Il fallimento del reattore - THTR 300 Le newsletter THTR
Studi su THTR e molto altro. L'elenco dei guasti THTR
La ricerca HTR L'incidente THTR nello 'Spiegel'

Le newsletter THTR del 2004

***


      2022 2021 2020
2019 2018 2017 2016 2015 2014
2013 2012 2011 2010 2009 2008
2007 2006 2005 2004 2003 2002

***

Newsletter THTR n. 88 febbraio 2004


La lobby nucleare risponde:

HTR in funzione in Cina e Giappone!

Fondi UE per l'ulteriore sviluppo di HTR!

Né l'apartheid in Sudafrica né il massacro di piazza Tiananmen a Pechino nel 1989 hanno impedito all'industria nucleare e ai suoi beneficiari di lanciare la loro tecnologia di reattori ad alta temperatura, che è già in declino, in questi paesi. Come risultato di oltre 70 lavori sugli HTR da parte della struttura di ricerca nucleare Jülich tra il 1990 e il 1995, questi reattori sono stati costruiti quasi completamente inosservati dal mondo in Giappone e Cina, dove sono diventati critici rispettivamente nel 1998 e nel 2000. Negli ultimi anni, la lobby nucleare ha creato l'HTR-TN (Technology Network), uno strumento in cui 17 istituti di ricerca europei e aziende in tutto il mondo stanno lavorando per stabilire la linea HTR come componente principale della presunta "quarta linea di reattori" intrinsecamente sicura .

Almeno 17 milioni di euro sono stati messi a disposizione a livello comunitario nel 2001 per il ritorno dell'HTR. Greenpeace accusa il ministro degli Esteri tedesco Fischer di aver "osservato in silenzio durante il dibattito sulla costituzione Ue nella Convenzione europea come la promozione del nucleare sia ancorata nel progetto come unica forma di energia".

L'HTTR in Giappone

inizio paginaAll'inizio della pagina - reaktorpleite.de -

Il Japan Atomic Research Institute (JAERI), un partner di cooperazione scientifica del Forschungszentrum Jülich (FZJ), opera dal 1969 sullo sviluppo dell'High Temperature Engineering Test Reactor (HTTR).

Nel 1987, un anno dopo Chernobyl, la Commissione giapponese per l'energia atomica decise di costruire questo reattore. nel marzo 1991 La costruzione di un HTTR da 30 MW è iniziata presso il centro di ricerca di Oarai. Questo reattore non è per la generazione di elettricità, ma per quello Fornitura di calore di processo pensiero. Ha lo scopo di accelerare l'uso di temperature più elevate negli HTR esaminando l'applicazione diretta del calore ad alta temperatura tramite uno scambiatore di calore intermedio con elio.

La costruzione è stata completata nel 1996 ad eccezione dell'impianto di stoccaggio del combustibile esaurito e di una sala sperimentale. A ciò sono seguiti test funzionali e miglioramenti agli azionamenti delle aste dovuti all'eccessivo riscaldamento dello scudo superiore in calcestruzzo.

Im Dezember 1997 è stata completata la produzione degli elementi di combustibile per il primo carico con 900 kg di uranio da parte della società giapponese Nuclear Fuel Industries Ltd (NFI). Al La prima criticità si è verificata il 10 novembre 1998 e le prove a energia zero si sono svolte nel gennaio 1999. Dopo l'operazione di test di potenza dal settembre 1999 al novembre 2001, l'HTTR ha raggiunto per la prima volta il pieno carico. Tuttavia, il cosiddetto funzionamento ad alta temperatura non ha potuto avvenire in seguito a causa di problemi tecnici. Nei vari articoli della rivista "Atomwirtschaft" (atw) è stato sottolineato più volte che l'ampio know-how della Germania è stato utilizzato nello sviluppo dell'HTTR. Ciò vale in particolare per la "ricetta" nella tecnologia degli elementi di combustibile.

Nel suo elenco di pubblicazioni scientifiche su Internet, limitato agli anni dal 1990 al 1995, Forschungszentrum Jülich elenca oltre 70 (!) Lavori e studi che si occupano direttamente dell'ulteriore sviluppo dell'HTR, nonostante la chiusura del THTR e il abbandono ufficiale di questa linea di reattori in Germania. Cinque studi del 1992 e del 1995 possono essere visti in connessione con l'HTTR in Giappone. Tre paper sono stati presentati alla "International Conference on Design and Safety of Advanced Nuclear Power Plants, Proceedings" di 25-29 ottobre 1992 a Tokyo presentata:

HJ Rütten e E. Teuchert "Caratteristiche di sicurezza avanzate degli HTR a letto di ghiaia con utilizzo di torio" e "Utilizzo di torio nell'HTR a letto di ghiaia con caratteristiche di sicurezza avanzate".

K. Kugler su "Opzioni di design per Advanced HTR".

Sul "Consiglio mondiale dell'energia 16th Congresso da 8-13 ottobre 1995 a Tokyo Questa è stata seguita dalla conferenza "Tecnologia nucleare senza catastrofi per il futuro approvvigionamento energetico mondiale" di K. Kugler e PW Phlippen.

sulla Conferenza annuale sulla tecnologia nucleare 1995 In Germania, gli autori di Jülich Baba, Hada, Singh e Barnert hanno tenuto la conferenza "Valutazioni per i sistemi di utilizzo del calore per dimostrazioni di processo con HTTR in Giappone".

Sarebbe davvero molto interessante scoprire su quali argomenti ha lavorato questo attivo centro di ricerca dopo il 1995. Ma stranamente, l'elenco delle pubblicazioni scientifiche termina nel 1995. Coincidenza?

E ora, nella semplicità offerta qui, alcuni suggerimenti per i profani su come funziona l'HTTR. Sappiamo da THTR Hamm che le aste di intercettazione si infilavano nei sassolini sferici fatti di elementi combustibili sferici rivestiti di grafite e quindi sorsero i ben noti problemi: le aste si piegarono, le sfere furono parzialmente distrutte, le sfere si ruppero e la grafite la polvere è stata soffiata via.

Il recipiente a pressione HTTR in Giappone è alto 13,2 m e ha un diametro di 5,5 m, il nocciolo del reattore ha un'altezza totale di 2,9 m e un diametro di 2,3 m ed è circondato da un anello blocchi di grafite esagonali. Per dirla più semplicemente: questi blocchi hanno tutti la forma di favi allineati uno accanto all'altro. In questo cilindro cavo lungo 58 cm sono secondo il metodo "perno nel blocco" Le aste di comando sono retratte dall'alto e l'elio del gas di raffreddamento, noto da THTR, scorre attraverso la cavità di un totale di 7 mm rimanenti tra l'asta e il cilindro cavo.

Gli elementi combustibili non hanno la forma di sfere, ma di cilindri cavi a nido d'ape, che con "Particelle Rivestite"(sfere PAC, particelle di carburante) sono pieni, come lo conosciamo dalle sfere THTR.

Poiché il Giappone è molto incline ai terremoti, le strutture esterne di grafite sono circondate da anelli di tensione progettati in modo elaborato, che dovrebbero agire come molle rigide. Questo HTTR, "solitamente costruito" secondo atw, dovrebbe rappresentare l'ultimo stato dell'arte in molti settori. Ma poiché c'è una "deriva di interesse mondiale" a causa dei moduli HTR concorrenti del PBMR in Sud Africa, l'HTTR "ha avuto un po' di margine e in questo contesto non è facile per JAERI assicurarsi ulteriori finanziamenti per il progetto" (atw 8-9, 2001). Tuttavia, i prossimi test sono previsti per il 2008. "I primi risultati sul rilascio di prodotti di fissione sono molto soddisfacenti. (...) Da un lato, i buoni risultati a basso rilascio non sono sorprendenti, poiché gli elementi di combustibile non hanno praticamente alcun esaurimento ..." (atw 7, 2002).

Poiché presso l'azienda giapponese NFI "la conoscenza della produzione di carburante HTR dai classici paesi HTR è confluita", sarebbe una futura fornitura di nuovi HTR "anche per la Germania" (!) (atw 2, 1999) assicurata. Così vorrebbero gli amici del nucleare di Jülich. 

Forse dovremmo farle visita all'open day dell'FZJ il 27 giugno 2004?

L'HTTR in Cina

inizio paginaAll'inizio della pagina - reaktorpleite.de -

Quando, il 19 gennaio 1978, il viceministro cinese dell'energia, Chang Pin, visitò il THTR, allora in costruzione ad Hamm-Uentrop, con una delegazione di 17 persone, i contatti tedesco-cinese erano già stati stabiliti due anni prima. Gli ingegneri dell'Associazione degli operatori di grandi centrali elettriche (VGB), con sede a Essen, in quel momento stavano viaggiando in Cina, dove hanno promosso intenzionalmente l'HTR e li hanno invitati in Germania.

Il ministro dell'energia cinese fu ricevuto al THTR dal presidente del consiglio di amministrazione della VEW Klaus Knizia (WR-WAZ dal 20 gennaio 1; questo giornale era ancora disponibile ad Hamm con un'edizione locale all'epoca!). Negli anni successivi il Innotec Energietechnik KG dal mercato di Essen più piccoli HTR in tutto il mondo, per i quali sono stati stimati 35 milioni di marchi tedeschi, per cui il 70% dei costi doveva essere aumentato dal governo federale tedesco.

"Attualmente è in corso uno studio di fattibilità con il partner di cooperazione cinese, che consiglierà l'HTR 100 sia per la produzione di energia che per la generazione di vapore di processo e la generazione di calore per la gassificazione del carbone" (Westfälischer Anzeiger del 21 gennaio 1). In questo periodo c'erano già intensi contatti tra i Centro di ricerca nucleare Jülich e l'Istituto di tecnologia di ingegneria nucleare (INTERNET) alla Tsinghua University di Pechino.

Nel rapporto di 223 pagine "Valutazione di concetti nazionali ed esteri per piccoli reattori ad alta temperatura", preparato per conto di Greenpeace, Lothar Hahn scrisse nel 1990: "L'interesse della Cina per HTR si concentra principalmente sulla produzione di petrolio pesante mediante iniezione di vapore , la cosiddetta produzione petrolifera terziaria. Per i progetti di ricerca e sviluppo sono stati avviati insieme alla struttura di ricerca nucleare tedesca Jülich Incidenti in Cina tutte le trattative sono state interrotte ... "

Oltre all'immancabile impianto di ricerca nucleare di Jülich, a bordo c'era anche la controllata Siemens interatom. Con il gruppo svedese-svizzero anche un grande sistema di moduli HTR da 300 MW Asea Brown Boveri (ABB) pianificato. Come è noto, ABB e Siemens hanno lanciato il "HTR-GmbH" fondata per costruire reattori ad alta temperatura in Unione Sovietica.

Il massacro di piazza Tiananmen a Pechino nel 1989, tuttavia, non ha dissuaso minimamente l'industria nucleare ei suoi scienziati dall'ulteriore successiva cooperazione con la Cina, come vedremo in seguito. "Se si tratta di accordi del genere, solo se ricevono un massiccio sostegno finanziario dalla parte tedesca e perché i produttori devono assolutamente costruire un sistema di riferimento da qualche parte", ha scritto Lothar Hahn, ex presidente della German Reartor Safety Commission.

I cinesi hanno cominciato 1995 sulla base della Tsinghua University di Pechino con la costruzione di un reattore ad alta temperatura da 10 MW. È un reattore a letto di ciottoli come quello di Hamm-Uentrop. Il 1 dicembre 12 il reattore è diventato critico per la prima volta. "I test dei sistemi a gas caldo sono stati completati con successo e l'essiccazione degli interni del reattore ceramico è a buon punto. Sono stati rimossi 103 kg di acqua. L'HTR-10 inizialmente funziona con un circuito generatore di vapore, ma sono già iniziati i piani per convertire il reattore in un sistema a circuito singolo con una turbina ad elio diretta "(atw 8-9, 2001). Fornisce la base per un modulo HTR da 200 MW da 2005 costruito e, se utilizzato con successo, deve essere utilizzato commercialmente.

Nel suddetto elenco di oltre 70 lavori su HTR presso l'FZJ, il seguente documento documenta la cooperazione tedesco-cinese tra il massacro di Piazza Tiananmen e l'inizio della costruzione a Pechino:

  • Alla conferenza annuale sulla tecnologia nucleare 1990 hanno riferito Fröhling, Schwarzkopp, Kugeler, Waldmann e Harzberger su "Uso dell'HTR nella produzione di petrolio pesante e nell'industria chimica in Cina - risultati di uno studio di progetto".

  • 1991 tenne Fröhling, Waldmann, Schwarzkopp, Steinwarz, Zhong e Ye sul "5th UNITAR / UNDP-Conferenza su "Heavy Crude and Tar Sands" a Caracas, Venezuela: "Trasferimento di tecnologia di generazione di flussi nucleari per il recupero di petrolio pesante e l'industria petrolchimica in Cina".

  • Sono agosto 1993 hanno scritto Zhang, Gerwin e Scherer: "Analisi del processo di diffusione del gas durante un ipotetico incidente con ingresso d'aria in un reattore modulare a gas raffreddato ad alta temperatura".

In occasione della prima criticità dell'HTR in Cina avvenuta dal 19-21 marzo 2001 a Pechino una conferenza internazionale con 46 partecipanti provenienti da Cina, Francia, Germania, Giappone, Paesi Bassi, Russia, Sud Africa e Stati Uniti. L'"Atomwirtschaft" (8 - 9, 2001) parla di una "sensazione edificante", "potere finalmente celebrare di nuovo la criticità di un HTR". La struttura ha fatto "un'impressione molto ordinata e pulita" e l'autore del rapporto è stato lieto che il "paesaggio HTR sia di nuovo in movimento". Il relatore atw, tuttavia, non è un estraneo. è Dott. rer. Naz. Chrysanth Marnet, attenti lettori della newsletter THTR noti come membri del consiglio di amministrazione della Düsseldorfer Stadtwerke e dell'"Associazione dei gestori di grandi centrali elettriche (VGB) e in seguito amministratore delegato dell'AVR a Jülich, che nel 1987 ha dovuto annullare il suo tour di conferenze programmato in Sud Africa a causa del pubblico proteste del movimento anti-apartheid (vedi RB n. 84).

Nell'articolo atw, Marnet offre una panoramica dei 21 dipartimenti di ricerca di INET con i loro 551 dipendenti, inclusi 68 professori ordinari e 191 docenti. Interessante in questa pubblicazione del 2001 è la tabella "Panoramica dei nuovi sistemi HTR", dove, oltre ai reattori in Cina, Giappone, USA e Sud Africa, compare anche la Germania con un HTR da 200 MW: "Stato: pianificazione dettagliata". Ci piacerebbe saperne di più su questo!

Rete UE per l'ulteriore sviluppo di HTR

inizio paginaAll'inizio della pagina - reaktorpleite.de -

Alcuni anni fa, il Dipartimento dell'Energia (DOE) ha avviato negli Stati Uniti i preparativi per la costruzione di una nuova linea di reattori presumibilmente a prova di disastro, con la quale il governo degli Stati Uniti vuole giustificare la sua offensiva per la costruzione di un gran numero di nuove centrali nucleari centrali elettriche ai critici. È il "Quarta generazione".

Le aziende atomiche europee e i loro istituti di ricerca vogliono ottenere qualcosa dalla grande torta da distribuire in futuro e hanno ottenuto che la "Commissione europea" acconsenta al 5° Programma Quadro dell'UE (FP5) per essere più coinvolti nella linea HTR. In questo modo, vogliono promuovere l'accettazione degli HTR come candidati promettenti per questa nuova generazione di energia atomica. A tal fine, nel 2000 diverse aziende e istituti di ricerca hanno fondato l'HTR Technology Network (HTR-TN). Ecco un po' di cronologia:

  • Im gennaio 2000 una conferenza si è tenuta a Bruxelles con partecipanti provenienti da 11 paesi.

  • Im novembre 2000 È stato formato un comitato direttivo con Cogema (Francia), VTT (Finlandia) e il Bund Deutscher Techniker e. V., Hagen (BDT, Germania).

  • Im marzo 2001 la collaborazione con la cinese INET è stata concordata al già citato congresso HTR di Pechino.

  • Im Aprile 2001 VUJE (Slovenia) e Ciemat (Spagna) sono stati aggiunti alla terza riunione di questo comitato.

  • Im Giugno 2001 La rete HTR è stata presentata a Mosca alla conferenza ISTC (Centro scientifico e tecnico internazionale; questa organizzazione è finanziata principalmente dagli Stati Uniti, secondo "Russia attualmente") e una cooperazione con l'Istituto russo Kurchatow e l'OKB (ufficio di progettazione sperimentale; ovviamente parte del complesso militare-industriale).

  • Dalla 22-24 aprile 4 Oltre 160 esperti provenienti da tutto il mondo si sono incontrati a Petten (Paesi Bassi) come parte della rete HTR. Sono state tenute 46 lezioni.

Joel Guidez, Membro della Commissione Europea e capo della "High Flux Reactor Unit" di Petten, è uno dei relatori e propagandisti di questa rete HTR. Sulla rivista "Nuclear Europe World-scan" (7-8, 2001) scrive che nel 2001 era nel budget del 5° programma quadro dell'UE Per il sottoprogetto HTR sono stati spesi 17 milioni di euro!

Nel "Rapporto sui risultati scientifici" 2002 del Centro di ricerca Jülich il rapporto di HJ Rütten e KA Haas "Indagini sulla combustione del plutonio di seconda generazione in HTR" (sottolineato nell'originale) può essere letto al punto 2.3.2.3 a pagina 68. Rütten ha tenuto una conferenza sull'HTR a Tokyo nel 2 (vedi questo RB sotto il Giappone) e dal 1992 ha scritto numerosi studi sull'HTR nell'FZJ. Anche Haas. E si è anche registrato con altri il 1990 giugno 15, quattro anni dopo la chiusura del THTR in Germania Patent a: "Reattore a letto di ghiaia con funzionamento discontinuo".

Nel 2002 questi due scienziati hanno creato nell'ambito del 5° programma quadro dell'UE, il sottoprogetto HTR-N1, "Un primo studio di base sul riciclaggio e l'incenerimento del plutonio della cosiddetta '2a generazione' in un letto a sfera HTR". Poiché vengono esaminate e confrontate diverse strategie di caricamento del combustibile con plutonio e uranio, questo lavoro va ben oltre una "ricerca sulla sicurezza" per le centrali nucleari, come è ancora tollerata in Germania dai ministeri rosso-verdi responsabili.

Opera tra l'altro come appaltatore per la FZJ "Istituto per l'energia nucleare e i sistemi energetici" (IKE) dell'Università di Stoccarda presso HTR Research (vedi anche RB n. 79, p. 5). Dal 1 maggio 5 al 1999 aprile 30 qui si è svolto il lavoro sul progetto di ricerca "Gas Cooled HTR Network" (GHTRN). Dal 4 luglio 2001 al 1 dicembre 7, la FZJ e la società nucleare Framatome hanno commissionato il progetto "HTR-TN" per aiutare l'industria nucleare europea a costruire questo tipo di reattore.

Quindi dobbiamo affermare che l'industria nucleare ha condotto ricerche sulla sua linea HTR a livello dell'UE, che è più difficile da comprendere e controllare, e ha anche collaborato intensamente con i paesi non europei. Tutte le domande che abbiamo posto ai ministeri tedeschi sul PBMR in Sud Africa sono appropriate anche questa volta.

Ci sono una mezza dozzina di altri paesi che sono coinvolti o molto interessati alla ricerca HTR ma non sono ancora stati menzionati qui per mancanza di spazio. Quindi: continua.

fiore di Horst

Segni e meraviglie:

inizio paginaAll'inizio della pagina - reaktorpleite.de -

Il Foreign Office ha scritto il 10.01.2004 gennaio XNUMX all'iniziativa dei cittadini per la protezione ambientale di Hamm:

"Grazie per le sue lettere al ministro federale Fischer dell'11.07 luglio e del 27.11.2003 novembre XNUMX. A causa di un errore d'ufficio, la sua prima lettera non ha ancora ricevuto risposta, per la quale chiedo la sua indulgenza.

Non c'è collaborazione tra il Ministero degli Esteri federale e la compagnia energetica sudafricana ESKOM. Secondo il Ministero federale dell'istruzione e della ricerca responsabile del Forschungszentrum Jülich (FZJ), esiste una cooperazione esclusivamente commerciale tra FZJ ed ESKOM, che riguarda gli aspetti di sicurezza della tecnologia PBMR. Non c'è alcun sostegno finanziario da parte del governo federale per questo.

Il Foreign Office è stato informato dall'FZJ del viaggio del Prof. Treusch dall'FZJ in Sud Africa, come di consueto in questi casi. Ciò non includeva alcun sostegno da parte del Ministero degli esteri federale per una possibile missione del prof. Treusch in materia di cooperazione nucleare con il Sudafrica.

Il Ministero degli esteri federale non è responsabile per le domande relative alla valutazione delle esperienze con la tecnologia dei reattori ad alta temperatura. Tuttavia, puoi contattare il Ministero federale dell'istruzione e della ricerca a questo proposito.

Sono lieto di informarvi che anche il governo federale sta sostenendo con crescente successo l'introduzione della tecnologia tedesca nel campo della generazione di energie rinnovabili anche in Sudafrica. Spera che ciò dia slancio anche al discorso sulla politica energetica in quel paese. Tuttavia, non ha alcuna influenza sull'opzione aperta dal Trattato di non proliferazione per l'uso pacifico dell'energia nucleare in Sudafrica. Per quanto riguarda la questione dei diritti umani, il Ministero degli esteri federale non ha ricevuto alcuna informazione negativa sulla società ESKOM".

Ahaa e Ohoo!

Il Ministero degli Esteri federale nega il sostegno alla cooperazione nucleare con il Sudafrica. Al contrario, la FZJ sottolinea espressamente un "accordo con il Ministero degli Esteri" e, con riferimento al Ministero degli Esteri, proclama: "Quindi tutto è andato abbastanza legalmente" (WDR 5 del 23.12.2002 dicembre 80; documentato in THTR-RB n. .XNUMX). Queste due affermazioni non combaciano del tutto. 

In ogni caso, il Foreign Office è stato utilizzato per creare la parvenza di legittimazione ufficiale per le attività del Forschungszentrum Jülich in Sudafrica

Delle nostre domande, in particolare quella sul rischio di proliferazione non è stata data risposta (vedi RB n. 84) e nemmeno le nostre argomentazioni dettagliate nella nostra seconda lettera non sono state discusse in dettaglio. In contrasto con la pressione pubblica sull'Iran per evitare la proliferazione, il Foreign Office non è a conoscenza di tali attività in Sud Africa. È anche molto sorprendente quanti "errori d'ufficio" ci siano nei ministeri tedeschi.

Tra l'altro: Il portavoce del ministero dell'Ambiente, Michael Schroeren, ha detto al telefono di rispondere alle nostre domande nel prossimo futuro. Forse, sei settimane dopo il nostro secondo sollecito urgente, l'urgenza di metterci in contatto con un articolo quasi a pagina intera nel Giovane mondo Proprio in questo giorno (05.01.2004), il Ministero dell'Ambiente è stato esplicitamente contattato per l'esportazione di HTR e Trittin è stato mostrato con una grande valigia con il know-how nucleare.

Sudafrica: Dialogo sul nucleare

inizio paginaAll'inizio della pagina - reaktorpleite.de -

L'attivissima Böll Foundation ha lanciato un'altra iniziativa in Sud Africa per sostenere gli ambientalisti locali:

"Nell'ambito del 'programma ambientale' del Fondazione Heinrich Böll In Africa australe, negli ultimi mesi abbiamo promosso il dialogo con la società civile sulla pianificazione e gli sviluppi nel settore nucleare (produzione di combustibili, costruzione di centrali elettriche e trattamento e smaltimento dei rifiuti).

Questi sforzi raggiungeranno ora un culmine preliminare in un'audizione del parlamento sudafricano a febbraio, organizzata dalla commissione per l'ambiente del parlamento su nostro suggerimento. La fondazione ha organizzato tre workshop regionali in preparazione di questa audizione e farà in modo che le persone colpite nelle vicinanze dei tre "centri atomici" (Pelindaba, Koeburg e Vaalputs) possano partecipare all'audizione.

Dal nostro punto di vista, l'obiettivo del provvedimento è una risoluzione parlamentare su una legge di uscita simile al modello tedesco” (speriamo con più successo!; HB).

La conferenza si terrà a Cape Town il 16-17 febbraio.

Capitale tedesca al Capo

inizio paginaAll'inizio della pagina - reaktorpleite.de -

Gottfried Wellmer, autore dell'articolo "The Significance of ESKOM for the Apartheid System" in THTR-Rundbrief n. 84, ha scritto il suddetto libro insieme a Birgit Morgenrath, che nell'attuale numero di febbraio (n. 285) del " Grassroots Revolution" - e qui ovviamente - discusso in dettaglio da Horst Blume. 

Il Sudafrica è un eccellente esempio del fatto che le aziende non vogliono essere limitate nella loro ricerca del profitto dai diritti umani. Il fatto che ora sia stata intentata una causa contro i collaboratori tedeschi del regime dell'apartheid aggiorna la discussione sul ruolo delle multinazionali internazionali anche nel presente. Nella ricerca approfondita compaiono anche alcuni nomi di società che hanno a che fare con la politica energetica di NRW. 

Robben Island, l'ex isola prigione dello stato dell'apartheid, è ora la più grande attrazione turistica di Città del Capo. Dove le persone sono state rinchiuse nelle celle di prigione per decenni, ora si tengono spettacoli comici e cene celebrative per celebrità paganti, che poi trascorrono la notte nelle case delle guardie carcerarie come momento clou. Questa forma di "ricordo" dell'era dell'apartheid non è certo migliore dell'oblio.

Quando stavo accompagnando alcuni membri di organizzazioni non governative nell'area della Ruhr nel loro viaggio di andata e ritorno verso luoghi di energia alternativa, un passeggiatore ci ha incontrato con un cane trotto indifferente, che ha suscitato l'osservazione da parte di un partecipante nero che i cani tedeschi sono ovviamente più pacifici rispetto ai cani sudafricani. Le ombre del passato sono ancora lì.

Per decenni, il capitale tedesco ha tratto i massimi profitti dallo sfruttamento e dall'oppressione dei neri. Anche qui in Germania c'era un ampio movimento anti-apartheid che protestava contro la violazione dei diritti umani. Ma dopo che l'apartheid è stato finalmente abolito dieci anni fa e trasformato in una democrazia occidentale formale, le condizioni in Sudafrica non sono più un problema che attira molta attenzione.

Il libro di Morgenrath e Wellmer rimedia a questa carenza attraverso una presentazione e un'analisi ben fondate delle relazioni commerciali tedesco-sudafricane e mostra in rapporti scioccanti quanto male fosse la stragrande maggioranza della popolazione del Sudafrica allora come è oggi e in quale modo ignorante i tedeschi stanno ancora facendo adesso Le corporazioni si lavano le mani nell'innocenza.

Questo libro compare anche nel contesto dell'atto d'accusa davanti a un tribunale statunitense in cui 91 vittime sudafricane accusano 22 compagnie internazionali di gravi violazioni dei diritti umani. Il Khulumani Support Group rappresenta 32.000 vittime dell'apartheid come organizzazione di auto-aiuto e sostiene il principio legale della "corresponsabilità secondaria", introdotto nella giurisprudenza internazionale dai processi di Norimberga. Secondo questo, i complici di un regime hanno la responsabilità indiretta dei crimini commessi. Sono citate in giudizio le seguenti società tedesche: Rheinmetall, Commerzbank, Deutsche Bank, Dresdner Bank, Daimler Chrysler e AEG. Nella stessa Germania, queste società non possono essere perseguite.

"Apartheid significava: niente sindacati, tasse basse, manodopera a basso costo, alti profitti e una bella vita in un bel paese con personale di servizio estremamente a buon mercato". Per cinquant'anni i nativi "improduttivi" come gli anziani, i bambini e le donne furono reinsediati con la forza in aree per lo più sterili, mentre i giovani forti furono autorizzati a trasferirsi nelle città come schiavi salariati. In questo modo, il 70 per cento della popolazione era rinchiuso nelle cosiddette patrie, che costituivano solo il 13 per cento dell'area del Sudafrica.

Per proteggersi dalle sanzioni economiche dall'estero, il regime ha accentrato l'economia nelle corporazioni statali. Dal 1980 in poi, la Germania ha concesso la maggior parte dei prestiti mondiali a queste istituzioni del governo dell'apartheid, fornendo così le risorse finanziarie necessarie all'ancora di salvezza di questo ordine sociale ingiusto.

Una delle più importanti aziende statali era la società di fornitura energetica ESKOM, di cui uno dei suoi dirigenti ha testimoniato davanti alla Commissione per la verità e la riconciliazione nel 1997: "È vero che l'ESKOM ha operato efficacemente come istituzione dell'apartheid e quindi ha servito principalmente i bianchi interessi." ESKOM gestiva 14 centrali elettriche a carbone e due blocchi di centrali nucleari a Koeberg, vicino a Città del Capo. "La Deutsche, la Dresdner, la Commerz-, la Westdeutsche Landes- e la Bayrische Vereinsbank hanno dato il 30-70% dei loro prestiti all'ESKOM." L'enorme parte dell'elettricità è andata all'industria mineraria del carbone e dell'oro e non alla popolazione nera.

Nell'ambito di uno scambio culturale (!) ci sono state vivaci visite reciproche di scienziati nucleari tra la RFT e il Sudafrica. In particolare, si sono distinti gli esperti della Società per la ricerca nucleare di Karlsruhe e della società statale Essener Steinkohle-Elektrizitäts AG (STEAG) e alla fine dello sviluppo il Sudafrica era in possesso di diverse bombe atomiche!

Le garanzie Hermes per le esportazioni tedesche sono state fornite con piacere da ogni governo tedesco negli ultimi decenni e gran parte dei prestiti è tornata a ESKOM. Secondo i due autori, il ministro degli Esteri della grande coalizione negli anni Sessanta, Willy Brandt, ha reagito alle violazioni dei diritti umani "con un discreto riserbo sul piano politico e una chiara approvazione in campo economico". Che i buoni vecchi collegamenti dell'industria nucleare e dei suoi scienziati siano ancora eccellenti oggi, dimostra il fatto che più di 60 anni dopo Brandt, sotto il ministro degli Esteri dei Verdi Fischer, la cooperazione nucleare con lo stato post-apartheid continua: sotto la sua guida , è stato stabilito il reattore tedesco ad alta temperatura -Know-how per il previsto reattore modulare a letto di ghiaia (PBMR) vicino a Città del Capo venduto a una società ESKOM.

In diversi capitoli separati, i due autori mostrano come le società Siemens, la Düsseldorfer Waffenfabrik Rheinmetall e Mercedes abbiano fornito all'apparato di governo sudafricano attrezzature militari in un'area chiave nonostante la risoluzione ONU 1977 per un embargo obbligatorio sulle armi, approvato nel 418. Nel caso della Mercedes, queste corporazioni hanno persino partecipato direttamente alla repressione: "Questi manager Mercedes indossavano bellissimi abiti con cravatte durante il giorno e tute mimetiche di notte e sparavano e uccidevano giovani disarmati, anziani e persino bambini piccoli. Lo hanno fatto. incursioni porta a porta».

Nel loro studio dettagliato, i due autori mostrano punto per punto che le 400 aziende tedesche con le loro filiali in Sud Africa non solo sono state "aiutanti" al regime, ma erano parte del sistema. Le affermazioni delle corporazioni secondo cui non c'era discriminazione nelle loro operazioni sono smascherate come menzogne ​​grossolane.

Nel 1983/84 circa il 40 per cento del budget totale è stato speso per armare le forze di sicurezza e l'apparato repressivo. Le casse dello Stato si sono svuotate. Negli anni '80 "la generazione dei giovani leoni" ha intrapreso la lotta nelle fabbriche e ha rivendicato il loro diritto umano all'uguaglianza e alla dignità con incredibile forza e coraggio. Per me le descrizioni della guerra nelle fabbriche sono tra le più impressionanti del libro. È anche evidente qui che nel 1990 e nel 1991, quando i movimenti di liberazione furono nuovamente autorizzati, la repressione e i licenziamenti furono peggiori presso l'azienda Hoechst perché il gruppo voleva razionalizzare in modo rapido ed economico prima della fine definitiva dell'apartheid.

Questo è stato seguito dalla disillusione quando il nuovo governo democratico non ha corretto le strutture sociali ingiuste create dall'apartheid, ma invece le ha intensificate con la politica economica neoliberale dal 1996. Il tappeto rosso è stato srotolato di nuovo per le multinazionali. La Germania è diventata rapidamente il partner commerciale numero uno per il Sudafrica. Tuttavia, non una singola azienda tedesca ha testimoniato davanti alla commissione della verità, in cui si supponeva che si trattasse del passato. Decine di migliaia di coloro che erano stati abusati e torturati, così come i parenti degli assassinati, avevano sperato in un risarcimento economico. Perché per molte persone è ancora una questione di sopravvivenza di fronte a un'estrema disuguaglianza sociale. Ma non ci sono più soldi per questo; è necessario per il servizio del debito.

L'organizzazione di auto-aiuto Khulumani, insieme ad altre 4000 iniziative, chiede che le banche e le aziende riconoscano l'ingiustizia che hanno commesso e chiede un risarcimento individuale e collettivo. Chiedono la cancellazione del debito spregevole perché è stato il regime dell'apartheid a rovinare le finanze dello Stato. "La richiesta di riparazioni internazionali è una richiesta di ridistribuzione economica, cambiamento politico e ripristino dell'uguaglianza tra le nazioni".

Il gruppo di coordinamento della campagna per la cancellazione del debito e la compensazione ha cercato e dimostrato il dialogo con i finanziatori dell'apartheid, ha partecipato alle riunioni generali delle società, ha tenuto discorsi e scritto lettere. Gli aiutanti dell'apartheid lo appesantiscono e si rifiutano persino di aprire gli archivi dell'azienda, il che rivelerebbe tutta la portata delle loro azioni riprovevoli. Gli oppositori dell'apartheid sociale di oggi continueranno a lottare ea sperare nella nostra solidarietà. Questo libro, scritto in modo stimolante e sorprendente, mostra molto chiaramente che il passato sudafricano è anche la nostra storia.

fiore di Horst

Birgit Morgenrath / Gottfried Wellmer: "Capitale tedesca al Capo. Collaborazione con il regime dell'apartheid", Edition Nautilus, 160 pagine, 12,90 euro

Cari lettori!

Puoi vedere di persona, non c'è abbastanza spazio per ospitare i nuovi trasporti Castor da Rossendorf da Ahaus per entrare più nel dettaglio. Dovrebbero succedere presto e nel Münsterland succede qualcosa quasi ogni settimana. Il 06.03.2004 marzo XNUMX a Giornata d'azione in autostrada tenuto lungo il percorso. Basta dare un'occhiata a Internet www.bi-ahaus.de

La nostra, questa homepage, tra l'altro, è molto spesso visitata da FZ Jülich e dall'esercito americano, il che non sorprende in considerazione del problema della proliferazione e dei piani nucleari del governo degli Stati Uniti.

Sulla domanda dei cittadini: Scambio di esperienze tra Hamm e Cape Town sul tema dei pericoli dei reattori ad alta temperatura. Il parere del sindaco e la nostra risposta al suo atteggiamento negativo.

***


inizio paginaFreccia su - Fino all'inizio della pagina

***

Chiama per le donazioni

- Il THTR-Rundbrief è pubblicato da 'BI Umwelt Hamm e. V.' emessi e finanziati da donazioni.

- Il THTR-Rundbrief è diventato nel frattempo un mezzo di informazione molto notato. Tuttavia, ci sono costi in corso dovuti all'ampliamento del sito web e alla stampa di fogli informativi aggiuntivi.

- Il THTR-Rundbrief ricerca e riporta in dettaglio. Per poterlo fare, dipendiamo dalle donazioni. Siamo felici di ogni donazione!

Donazioni conto:

BI protezione ambientale Hamm
Scopo: circolare THTR
IBAN: DE31 4105 0095 0000 0394 79
BIC: WELADED1HAM

***


inizio paginaFreccia su - Fino all'inizio della pagina

***

GTranslate

deafarbebgzh-CNhrdanlenettlfifreliwhihuidgaitjakolvltmsnofaplptruskslessvthtrukvi
nr12.jpg