLobby agricola

Sussidi agricoli

I trucchi degli agricoltori per la protezione del clima

Nel contesto delle proteste anche gli agricoltori coltivano la loro immagine di protettori dell’ambiente e del clima e chiedono sostegno a tale scopo. In effetti, attraverso la contabilità e altri trucchi, il settore agricolo ha già quasi in tasca i requisiti legali di protezione del clima per il 2030.

[...] Gli agricoltori, siano essi giovani o anziani, non devono più conformarsi al clima affinché l’agricoltura raggiunga l’obiettivo climatico legale per il 2030. La lobby agricola garantisce già da tempo quest’ultima cosa.

Ciò sottolinea l’ultima stima delle emissioni agricole di Agora Energiewende. Secondo il bilancio annuale preliminare presentato all’inizio di gennaio, nel 2023 l’agricoltura ha emesso quasi 61 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, un milione di tonnellate in meno rispetto all’anno precedente.

Il think tank ha stabilito che la riduzione è dovuta principalmente al calo del numero di animali da allevamento e alla fertilizzazione con azoto.

[...] Se un trattore brucia diesel, non si tratta di un'emissione legata all'energia, ma un'emissione legata all'agricoltura. Attraverso questa regolamentazione speciale, il settore agricolo ha ricevuto nella legge sul clima una quota aggiuntiva fino a sette milioni di tonnellate di emissioni...

*

Fiduciaeconomia di mercatoDavos

Senza fiducia il mondo va all’inferno

Oggi inizia il World Economic Forum di Davos di quest'anno. Il suo motto è “Ricostruire la fiducia”. Suona bene. Parliamo di fiducia. E di come è andato perduto.

Nessuno può controllare tutto e tutti. Senza fiducia il mondo va all’inferno. Lo sanno anche le élite globali che si incontreranno di nuovo al WEF di Davos a metà gennaio.

Cosa rappresentano queste élite, la cui reputazione è stata gravemente danneggiata tra gran parte della popolazione dopo numerose crisi? Le élite del WEF si considerano guardiane dell’ordine sociale e mondiale liberale. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, le persone in Occidente hanno concordato che non esiste alternativa al liberalismo. Gli eventi storici della fine del XX secolo hanno certamente suggerito questa conclusione. Ovviamente, l’economia pianificata comunista non è stata in grado di affermarsi nella competizione decennale con l’economia di mercato capitalista. L’economia di libero mercato è lungi dall’essere perfetta, ma la sua sopravvivenza ha dato ragione all’Occidente.

[…] Il liberalismo era in realtà una buona cosa…

La doppia perversione

...ma poi si verificarono due catastrofi:

  • Catastrofe 1: il liberalismo è stato sostituito dal neoliberalismo anglosassone (Reagan, Thatcher). Mentre un tempo l’economia di libero mercato era incorporata nello stato sociale, oggi lo stato sociale è incorporato nell’economia di libero mercato. Ciò significa che gli stati si adattano alle esigenze del capitale globalizzato.
  • Catastrofe 2: Dopo l'9 settembre l'ordine mondiale liberale è stato sostituito dall'ordine mondiale neoconservatore degli Stati Uniti (George W. Bush). Ciò significa: chi non collabora con gli USA deve aspettarsi sanzioni e peggio. L'UE rappresenta gli interessi di Washington nel mercato interno europeo, che è affamato di sempre più territorio.

[...] Secondo alcune indiscrezioni, anche le élite sono capaci di apprendere...

*

Cinaenergia solareL'energia eolica

L’esplosione solare della Cina: come il Paese sta superando l’Occidente nelle energie rinnovabili

La Repubblica Popolare guida con un ampio margine l’espansione globale dell’energia solare. C’è anche un balzo in avanti nell’energia eolica. L’aumento è sorprendente.

L’anno scorso l’espansione dei sistemi eolici e soprattutto solari in tutto il mondo ha fatto un enorme balzo in avanti. L'aumento è aumentato del 50% rispetto all'anno precedente, come riportato dall'Agenzia internazionale per l'energia (IEA) a Parigi. Si tratta di un aumento maggiore rispetto a qualsiasi altro momento degli ultimi tre decenni.

Ben 374,9 gigawatt in più

Nel 2023 sono stati installati impianti solari con una potenza di 374,9 gigawatt (GW). Ciò corrisponde a circa due volte e mezzo l’intera popolazione tedesca. Per inciso, anche questo anno scorso è cresciuto più forte che mai, da 13,1 GW a 80,7 GW, come mostrano i dati dell'Istituto Fraunhofer per i sistemi ad energia solare...

 


14. gennaio


 

Trasporti con ruote da Jülich ins deposito provvisorio di scorie nucleari Ahaus non sono i benvenuti

Manifestazione contro il trasporto di scorie nucleari ad Ahaus

È un assaggio delle proteste avvenute durante il "Go!" sarebbe previsto per i previsti trasporti Castor da Jülich al deposito provvisorio di scorie nucleari di Ahaus. Domenica un'alleanza di oppositori al nucleare si è mobilitata nel Münsterland.

Domenica circa 50 trattori attraversano Ahaus suonando il clacson. Ma oggi non si tratta di decisioni agricole. Lo scopo degli agricoltori è la manifestazione antinucleare. "Temiamo che quest'anno verrà concessa l'approvazione per i trasporti Castor", afferma Felix Ruwe, co-organizzatore della manifestazione.

Agricoltori, iniziative antinucleari, associazioni ambientaliste e rappresentanti delle chiese e della città di Ahaus stanno fianco a fianco. Sono arrivate circa 300 persone. Tutti vogliono impedire che gli oltre 150 container Castor contenenti scorie nucleari provenienti da Jülich vengano trasportati su camion al deposito temporaneo di Ahaus.

Sindaco di Ahaus: Trasporti “costosi e pericolosi”

Il sindaco della città, Karola Voß, afferma: "Penso che sia giunto il momento di decidere che tali scorie nucleari rimarranno nei siti finché non verrà trovata una soluzione finale". ...

*

EuropaMilitarearmatura

Crescita esplosiva: la spesa militare europea in aumento

Bilanci militari dell’UE sotto esame: scopri di più sulle controverse decisioni nella politica europea sugli armamenti. 

La spesa militare dei paesi europei sta attualmente passando da un record all’altro. Secondo i dati della NATO, i bilanci dei paesi europei della NATO sono aumentati notevolmente, passando da 236 miliardi di dollari nel 2015 a 375 miliardi di dollari nel 2023.

Fondo europeo per gli armamenti: nuove strade nella politica di difesa 

Negli ultimi anni sono stati generati importi sempre più rilevanti anche attraverso l'Unione Europea: EFF, EVF, ASAP, EDIRPA, questi sono i componenti più importanti della zuppa alfabetica, che rappresenta i diversi fondi finanziari che sono stati recentemente messi in pista .

La Commissione Ue e la sua strategia di difesa 

Il 27 febbraio la Commissione Europea vuole aggiungere un’altra componente con una strategia di investimenti nella difesa. Un elemento di questo potrebbe essere un fondo di armi dell’UE del valore di miliardi a tre cifre, come ha chiesto ora il commissario per l’Industria Thierry Breton...

*

democrazia difensivaDivieto dell'AfDNemico della Costituzione | Höckler

Discussione sulla procedura di divieto dell'AfD

Prantl: “È ora di disfare gli strumenti della democrazia difensiva”

Dopo le rivelazioni su un incontro di estremisti di destra a Potsdam, continuano le discussioni controverse sulla messa al bando dell'AfD. Il giornalista e avvocato Heribert Prantl ha dichiarato al Deutschlandfunk che il governo deve agire adesso. Invece di vietare i partiti, Prantl propone l'applicazione dell'articolo 18 della Legge fondamentale.

La Legge fondamentale consente di punire il comportamento militante anticostituzionale di membri dell’AfD particolarmente estremisti privandoli del diritto di voto. Prantl ha sottolineato che questo passo potrebbe essere attuato più rapidamente rispetto alla messa al bando dei partiti e rappresenta comunque un chiaro segno di democrazia. Ha proposto, tra l'altro, di trattenere legalmente il leader regionale dell'AfD della Turingia Höcke in base all'articolo 18...

*

promozionePrezzo CO2 | soldi per il clima

Nonostante le richieste degli economisti

Lindner: I soldi per il clima non arriveranno più in questo periodo elettorale

Nel loro accordo di coalizione, i partiti del semaforo hanno annunciato soldi per il clima. Ma l’attuazione tecnica del pagamento richiederà diversi anni e non dovrebbe essere possibile prima del 2025. Ora Lindner chiarisce: i soldi per il clima devono essere decisi nelle prossime elezioni federali.

Il ministro federale delle finanze Christian Lindner non vuole decidere fino alla prossima legislatura sul versamento dei soldi per il clima previsti dalla coalizione del semaforo. "Dal 2025 possiamo tecnicamente effettuare un pagamento pro capite", ha affermato il leader della FDP della "Neue Osnabrücker Zeitung" in considerazione dei requisiti tecnici. "Siamo nei tempi previsti. Se ristruttureremo politicamente il panorama dei finanziamenti in questa direzione dovrà essere deciso dopo le prossime elezioni."

L’idea del denaro per il clima è di trasferire alle persone il reddito derivante dal prezzo pro capite della CO2, ha affermato Lindner. "Attualmente, il ricavato viene utilizzato per promuovere il riscaldamento, le ristrutturazioni edilizie, la produzione di acciaio verde, le stazioni di ricarica per le auto elettriche e così via." Il leader del FDP ha aggiunto: "In breve, poiché una famiglia riceve finanziamenti per una pompa di calore, diverse centinaia di altre non possono ricevere soldi per il clima quell'anno".

"Non si può spendere il denaro due volte", ha sottolineato il ministro delle Finanze. “I soldi per il clima sostituirebbero i sussidi di cui disponiamo ora”. A suo avviso, una decisione su un simile cambiamento di sistema potrebbe essere presa solo dopo le prossime elezioni federali...

*

CinaTaiwan

Reazioni alle elezioni

La Cina indignata per le congratulazioni del Giappone per il presidente eletto di Taiwan

Per la Cina l’elezione di William Lai rappresenta una battuta d’arresto. Pechino rifiuta “l’ingerenza straniera” nella questione di Taiwan. Nel frattempo, il Ministero degli Esteri sottolinea la forza della democrazia di Taiwan, senza alienare direttamente la Cina.

Dopo la vittoria elettorale di William Lai a Taiwan, domenica l'ambasciata cinese in Giappone ha espresso indignazione per le congratulazioni del Giappone al nuovo presidente di Taiwan. L'ambasciata si è detta fortemente contraria alla dichiarazione del ministro degli Esteri giapponese Yoko Kamikawa, che in precedenza si era congratulato con William Lai in un comunicato e aveva affermato: "Ci aspettiamo che la questione di Taiwan venga risolta pacificamente attraverso il dialogo, portando alla pace e alla stabilità in Giappone e contribuendo alla regione." L'ambasciata cinese ha descritto la dichiarazione del ministro come "una grave ingerenza negli affari interni della Cina", come ha annunciato l'autorità attraverso il suo account ufficiale sul servizio di chat cinese "WeChat".

[...] Pechino ha interrotto i contatti con Taipei nel 2016. Il Partito Comunista ha storicamente sostenuto che Taiwan fa parte della Cina, anche se non ha mai governato l’isola e vi ha avuto per decenni un governo indipendente e democraticamente eletto. La Cina vuole raggiungere la “riunificazione” e, se necessario, realizzarla militarmente. Tuttavia, una guerra nello Stretto di Taiwan, importante per il trasporto marittimo internazionale, colpirebbe molto duramente il commercio mondiale e potrebbe coinvolgere gli Stati Uniti. Di conseguenza, il PC ha reagito con meno entusiasmo alle elezioni. "Non importa come cambia la situazione sull'isola di Taiwan, il fatto fondamentale che esiste una sola Cina al mondo e che Taiwan fa parte della Cina non può cambiare", ha annunciato domenica sera il governo di Pechino.

A Taiwan, l'autorità locale per gli affari con la Cina ha ribattuto che Pechino dovrebbe rispettare i risultati elettorali e "affrontare in modo sensato la nuova situazione nello Stretto di Taiwan". La Cina dovrebbe comunicare con Taiwan senza precondizioni per creare stabilità nella regione...

*

fascistaDiritti fondamentali | il Petizione

Quasi 500.000 firme

La petizione chiede la revoca dei diritti fondamentali di Björn Höcke

Secondo il parere di quasi 500.000 firmatari di una petizione, Björn Höcke dovrebbe essere privato dei suoi diritti fondamentali. Al centro dell'idea c'è la sua candidatura alle elezioni statali in Turingia.

Il politico dell'AfD della Turingia Björn Höcke verrà privato dei suoi diritti fondamentali. È quanto chiede una petizione che è già stata firmata da quasi 500.000 persone. "Fermate il fascista Björn Höcke: il governo federale presenti alla Corte costituzionale federale una richiesta di decadenza dei diritti fondamentali ai sensi dell'articolo 18 della Legge fondamentale." Così si esprime la petizione pubblicata due mesi fa dalla fisica Indra Ghosh sulla piattaforma delle petizioni della rete di campagne Campact chiede...

*

Fabbrica di elementi combustibili Lingen | Firme | Rosatom

Am sabato 20 gennaio, si tratta 13 proseguire con un comizio davanti al Fabbrica di elementi combustibili Lingen! Una dimostrazione ciclistica e un bus navetta per i viaggiatori in treno partono dalla stazione ferroviaria di Lingen alle 12:30.
Per il bus navetta, inviare in anticipo una breve e-mail all'alleanza AgiEL: buendnis.agiel@posteo.de

Insieme vogliamo impedire l’espansione della fabbrica di elementi combustibili e l’ingresso del gruppo del Cremlino Rosatom.

Obiezioni collettive all'ingresso di Rosatom

Ecco perché vi invitiamo ancora una volta a prendere parte al processo di opposizione attualmente in corso e in corso Firme del 26 febbraio per la nostra raccolta fondi raccogliere:

https://atomstadt-lingen.de/files/Sammeleinwendung-Brennelementfabrik-Lingen.pdf

Ulteriori informazioni sulla demo e sulla fabbrica degli elementi combustibili: https://atomstadt-lingen.de/aktuelles, www.aussendung.de

Indicazioni da Münster: Treno RE5 alle 11:05 dalla stazione centrale MS

 


Notizie +  conoscenze di base inizio pagina

 

Notizie +

**

Crisi climatica | conseguenzeStandardizzarePsycho

Ostacolato da conflitti normativi

Spiegazioni psicologiche per non fare nulla: perché la crisi climatica sembra lasciare indifferenti molte persone

Nonostante i titoli allarmanti e la crescente consapevolezza climatica tra la popolazione, reagiamo alla crisi climatica solo lentamente o per nulla: ciò è dovuto anche alle barriere psicologiche: ciò che ci inibisce e il modo in cui ci emozioniamo.

Livelli record di gas serra nell’atmosfera, previsioni deprimenti sul riscaldamento globale e notizie sempre nuove di ondate di caldo, siccità ed eventi meteorologici estremi: da tempo il cambiamento climatico si esprime soprattutto in resoconti dell’orrore. Tuttavia, sia i politici che i singoli individui sembrano avere difficoltà ad agire. In effetti, anche i processi psicologici svolgono un ruolo nella nostra inazione.

Nella primavera del 2023 ne è stato mostrato uno Studio commissionato dall'Aiuto tedesco per l'ambienteIl fatto che il settore dei trasporti in Germania continui a non raggiungere i propri obiettivi climatici è stato confermato anche per il settore edile Consulenza di esperti sulle questioni climatiche Il governo federale ha troppo poche ambizioni e l’Agenzia federale per l’ambiente ha chiesto la massima urgenza nell’espansione delle energie rinnovabili per raggiungere gli obiettivi climatici dei prossimi anni. Allo stesso tempo, la società di monitoraggio dell’aviazione Flightradar24 ha riferito che il 6 luglio 2023 c’erano più aerei commerciali in volo che mai da quando il servizio è stato lanciato nel 2006, mentre l’Ufficio federale di statistica ne ha segnalato uno nel settembre dello scorso anno Numero record di auto per abitante in Germania riportati per il 2022.

Sensazione di impotenza

Politicamente e individualmente, la nostra risposta alla crisi climatica appare, nella migliore delle ipotesi, macchinosa, anche se il cambiamento climatico spaventa molte persone e per loro è importante proteggere il clima, come mostrano regolarmente i sondaggi. Anche Gerhard Reese, professore di psicologia ambientale all’Università tecnica della Renania-Palatinato di Kaiserslautern-Landau: “Negli ultimi decenni la consapevolezza climatica ha raggiunto un livello molto alto”. la propria responsabilità, oltre a negare il cambiamento climatico stesso. Tuttavia, questa probabilmente non è la maggioranza, ma una minoranza spesso molto rumorosa.

"Molte persone sono consapevoli di ciò che sta accadendo, eppure troviamo difficile collegarlo alle nostre stesse azioni", spiega Reese. Il fatto che si tratti di una crisi globale crea un senso di impotenza: “Io, con la mia autoefficacia come individuo, non posso fermare la crisi climatica”.

Inoltre per molte persone il cambiamento climatico e le sue conseguenze sono ancora difficili da comprendere, spiega Isabella Uhl-Hädicke, psicologa ambientale dell'Università di Salisburgo: “Stiamo parlando di 1,5 o due gradi: non è nulla che ci colpisca emotivamente. Naturalmente si tratta di differenze di temperatura globali, ma per dirla senza mezzi termini, non sento una differenza di mezzo grado nella stanza." Inoltre, la gente ne parla in modo molto teorico, cognitivo e razionale: "Ma le cose devono toccarci emotivamente affinché possiamo agire."

Dì addio alle abitudini positive

Un aspetto che riprende anche Reese: “La crisi climatica o il cambiamento climatico per noi sono molto astratti”. Eventi come la siccità vengono notati e molte persone li associano anche alla crisi climatica. “Scientificamente, non possiamo dire che questo evento sia dovuto al 100% al cambiamento climatico. Tali attribuzioni sono anche associate all’incertezza, e questa incertezza è uno degli aspetti che rendono le cose difficili per noi cittadini, ma anche per i politici”, spiega Reese.

Come spiega Uhl-Hädicke, il nostro comportamento è controllato da conseguenze che idealmente sperimentiamo immediatamente: “Il problema con un comportamento rispettoso del clima è che forse dovremmo rinunciare a comportamenti che ci piace fare, che sono importanti per noi e ci portano emozioni positive. " Ad esempio, descrive una situazione quotidiana in mensa in cui devi scegliere tra un piatto di carne e uno vegetariano: "Il punto è che quando decido per un piatto vegetariano, non sento le conseguenze immediate per il climatico, ad esempio le temperature scendono di nuovo o i ghiacciai crescono”.

Le azioni a favore del clima oggi avrebbero conseguenze solo in un lontano futuro: “Questo è ciò che lo rende così difficile: l’esperienza immediatamente positiva che può accompagnare un comportamento dannoso per il clima – come prendere un piatto di carne che mi piace e mi piace – è in conflitto a ciò che è razionalmente buono, ma che forse non mi dà il rinforzo positivo”.

Un comportamento rispettoso del clima è spesso più scomodo

Tuttavia, il nostro comportamento dannoso per il clima non è determinato solo da fattori psicologici o individuali, ma anche da standard sistemici, osserva Reese: “Se ci fossero strade ovunque, le persone ovviamente guiderebbero le auto. E quando volare costa meno che prendere il treno, la gente sceglie l’aereo. È semplicemente vero che un comportamento rispettoso del clima è molto più difficile, richiede tempo e, per molti, anche più scomodo nella maggior parte dei luoghi”.

Parliamo di 1,5 o due gradi: non è una cosa che ci tocca emotivamente. Ovviamente si tratta di differenze di temperatura globali, ma per dirla senza mezzi termini, non sento una differenza di mezzo grado nella stanza.

Isabella Uhl-Hädicke, psicologa ambientale dell'Università di Salisburgo

Uhl-Hädicke sottolinea l'importanza delle norme sociali e dei comportamenti che osserviamo nel nostro ambiente. Per far capire quanto possano essere potenti, lo psicologo del clima ricorda il cosiddetto studio del fumo, un esperimento del 1968: le persone venivano poste in una stanza nella quale veniva convogliato del fumo bianco. Era chiaro ad alcuni partecipanti che il fumo non indicava fuoco; a questi iniziati fu detto di rimanere seduti. Ma anche i non iniziati sono rimasti nella stanza, anche se il fumo avrebbe potuto essere un segnale di una situazione pericolosa per la vita.

Per Uhl-Hädicke una buona analogia con ciò che sta accadendo attualmente con la crisi climatica: “Da un lato vediamo la mancanza di conseguenze, ma dall’altro prendiamo spunto anche dagli altri. Certo, nei media leggiamo regolarmente titoli sulle conseguenze catastrofiche della crisi climatica, ma se ci si guarda intorno, nessuno è veramente nel panico: la mancanza di panico nel proprio ambiente porta all’errore che tutto non possa essere così male.

Il problema con il conflitto di norme

Inoltre ci sono i cosiddetti conflitti di norme: da un lato c’è la norma morale che abbiamo concordato nella società e che ci dice quale comportamento è considerato desiderabile e quale è considerato negativo. Al contrario, c’è la norma descrittiva, “cioè la norma che osservo, il comportamento che mostra la maggioranza”, dice lo psicologo del clima. “E in un conflitto normativo tra comportamento desiderato e comportamento dimostrato - come mostrano le ricerche - la norma descrittiva ha un effetto più forte: da un lato perché spesso è più facile seguirla, ma dall'altro soprattutto perché vogliamo orientarci verso la maggioranza”.

Per Uhl-Hädicke l’importanza delle norme sociali ha conseguenze sulla comunicazione sulla crisi climatica. Titoli come “il 70% degli uomini preferirebbe morire piuttosto che rinunciare alla carne” mostrano come si comporta la maggioranza – “ed è su questo che ci basiamo, anche quando tale comportamento viene messo alla berlina”. Pertanto, avrebbe senso utilizzare previsioni di tendenza o affrontare norme dinamiche. “Quando si parla di consumo di carne, si potrebbe dire che la maggioranza mangia ancora carne, ma sempre più persone apprezzano alternative senza carne. Studi corrispondenti hanno dimostrato che un simile approccio funziona perché anche noi vogliamo essere parte delle innovazioni o delle tendenze”, spiega Uhl-Hädicke.

Altri studi chiariscono che la maggior parte delle persone riterrebbe giusto che anche coloro che hanno causato gli inquinatori si assumessero la responsabilità, aggiunge Reese. “Probabilmente questo deve essere comunicato in modo più forte, perché le persone sono consapevoli che il loro comportamento è responsabile di qualcosa”. In termini concreti, ciò potrebbe significare dare più prezzo ai comportamenti dannosi per il clima.

Oltre ai prezzi si potrebbero utilizzare anche i divieti, afferma Reese: “I divieti sono in realtà qualcosa di molto giusto. Se bando qualcosa, non posso comprarmi un sacco di soldi per entrare o uscire." Tuttavia, i divieti scatenerebbero in molti una difesa spontanea: "Tuttavia, i divieti possono essere utili, soprattutto se sono giusti e portano un vantaggio molti profitti per la maggioranza, come dimostra ad esempio la legge sulla tutela dei non fumatori o il divieto di guidare senza cintura di sicurezza." Proprio l'obbligo di indossare la cintura di sicurezza dimostra anche che le misure politiche sono la leva più rapida per cambiare le norme sociali, dice Uhl-Hädicke.

Stabilire un senso di efficacia collettiva

Reese ritiene inoltre che le misure politiche abbiano l’effetto più rapido. Ma ciò non significa che tu come individuo puoi esentarti dalle responsabilità, dice Uhl-Hädicke: "Da un punto di vista psicologico, se non altro perché, in vista delle norme sociali, il nostro comportamento può servire da modello e motivare gli altri."

Secondo lei anche i media sono responsabili della comunicazione sulla crisi climatica: "Un gran numero di resoconti horror sulle sue conseguenze portano le persone a sviluppare meccanismi di difesa: le informazioni su una minaccia esistenziale innescano poi una sorta di paralisi o almeno sentimenti spiacevoli". Sarebbe importante, quindi, riportare esempi positivi: “Sappiamo che gli scenari horror ci inibiscono e innescano meccanismi con cui ci distacchiamo dai sentimenti minacciosi senza affrontare le cause degli scenari. "D'altro canto, gli esempi positivi ci motivano", spiega Uhl-Hädicke.

Inoltre, la crisi climatica si svolge contemporaneamente a molte altre crisi: “Noi esseri umani possiamo resistere solo a un certo numero di crisi, quindi è comprensibile un certo grado di stanchezza da parte delle notizie. Ma è possibile uscirne affrontando la minaccia e cercando di contribuire in qualche modo a risolverla, in altre parole: adottando uno stile di vita rispettoso del clima”.

Se un simile cambiamento di comportamento avviene in un gruppo, può sorgere un sentimento di efficacia collettiva, sottolinea Reese: “Noi come quartiere, noi come comunità, noi come nazione o forse noi come tutta l’umanità - anche se ciò può sembrare utopico, ma noi come gruppo, noi come movimento, possiamo cambiare qualcosa”.

 


Notizie +  conoscenze di base inizio pagina

 

conoscenze di base

**

La mappa del mondo nucleare

Solo quando sentiamo, vediamo, udiamo, annusiamo o gustiamo il pericolo...

La “Ricerca Interna”

con i termini di ricerca

Crisi climatica | conseguenzeStandardizzarePsycho

ha portato, tra gli altri, i seguenti risultati:
 

12 novembre 2023 - Violenza come conseguenza del cambiamento climatico: nessuna mente fredda

*

4 novembre 2023 – Gli esperti sanitari chiedono l’uscita dai combustibili fossili

*

28 settembre 2023 - Illegale: la verità sul bilancio di CO2 della Repubblica Federale

*

30 maggio 2023 - Ecco come si discute con persone a cui non interessa la crisi climatica

*

30 ottobre 2022 - Che effetto ha il potere sulle persone

 


Il motore di ricerca Ecosia sta piantando alberi!

Parola di ricerca = crisi climatica – comportamento di evitamento – coraggio civile

https://www.ecosia.org/search?q=Klimakrise
 

https://www.ecosia.org/search?q=Vermeidungsverhalten
 

https://www.ecosia.org/search?q=Zivilcourage
 

 


Psicologia-attuale

Potere delle abitudini: il comportamento di evitamento è più facile da modificare rispetto al comportamento di approccio

Ogni anno a Capodanno molte persone pensano ai buoni propositi per il nuovo anno. Decidono di rompere le loro abitudini, ad esempio di smettere definitivamente di usare lo smartphone in camera da letto o di rimandare di mese in mese il controllo dentistico di routine. Ma quanto è facile cambiare abitudini così vecchie? Sarà più facile per noi fare cose che prima evitavamo o è il contrario? Uno studio recentemente pubblicato sulla rivista "Journal of Experimental Psychology: General" mostra che le abitudini di evitamento sono più facili da cambiare rispetto alle abitudini di approccio!

Le abitudini sono difficili da cambiare. Prendere automaticamente lo smartphone sul comodino e rimandare automaticamente l'appuntamento dal dentista di mese in mese sono abitudini quotidiane. C’è però una differenza importante tra gli esempi: l’uso dello smartphone è una forma di comportamento di approccio, perché prendendo lo smartphone si ricerca attivamente uno stato positivo. Evitare una visita dal dentista, invece, è una forma di comportamento di evitamento: non fissando un appuntamento mese dopo mese, eviti una condizione che immagini spiacevole...

 

wikipedia

Comportamento di evitamento

Il comportamento di evitamento è l’evitamento fondamentale di determinate situazioni o azioni che si prevede possano causare disagio o minaccia al corpo, all’anima o alla posizione sociale. Mentre la fuga, il congelamento (immobilità), il confronto (combattimento) o altre strategie di coping sono possibili reazioni a una minaccia immediata, l’evitamento è una reazione a segnali interni o esterni che possono annunciare il pericolo. Alcuni autori distinguono il comportamento di evitamento dal comportamento di sicurezza. Il comportamento di sicurezza ha lo scopo di evitare o ridurre le conseguenze temute e quindi ridurre la minaccia di una situazione quando si è già nella situazione che normalmente si evita. La componente anticipatoria o immaginaria del comportamento di evitamento è da un lato protettiva, ma dall’altro impedisce nuove esperienze e può limitare notevolmente la vita. Poiché l’evitamento impedisce l’esperienza di essere in grado di affrontare la situazione, il comportamento di evitamento è estremamente stabile. Il comportamento di evitamento è importante in vari disturbi psicologici, ad esempio il disturbo di personalità auto-insicuro-evitante, il disturbo di personalità passivo-aggressivo e la fobia sociale...

 

coraggio morale

Il coraggio civile, letteralmente coraggio civile (dal latino civilis, 1. civile - non militare, 2. dignitoso, accettabile) e coraggio (francese "coraggio")), è un "coraggio quotidiano" che si verifica quasi ogni giorno in... è richiesto ad ogni persona in forme e situazioni diverse. Il coraggio civile include la volontà e la capacità di mettere da parte la propria sicurezza e il proprio conforto in una situazione spiacevole o minacciosa per difendere una causa considerata giusta e agire di conseguenza...

 


YouTube

Parola chiave = Comportamento di evitamento - Comportamento adattivo

https://www.youtube.com/results?search_query=Vermeidungsverhalten
 

https://www.youtube.com/results?search_query=Angepasstes Verhalten
 

Si aprirà in una nuova finestra! - Playlist del canale YouTube "Reaktorpleite" - radioattività in tutto il mondo... - https://www.youtube.com/playlist?list=PLJI6AtdHGth3FZbWsyyMMoIw-mT1Psuc5Playlist - radioattività in tutto il mondo...

Questa playlist contiene oltre 150 video sul tema degli atomi*

 


Torna a:

Newsletter II 2024 - 7-13 gennaio

Articolo di giornale 2023

 


Per lavorare su 'Newsletter THTR','reattore.de'E'Mappa del mondo nucleare' abbiamo bisogno di informazioni aggiornate, di colleghi energici e freschi e di donazioni. Se qualcuno può aiutarmi mandi un messaggio a: info@Reaktorpleite.de

Chiama per le donazioni

- Il THTR-Rundbrief è pubblicato dal 'BI Environmental Protection Hamm' ed è finanziato da donazioni.

- Il THTR-Rundbrief è diventato nel frattempo un mezzo di informazione molto notato. Tuttavia, ci sono costi in corso dovuti all'ampliamento del sito web e alla stampa di fogli informativi aggiuntivi.

- Il THTR-Rundbrief ricerca e riporta in dettaglio. Per poterlo fare, dipendiamo dalle donazioni. Siamo felici di ogni donazione!

Conto donazioni: BI Protezione Ambientale Hamm

Scopo: circolare THTR

IBAN: DE31 4105 0095 0000 0394 79

BIC: WELADED1HAM

 


Notizie + conoscenze di base inizio pagina

***