N. 98 05 marzo


Il fallimento del reattore - THTR 300 Le newsletter THTR
Studi su THTR e molto altro. Elenco dei guasti THTR
La ricerca HTR L'incidente THTR nello 'Spiegel'

Newsletter THTR n. 149,

Dezember 2017

***


    2023 2022 2021 2020
2019 2018 2017 2016 2015 2014
2013 2012 2011 2010 2009 2008
2007 2006 2005 2004 2003 2002

contenuti:

THTR in Cina: Oh! Un problema con la tecnologia "convenzionale"!

Smantellamento THTR: il governo della NRW ha un piano?

Il Controllo federale delle finanze critica gli operatori THTR

Esenzione fiscale HKG

Pubblicità THTR con carburante ed esprit!

HTR in Polonia?

Esperimenti HTR nei Paesi Bassi

I contenitori di trasporto di Ahaus possono essere riparati presso THTR Hamm

BI Ahaus aveva 40 anni!

"Azione per il clima" contro RWE: "Viva lo stato di diritto!"

Critiche a Facebook

Come la Westfälische Anzeiger mette gli antifascisti alla gogna

Cari lettori!

 


THTR in Cina: Oh! Un problema con la tecnologia "convenzionale"!

Frontespizio - Circolare THTR n.149, dicembre 2017Secondo le previsioni dell'Agenzia cinese per l'energia atomica, i due blocchi di reattori THTR nella penisola di Shandong (Tsingtao) dovrebbero fornire energia elettrica già a dicembre 2017. Ma, come spesso in passato, è andata diversamente da come si pensava, come è stato ammesso da più parti. Il 5 aprile 2017, quando le notizie sul caricamento dei reattori con le sfere del moderatore non radioattive, tutto sembrava andare nei tempi previsti.

Ma poi il sito web World Nuclear News (WNN) ha riportato il 17 settembre 2017: “Cinque anni dopo l'inizio del programma HTR, i test tecnici della maggior parte dei componenti e dei materiali innovativi sono stati completati e il contenitore del reattore e alcuni le sfere di grafite infiammabili sono caricate in loco". Per poi ammettere: “In cantiere in Shidaowan nella provincia di Shandong, il generatore di vapore e il reattore sono in fase di assemblaggio finale, ha detto Wu. Uno dei lavori eccezionali è il test finale del generatore di vapore, che trasferisce il calore dall'elio di raffreddamento a un circuito acqua/vapore. Wu ha detto che questi dovrebbero essere completati entro il prossimo aprile "(1).

Quindi le palline sono ancora in fase di caricamento e la funzionalità del generatore di vapore sarà verificata fino ad aprile 2018. Vediamo cosa salta fuori dopo. Nell'ottobre 2017, gli amici THTR tedeschi al 150% della homepage "Biokernsprit" (vedi articolo nelle pagine seguenti) hanno confermato i problemi esistenti a modo loro:

"Sentiamo dai nostri contatti cinesi: l'HTR-PM potrebbe essere in ritardo di 1 anno a causa di problemi con la tecnologia convenzionale. Con un progetto iniziale così grande, non è sorprendente. Lo dimostrano altri grandi progetti (Berlino, Stoccarda, Amburgo, Olkiluoto, Flamanville). Anche i progressi sono chiaramente visibili. I costi stimati per questo primo modello dovrebbero aggirarsi intorno al miliardo di euro. Anche questo non è eccezionale. Il 1 luglio, la turbina a vapore ha soddisfatto i requisiti del cambio e il test ha avuto esito positivo.

L'11 agosto è stato superato l'obiettivo (250.000 palle infuocate nel 2017 quattro mesi prima della scadenza). Le palline campione sono state testate con successo a Petten (NL) e al KIT Karlsruhe."

Se gli scandali sull'aeroporto di Berlino e sulla stazione ferroviaria di Stoccarda vengono descritti da queste persone come "non sorprendenti" e confrontati con il THTR, allora possiamo ancora aspettarci molto. È da notare che i gravi problemi sono attribuiti alla parte convenzionale e ovviamente non alla parte nucleare. È anche significativo che gli istituti di ricerca tedeschi e olandesi finanziati dallo stato siano coinvolti nello sviluppo del THTR cinese.

Ulteriori progetti THTR sono previsti nella stessa Cina: sono attualmente in corso studi di fattibilità per i reattori HTR-PM 600 a Sanmen (provincia di Zhejiang), Ruijin (provincia di Jiangxi), Xiapu e Wan'an (provincia del Fujian) e Bai'an (provincia di Guangdong). Provincia) effettuato. Sono luoghi che si trovano allo stesso livello di Taiwan e si estendono fino a poco prima di Hong Kong a sud.

Come già riportato nell'ultima newsletter THTR, gli accordi di cooperazione del 15 maggio 2017 per la cooperazione e lo sviluppo di HTR tra Cina e Arabia Saudita sono stati firmati da entrambe le parti nell'agosto 2017. La preoccupazione principale qui è il funzionamento degli impianti di desalinizzazione dell'acqua di mare che utilizzano reattori ad alta temperatura e il trasferimento di know-how.

Osservazioni

(1) http://www.world-nuclear-news.org/NN-China-plans-further-high-temperature-reactor-innovation-1909171.html

 

Cerca su reaktorpleite.de con la parola chiave: Cina
http://www.reaktorpleite.de/interne-suche.html?q=China

 


Smantellamento THTR: il governo della NRW ha un piano?

Dopo il suo smantellamento dal 1997 al 2027, il THTR si trova in quella che è nota come operazione di smantellamento, che costa diversi milioni di euro ogni anno. Dopo vent'anni - quindi ora nel 2017 - secondo gli accordi presi all'epoca, l'operatore HKG dovrebbe informare il Ministero dell'Economia NRW come autorità di approvazione quando e come dovrebbe avvenire lo smantellamento del THTR. Finora nulla è stato reso noto al pubblico su questo. Poiché anche gli aspetti finanziari giocano un ruolo, le nostre domande del 16 novembre 11 andranno anche al Ministero delle finanze della NRW. Ecco il questionario specifico:

L'ultima dichiarazione concreta conosciuta del governo statale della NRW su un possibile smantellamento del THTR ha avuto luogo il 17 ottobre 2008 ed è ora nove anni fa.

Nello "Stato delle cose, sviluppo dei costi smantellamento THTR Hamm-Uentrop" del governo statale per il Comitato per l'economia, le medie imprese e l'energia del 17 ottobre 10 si dice:

“Secondo l'avviso di approvazione 7 / 12c, edizione 3.20, il sistema THTR 300 deve essere tenuto ben chiuso fino al suo completo smontaggio. Nel 2017, cioè dopo 20 anni di confinamento sicuro, l'autorità di regolamentazione nucleare deve essere informata per quanto tempo deve essere mantenuto il confinamento sicuro".

Ciò dà luogo alle seguenti domande, alle quali vi chiediamo di rispondere:

1. Dal momento che il 2017 è quasi finito: per quanto tempo deve essere mantenuto il contenimento sicuro del THTR? Ci sono tentativi per smantellare il THTR? Quali informazioni ha il tuo ministero?

2. Quali possibili diverse linee di azione ne derivano? Quale preferisce il tuo ministero? Ci sono state o sono in corso discussioni con gli operatori in merito? Cosa farà il tuo ministero dopo?

3. Il rapporto "Costi dello smantellamento del THTR 300" del maggio 2008 commissionato dall'operatore HKG è menzionato nel suddetto rapporto sullo stato. Lì, "Sempelkamp NIS Ingenieurgesellschaft mbh" ha fissato il costo totale dello smantellamento a 347,1 milioni di euro. Hanno scritto: "I costi calcolati di circa 347,1 milioni di euro sembrano piuttosto ottimisti". Perché pensi che questi costi previsti siano piuttosto ottimisti?

4. In quale quadro finanziario saranno i costi per lo smantellamento in base allo stato attuale delle cose?

5. HKG o RWE hanno l'obbligo di fornire disposizioni per THTR Hamm e, in caso affermativo, in quale misura? L'operatore HKG ha preso provvedimenti adeguati e ha assunto determinati impegni finanziari? Chi dovrebbe sostenere i costi in caso di disposizioni insufficienti?

6. Come valuta il vostro ministero il rischio potenziale di smantellamento in considerazione dell'inventario radioattivo (incluso 1,6 kg di combustibile nucleare) e degli incidenti passati?

7. A quanto ammontano i costi annuali attuali e probabili futuri per il funzionamento del "sistema chiuso di sicurezza" THTR? Come è strutturata la ripartizione dei costi dei rispettivi attori? Finora sono stati mantenuti tutti gli impegni finanziari? Ci sono impegni da parte degli operatori per il periodo successivo al 2022?

 

Cerca su reaktorpleite.de con la parola chiave: smantellamento THTR

http://www.reaktorpleite.de/interne-suche.html?q=THTR-Rückbau

 


L'Ufficio federale delle finanze critica gli operatori THTR per aver voluto evitare i pagamenti:

Il rapporto dell'Ufficio federale dei conti alla commissione bilancio del Bundestag tedesco ai sensi del § 88 sugli aspetti generali della pianificazione, della gestione e del controllo durante la disattivazione e lo smantellamento degli impianti di test nucleari del 17 aprile 2015 evidenzia incongruenze a pagina 43 in il suo capitolo 5 "Trasparenza dei costi totali" l'assunzione del governo federale per i costi per la disattivazione e lo smantellamento del THTR:

“In altri casi, le ragioni per la rimozione o l'inclusione di progetti non sono evidenti. A differenza degli anni precedenti, il budget 2015 non contiene più alcun riferimento alla precedente partecipazione finanziaria del governo federale alla chiusura del THTR a Hamm-Uentrop. Il rapporto al comitato del bilancio elenca il progetto, ma sottolinea che gli obblighi finanziari del governo federale sono scaduti nel 2009. Questo è quantomeno fuorviante, in quanto non è stata ancora decisa la ripartizione dei costi per lo smantellamento dell'impianto dal 2023 e un'eventuale partecipazione del governo federale”.

A pagina 49, la Corte dei conti federale mostra chiaramente che dietro le aspettative di costi molto bassi date dall'industria nucleare (come è successo con lo smantellamento del THTR con 347,1 milioni di euro), il calcolo è, in una fase molto precoce, il più economico possibile , per sempre da responsabilità finanziaria da assolvere:

“Gli esempi citati indicano che l'impulso per le attività di ricerca nucleare in alcuni casi non è venuto principalmente dal governo federale, ma dallo stato o dall'industria elettrica. Allo stesso tempo, mostrano una tendenza già pronunciata a spostare lo sforzo di rimozione dei siti contaminati da queste attività al governo federale. Ciò è particolarmente problematico se non sono chiaramente indicati i rischi a cui sarà esposta la Confederazione e l'adeguato contributo fornito dalle istituzioni responsabili. Ciò è dimostrato dall'esempio della WAK GmbH, dove il contributo degli operatori privati ​​è stato fissato sulla base di un'aspettativa di costi decisamente troppo bassa e i costi in forte aumento sono ora in gran parte a carico del governo federale. In particolare in vista delle pattuizioni pendenti al THTR, si dovrebbe evitare che gli azionisti privati ​​possano liberarsi dai rischi di possibili aumenti di costi significativi in ​​cambio di un pagamento forfettario inadeguato e piuttosto 'simbolico'”.

Il rapporto può essere visualizzato qui:

https://www.bundesrechnungshof.de/de/veroeffentlichungen/beratungsberichte/langfassungen/langfassungen-2015/2015-bericht-uebergreifende-aspekte-der-planung-steuerung-und-kontrolle-bei-stilllegung-und-rueckbau-nuklearer-versuchsanlagen-pdf

 


Esenzione fiscale HKG

Lo status di “Joint European Company” per l'operatore THTR HKG è stato esteso nel 2010 per altri 8 anni. Un'ulteriore estensione dovrebbe avvenire nel 2018. Secondo l'articolo 48 del trattato Euratom, questo status è associato a un'esenzione fiscale. Nel 2002 abbiamo avuto un'intensa corrispondenza su questo argomento con i ministeri competenti del Nord Reno-Westfalia, che può essere visualizzata nella circolare 77:

Newsletter THTR n. 77-november-02.html

 


Pubblicità THTR con carburante ed esprit

Dopo la scomparsa dello sponsor e CEO di THTR Hermann Josef Werhahn nel 2016 (1), ovviamente fa una brutta figura nel registratore di cassa degli attivi fanatici del THTR che si sono radunati intorno alla homepage con il nome irritante "organic kernel fuel". Le strane frasi usate per identificare le tue preoccupazioni all'inizio del testo risuonano ancora nelle mie orecchie:

"Dighe invece di dighe - forno a letto sferico invece di pile di dinosauri - cattura invece di rimbalzare - carburante invece di batterie". Ma anche troppo carburante non va bene, questa è la mia opinione!

Per poter trasmettere questi messaggi innovativi in ​​un quadro che soddisfi anche le più alte esigenze in un batter d'occhio, anche agli ultimi dubbiosi, i velocisti concisi hanno bisogno, che ci crediate o no, "fino a 40.000 euro" per professionalizzare il loro sito web. Cosa non potrebbe essere più ovvio per iniziare davvero la nuova era con il crowdfunding su Klickstarter?

Entro il 30 giugno 2016, un totale di 13 sostenitori che volevano allentare solo 646 euro per il nobile obiettivo - che deprimente! Chi dovrebbe ora "mantenere viva la conoscenza del reattore a letto sferico HTR", scacciare l'ultima testa assonnata dal letto e salvare il mondo del reattore?

Ma ora siamo seri: se queste persone stanno già armeggiando così goffamente intorno alla creazione di una homepage professionale, cosa possono fare quando devono davvero ottenere un sassolino radioattivo che è andato a letto in modo sicuro?

Anche il serissimo "Forum nucleare Svizzera" presenta fatti concreti invece di notizie false nella sua ultima "scheda informativa" di quattro pagine: "Il concetto di un reattore a letto di ciottoli ad alta temperatura raffreddato a gas, che è stato provato e testato in La Germania decenni fa, sta attualmente vivendo una RINASCITA” !! - Non è quello che vogliono tutti? E perché non dovrebbe essere un'opzione realistica anche con il THTR, perché "un incidente con una fusione non è possibile per motivi di legge naturale"?

E nel prossimo numero scriverò come la nuova macchina per il moto perpetuo del mucchio di sassi del terzo tipo aziona una ruota di criceto. O per esprimerlo nella retorica del carburante bio-core: "Idee invece del resto del modo"!

Osservazioni

(1) Da: "Grassroots Revolution", n. 341, settembre 2009 Capitalismo renano: Moorhuhn contro Werhahn

 


HTR in Polonia?

Nel numero 147 ho scritto che il piano è costruire un HTR a circa 30 chilometri da Varsavia. Ovviamente ci sono problemi in ambito legale. Nell'ATW, l'organo dell'industria nucleare tedesca, questo è stato motivo sufficiente per dibattere da più parti:

“Nel numero di luglio 2016 è stato pubblicato un articolo sugli ostacoli legali alla costruzione di HTR in Polonia. Gli autori hanno una serie di obiezioni alla legge polacca sull'energia atomica e sostengono che ci sono ostacoli legali alla costruzione di reattori HTR. Questo contributo mostra che la costruzione di reattori HTR è possibile sulla base delle leggi e dei regolamenti polacchi esistenti".

fonte:

http://www.kernenergie.de/kernenergie/fachzeitschrift-atw/hefte-themen/2017/08-09_aug-sep.php#

 

Cerca su reaktorpleite.de con la parola chiave: Polonia
http://www.reaktorpleite.de/interne-suche.html?q=Polen

 


Esperimenti HTR nei Paesi Bassi

Nella località balneare cappelli è l'Energy Research Center dei Paesi Bassi (ECN), che da decenni ricerca la linea HTR. Gli elementi del carburante per il THTR cinese sono stati testati qui. Ma questo non è affatto tutto ciò che sta accadendo attualmente:

“I ricercatori del NRG (Nuclear Research and Advisory Group) nei Paesi Bassi hanno lavorato a lungo sui reattori a sale liquido di torio (più) sicuri. Sono stati avviati nuovi tipi di esperimenti. Questi esperimenti a Petten, nei Paesi Bassi, segnano il primo del loro genere in oltre 45 anni, perché i primi esperimenti furono interrotti a causa delle insormontabili richieste sui materiali.

Due settimane fa, come parte dell'esperimento SALIENT, una serie di tubi sigillati concentrici è stata introdotta nel nucleo del reattore sperimentale ad alto flusso di Petten. (...) Nell'industria, questi nuovi esperimenti sono visti come una sorta di alba dopo che gli esperimenti degli anni '1970 fallirono a causa di problemi tecnici in tutto il mondo. Ma molti fisici nucleari attribuiscono ancora un potenziale speciale al torio, poiché il concetto è intrinsecamente molto più sicuro e persino più ecologico in termini di scorie nucleari e potrebbe quindi alimentare la prossima generazione di reattori nucleari".

Fonte del 28 agosto 8:

https://www.elektormagazine.de/news/it-s-all-about-energy-neue-experimente-am-thorium-reaktor

 

Cerca su reaktorpleite.de con la parola chiave: Paesi Bassi
http://www.reaktorpleite.de/interne-suche.html?q=Niederlande

 


I contenitori di trasporto di Ahaus possono essere riparati presso THTR Hamm

Nell'impianto di stoccaggio delle botti di trasporto di Ahaus (TBL-A) ci sono state esattamente 1995 botti di trasporto e stoccaggio (TBL) - note anche come ruote - dal THTR Hamm dal 305. Contengono 600.000 elementi di combustibile sferico radioattivo. Hubertus Zdebel (MDB Die Linke) ha chiesto al Bundestag se, in caso di perdita nel container, potrebbe essere trasportato di nuovo ad Hamm per essere riparato lì.

La risposta mostra che se viene dimostrata una perdita, un tale contenitore può effettivamente essere restituito al THTR con un permesso opportunamente rilasciato. La possibilità di base di trasporto è stata estesa di 10 anni quest'anno ed è valida fino al 24 gennaio 2027.

In caso di perdita, il container di trasporto viene riportato ad Hamm e portato nella stanza ZD04 R174 (edificio del reattore) nel THTR e lì riparato. Va notato che le stesse sfere dell'elemento di combustibile situate nel contenitore non devono essere esaminate qui. Dopo la riparazione, il container deve essere riportato ad Ahaus.

Formulazione esatta:

http://dip21.bundestag.de/dip21/btd/18/134/1813499.pdf

 


BI Ahaus aveva 40 anni!

L'8 ottobre 2017 l'“Iniziativa dei Cittadini No Rifiuti Nucleari” ha celebrato il suo 40° anniversario nel municipio di Ahaus con spumante, un discorso del sindaco, una mostra e musica. A questo punto, congratulazioni dopo!

Negli anni '90, hanno avuto luogo un totale di 59 trasporti Castor con i 600.000 elementi di combustibile radioattivo dal THTR al deposito temporaneo di Ahaus. Mentre ad Hamm il continuo lavoro politico nucleare dopo le estenuanti controversie sulla chiusura del THTR era purtroppo solo questione di meno di mezza dozzina di persone attive, ad Ahaus si sono svolte manifestazioni con molte migliaia di persone e innumerevoli azioni e blocchi, che hanno attirato molta attenzione a livello nazionale.

Per celebrare la giornata, ho il mio contributo al libro “Castor transports from Hamm to Ahaus. Due iniziative dei cittadini combattono contro il nucleare "dal libro" Ahaus. Das Buch zum Castor ”del 1999 messo online. Dimostra, tra l'altro, che non pochi cittadini e istituzioni di Hamm erano piuttosto indifferenti al trasporto delle scorie nucleari prodotte ad Hamm ad Ahaus. La cosa principale era che se n'era andato per primo:

"Nell'agosto 1993, il governo statale della NRW aveva dato alla società operativa" Hoch Temperatur-Kernkraft GmbH "(HKG) circa 430 milioni di DM, in parte senza una risoluzione del parlamento della NRW, al fine di evitare il suo imminente fallimento. Inoltre, il ministro della Renania settentrionale-Vestfalia Einert ha dovuto ammettere che c'erano complicazioni tecniche nel THTR per rimuovere le restanti 500.000 sfere di grafite dal nocciolo del reattore.

I trasporti ad Ahaus dovettero quindi essere interrotti fino al gennaio 1994. La reazione della commissione per l'ambiente del consiglio comunale di Hamm in questo contesto testimonia un'incredibile ignoranza e ignoranza: "Il fatto che i proiettili fossero ora rimossi è stato generalmente percepito come positivo, perché poi sarebbero finalmente spariti" (Westfälischer Anzeiger del 3 dicembre 12 )."

L'intero libro è visionabile qui:

Dal libro: "Ahaus - il libro su Castore" Verlag Klemm & Ölschläger, 1999 Trasporto di Castore da Hamm ad Ahaus

 


Viva lo stato di diritto!

"Germanwatch" ha scritto con entusiasmo sulla loro homepage il 13 novembre 11:

“Il quinto senato civile dell'OLG Hamm ha scritto oggi la storia giuridica: ha chiarito che i grandi emettitori come RWE sono fondamentalmente obbligati a sostenere le persone colpite dai danni climatici nei paesi poveri. Ciò significa che l'azione per il clima di Saúl Luciano Lliuya contro RWE sta entrando nella fase successiva. (...) La procedura è un precedente perché esistono leggi simili a quella qui applicata in moltissimi paesi. Con l'azione civile, Luciano Lliuya vuole garantire che RWE paghi per le misure di protezione su un lago glaciale sopra la città andina di Huaraz in conformità con la sua quota nel causare il cambiamento climatico ".

Da quando ho assistito al processo come spettatore con un centinaio di altri cittadini, ho potuto constatare che anche nel nostro Hamm, il giudice Ralf Mayer, è una persona competente e critica che ha messo in imbarazzo i rappresentanti della RWE, che sembravano sopraffatti. Rispetto! I 16 rappresentanti di Germanwatch e sostenitori del piccolo proprietario peruviano che avevano lavorato per due anni per realizzare questo processo, hanno lasciato stappare lo champagne dopo l'annuncio dei risultati.

Ma cosa significa realisticamente il giudizio? Se tutto va bene, il processo legale inizierà effettivamente. Le due parti contraenti negozieranno per circa sei mesi al fine di concordare un esperto neutrale. Il resto del processo richiederà un anno o due. Come va a finire, nessuno lo sa. Niente è deciso.

In questo contesto, dovrebbe essere lecito chiedersi se sia opportuno fare troppo affidamento sui tribunali tedeschi su importanti questioni politiche. È stato un po' irritante quando i principali rappresentanti di Germanwatch hanno esclamato con euforia diverse volte dopo l'udienza in tribunale "Grazie a Dio c'è ancora uno stato di diritto in Germania!" - Sarebbe bello. Ma questa Ong si è già ammorbidita a tal punto da non avere più alcuna coscienza storico-politica e ovviamente non è nemmeno a conoscenza degli attuali scandali legali?

Che cosa ha fatto la magistratura tedesca con gli oppositori non violenti del riarmo negli anni '50? Quanto male ha giocato con obiettori di coscienza e manifestanti apo negli anni successivi? Quanti occupanti abusivi contro l'energia nucleare e bloccanti sono stati condannati? Quanti reati societari sono rimasti impuniti? Quanti terroristi di destra hanno coperto e lasciato andare? Quanti accendini domestici per rifugiati non vengono perseguiti? E quanti sit-insist non violenti hanno punito duramente i raduni nazisti? L'elenco continua.

Quindi: niente illusioni! La lotta politica con azioni nonviolente dirette e mobilitazione di massa è il prerequisito per il progresso sociale. I nostri avversari politici non cedono da soli o per belle parole.

 


Critiche a Facebook

Discussione del libro "The Net in Our Hand! From Digital Capitalism to Data Democracy" di Thomas Wagner.

Facebook è fantastico!Il fatto che molte persone abbiano ormai accettato come un truismo che gli utenti della rete paghino con i propri dati per i servizi che utilizzano e che siano monitorati e analizzati dagli operatori, Wagner illumina meticolosamente le profondità più profonde della giungla dei dati e promuove sia terrificanti che dettagli spaventosi prima trascurati vengono alla luce. E ciò che è almeno altrettanto importante, rivela connessioni e meccanismi, come, oltre all'analisi dei dati, una previsione esatta dei modelli di comportamento, il controllo mirato e la manipolazione del comportamento umano e dei processi politici da parte delle società Internet.

Tutto questo è possibile solo perché finora abbiamo lasciato la nostra infrastruttura di comunicazione a società di tutte le persone. Facebook si presenta come un'istituzione quasi pubblica che serve il bene comune. Wagner mostra, tuttavia, che è emerso un mondo parallelo digitale, disaccoppiato dall'influenza sociale, per aumentare il profitto e il potere dei proprietari.

La recensione completa del libro "Fai clic su schiavi di tutti i paesi unitevi!" È disponibile qui:

Da: "Rivoluzione di base", n. 422, ottobre 2017 Schiavi di tutti i paesi: unitevi!

 


Come la "Westfälische Anzeiger" di Hamm mette alla gogna gli antifascisti

No, non posso semplicemente tornare all'ordine del giorno e far finta di niente dopo il fallimento della “Gazzetta di Westfalia” contro l'alleanza giovanile antifascista “Haekelclub 590” e contro la “tavola rotonda contro il radicalismo e la violenza” poco prima le elezioni federali. Dopotutto, questo tipo di opinione pubblica ha reso possibile anche l'ingresso dell'AFD nel Bundestag. Ecco perché sto stampando il mio articolo dal mensile "Grassroots Revolution" di settembre 2017 a questo punto:

Erano già passate quattro settimane dal G20. La campagna elettorale federale era noiosa. E poi il crollo estivo. L'editore Andreas Wartala (da non confondere con Walhalla!) l'ha usato al martello "Westfälischen Anzeiger" per scuotere la provincia dal suo sonno crepuscolare con una storia di piombo che ha permesso al lettore medio di guardare negli abissi più profondi dell'estremismo e della violenza su la propria porta di casa:

“'Haekelclub 590' in vista. Alleanza giovanile alla Sicurezza di Stato registrata / Black Block alla tavola rotonda. L'alleanza giovanile antifascista 'Haekelclub 590' di Hamm è registrata presso la sicurezza dello stato. Questo è stato il risultato di una ricerca della nostra redazione sul tema della 'violenza di sinistra' ad Hamm dopo le rivolte al vertice del G20 di quattro settimane fa ad Amburgo".

L'editore ha meticolosamente citato le statistiche sulla sicurezza dello stato con "risultati" di Hamm e ha diffuso un vero scenario dell'orrore davanti agli occhi dei lettori scioccati del giornale provinciale: lesioni personali, resistenza all'autorità statale, violazione della pace, danni alla proprietà, insulti e l'incitamento all'odio si sarebbe verificato una dozzina di volte dal 2013 Conto dell'ambiente del club dell'uncinetto!

A peggiorare le cose, quest'ultimo si è sfacciato nelle fondamenta delle istituzioni democratiche di questa città: "L'Haekel Club è membro della tavola rotonda contro il radicalismo e la violenza avviata da Hammer Politik. (...) Finanziato da fondi di il programma federale 'Living Democracy'... "Questo articolo è coronato da una foto di copertina in cui, in una posa marziale, agenti di polizia pesantemente armati di Hamm stanno incatenando un antifascista steso a terra.

C'è stata una scena di destra ad Hamm per molti anni, che, strettamente basata sul suo famigerato modello di ruolo di Dortmund, ha mostrato una vivace attività e ha prodotto leader di destra famosi a livello nazionale. L'ampia alleanza giovanile antifascista "Haekelclub 590", in cui sono coinvolti anche giovani verdi e Juso, si è opposta alla destra con manifestazioni e comizi. Gli Antifa sono stati spesso vessati e ostacolati dalla polizia negli ultimi anni. Alcuni piccoli blocchi e obiezioni alla polizia sono stati "registrati".

THTR Rundbrief Nr.:149 - Quotidiano nazionale 1973 1, stampato nella tipografia del 'WA' di HammNel suo articolo sensazionale, la Westfälische Anzeiger non ha messo alla gogna minacce, azioni disumane e incitamento alla destra, ma ha piuttosto abbandonato la resistenza poco prima delle elezioni federali. Le lettere di destra all'editore hanno poi equiparato Antifas a "terroristi". Le dichiarazioni del VVN e dell'Haekel Club in questione non sono state stampate dall'AW. Solo il partito "Die Linke" è riuscito a mettere sul giornale una dichiarazione inequivocabile.

L'SPD ei Verdi si sono chiaramente abbassati e non hanno detto nulla, anche se sono state le loro organizzazioni giovanili a essere diffamate dal giornale locale. Il giorno dopo, il giornale ha seguito e ha chiesto a un rappresentante della chiesa della Tavola rotonda contro la violenza: "C'è (...) una scena di sinistra ad Hamm?" Il desiderio palese di cacciare le streghe cattura l'attenzione.

Per anni ci siamo abituati al fatto che alcuni giornalisti simpatici e disponibili del giornale locale si occupassero volentieri dei nostri temi come l'ecologia, la bicicletta e persino le critiche al nucleare. Era fin troppo felice di ignorare il fatto che trattare questi argomenti è arrivato da tempo nel mainstream e non è più qualcosa di straordinario come lo era 40 anni fa. Quindi da un lato abbiamo ottenuto qualcosa, dall'altro siamo ancora alla mercé dei media convenzionali di destra quando conta.

Il "Westfälische Anzeiger" appartiene all'editore conservatore di destra Dirk Ippen, che non solo vuole portare i lettori sulla strada giusta con la sua rubrica, ma nel corso dei decenni ha anche costruito un impero di giornali locali in tutta la repubblica. Ad Hamm, nella tipografia WA Griebsch fu stampato il radicale di destra "Nationalzeitung" e nella sezione locale apparvero annunci pubblicitari per il giornale nazista.

Per non essere esposti all'arbitrarietà di tali gruppi mediatici, è importante sviluppare i propri media locali che siano letti non solo da noi stessi ma anche da molte altre persone.

 


Cari lettori!

Il numero 150 della newsletter uscirà l'anno prossimo. Sarebbe un buon motivo per dirlo, ma ora basta. In considerazione della portata dell'attuale sviluppo giuridico e della stupidità, dell'irresponsabile inattività nei confronti del cambiamento climatico e della vasta inattività della maggioranza della popolazione, si potrebbe dire "vedrai cosa ne ricaverai" e per l'evidente resistenza di molte persone a consigliare dopo 45 anni si ritirano dal lavoro politico.

Potresti. Ma temo di non riuscire a tacere su questo. E sarebbe un vero peccato se non avessimo più a disposizione un mezzo così diffuso come questa newsletter. Molto diffuso? - Oh sì, non sono solo le centodieci copie cartacee che contano. Diverse centinaia di migliaia di "visite" (una visita è un singolo visitatore che rimane su almeno tre pagine della homepage per almeno 30 secondi) vengono raggiunte annualmente tramite la homepage Reaktorpleite.de. La rapida crescita è all'ordine del giorno! - Quindi: la newsletter dovrebbe continuare ad apparire in futuro!

La mia homepage personale Machtvonunten.de compie cinque anni questo mese e viene utilizzata sempre più intensamente. Dei 320 articoli di circa 30 riviste diverse, 60 trattano del THTR:

Energia nucleare ed ecologia

Anche in questo modo riusciamo sempre più a opporci ai media prevalenti con le nostre informazioni e opinioni, perché i nostri articoli compaiono spesso nei primi risultati di ricerca su Google.

 


Per lavorare su 'Newsletter THTR','reattore.de'E'Mappa del mondo nucleare' hai bisogno di informazioni aggiornate, compagni d'armi energici e freschi sotto i 100 anni (;-) e donazioni. Se potete aiutarmi, inviate un messaggio a: info@Reaktorpleite.de

Chiama per le donazioni

- Il THTR-Rundbrief è pubblicato dal 'BI Environmental Protection Hamm' ed è finanziato da donazioni.

- Il THTR-Rundbrief è diventato nel frattempo un mezzo di informazione molto notato. Tuttavia, ci sono costi in corso dovuti all'ampliamento del sito web e alla stampa di fogli informativi aggiuntivi.

- Il THTR-Rundbrief ricerca e riporta in dettaglio. Per poterlo fare, dipendiamo dalle donazioni. Siamo felici di ogni donazione!

Donazioni conto: BI protezione ambientale Hamm

Destinazione d'uso: Newsletter THTR

IBAN: DE31 4105 0095 0000 0394 79

BIC: WELADED1PROSCIUTTO

 


inizio pagina


***