Il fallimento del reattore - THTR 300 Le newsletter THTR
Studi su THTR e molto altro. L'elenco dei guasti THTR
La ricerca HTR L'incidente THTR nello 'Spiegel'

Le newsletter THTR del 2009

***


        2021 2020
2019 2018 2017 2016 2015 2014
2013 2012 2011 2010 2009 2008
2007 2006 2005 2004 2003 2002

***

Newsletter THTR n. 129, dicembre 2009


contenuti:

Alla morte di Theo Hengesbach

Duisburg, Mühlheim, Essen: l'industria nucleare nell'area della Ruhr vuole far sparire i rifiuti nel Münsterland.

Le esibizioni di resistenza ai THTR nell'ambito della Capitale Europea della Cultura RUHR.2010 sono estremamente attuali!


Alla morte di Theo Hengesbach

Theo HengesbachTheo Hengesbach è morto il 15 novembre 2009 all'età di 55 anni dopo un lungo periodo di cancro. È stato uno dei cofondatori delle iniziative dei cittadini contro le centrali nucleari nelle regioni di Hamm e Dortmund e le ha plasmate in modo significativo per molti anni attraverso il suo esempio prudente, amichevole e persistente. Ci ha introdotto alla gestione delle azioni nonviolente e della disobbedienza civile.

A Dortmund ha intrapreso strade completamente nuove nel lavoro comunitario. Come assistente sociale nel Kreuzviertel ha fatto una campagna per i diritti delle persone anziane e per decenni ha influenzato la politica statale e federale nel campo del lavoro per gli anziani. Nel 2000, Theo è stato nominato alla conferenza regionale degli anziani dal ministero responsabile della NRW. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti per il suo impegno. Il suo obiettivo non era la cura paternalistica, ma una vita indipendente nella vecchiaia e una maggiore partecipazione delle persone anziane a tutti i livelli. Un'importante fonte di ispirazione per lui è stata la vita e l'opera del Mahatma Gandhi. Ci ha trasmesso la sua conoscenza, non con zelo missionario, ma come un'offerta disinteressata che abbiamo accettato volentieri.

È iniziato con un annuncio personale nel numero 17 della rivista "Graswurzelrevolution" nel 1975 per trovare sostenitori contro le centrali nucleari. Theo Hengesbach e parti dell'Azione Nonviolenta Arnsberg si prepararono a trasferirsi a Dortmund per studiare. Hanno affrontato i pericoli delle centrali nucleari e si sono comodamente trasferiti direttamente nella "tana del leone". Dortmund era la sede della United Electricity Works, responsabile della costruzione del reattore ad alta temperatura del torio (THTR) a Hamm. La rivoluzione di base è stata letta nel gruppo martello della Società tedesca per la pace e gli oppositori del servizio di guerra unito (DFG-VK) e molto presto ci fu un intenso scambio di opinioni personali.

Poche settimane dopo, prima che l'iniziativa dei cittadini per la protezione dell'ambiente venisse effettivamente fondata, stavamo passeggiando per il centro di Hammer con cinque persone e uno scheletro alto quattro metri, manifesti e volantini. Mi è stata data una macchina fotografica e ho scattato delle foto perché non c'era nessun fotografo o giornalista da trovare per il sabato mattina. Due giorni dopo quasi tutta la stampa della zona della Ruhr titolava "Per la prima volta una protesta di piazza contro la centrale nucleare di Uentrop".

Da ora in poi tutto è andato molto velocemente. Le iniziative dei cittadini erano allora un fenomeno nuovo di cui sapevamo poco. Occorreva creare nuove strutture e sperimentare nuove forme di azione. Theo non solo portava nella sua valigia, che erano avanti di uno o due anni, le carte e gli opuscoli dei gruppi di cittadini del Baden-Alsaziani. Ma anche libri di Gandhi, Tolstoj e Kropotkins "Mutual Aid". Quest'ultimo titolo indicava già a quel tempo che non si sarebbe fermato a chiamate astratte, ma che il lavoro comunitario orientato alla pratica avrebbe riempito la sua vita futura.

Theo si preparò meticolosamente con noi per la nostra prima occupazione nel 1976. Accanto al costoso centro di propaganda atomica del VEW a Uentrop non abbiamo installato la nostra tenda informativa solo dopo che il recinto di filo spinato è stato superato. Invece, c'era un foglio di preparazione speciale per ciascuno degli oltre cento "squatter" con raccomandazioni per l'azione: Sii sempre aperto a una conversazione amichevole - e tieni duro. Un foglio per la polizia: Siamo non violenti e vogliamo proteggere anche te dalla radioattività. Inoltre, un foglio aggiuntivo per i giornalisti in cui è stato spiegato il retroscena dell'azione. E per i curiosi c'era una grigliata di salsicce accanto al tendone informativo (cari vegetariani, chiediamo la vostra indulgenza...).

Ci ha mostrato come esprimersi nei comunicati stampa e nelle conversazioni in modo tale che la maggior parte delle persone potesse capire e capire di cosa si trattava. Pazientemente esplicativo, educato, ma anche enfatico e determinato. Fare lo stesso non era sempre facile, spesso era faticoso. Negli anni successivi molti altri gruppi e partiti politici hanno cercato di cooptarci come iniziativa dei cittadini o di imporci determinate azioni (pseudo) militanti o uno stile di linguaggio verbalmente radicale.

Theo, d'altra parte, era una persona completamente diversa. Era piacevolmente riservato e premuroso. Insieme a lui, molti di noi hanno considerato la "gioia sfrenata dell'eccitante attività" (Gandhi) in modo critico e hanno cercato di mantenere la lucidità di fronte al clamore di Brokdorf che era diffuso all'epoca. Qual è stato il momento in cui decine di migliaia di persone hanno guidato per centinaia di chilometri per alcune ore fino ai presunti punti di cristallizzazione della resistenza antinucleare, ma davanti alla propria porta di casa non si sono mosse o non hanno cambiato nulla?

Quando dieci anni dopo, nel 1986, il grave incidente nel THTR preoccupò le persone nella regione, gli "agricoltori e consumatori contro l'energia nucleare" insistettero sul loro diritto di resistere ai blocchi e alle occupazioni in modo non violento, proprio come volevano loro stessi - e ha avuto successo con esso dopo tre anni. Per alcuni altri membri del movimento antinucleare, il nostro comportamento "orientato ai cittadini" era troppo noioso, non abbastanza rivoluzionario e spettacolare. Quando abbiamo dovuto ascoltare più e più volte queste amare accuse, ho ripensato spesso ai primi anni, quando Theo sopportava con serenità simili attribuzioni e con la certezza che decenni dopo, sulla base dei fatti, la storia darà un giudizio oggettivo.

Theo ci ha inviato centinaia (!) Di lettere con ritagli di giornale, incoraggiamenti, suggerimenti e proposte strategiche ad Hamm - non c'era né Internet né la casella di posta negli anni '70 e '80. Su "Info per organizzatori non violenti", la rivista più interna ai rivoluzionari di base, ha analizzato lo sviluppo della resistenza contro il THTR in una serie di articoli su 19 numeri. Sono stati aggiunti articoli specializzati in "Azione nonviolenta" dall'Unione della Riconciliazione. Anche se i combattenti del recinto guardavano con disprezzo il piccolo e poco appariscente BI nonviolento di Hamm, i ricercatori per la pace e gli operatori del movimento hanno valutato le nostre esperienze ed esperimenti con l'aiuto dei rapporti critici di solidarietà di Theos con grande interesse.

Theo ha scritto delle sue esperienze ad Hamm e Dortmund nelle riviste "Azione nonviolenta" (Associazione delle riconciliazioni) e "Umweltmagazin" (Associazione federale delle iniziative dei cittadini per la protezione dell'ambiente). Con il suo opuscolo di 77 pagine "Disobbedienza civile e democrazia" nel 1979 è intervenuto nella discussione sulle forme di resistenza. La pubblicazione di 56 pagine "Electricity Money Refusal", pubblicata insieme a Michael Schweizer, ha formato un'intera generazione di attivisti non violenti. Con questo atto di disobbedienza ben ponderato e ricco di mezzi di comunicazione, l'industria nucleare è stata messa sotto forte pressione in dozzine di città (vedi articolo successivo).

Quando il congresso internazionale sull'uranio si è svolto a Dortmund nel 2007, Theo si è fermato a trovarci di nuovo e per prendere parte a un potente movimento che ha contribuito a mettere in moto 34 anni fa. È incredibilmente triste che non sarà in grado di vedere i prossimi decenni.

Ulteriori necrologi per Theo Hengesbach sono in Grassroots Revolution n. 345 (gennaio 2010) e sotto www.kreuzviertel-verein.de da trovare.

Boicottaggio dei pagamenti dell'elettricità: con pazienza e sputi...

Nel maggio 1978, la campagna nonviolenta per la tutela dell'ambiente decise di iniziare ad organizzare il rifiuto dei soldi dell'elettricità. C'erano molte ragioni per questo, dato che VEW aveva un totale di quattro centrali nucleari in funzione, in costruzione o in progettazione in due sedi. Inoltre, VEW è membro della Società tedesca per il ritrattamento dei combustibili nucleari, responsabile della costruzione dell'impianto di stoccaggio temporaneo dei rifiuti nucleari ad Ahaus e dell'impianto di ritrattamento a Gorleben.

Per circa mezzo anno c'è stata organizzazione, è stato sviluppato materiale, sono stati distribuiti volantini, sono stati indirizzati gruppi e individui. Alla prima assemblea generale del 1 dicembre 1978 fu deciso che le 100 famiglie fino ad ora avrebbero iniziato con il rifiuto del 1979% nel 10. Prima di ciò, i partecipanti volevano scrivere le giustificazioni per il loro boicottaggio e consegnare queste lettere al VEW durante un evento pre-natalizio.

Regalo di Natale per VEW

Mancavano tre giorni alla vigilia di Natale quando un piccolo corteo dimostrativo, circa 30 persone, si è fatto strada verso la sede della VEW.

Mentre c'erano ancora nuovi testi scritti sull'energia atomica e sul rifiuto di pagare l'elettricità suonati sulle melodie dei vecchi canti natalizi, è stato visto un Babbo Natale in bicicletta, che si è subito rivolto ai manifestanti. Non è questo il VEW? Sì! Era qui per la prima volta e ha dovuto guardare nel suo libro d'oro per vedere quali buone azioni aveva fatto il VEW nell'ultimo anno. Ma cos'era? Non c'erano buone azioni registrate nel libro d'oro! D'altra parte, l'elenco dei misfatti nel libro nero era ancora più lungo; il rifiuto di pagare l'elettricità sembrava essere necessario come un piccolo aiuto per stare meglio, e mentre fuori si cantavano ancora le canzoni, una delegazione del VEW ha portato le lettere sopra menzionate. I rappresentanti di VEW che ci hanno ricevuto non sono stati particolarmente amichevoli, ma senza ulteriori indugi hanno correttamente accusato la ricezione della posta di Natale. La sera e il giorno dopo, la gioia è stata grande: la televisione ha portato un ottimo servizio sull'azione e sullo sfondo, la stampa regionale ha riportato benevolmente, a volte molto estesamente nella parte sovraregionale, così che questa azione è stata tra le migliori in in termini di stampa, cosa sta succedendo nell'area di protezione ambientale a Dortmund negli ultimi anni.

Già alla prima assemblea generale si decise di effettuare un'azione di deposito congiunto il 1 febbraio 1979 per mostrare chiaramente l'inizio dell'azione a Dortmund. A differenza della campagna natalizia, questa volta non abbiamo annunciato la nostra venuta al VEW.

Promozione del deposito

Ci siamo dati appuntamento poco prima di mezzogiorno, sempre con circa 30-40 persone, davanti al centro clienti VEW in centro città, addobbato con striscioni e panini. Ma quando i disposti a pagare i rifiuti di elettricità volevano pagare nel loro 90%, le porte del VEW sono state chiuse. I facchini dall'aspetto incerto e i dipendenti VEW ci hanno chiarito che non ci sarebbe stato permesso di entrare. Anche un tentativo di comunicare con un megafono attraverso la porta a vetri è stato bruscamente respinto. Anche la nostra offerta che i partecipanti entrino nell'edificio individualmente e non insieme non è stata accettata. Quindi non abbiamo avuto altra scelta che gestire un programma di intrattenimento interno e parlare con i passanti e altri clienti VEW che sono entrati dalla porta sul retro dell'edificio VEW.

La situazione è cambiata solo quando è arrivata una macchina della polizia chiamata dal VEW. Abbiamo visto gli ufficiali parlare con i dipendenti VEW, poi sono venuti da noi, si sono lamentati solo del fatto che la tromba fosse suonata da un manifestante (violazione dell'Immissionsschutzgesetz), e improvvisamente Sesam ha aperto. Coloro che si rifiutavano di pagare l'elettricità potevano entrare individualmente e pagare il 90%. La Westfälische Rundschau ha riportato abbastanza correttamente: "VEW ha chiuso la cassa per coloro che si rifiutavano di pagare l'elettricità: solo dopo l'intervento della polizia tutti potevano pagare individualmente".
La ragione del cambiamento di opinione di VEW era probabilmente che erano in difetto di accettazione. Ciò avrebbe significato che non saremmo stati obbligati a fare un altro tentativo per pagare i soldi, piuttosto il VEW avrebbe dovuto ritirare il 90% offerto da ogni famiglia. Questo ha risparmiato loro le visite a domicilio, ma hanno dovuto accettare l'inconveniente di aprire la cassa un'ora in più del solito a causa del ritardo. Il portiere del VEW ci ha poi ammesso che l'intera faccenda avrebbe potuto essere meno eccitante se fossimo stati fatti entrare immediatamente. Tuttavia, il comportamento del VEW ha avuto un effetto positivo su di noi, sia in termini di stampa che in termini di rivolgersi ai passanti. Dinamica delle azioni nonviolente: la repressione colpisce chi la pratica.

Strobo di tutti i giorni

Oltre a queste azioni spettacolari, qui viene ovviamente svolto molto lavoro dettagliato. Questo vale soprattutto per il reclutamento dei partecipanti, dove diamo più valore alle discussioni personali con individui e gruppi che alle alte tirature di volantini. Per tenere insieme i partecipanti e sviluppare il lavoro congiunto, c'era un partito e la costituzione di gruppi di lavoro, che dovrebbero aiutare a ottenere il più possibile dai processi attraverso argomentazioni fondate sui fatti. Nel frattempo, anche il gruppo organizzativo sta riscuotendo maggiore popolarità.
A metà marzo 1979, circa 135 famiglie avevano trasferito più di 1000 DM sul conto fiduciario, con l'aggiunta di alcuni trasferimenti ogni settimana. VEW ha inviato solleciti in risposta, ma li ha dichiarati da fare quando il rifiuto interessato ha chiamato VEW e ha spiegato perché aveva pagato solo il 90%. Secondo le nostre informazioni, gli avvocati di VEW stanno ancora pensando al proprio approccio. Da parte nostra, dichiariamo che siamo in attesa dei processi e che siamo pronti a condurre lì una disputa argomentativa con il VEW.

Theo Hengesbach

Da: Rivoluzione popolare n. 41, maggio 1979

Duisburg, Mühlheim, Essen:

L'industria nucleare nell'area della Ruhr vuole far sparire i rifiuti nel Münsterland.

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

Dopo la chiusura delle centrali nucleari di Hamm, Würgassen e Jülich, NRW non ha avuto quasi nulla a che fare con l'industria nucleare per molto tempo? -- Neanche vicino!

L'eredità nucleare crea pericoli nel mezzo dell'area della Ruhr, anche nelle aree residenziali. In futuro non solo i 152.000 elementi di combustibile radioattivo del mini-THTR di Jülich, ma anche il materiale radioattivo leggero e medio di Duisburg verrà portato nel deposito temporaneo di Ahaus.

Quasi nessuno conosce la GNS (Società per il servizio nucleare) e ancora meno persone conoscono l'impianto di condizionamento delle scorie nucleari GNS a Duisburg-Wanheim. L'impianto nucleare è direttamente adiacente a un'area residenziale e si trova a metà strada tra Jülich e Ahaus. Il 14 novembre 2009 il taz ha riferito in relazione all'approvazione di nuove scorie nucleari all'Ahaus che queste scorie nucleari "a bassa e media attività" secondo GNS sarebbero state compattate nell'impianto di condizionamento di Duisburg, tra l'altro. Il GNS utilizza, tra l'altro, i cosiddetti contenitori Mosaic II, in cui vengono imballati rifiuti nucleari altamente irradiati dal nocciolo dei noccioli del reattore. Anche vuoti, i container pesano ben 10 tonnellate.

Nel frattempo si è saputo che all'inizio del 2009 il rottame nucleare indiano veniva stoccato a Duisburg per "mezzo anno". Inoltre, secondo il Rheinischer Post (fonte: Europaticker), il GNS può stoccare temporaneamente i suoi rifiuti nucleari compressi nei locali della fabbrica per "da due a quattro anni".

Il Rheinische Post ha scritto il 30 novembre 11: "La Gesellschaft für Nukleartransporte, fondata nel 2009, è diventata la Gesellschaft für Nuklear-Service (GNS) nel 1974. La filiale a sud di Duisburg è una delle tante località come Essen, Jülich , Mülheim o Ahaus I campi di attività dell'azienda includono servizi di smaltimento rifiuti per centrali nucleari, manutenzione, riparazione e smantellamento di impianti nucleari, smaltimento di combustibili e gestione di impianti di stoccaggio provvisorio per rifiuti radioattivi.Nel 1977, GNS ha affittato un posto a Wanheim.1985 i dipendenti si prendono cura della Friemersheimer Street nel sito industriale della Sona-Präzisionsschmiede a Wanheim per garantire che i materiali contaminati radioattivamente vengano puliti e preparati per l'impianto di stoccaggio temporaneo di Gorleben e, d'ora in poi, anche per Ahaus. "

GNS è una filiale dei gruppi nucleari (48% EON, 28% RWE, più EnBW + Vattenfall). In NRW, GNS gestisce anche un ulteriore sistema di condizionamento per lo smantellamento della centrale nucleare nella centrale nucleare dismessa di Würgassen sul Weser. GNS è anche fortemente rappresentato a Jülich (ad esempio con uno dei tre punti di raccolta statali della Bassa Sassonia (!) ed è coinvolto nella costruzione del sistema di vetratura a Karlsruhe (fonte: Europaticker).

Quanto fortemente sia rappresentata l'industria nucleare anche nell'area della Ruhr risulta evidente dal comunicato stampa GNS del 4 dicembre 12, in cui viene annunciato il trasferimento della sede centrale della GNS a Essen-West nel 2009. Nella sede centrale sono impiegate almeno 2011 persone.

Il Rheinische Post cita il portavoce del GNS, Michael Köbl, come segue: "Siamo attivi a Duisburg dal 1985. Da allora, ci sono stati trasporti costanti. Nulla cambierà per Duisburg", ha detto ieri su richiesta del nostro giornale . Per quanto ne sa, ogni settimana in tutta la Germania avvengono due trasporti di sostanze deboli o moderatamente contaminate.

In un comunicato stampa, le iniziative dei cittadini contraddicono i tentativi di Köbl di sminuirlo: "Apparentemente, l'ampliamento dell'impianto di condizionamento comporterà problemi di capacità per lo stoccaggio delle scorie nucleari compresse nel medio termine. Poiché la quantità di stoccaggio in loco è limitata , Ahaus dovrebbe ora fungere da cuscinetto intermedio prima dello stoccaggio finale previsto dal 2014. Quindi, a nostro avviso, questo spiega anche l'insolita limitazione del permesso di piazzamento Ahauser a un massimo di dieci anni, "ha spiegato Felix Ruwe di BI" Niente scorie nucleari ad Ahaus".

"L'industria nucleare sta soffocando nelle sue stesse scorie nucleari. Si suppone che Ahaus diventi il ​​bacino di raccolta per la montagna in rapida crescita di scorie nucleari. Ma dopo le drammatiche esperienze nel "repository di prova" pozzo ASSE, nessuno sa se le scorie nucleari saranno mai essere immagazzinato nell'altrettanto inadatto pozzo Konrad Ci saranno persone ad Ahaus e Duisburg, dove le scorie nucleari si stanno già accumulando. Duisburg sarà particolarmente colpita dai trasporti nucleari pianificati. Che si tratti di camion o treno - in entrambi i casi il nucleare i rifiuti attraverseranno il centro delle aree residenziali trafficate. Al contrario, sarà anche a Duisburg Ci sono proteste, perché Duisburg sta per diventare un centro di scorie nucleari ", ha affermato Willi Hesters dell'alleanza d'azione Münsterland contro gli impianti nucleari.

Dal 2006 all'Ufficio federale della radioprotezione sono state presentate domande di autorizzazione per 150 container da trasporto provenienti da La Hague (Francia). Il trasporto di questi container al deposito temporaneo di Ahaus inizierà nei prossimi anni. 11.11/2009 Nel XNUMX è stata approvata la messa in posto di scorie radioattive di media e bassa attività e lo smantellamento di vecchi impianti nucleari. Questi trasporti potrebbero partire quest'anno.

E anche gli operatori dell'impianto di stoccaggio di elementi combustibili Ahaus di Jülich desiderano immagazzinare più ruote ad Ahaus. Il processo di approvazione per lo stoccaggio di nuove scorie nucleari ad Ahaus è completamente chiuso al pubblico.

Le esibizioni di resistenza ai THTR nell'ambito della Capitale Europea della Cultura RUHR.2010 sono estremamente attuali!

inizio paginaFino all'inizio della pagina - www.reaktorpleite.de -

Già nel 2007 sono iniziati i preparativi per la mostra sul tema del cambiamento strutturale nell'area della Ruhr, che sarà presentata nel contesto del nuovo RuhrMuseum sul terreno della Zeche Zollverein a Essen. Questa mostra permanente è una parte fondamentale delle attività per la Capitale Europea della Cultura RUHR.2010.

L'iniziativa dei cittadini per la protezione dell'ambiente ad Hamm è rappresentata con due mostre. Uno è un volantino del 1990, in cui viene pubblicizzata una conferenza del relatore della BI Ahaus di Hamm. Porta il titolo "THTR-Müll: Appena lontano da Hamm?!"

Palle THTR di escrementi di cavallo

Contiene una caricatura del disegnatore della Westfalia Anzeiger Fritz Brümmers, che raffigura gli elementi di combustibile radioattivo del "Gaules" THTR, che si allunga a quattro zampe da se stesso, come escrementi di cavallo che nessuno vuole più avere.

La seconda mostra consiste in un poster che fa riferimento al viaggio in trattore di tre giorni degli "agricoltori e consumatori contro l'energia atomica" attraverso l'area della Ruhr dal 10 luglio 1986.

Trattore Trek 1986

Poche settimane dopo l'incidente nel THTR e il disastro di Chernobyl, gli agricoltori hanno guidato i loro trattori in un viaggio sensazionale con soste e raduni a Dortmund ed Essen verso la capitale dello stato NRW Düsseldorf per fare pressione sulla chiusura del THTR a Hamm.

Queste mostre mostrano ai visitatori del RuhrMuseum che c'è stata una resistenza seria e alla fine riuscita alla tecnologia del rischio nucleare nell'area della Ruhr. Sei al cosiddetto livello di 6 metri dell'impianto di lavaggio del carbone nella sezione "Storia" (che inizia con l'industrializzazione della zona della Ruhr), capitolo "Cambiamento strutturale", argomento "Crisi e proteste", che si occupa di la crisi energetica, tra le altre cose.

Le due mostre non sono affatto uno sguardo nostalgico ai tempi passati, ma sono di grande attualità: gli elementi di carburante THTR raffigurati dal fumettista Brümmer saranno forse inviati in un viaggio rischioso anche quest'anno 2009, ma sicuramente 2010. Possibilmente attraverso la zona della Ruhr. Sono le 152 palline conservate in 300.000 contenitori con rotelle del piccolo THTR del Centro di ricerca Jülich che devono essere trasportate ad Ahaus.

Domenica 20 dicembre 2009 alle 14:24, davanti al deposito temporaneo di Ahaus, si svolgerà una manifestazione organizzata a livello nazionale contro il previsto trasporto di scorie nucleari. In occasione dell'anniversario di Chernobyl, il 2010 aprile XNUMX, Ahaus è già stata selezionata come una delle tre sedi dimostrative a livello nazionale.

I rappresentanti di BI Hamm sono stati invitati dal RuhrMuseum a partecipare alla cerimonia di inaugurazione della mostra il 9 gennaio 2010. Quando il primo ministro Jürgen Rüttgers, il sindaco e i rappresentanti del governo federale pronunceranno le parole di benvenuto, sarà presente anche il movimento antinucleare. Ma lo sono da 35 anni, perché è così che avrà l'Hammer BI l'anno prossimo.

***


inizio paginaFreccia su - Fino all'inizio della pagina

***

Chiama per le donazioni

- Il THTR-Rundbrief è pubblicato da 'BI Umwelt Hamm e. V.' emessi e finanziati da donazioni.

- Il THTR-Rundbrief è diventato nel frattempo un mezzo di informazione molto notato. Tuttavia, ci sono costi in corso dovuti all'ampliamento del sito web e alla stampa di fogli informativi aggiuntivi.

- Il THTR-Rundbrief ricerca e riporta in dettaglio. Per poterlo fare, dipendiamo dalle donazioni. Siamo felici di ogni donazione!

Donazioni conto:

BI protezione ambientale Hamm
Scopo: circolare THTR
IBAN: DE31 4105 0095 0000 0394 79
BIC: WELADED1HAM

***


inizio paginaFreccia su - Fino all'inizio della pagina

***

GTranslate

deafarbebgzh-CNhrdanlenettlfifreliwhihuidgaitjakolvltmsnofaplptruskslessvthtrukvi
rb-140-title-picture.jpg