Il fallimento del reattore - THTR 300 Le newsletter THTR
Studi su THTR e molto altro. L'elenco dei guasti THTR
La ricerca HTR L'incidente THTR nello 'Spiegel'

Le newsletter THTR del 2004

***


        2021 2020
2019 2018 2017 2016 2015 2014
2013 2012 2011 2010 2009 2008
2007 2006 2005 2004 2003 2002

***

Newsletter THTR n. 92 agosto 2004


Perdite botti di THTR in Ahaus?

Dopo che i danni da corrosione si sono verificati nelle botti 1999 THTR nell'impianto di stoccaggio temporaneo di elementi di combustibile (BEZ) ad Ahaus nel 305, ora ci sono ovviamente nuovi problemi. Citiamo la "Münsterländer Zeitung" del 17.07.2004 luglio XNUMX, la "Westfälische Anzeiger" non ha riportato.

"Il sistema di monitoraggio delle botti nell'impianto di stoccaggio provvisorio degli elementi di combustibile Ahaus ha segnalato il malfunzionamento di un pressostato su una delle botti 17.35 Castor THTR giovedì intorno alle 305:XNUMX. Lo ha annunciato ieri il portavoce della BZA Michael Ziegler. Ha sottolineato: "La tenuta del sistema a doppio coperchio sulla botte non ne risente. Il contenitore è ancora completamente a tenuta stagna. Abbiamo subito informato la nostra autorità di vigilanza, il MVEL (Ministero dei Trasporti, dell'Energia e dell'Urbanistica): "Le ruote sono chiuse con due coperchi, per cui la tenuta del contenitore dovrebbe essere già garantita da un coperchio. Un pressostato integrato nel secondo viene utilizzato il coperchio Monitoraggio di questa tenuta La sua stessa funzionalità è verificata da un sistema di autocontrollo, che ora ha attivato un segnale.

Ahaus: Brutale attacco della polizia!

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

L'attivista della BI, originario di Hamm, portavoce della WIGA e reporter costante nella "rivoluzione di base", Matthias Eickhoff, è stato arrestato dalla polizia durante la passeggiata di domenica scorsa ad Ahaus e brutalmente aggredito mentre stava tenendo una manifestazione spontanea contro i pianificati su un ponte autostradale Volevo registrare i trasporti di Castor da Rossendorf ad Ahaus.

La polizia di Ahauser è dura quando ha a che fare con gli oppositori del nucleare: due manifestanti sono stati arrestati nel tardo pomeriggio di domenica senza motivo, secondo le iniziative antinucleari del Münsterland. "Volevo registrare una manifestazione con i funzionari sul posto", afferma Matthias Eickhoff, portavoce del gruppo Resistenza contro le centrali nucleari (WIGA) di Münster. "poi sono stato gettato a terra da tre poliziotti." Un ufficiale della stazione gli aveva anche consigliato di buttarsi dalla finestra, preferibilmente dal secondo piano, poiché c'era una maggiore probabilità di rottura del collo. "Se era uno scherzo, è stato piuttosto infruttuoso", afferma non solo Eickhoff: "Ovviamente, questo dovrebbe prevenire le proteste".

L'approccio sembra avere un metodo: la polizia dell'Ahaus ha persino deciso internamente di non accettare alcuna registrazione per le cosiddette manifestazioni spontanee - uno "scandalo", le iniziative rilevano: "La polizia dell'Ahaus non può scegliere da chi accettare le manifestazioni". Ora è necessario il ministero dell'Interno di Stato".

In un comunicato stampa di iniziativa dei cittadini si legge:

"Dopo i più pesanti attacchi della polizia dal 1998, i gruppi di cittadini chiedono ora le scuse alla polizia per non aver rispettato il diritto di manifestare e le azioni brutali dei singoli agenti di polizia. Tali incidenti non si sono verificati dall'ultimo trasporto di Castor ad Ahaus nel 1998 Siamo molto preoccupati anche per la durezza con cui la polizia reagisce a manifestazioni completamente pacifiche e cerca semplicemente di scavalcare i diritti tutelati costituzionalmente. La polizia di Ahaus sembra essere sopraffatta dalle manifestazioni contro i previsti trasporti di Castor da Dresda ad Ahaus. Chiediamo alla polizia di fallo di nuovo per tornare a un atteggiamento cooperativo e scusarti per il loro comportamento il 18 luglio. Chiediamo anche l'immediata cessazione del procedimento penale che è stato avviato.

Anche in futuro non accetteremo che anche i ponti autostradali vengano dichiarati zona generalmente libera da manifestazioni. Segnaliamo che le manifestazioni sono state approvate senza problemi nell'ambito dell'Autobahn Action Day del 29 febbraio, sia sui ponti dell'autostrada che sull'autostrada stessa. L'attuale ripensamento è del tutto arbitrario. Stiamo preparando misure sia politiche che legali per garantire il diritto illimitato di manifestare ad Ahaus. Ci aspettiamo che il governo statale del Nord Reno-Westfalia fornisca una dichiarazione chiara su questi incidenti. Ci aspettiamo anche una chiara dichiarazione che il governo statale non sta preparando alcun trasporto di Castor ad Ahaus per il periodo da fine settembre a metà ottobre. saremo su 19. Settembre organizzare una lunga passeggiata domenicale per protestare contro possibili spedizioni nucleari. Se necessario, manifesteremo anche il 26 settembre (domenica delle elezioni locali) ad Ahaus per inaugurare la fase calda contro i Dresda Castors. Sono già in pieno svolgimento i piani per un autunno caldo per le iniziative antinucleare”.

La competenza principale rimane in Jülich!

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

È garantito che l'ampio lavoro scientifico sulla ricerca HTR del 1998 sotto la coalizione rosso-verde non si trova nell'attuale top ten della popolare serie di libri scientifici di Forschungszentrum Jülich (FZJ).

Piuttosto, devono essere faticosamente selezionati dagli elenchi di pubblicazioni confuse, che comprendono migliaia di titoli. A prima vista, a volte, a prima vista non si vede che queste opere e antologie, alcune delle quali in inglese, hanno qualcosa a che fare con la ricerca di HTR, perché non si vede cosa si nasconde veramente dietro certi titoli. Pertanto, l'elenco seguente è decisamente incompleto, poiché solo in pochi casi vengono fornite informazioni sul contenuto. Ma dove possono essere trovati, danno spunti interessanti.

Qualche settimana fa, uno studio di 160 pagine sull'HTTR in Giappone completato. Nel 2002 e nel 1999, l'FZJ ha documentato il proprio lavoro sull'ulteriore sviluppo del PBMR in Sudafrica.

Dai contenuti delle pubblicazioni si evince che la ricerca sulla linea HTR è ancora in corso con diverse strutture di prova specializzate costruite dall'inizio degli anni '90. E qualcos'altro diventa chiaro. Gli autori non si stancano mai di parlare di "grandi potenzialità" e di "sistema reattore altamente sviluppato" come un mantra in ogni opera, "in cui la sicurezza contro gli infortuni è garantita esclusivamente da principi fisici" (Zucker, 2003).

Kuhlmann ha anche elogiato il suo argomento di ricerca nel 2003 e afferma: "Una 'tecnologia nucleare senza disastri', in cui anche gli incidenti più gravi sono limitati all'interno della centrale e quindi non hanno effetti significativi sull'ambiente circostante della centrale, può essere ottenuto con reattori ad alta temperatura."

La ricerca è in corso o è stata condotta sulla linea HTR presso l'FZJ presso le seguenti strutture di prova:

NACOK (uso nel nucleo con corrosione)

Nell'impianto di prova sono stati condotti per almeno otto anni esperimenti sul trasporto di gas e sulla corrosione della grafite nell'HTR. L'FZJ scrive: "NACOK dovrebbe fornire dati sulla stabilità chimica di un reattore ad alta temperatura a letto di ciottoli. Stabilità chimica significa che il mantenimento automatico della stabilità dell'elemento di combustibile è garantito quando i mezzi corrosivi entrano nel circuito primario". Dopo che lo scienziato Kuhlmann ha pubblicato un lavoro di 2003 pagine su questo nel 148, l'FZJ ha ancora grandi progetti: "La struttura di prova NACOK deve essere utilizzata per ulteriori esperimenti con la cooperazione internazionale in futuro".

SEAT (separazione automatica delle gocce d'acqua)

Anche questo sistema di galleria del vento, che consiste in un circuito di flusso, è stato progettato e costruito almeno otto anni fa nell'Istituto per la ricerca sulla sicurezza e la tecnologia dei reattori (ISK) dell'FZJ e messo in servizio con una tecnologia di misurazione selezionata. È stato acquistato un analizzatore di particelle laser-ottico. Esser scrive che in caso di “scenari incidentali del tutto ipotetici, non si può escludere la penetrazione di acqua liquida nel circuito primario”. Lo scopo delle prove effettuate almeno fino al 2003 era dimostrare che, grazie a meccanismi automatici, la massa d'acqua può essere limitata a "quantità subcritiche in termini di reattività".

SANA (rimozione automatica del calore residuo in un reattore del modulo HTR)

L'impianto di prova è costituito da una sezione cilindrica del letto di ciottoli di un nocciolo di reattore HTR e ha un diametro di 1,5 me un'altezza di 1 m, con un volume di 1,77 m3 ci sono 9.500 sfere di grafite con un diametro di 6 cm. Lo scopo degli oltre 100 esperimenti stazionari e interstazionari era analizzare i fenomeni di trasporto di calore all'interno di un letto di ciottoli sciolti. I calcoli sono stati eseguiti, tra l'altro, con il sistema di programmi TINTE. Questo era già utilizzato nel sistema Jülich AVR negli anni '80. Non è chiaro se i test siano stati effettuati in questo settore dal 2000 in poi.

Inoltre, nell'elenco dei materiali FZJ 1998 e 1999, il lavoro di Khorochev e Neuhaus / Philippen, che si occupa dell'uso di Plutonio delle armi trattare con reattori ad alta temperatura.

Anche nel 2003 ha una lunga lista di Domande di brevetto della FZJ un certo numero sulla ricerca HTR. Più chiaramente nel brevetto di M. Piontek "Dispositivo di rimozione per sfere di elementi di combustibile e metodo per rimuovere sfere di elementi di combustibile dai reattori nucleari" del 7 marzo 3.

Nella relazione sulla sicurezza dell'FZJ, è registrato il risultato per l'anno 2003 per l'area della "ricerca sulla sicurezza per i reattori nucleari": "Per garantire il Mantenimento della competenza per un finanziamento di terze parti efficace Attraverso contratti e accordi di licenza con partner internazionali nel campo della ricerca sulla sicurezza per gli impianti nucleari, i modelli teorici e i programmi per computer VSOP-99 e TINTE sono stati adattati ai nuovi standard internazionali e sottoposti a test di convalida approfonditi. Un'altra licenza potrebbe essere assegnata per VSO-99".

Anche la simulazione computazionale del PBMR per il Sudafrica è stata effettuata con il ciclo del programma VSOP, come si può vedere nel vasto lavoro di EJ Mulder del 1999.

Elenco probabilmente incompleto del lavoro di ricerca FZJ sulla linea HTR:

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

2004

Autore, Nishihara: "Valutazione del concetto di sicurezza del complesso combinato nucleare/chimico per la produzione di idrogeno con HTTR". 160 pagine, di prossima pubblicazione.

2003

Kuhlmann: "Esperimenti sul trasporto di gas e corrosione della grafite in incidenti con ingresso di aria in reattori ad alta temperatura". 148 pagine.

Leber: "Trasporto e separazione delle gocce nel circuito primario del reattore ad alta temperatura in caso di incidenti con ingresso di acqua". 161 pagine.

Zucchero: "Proprietà fisiche del neutrone di un reattore a letto di ciottoli raffreddato ad acqua pesante con un nucleo non fondente". 120 pagine.

Raepsaet, Ohlig, Haas, Wallerbos: "Analisi dei risultati europei sui benchmark fisici di base dell'HTTR". In: Ingegneria e progettazione nucleare 222. pp. 173-187

2002

Schröder: "Dati operativi del recuperatore per PBMR: pacchetto di lavoro; recuperatore HTR-E (componenti e sistemi) Commissione europea. Articolo in un libro.

Fröhling, Unger, Dong: "Confronto delle efficienze dell'impianto di vari sistemi di conversione di potenza per moduli HTR ENS, HTR-TN"

2001

Hittner, von Lensa: "Valutazione della sicurezza e della tecnologia innovativa per l'impianto di generazione HTR (INNOHTR) Ricerca co-sponsorizzata dall'UE sui concetti evolutivi di sicurezza dei reattori. Articolo in un libro, 28 pagine.

2000

Niephaus: "Concetto di riferimento per lo stoccaggio finale diretto di elementi di combustibile HTR esauriti in botti di trasporto e stoccaggio CASTOR THTR / AVR. 91 pagine.

Rütten, Haas: "Ricerca sull'incenerimento del plutonio in un HTR modulare utilizzando combustibile a base di torio. In: Ingegneria e progettazione nucleare 195.

1999

Schaaf: "Esperimenti sul trasferimento di calore e di massa a causa della convezione naturale in un incidente di ingresso di aria nel reattore ad alta temperatura". 144 pagine.

Neuhaus, Philippen: "Confronto del riciclaggio del plutonio a base di uranio e torio in un reattore ad acqua pressurizzata". 57 pagine.

Mulder: "Reattore a letto di ghiaia con distribuzione della potenza del nucleo equalizzata - intrinsecamente sicuro e semplice. 150 pagine.

Moormann, Hinssen, Latge: "Ossidazione di materiali a base di carbonio per sistemi energetici innovativi (HTR, reattore a fusione): stato e ulteriori esigenze". Articolo in un libro. 11 pagine.

Moormann, Schenk, Ver bitten: "Stima del termine di origine per HTR di piccole dimensioni; un approccio tedesco Atti del 1st Incontro Indagine sugli studi di base nel campo dell'ingegneria delle alte temperature (compresi gli studi sulla sicurezza) ". Articolo in un libro. 9 pagine.

1998

Stöcker: "Indagini sulla rimozione automatica del calore residuo nei reattori ad alta temperatura con particolare riguardo alla convezione naturale". 134 pagine.

Esser: "Indagini sperimentali sul trasporto e separazione di goccioline nel flusso di gas di reattori ad alta temperatura in caso di incidenti con ingresso di acqua". 159 pagine.

Rainer, Fachinger: "Studi sul comportamento a lungo termine degli elementi del carburante HTR in un deposito ad alta concentrazione - Salamoie rilevanti". In: Radiochimica Acta 80.

Khorochev: "Uso del plutonio nel reattore ad alta temperatura a letto di ciottoli". 107 pagine.

Kugeler, Alkan, Briem: "Generazione di energia elettrica in centrali nucleari ad alta efficienza". 85 pagine.

Il governo statale della NRW è felice dell'esportazione del nucleare HTR

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

"Valido contributo"

Qui potete leggere la nostra dichiarazione sulla risposta del Ministero della Scienza e della Ricerca del Nord Reno-Westfalia del 12 luglio 2004 alle nostre domande sul finanziamento della linea HTR. 

Anche 15 anni dopo la chiusura del reattore ad alta temperatura del torio (THTR) ad Hamm, il ministero della ricerca del NRW non è in grado di dichiarare chiaramente che questa linea di reattori ha fallito. Il ministero non ha inoltre commentato la precedente esperienza con questo reattore fallimentare. E certamente non sulle prospettive future della linea HTR, anche se in vista della nuova discussione accesa sull'HTR (incluso in Spiegel e Stern, Süddeutsche Zeitung e Die Zeit) un chiarimento sarebbe da tempo atteso.

Nella sua lettera del 12 luglio 2004 all'iniziativa dei cittadini per la protezione dell'ambiente Hamm e. V. continua la ricerca sulla tecnologia HTR come "prezioso contributo alla sicurezza internazionale dei reattori HTR".

Nella sua giustificazione, ha ovviamente invertito la causa e l'effetto della ricerca HTR in Germania: proprio perché qui da decenni - anche sotto i governi rosso-verdi! - la ricerca è stata promossa e finanziata in maniera mirata, aziende e istituti possono utilizzare i risultati qui ottenuti in tutto il mondo e solo grazie a questa ricerca tedesca hanno potuto costruire nuove centrali nucleari!

L'affermazione del governo statale secondo cui Forschungszentrum Jülich (FZJ) ha effettuato solo analisi di sicurezza per questa tecnologia di reattore appartiene al regno delle leggende. La stessa industria nucleare si vanta che per il Pebble Bed Modular Reactor (PBMR) in Sud Africa, "il fondamentale lavoro di sviluppo è stato svolto al Forschungszentrum Jülich" (in: atw, nel rapporto sull'evento "La cooperazione internazionale dal punto di vista dell'AIEA " dal 24. 10. 2000 a Bonn). Questo fondamentale lavoro di sviluppo si può leggere nelle 20 pubblicazioni della FZJ, alcune delle quali molto estese.

Poiché il governo statale e federale sostiene espressamente la ricerca HTR, non sorprende che sia anche impegnata nel sostegno finanziario a livello dell'UE e quindi fornisca anche servizi di supporto alle società nucleari a livello internazionale. La rete HTR-Technology Network (HTR-TN) operante a livello internazionale è davvero fortunata ad aver ricevuto così tanto sostegno da un governo federale e statale che presumibilmente vuole uscire dall'energia nucleare.

Lothar Hahn, ex scienziato presso l'Öko-Institut ed ex presidente della German Reactor Safety Commission, non solo sottopose i concetti HTR a una critica fondamentale nei suoi rapporti nel 1986, ma anche in questo caso nel 1988 e nel 1990, che è ancora valida oggi . Se, secondo il governo statale, avesse dovuto sostenere gli sforzi nucleari dell'FZJ in "tempi più recenti" come membro di una commissione scientifica attraverso il suo voto, ciò sarebbe deplorevole, dal momento che lo apprezziamo molto come scienziato critico. Gli chiederemo a tempo debito di darci alcune spiegazioni sui dettagli delle circostanze e sulle effettive dichiarazioni rese da questa commissione. (...)

Alla risposta del Ministero Federale dell'Istruzione e della Ricerca

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

del 20.07.2004 alle nostre domande del 03.03.2004 sul finanziamento di HTR:

Il Ministero Federale della Ricerca ha impiegato quasi 5 mesi per rispondere alle nostre domande (formulazione sulla nostra homepage) Anni fa, Rotgrün non può davvero farne a meno. E tra due anni ci sarà un altro governo CDU in carica e anche allora, purtroppo, purtroppo, non ci sarà molto più da fare con la velocità con cui passa il tempo.

Lavorare per abbandonare la ricerca sulla controversa linea HTR entro otto anni - il rosso-verde è in qualche modo sopraffatto. Perché la decisione di finanziamento viene presa "sulla base di una valutazione internazionale" dai governi federale e statale, e il Forschungszentrum Jülich (FZJ) è solo al 100% di proprietà del governo federale e della Renania settentrionale-Vestfalia. Ovviamente non hai molto margine di manovra per fare qualcosa. Ma almeno il ministero federale della ricerca annuncia la buona notizia che l'FZJ non sta perseguendo "un'intensificazione di questa linea di ricerca a livello UE". Siamo rassicurati, tuttavia, dal momento che questo centro di ricerca ha pubblicato oltre 1998 articoli di ricerca estesi sulla linea HTR sotto Rotgrün dal 20 - comunque molto di più non è possibile in futuro. La ricerca sul reattore modulare a letto di ghiaia (PBMR) per il Sudafrica era "lavoro commissionato su base puramente commerciale", non si può fare nulla al riguardo. Per motivi di concorrenza, il Ministero della Ricerca non è autorizzato a pubblicare ulteriori dettagli e, per precauzione, non entra nemmeno in nessuna delle nostre altre domande sui finanziamenti HTR.Grazie a Dio, ora Bruxelles è responsabile di questo.

Rotgrün 2004: Pensavi di essere al potere, ma sei solo al governo. E non lo voglio in nessun altro modo.

Nuovo (vecchio) governo in Sudafrica in rotta sul nucleare!

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

Dopo che il previsto dialogo con la società civile si è concluso sotto forma di una grande conferenza sull'energia atomica nel gennaio 2004 (vedi anche circolare n. 89), i sostenitori dell'energia nucleare hanno prevalso sempre più in Sudafrica. Come previsto, l'African National Congress (ANC) ha ricevuto la maggioranza nelle elezioni generali del 14 aprile 2004. Con il 69,68% dei voti e 279 parlamentari, è stata una vittoria enorme, perché nessuno possa sottrarsi al partito dell'ex movimento di liberazione.

Lo ha riconosciuto il New National Party (NNP), il partito dell'ex regime di apartheid. Dopo aver ricevuto il 1994% nelle prime elezioni libere nel 20, è ora sceso all'1,65% e conta solo 7 membri. Due mesi fa, questo partito, sotto il suo presidente Marthinus van Schalkwyk, ha deciso di scioglierlo e integrarlo nell'ANC per ottenere un po' di più dalla distribuzione dei benefici e delle sfere di influenza. Fino alle elezioni, Schalkwyk è stato primo ministro della stessa provincia del Capo in cui si trova la centrale nucleare di Koeberg e dove sarà costruito il previsto reattore modulare a letto di ghiaia (PBMR). L'ANC di questa provincia del Western Cape non ha potuto pronunciarsi chiaramente contro il PBMR a causa di alcune considerazioni per il partner della coalizione conservatore - almeno questo è quello che hanno detto. E ora Schalkwyk è stato premiato per essersi unito all'ANC e - lo abbiamo indovinato - Ministro dell'Ambiente e del Turismo nel nuovo governo federale!

Il 22 giugno 2004 la sua collega, il ministro dell'Energia Phumzile Mlambo-Ngcuka, ha fatto una campagna con veemenza per la costruzione del PBMR: "'Non dobbiamo rinunciare a nessuna fonte di energia, altrimenti possiamo fare i bagagli con la nostra industrializzazione", ha detto e criticato i paesi industrializzati per il loro Stato vogliono prescrivere soluzioni energetiche. Quest'ultimo accusa quest'ultimo di impedire l'uso dell'alta tecnologia nel continente per interesse personale per poter continuare a sfruttare le risorse dell'Africa "(Neues Deutschland, 30 giugno 6). Solo l'2004% dell'energia in Sudafrica è generata dal sole e dal vento. Entro il 1,5 dovrebbe essere solo il 2013%. A differenza dell'energia nucleare, la ricerca indipendente sull'energia alternativa sta iniziando solo ora.

Visto che nell'articolo di ND il giornalista sudafricano si segreto Presunto trasferimento di conoscenze dal Forschungszentrum Jülich (FZJ) al Sudafrica in materia di HTR e uso militare, la "Green League Brandenburg" ha giustamente chiamato sulla scena con una lettera correttiva all'editore, che ha rivelato ulteriori aspetti interessanti del problema: " Nessuno può prevedere come sarà lo sviluppo In Sudafrica, l'ANC dovrebbe deludere le speranze delle masse nere per una vita dignitosa. Gli sviluppi nel vicino Zimbabwe mostrano che tali fallimenti possono portare a politiche irrazionali. Una bomba atomica nelle mani di politici come Mugabe sarebbe una minaccia per la pace mondiale. Ma anche il 'pacifico' reattore di Koeberg è un pericolo. Gli islamisti militanti si sono già attivati ​​in Sudafrica” (ND, 5 luglio 7).

Finora, tutto bene. La lettera all'editore secondo cui il ministro dell'Ambiente Trittin avrebbe rifiutato la linea HTR nelle discussioni interne a margine di un congresso verde e che anche la CDU non ci crederebbe più, però, mi ha commosso a una risposta in cui ho indicato ha evidenziato la responsabilità di due diversi governi rosso e verde e il sostegno a questa linea da parte del futuro partito di governo CDU/CSU (ND, 9 luglio 7). Insomma, un dibattito piacevolmente variegato in un noto quotidiano. È un peccato che gli ambientalisti impegnati in Sud Africa ne ottengano ben poco...

Anche in Gran Bretagna il governo sta pensando ad alta voce alla rinascita dell'energia nucleare e al potenziamento della ricerca nucleare indipendente. L'"Handelsblatt" del 28 luglio 7 sottolineava il timore di Blair di dover acquistare in futuro reattori nucleari "da industrie giovani come l'India o il Sudafrica".

Media, rassegna stampa:

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

Un figlio 20. Maggio Il ministro degli Esteri Fischer si è fermato a Münster in un tour della campagna elettorale europea per parlare di fronte a 500 ascoltatori, Thomas Rabe - membro fondatore della nostra BI nel 1975 ed eco-attivista di Münster nel BUND e nei Verdi per oltre 20 anni - e io distribuito trecento Fogli extra della newsletter THTR, che ha reso problematica la partecipazione di Fischer all'esportazione di HTR in Sud Africa. Prima e durante l'evento, siamo riusciti a consegnare un foglio in più a un gran numero di presenti ea rispondere educatamente alle nostre preoccupazioni. Poiché Thomas conosceva una persona su tre, c'erano molte conversazioni comprensive, cosa che non era una cosa ovvia quel giorno, come tutti possono immaginare.

Am 9. Giugno 2004 era anche il "Stella" afflitti dal rinascimento, quella perfida nebbia mentale che affligge prevalentemente i giornalisti che, senza una conoscenza approfondita dell'argomento, dovrebbero scrivere un articolo clamoroso sul ritorno del nucleare. L'assurdità ormai comune sulla sicurezza intrinseca dei piccoli HTR è stata bruciata nella storia di copertina. Dopotutto, ho preso in considerazione che le due frasi più importanti su un totale di cinque frasi sono state inviate come lettere all'editore il 23. giugno im "Stella" pubblicato: "Si può già vedere quanto siano sicuri gli HTR all'HTR di Hamm-Uentrop. Durante il suo mandato triennale negli anni '80, è stato in grado di fornire energia per soli 423 giorni perché quasi ogni settimana nuovi incidenti ed eventi notificabili hanno interrotto il suo funzionamento».

Am 22. luglio ha anche "Il tempo" ha masticato ciò che l'industria nucleare le ha detto di fare e ha anche elogiato la linea HTR nella sua storia di copertina "L'energia nucleare sta tornando". Lo sfondo dell'articolo di DZ sarà analizzato più in dettaglio nel prossimo numero della circolare (e poco prima sulla nostra homepage).

***


inizio paginaFreccia su - Fino all'inizio della pagina

***

Chiama per le donazioni

- Il THTR-Rundbrief è pubblicato da 'BI Umwelt Hamm e. V.' emessi e finanziati da donazioni.

- Il THTR-Rundbrief è diventato nel frattempo un mezzo di informazione molto notato. Tuttavia, ci sono costi in corso dovuti all'ampliamento del sito web e alla stampa di fogli informativi aggiuntivi.

- Il THTR-Rundbrief ricerca e riporta in dettaglio. Per poterlo fare, dipendiamo dalle donazioni. Siamo felici di ogni donazione!

Donazioni conto:

BI protezione ambientale Hamm
Scopo: circolare THTR
IBAN: DE31 4105 0095 0000 0394 79
BIC: WELADED1HAM

***


inizio paginaFreccia su - Fino all'inizio della pagina

***

GTranslate

deafarbebgzh-CNhrdanlenettlfifreliwhihuidgaitjakolvltmsnofaplptruskslessvthtrukvi
high-power-derfilm.jpg