Bollettino XXIII 2024

Dal 2 al 8 giugno

***


  2024 2023 2022 2021
2020 2019 2018 2017 2016
2015 2014 2013 2012 2011

Notizie + conoscenze di base

Il file PDF"Incidenti di energia nucleare" contiene una serie di altri incidenti avvenuti in vari settori dell'industria nucleare. Alcuni degli eventi non sono mai stati pubblicati attraverso i canali ufficiali, quindi queste informazioni hanno potuto essere rese disponibili al pubblico solo in modo indiretto. L'elenco degli incidenti nel file PDF non è quindi identico al 100% a "L'INES e i disordini negli impianti nucleari", ma rappresenta un'aggiunta.


4. Giugno 2008 (INES 0 Classe.?) Akw Krsko, SVN

6. Giugno 2008 (INES 1) Akw Philippsburg, Germania

8. Giugno 1970 (INES 4 | NAM 3,6) fabbrica nucleare LLNL, Livermore, Stati Uniti

9. Giugno 1985 (INES 4) Akw Davis Besse, Stati Uniti

10. Giugno 2009 (INES 2) fabbrica nucleare Cadarache, FRA

10. Giugno 1977 (INES ? Classe.?) Akw Macina, Stati Uniti

13. Giugno 1984 (INES ? Classe.?) Akw Forte St. Vrain, CO, Stati Uniti

14. Giugno 1985 (INES ? Classe.?) centro nucleare Costituente, ARG

16. Giugno 2005 (INES ? Classe.?) Akw Braidwood, Illinois, Stati Uniti

17. Giugno 1997 (INES ? Classe.?fabbrica nucleare Arzamas-16, Sarov, Russia

17. Giugno 1967 Il sesto test nucleare della Cina Lop-Nor/Taklamakan, Xinjiang, CHN

18. Giugno 1999 (INES 2) Akw Shika, Giappone

18. Giugno 1988 (INES ? Classe.?) Akw Tihange-1, BEL

18. Giugno 1982 (INES ? Classe.?) Akw Oconee, Stati Uniti

18. Giugno 1978 (INES ? Classe.?) Akw Brunsbüttel, Germania

19. Giugno 1961 (INES 3 | NAM 4) fabbrica nucleare Windscale/Sellafield, GBR

21. Giugno 2013 (INES ? Classe.?) Akw Kuosheng, TWN

23. Giugno 2012 (INES 1 Classe.?) Akw Rajasthan, IND

26. Giugno 2000 (INES 1 Classe.?) Akw Grafenrheinfeld, DEU

28. Giugno 2007 (INES 0 Classe.?) Akw Brunsbüttel, Germania

28. Giugno 2007 (INES 0 Classe.?) Akw Krummel, Germania

28. Giugno 1992 (INES 2) Akw Barsebäck-2, SWE

29. Giugno 2005 (INES ? Classe.?) Akw Forsmark, SWE

30. Giugno 1983 (INES ? Classe.?) Akw Imbalsamare, ARG

 

Siamo sempre alla ricerca di informazioni attuali. Se qualcuno può aiutarmi mandi un messaggio a:
nucleare-welt@ Reaktorpleite.de

 


8. giugno


 

Elezioni europee | estrema destrafirewall

Firewall nel Parlamento Ue:

Troppo liberale verso destra

I liberali europei discutono sulla mancanza di firewall da parte del governo olandese. La FDP sta cercando di contenere l'entusiasmo.

BERLINO taz | Tra i liberali europei è scoppiata una disputa su come comportarsi con gli estremisti di destra. Il gruppo Renew al Parlamento europeo vuole votare sull'esclusione del VVD olandese dall'alleanza il giorno dopo le elezioni europee. È "inaccettabile" che il partito del primo ministro uscente Mark Rutte entri in coalizione con il PVV estremista di destra di Geert Wilders all'Aia, ha detto all'emittente francese BFM la leader del gruppo parlamentare Renew, Valérie Hayer.

“Abbiamo sempre rispettato il muro contro l’estremismo di destra e dopo le elezioni farò in modo che questo valore continui ad essere rispettato”, ha affermato a metà maggio l’eurodeputato del Partito Rinascimentale di Emmanuel Macron.

Ma i loro colleghi di Bruxelles e Berlino non vedono alcun problema fondamentale nell’avvicinamento dei liberali alla destra olandese. "I liberali olandesi e tedeschi sono strettamente legati e auspicano una futura collaborazione nel Parlamento europeo", ha detto al taz la politica del FDP Marie-Agnes Strack-Zimmermann. “Non commenterò la situazione nazionale nei Paesi Bassi dall’esterno, soprattutto perché non abbiamo accompagnato questo processo”.

*

Tribunale amministrativoparcheggio | Politica dei trasporti

Il dominio illimitato delle auto negli spazi pubblici è finito

Brema sta facendo di nuovo la storia nel traffico: fino ad ora le auto private potevano occupare spazi pubblici grazie a una sentenza del Tribunale amministrativo federale. Dopo 58 anni, la corte ora si è corretta.

Il peccato originale della politica dei trasporti in Germania ebbe inizio con la sentenza Lantern Parker di Brema del 1966. Un uomo d'affari aveva parcheggiato permanentemente la sua auto in pubblico, il Senato di Brema ha intentato una causa senza successo e il Tribunale amministrativo federale ha poi consentito il parcheggio gratuito negli spazi pubblici per tutti e ovunque.

A Brema, come in molte altre città, i veicoli possono quindi essere parcheggiati ovunque e anche sui marciapiedi ("parcheggio in superficie"), e ciò avviene spesso con la tolleranza delle autorità, anche se ciò crea disagi alla gente.

I cittadini si erano lamentati più volte. Tuttavia, le autorità stradali avevano evitato di prendere provvedimenti contro la pratica dei parcheggi, citando le numerose auto e la conseguente crisi dei parcheggi. Di fatto, le condizioni intollerabili di Brema e di molti altri comuni rimasero tollerate.

Ora il più alto tribunale amministrativo tedesco ha deciso: i cittadini hanno il diritto di denunciare questa privatizzazione illimitata dello spazio pubblico e possono costringere le autorità dei trasporti a intervenire, ma solo dove sono direttamente colpiti...

*

Unione europeaDiritti Umani | populisti di destra

Si comportano ancora come se fosse un gioco

In Europa, i radicali di destra non devono più ricorrere alla violenza brutale per affermarsi. Sono invece abbracciati dai politici centristi.

[...]

Tra pochi giorni, l’estrema destra sarà molto probabilmente il re del Parlamento europeo. Ai vertici paneuropei degli estremisti di destra sembrava già che potessero agire come un fronte unito nell’istituzione politica che determinerà lo sviluppo dell’Europa nel prossimo decennio. Non si definiscono fascisti, come nel gioco Secret Hitler, ma per gli adulti con gli occhi aperti alcuni di questi tratti sono facilmente riconoscibili.

L’Europa senza una forte resistenza

Con questo non intendo il saluto mussoliniano del primo ministro italiano e leader del partito Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, o, come lei stessa dice, il suo "rapporto sereno con il fascismo". I passi decisivi nel condurre la nave europea verso l’autoritarismo sono meno spettacolari. Ma per coloro che hanno bisogno di vedere gli stivali militari per riconoscere un fascista, sia chiaro: il fascismo deve usare la forza brutale solo quando vi è una resistenza organizzata e robusta; ma non lo abbiamo oggi.

Ciò che abbiamo è Ursula von der Leyen che abbraccia calorosamente la Meloni, che a sua volta alza il tiro e si pone a capo dell’estrema destra europea. E abbiamo un centro debole che non aderisce più al principio di non collaborare con l’estrema destra. Perché non abbracciarci quando la disumanizzazione degli stranieri da parte degli estremisti di destra a Bruxelles e Londra è già condivisa?

Perché non dovremmo lavorare insieme quando il disprezzo degli estremisti di destra per i diritti umani e il loro odio per la sinistra sono cautamente condivisi anche dal centro politico? Esiste ancora una democrazia che deve essere protetta dagli estremisti di destra quando tutti i sondaggi d’opinione mostrano che la fiducia nella democrazia è venuta meno? E a chi importa davvero?

[...]

Mentre l’Europa perde la sua immagine di paradiso per i progressisti del mondo, la storia futura appare desolante – tanto desolante quanto abbracciare la persona sbagliata o essere pugnalati solo perché si pensava che fosse un gioco comune a cui si giocava con gli occhi chiusi.

*

Biden | NetanyahuPalestinaSoluzione a due Stati

Il discorso di Biden e le sue implicazioni

Joe Biden ha tenuto un discorso importante. Che impatto ha sulla politica interna di Israele?

In un discorso definito “significativo” venerdì sera, 31.5 maggio, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha presentato un piano in tre fasi per porre fine alle ostilità a Gaza e liberare gli ostaggi rimanenti dalla prigionia di Hamas, ponendo così fine alla guerra; Erano implicite anche (anche se in modo più nebuloso) le norme sul futuro governo della Striscia di Gaza e un orientamento fondamentale verso un nuovo ordine geopolitico nella regione.

Ciò che creava confusione era che il piano veniva presentato come un’iniziativa israeliana, ma Biden nel suo discorso ha anche esortato Israele ad accettarlo. Questa contraddizione non può essere spiegata chiaramente se il presidente (ben informato) non si è preoccupato di ciò che ha anche affrontato nel suo discorso, vale a dire della prevista resistenza che questo piano susciterà in Israele, soprattutto da parte dei leader di ispirazione messianica dei partiti nazional-religiosi Bezalel Smotrich e Itamar Ben Gvir.

Non è un caso che Biden abbia tenuto il discorso venerdì sera, perché questo garantiva che Smotrich e Ben Gvir non avrebbero potuto reagire fino alla fine dello Shabbat. Non sono autorizzati a lavorare durante lo Shabbat. Entrambi, infatti, sabato sera hanno annunciato che questo piano era inaccettabile e che, se fosse stato approvato, avrebbero sciolto immediatamente la coalizione di governo – per Benjamin Netanyahu un’idea apocalittica; Si preoccupa della preservazione incondizionata del suo governo, per lo scopo del quale ha creato la coalizione di governo più radicale di destra nell'intera storia del parlamento israeliano. Non ha nemmeno esitato a rendere il Kahanismo, che era stato un tabù per decenni, di nuovo socialmente accettabile e persino a usarlo in una posizione di rilievo nell’establishment israeliano del potere e della violenza.

[...]

L’odio generato da entrambe le parti causerà problemi a tutti coloro che sono coinvolti nel disastro per molto tempo a venire. Ma il problema fondamentale è che quando si prospetta la soluzione dei due Stati, nessuno sa come realizzarla. Per decenni, Israele ha indebolito e addirittura reso impossibile questa soluzione attraverso l’insediamento sistematico degli ebrei in Cisgiordania. Su quale territorio dovrebbe essere fondato lo Stato palestinese? Può avvenire solo in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza. Ma esiste una reale possibilità per questo?

Per anni Netanyahu ha nascosto questo problema sotto il tappeto, cancellando così il problema della Palestina dall’agenda mondiale e anche dall’agenda interna israeliana. E ora deve vedere come questo “problema” è tornato alla vita, in gran parte a causa del suo fallimento. Ironia del destino? Uno scherzo della ragione? Sembra più una smorfia di ideologia cinica e una tragedia scioccante.

*

Stati Unitiincendi boschivi | Registrare le temperature

Storicamente precoce con 44 gradi

L’ondata di caldo scioglie Las Vegas

Fa caldo negli Stati Uniti occidentali: durante un evento della campagna di Trump in Arizona, diversi ascoltatori hanno subito crolli di calore. L'escursionismo è vietato a Phoenix e Las Vegas misura temperature record di 44 gradi prima che mai.

Nuove temperature record sono state raggiunte in un’ondata di caldo storicamente precoce negli Stati Uniti occidentali. Giovedì a Las Vegas sono stati misurati 44 gradi Celsius, la temperatura più alta mai registrata in un anno. Le biblioteche sono state trasformate in luoghi di refrigerazione e alcuni eventi hanno dovuto essere spostati all’interno. Fino a sabato nella metropoli dei casinò del Nevada vige l'allarme per il caldo eccessivo. In Nevada e negli stati di California, Arizona, New Mexico e Texas, milioni di persone sono state avvertite del caldo questa settimana.

[...]

Gli incendi stanno devastando la California

Le regioni costiere sono state in gran parte risparmiate dal caldo. Tuttavia, in California sono scoppiati numerosi incendi minori. Nell'incendio più grande, a circa 240 chilometri a nord-ovest di Los Angeles, più di 1450 ettari sono bruciati nella Longitudinal Valley agricola della California prima che i vigili del fuoco riuscissero a contenere in gran parte le fiamme.

Secondo uno studio pubblicato venerdì dall’Università della California, a Los Angeles, l’inquinamento atmosferico causato dagli incendi in California ha causato oltre 52.000 morti in XNUMX anni. Il numero di morti causati dagli incendi è molte volte superiore al numero di morti per incendio.

*

8 giugno 1970 (INES 4 NAM 3,6) fabbrica nucleareINES Categoria 4 "Infortuni" LLNL, Livermore, Stati Uniti

In questo incidente morirono circa 10700 persone TBq rilasciata, il vento ha spinto la nuvola principalmente in direzione sud-est. I livelli di radiazione sono stati misurati a 200 miglia di distanza.
(Costo circa US $ 60,1 milioni)

Incidenti di energia nucleare
 

Attento all'ecologia di Livermore

Livermore Eco Watchdogs (Questo dominio non è più disponibile.)

Dosi storiche al pubblico da rilasci di routine e accidentali di trizio

Durante i suoi cinquantatré anni di attività, le stime furono effettuate presso il sito di Livermore del Lawrence Livermore National Laboratory 29300 TBq trizio rilasciato nell'atmosfera; circa il 75% di esso fu accidentalmente rilasciato come trizio gassoso nel 1965 e nel 1970. Le emissioni di routine hanno contribuito con poco più di 3700 TBq trizio gassoso e circa 2800 TBq vapore acqueo triziato alla dose totale a...

traduzione con https://www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Il più grande rilascio nella storia di LLNL è avvenuto il 20 gennaio 1965 ed era di 13000 TBq.

UTILIZZO DEL TRIZIO PRESSO IL LABORATORIO DI LIVERMORE:

Trizio e il Lawrence Livermore National Laboratory

Due dei tre più grandi incidenti dovuti al trizio che abbia mai visto documentati si sono verificati qui nella sede del Livermore Lab. Nel 1965 e nel 1970, il Livermore Lab pubblicò circa 650000 Curie (23700 TBq) Trizio rilasciato nell'aria dai camini dell'impianto trizio (Edificio 331).

Nota: una curie corrisponde a 37 miliardi di processi di decadimento radioattivo al secondo, in becquerel 37 GBq.

Dopo l'incidente del 1970, gli scienziati di Livermore Labs hanno trovato livelli elevati di trizio, che hanno collegato all'incidente del 1970, fino a Fresno, a circa 200 miglia a sud-est.

traduzione con https://www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)
 

Purtroppo c'è in tedesco wikipedia nessuna informazione su questi incidenti.

wikipedia di

Lawrence_Livermore_National_Laboratory
 

Wikipedia su

Anche in inglese wikipedia si possono trovare solo i consueti resoconti giudiziari.

/Lawrence_Livermore_National_Laboratory#Public_protests

Proteste pubbliche

* Gruppo d'azione di Livermore organizzò numerose proteste di massa contro la produzione di armi nucleari da parte del Lawrence Livermore National Laboratory dal 1981 al 1984. Il 22 giugno 1982, più di 1300 attivisti contro le armi nucleari furono arrestati durante una manifestazione non violenta. Più recentemente, ci sono state proteste annuali contro la ricerca sulle armi nucleari a Lawrence Livermore. Nell'agosto 2003, 1000 persone protestarono contro le "testate nucleari di nuova generazione" ai Livermore Labs. 2007 persone sono state arrestate durante le proteste del 64. Nel marzo 2008, più di 80 persone furono arrestate mentre protestavano fuori dai cancelli.

Il 27 luglio 2021, la Society of Professionals, Scientists, and Engineers - University of Professional & Technical Employees Local 11, CWA Local 9119 ha iniziato uno sciopero di tre giorni per pratiche di lavoro sleali.

traduzione con https://www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

 


7. giugno


 

fossile | Catastrofe climaticadisinformazioneGuterres

Guterres avverte dell’“inferno climatico”

António Guterres parla chiaramente come nessun altro politico di punta.

In un discorso mai tenuto prima da un leader mondiale, il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato il 1° dicembre 2020: “Fare pace con la natura è il compito determinante del 21° secolo. Deve essere una priorità assoluta per tutti, ovunque”.

A seguito dei recenti rapporti allarmanti del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, Guterres ha affermato: “Questi rapporti devono suonare la campana a morto per il carbone e i combustibili fossili prima che distruggano il nostro pianeta. Se uniamo le forze adesso, possiamo ancora evitare la catastrofe climatica”.

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha appena messo in guardia dall’“inferno climatico” in un vertice delle Nazioni Unite sul clima: “Stiamo giocando alla roulette russa con il nostro pianeta… Abbiamo bisogno di un’uscita dall’autostrada verso l’inferno climatico”. parla un linguaggio semplice come nessun altro politico, quando si tratta della catastrofe climatica.

Secondo il servizio europeo sui cambiamenti climatici Copernicus, maggio 2024 è stato il dodicesimo mese consecutivo in cui la temperatura media globale ha raggiunto un record mensile.

Alla luce di questi avvertimenti, Guterres ha addirittura chiesto un boicottaggio globale dei finanziamenti e della pubblicità delle industrie del gas, del carbone e del petrolio. I governi dovrebbero vietare la pubblicità dell’intera industria dei combustibili fossili, in modo simile alla pubblicità del tabacco. Le istituzioni finanziarie dovrebbero invece investire nelle energie rinnovabili. Guterres ha definito l’industria dell’energia fossile “i padrini del caos climatico”. Per decenni hanno bloccato il progresso verso un’energia rispettosa del clima.

"Sono stati spesi miliardi di dollari per distorcere la verità, ingannare il pubblico e seminare dubbi",...

*

Israele | crimini di guerraNetanyahu

Aumenta la pressione su Netanyahu: il procuratore generale israeliano chiede un'indagine

La magistratura israeliana sta indagando su singoli casi di crimini di guerra dell'IDF a Gaza. Le richieste di indagini su larga scala stanno diventando sempre più forti. Netanyahu bloccato.

Tel Aviv - In vista dei mandati di arresto depositati presso la Corte penale internazionale (CPI) contro il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il suo ministro della Difesa Joaw Gallant, le voci in Israele si fanno sempre più forti chiedendo che le accuse vengano perseguite in modo indipendente. Inoltre, è in corso il processo riguardante le accuse di genocidio a Gaza. Il procuratore generale Gali Baharav-Miara ha invitato Netanyahu in una lettera ad aprire la strada a una commissione investigativa indipendente, ha riferito il portale Times of Israel. Ma anche se Netanyahu acconsentisse, probabilmente ciò non lo proteggerebbe più da un processo all’Aia.

Al centro dell'accusa di Netanyahu: la Corte penale internazionale si fida del sistema giudiziario israeliano?

Alla fine di maggio, il procuratore capo della Corte penale internazionale Karim Khan ha chiesto che fossero esaminati mandati di arresto internazionali contro i quadri dirigenti di Hamas in quanto responsabili delle atrocità del 7 ottobre 2023. Allo stesso tempo, Khan ha agito anche contro Netanyahu e Gallant, che sono responsabile ultimo della condotta di Israele nella guerra a Gaza. In linea di principio, per i procedimenti dinanzi alla CPI, il tribunale è competente se i sistemi giudiziari nazionali non vogliono o non possono perseguire crimini ai sensi del diritto penale internazionale...

*

Agricolturalobbisti | Associazione degli agricoltori | Sussidi agricoli

Sovvenzioni agricole dell’UE:

Oltre 2,6 milioni per i padroni agricoltori

I capi delle associazioni degli agricoltori ricevono elevati sussidi dall'UE, molto più alti della media degli agricoltori. L’associazione impedisce quindi la redistribuzione?

BERLINO taz | Ogni anno l’Unione Europea spende l’impressionante somma di 55 miliardi di euro per l’agricoltura. La maggior parte dei sussidi agricoli vengono pagati per ettaro di terreno, in gran parte indipendentemente da quanto sia ecologico o dannoso il lavoro degli agricoltori. L’agricoltura è in gran parte responsabile dell’estinzione di specie vegetali e animali. Secondo l'Agenzia federale per l'ambiente, l'industria causa il 13% dei gas serra nel paese. E le aziende agricole che già possiedono più terra ricevono i sussidi più alti. Contro tutto questo cambiamento si batte attualmente l'Associazione tedesca degli agricoltori (DBV). Ma perché?

Nell’anno finanziario 20/2022 i circa 23 membri del comitato esecutivo della DBV o le loro aziende hanno ricevuto complessivamente più di 2,6 milioni di euro in sussidi dall’UE. Lo dimostra la ricerca taz nella banca dati agrarpayments.de dell'Ufficio federale dell'agricoltura e dell'alimentazione.

[...]

“La DBV è, in larga misura, essenzialmente un’associazione di categoria degli agricoltori. "Quindi un'associazione di grandi aziende agricole che servono l'industria e i mercati di esportazione", ha dichiarato il presidente dell'Associazione per la conservazione della natura Jörg-Andreas Krüger. “La ricerca Taz lo sottolinea: in cima alla DBV sono rappresentate anche le aziende agricole redditizie che difendono i loro sussidi a tutti i costi. “Non hanno alcun desiderio di ridurre i propri margini per ragioni puramente personali ed economiche”, ha affermato il capo della più grande organizzazione ambientalista tedesca.

Questo è uno dei motivi per cui l'associazione dei contadini è contraria al limite massimo e alla degressione, aggiunge Martin Schulz, presidente federale del gruppo di lavoro sull'agricoltura contadina (AbL), che sostiene soprattutto le aziende agricole più piccole ed ecologiche. Le aziende con migliaia di ettari non devono fare affidamento sui pagamenti diretti perché possono gestire i loro terreni in modo più economico.

Xenia Brand, direttrice federale dell'AbL, ha criticato l'associazione degli agricoltori per aver impedito la ridistribuzione dei bonus d'area a favore del pagamento di specifici servizi ecologici forniti dagli agricoltori. "Poiché importanti attori ai vertici dell'Associazione tedesca degli agricoltori traggono grandi vantaggi dall'attuale bonus di superficie, non sorprende che blocchino con tanta veemenza la qualificazione di questi fondi, l'organizzazione danneggia gli agricoltori che lo hanno." già fatto molto per il clima e la biodiversità.

*

SMR | armatoHALEU

Quanto è pericoloso l'uranio HALEU?

Il combustibile di uranio prodotto per piccoli reattori nucleari potrebbe essere di qualità militare

Un modo rapido per raggiungere la bomba? Il combustibile a base di uranio prodotto per i futuri piccoli reattori potrebbe diventare un problema di sicurezza globale, avvertono i ricercatori. Questo cosiddetto uranio HALEU è arricchito fino al 20% di uranio-235 - e questo è sufficiente per renderlo adatto alle armi, come riporta il team in "Science". Una bomba nucleare potrebbe essere costruita in pochi giorni con la quantità di carburante di un singolo piccolo reattore. Ma finora non esistono norme di sicurezza corrispondenti per l'uranio HALEU.

Il modo in cui l’elemento radioattivo uranio può essere utilizzato dipende in modo cruciale dalle sue proprietà Composizione isotopica lontano. L'uranio-238, che domina in natura, non è fissile e quindi nella sua forma pura non è adatto né come combustibile nucleare per reattori nucleari né per la costruzione di armi nucleari.

[...]

I piccoli reattori nucleari hanno bisogno di più “grinta”

Ma ciò potrebbe cambiare nel prossimo futuro. Nuovi tipi di piccoli reattori potrebbero presto sostituire le centrali nucleari convenzionali. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), ce ne sono già più di 80 in tutto il mondo Piccoli reattori modulari (SMR) in progettazione o in costruzione. Questi piccoli reattori nucleari utilizzano combustibile nucleare meno ma più arricchito per generare calore ed elettricità.

Tuttavia, Kemp e i suoi colleghi avvertono ora che questo è proprio ciò che potrebbe diventare un problema. Perché il combustibile nucleare utilizzato per i sistemi SMR, i cosiddetti Uranio a basso arricchimento ad alto dosaggio (HALEU), contiene tra il 20 e il 235 per cento di uranio-19,75. "La maggior parte degli sviluppatori di piccoli reattori preferisce il 235% di uranio-235", hanno detto i ricercatori. Ciò significa che questo combustibile nucleare non solo è al limite dell'uranio altamente arricchito, considerato idoneo alle armi, ma anche proporzioni più piccole di uranio-XNUMX potrebbero rappresentare un rischio per la sicurezza...

*

India | Wahlen

Sciopero per Modi

Elezioni in India: i nazionalisti indù contano sugli alleati per governare. Opposizione di sinistra in crescita

Le cose sono andate diversamente dal previsto. Il primo ministro Narendra Modi del Partito popolare indiano (BJP), la forza trainante del governo dell'Alleanza nazionale democratica (NDA), si aspettava di vincere le 18esime elezioni generali indiane con una schiacciante maggioranza. Alla fine, l’obiettivo di almeno 400 mandati in un parlamento da 543 seggi non è stato raggiunto. Il BJP ha ottenuto solo 240 seggi, con una perdita di 63, mentre la NDA nel suo complesso ne ha 293. Per ottenere la maggioranza governativa sono necessari 272 seggi, il che significa che il BJP dipende dal sostegno dei suoi alleati, che ha ottenuto dopo qualche tempo. avanti e indietro Anche lei mercoledì ha ricevuto. Modi, eletto primo ministro nel 2014, sta iniziando il suo terzo mandato.

Il fatto che il partito di Modi non abbia raggiunto la maggioranza assoluta, mentre l’alleanza di opposizione INDIA aveva 234 seggi e anche il BJP ha subito perdite nelle sue aree centrali nell’India settentrionale e occidentale, ha portato a una reazione contraddittoria: Modi ha vinto, ma i suoi sostenitori sembrano aver vinto. vedere la vittoria come una sconfitta. L'opposizione non è riuscita a formare un governo, ma la sconfitta sembra quasi una vittoria...

 


6. giugno


 

Batteria | raggiungere | E-Cartempo di ricarica

E-mobility

Dieci minuti di ricarica per centinaia di chilometri: la nuova batteria entra in produzione

Il produttore Gotion, sostenuto dalla Volkswagen, dichiara guerra al suo concorrente CATL con tre prestazioni

Qualcosa sta accadendo nel mercato delle batterie. Dopo tutti i tipi di promettenti progressi tecnologici, questi stanno lentamente raggiungendo i clienti finali. Lo specialista cinese delle batterie Gotion High Tech, uno dei maggiori concorrenti di CATL, ha presentato nuovi sviluppi. La batteria G-Current, annunciata a maggio, dovrebbe consentire alle auto elettriche di essere pronte per i viaggi a lunga distanza in pochi minuti.

È la cosiddetta batteria 5C. Secondo la definizione della classificazione C, 5C significa, in parole povere, che una batteria può essere caricata completamente cinque volte in un'ora, a condizione che la stazione di ricarica fornisca la potenza corrispondente. Nei test è stato possibile aumentare il livello di carica dal 48 all'80% in nove minuti e XNUMX secondi, il che corrisponde a un'autonomia di diverse centinaia di chilometri.

Sei passato dal 15 al 90% in 100 minuti e una ricarica completa da zero a 25 richiede circa 75 minuti. G-Current può essere prodotto in tre diverse configurazioni chimiche del catodo: litio ferro fosfato (LFP), litio manganese ferro fosfato (LMFP) e litio nichel manganese cobalto ossido (NCM). Le prime due varianti sono più economiche da produrre e non contengono metalli preziosi. Offrono una capacità di 600 kWh e possono quindi garantire un'autonomia di oltre 100 chilometri. La versione NCM offre 800 kWh, che dovrebbero coprire una distanza di XNUMX chilometri.

La produzione di massa è in corso

La migliore capacità di carica è stata ottenuta con una nuova miscela di materiali che migliora la conduttività dell'elettrolita dal 30 al 50%. Inoltre, è possibile risparmiare il 30% dei componenti e quindi rendere la batteria più sottile. La batteria dovrebbe essere in grado di coprire un’ampia gamma di applicazioni. Secondo il capo della ricerca di Gotion, la produzione in serie di G-Current per le auto elettriche è già iniziata...

*

Atrioarmamento | Fame | Doppi standard

Prima vengono i doppi standard, poi il mangiare

La povertà non ha lobby, a differenza della guerra e delle armi. Con doppi standard e molti soldi, questa potente lobby minaccia di sopraffarci.

"Ogni bambino. Chi muore di fame viene assassinato” – Jean Ziegler ha recentemente ripetuto questa chiara frase in occasione del suo novantesimo compleanno. Le Nazioni Unite stimano che cinque milioni di bambini sotto i cinque anni muoiano ogni anno a causa della fame e della povertà estrema. Ciò significa: ogni cinque-sei secondi muore un bambino. Se avete letto queste poche righe, un altro bambino sarà morto di fame. Da anni il numero delle persone che soffrono la fame e muoiono di povertà è di nuovo in aumento. Secondo le Nazioni Unite, negli ultimi anni hanno sofferto la fame tra i 90 e gli 750 milioni di persone. Non ci piace sentire fatti così scomodi, figuriamoci pensarci.

Al contrario, le persone ricche e presumibilmente istruite continuano a parlare e scrivere del fatto che siamo troppo indignati e che nel complesso le persone non se la passano quasi mai bene, anche a livello internazionale. Si presuppone sempre il valore assoluto e il totale del patrimonio e non si tiene conto della distribuzione. Tuttavia, il numero deprimente di persone che soffrono la fame in tutto il mondo è diminuito per un certo periodo; Negli obiettivi di sostenibilità delle Nazioni Unite, la lotta alla povertà e alla fame occupa il primo e il secondo posto. La fame dovrebbe essere eliminata entro il 2030. Dal 2015 in poi i numeri sono rimasti a livelli elevati, per poi aumentare nuovamente a partire dal 2019.

Uno scandalo! Ma di questo non si parla, soprattutto adesso, in tempi di riarmo…

*

Pressefreiheit | Radio Dreiekland | assoluzione

Il tribunale regionale di Karlsruhe assolve il direttore di Radio Dreyeckland

Da settimane nel processo si discute se l'inserimento di un link in un servizio giornalistico possa costituire un reato penale. Ora il tribunale ha dato una risposta.

Nel processo penale contro un redattore della stazione radiofonica di Friburgo Radio Dreyeckland, la Camera di protezione dello Stato del tribunale regionale di Karlsruhe ha emesso il suo verdetto e ha assolto l'imputato.

L'imputato, 38 anni è stato accusato di aver sostenuto ulteriori azioni di un'organizzazione vietata collegandosi a un sito web. Il direttore dell'emittente non commerciale di Friburgo aveva pubblicato un articolo in cui si collegava all'archivio di un'organizzazione vietata. L'accusa sostiene di aver in tal modo promosso e promosso l'associazione “linksunten.indymedia”.

Il tribunale regionale di Karlsruhe la ha vista diversamente: nella sua sentenza, la corte ha giustificato l'assoluzione dell'imputato come segue: non è possibile pubblicizzare un'associazione che non esiste più. E durante la trattativa non è stato possibile dimostrare che l'organizzazione continuasse ad esistere.

Secondo il giudice, ai giornalisti dovrebbe essere consentito criticare i divieti

Inoltre l'archivio collegato non soddisfa i punti che all'epoca portarono al ban della piattaforma. Pertanto, l'archivio non può essere direttamente confrontato o equiparato al sito vietato.

Inoltre, il presidente del tribunale ha sottolineato che ai giornalisti dovrebbe essere consentito di criticare i divieti senza essere automaticamente accusati di sostenere ciò che è vietato...

*

IsraeleCampagna di disinformazione | ChatGPT

Disinformazione da Israele

Campagna con post generati dall'intelligenza artificiale mirata a influenzare i legislatori statunitensi

“A causa di queste nuove informazioni, devo rivalutare la mia opinione”, sono stati pubblicati sui social media da ottobre account falsi, riferendosi a notizie filo-israeliane o anti-islamiche sulla guerra di Gaza. Dietro a tutto questo c’è il governo di Tel Aviv riferisce ora il “New York Times”

L'organizzazione israeliana FakeReporter aveva già attirato l'attenzione sulla singolare campagna di troll. Di conseguenza, i messaggi erano rivolti al pubblico americano e avevano lo scopo di attirare i legislatori statunitensi a sostenere Israele nella guerra contro Gaza. I profili falsi sono stati assegnati a presunte persone provenienti da Israele, Canada e Stati Uniti. I proprietari si atteggiavano a studenti, cittadini preoccupati ed elettori locali.

A quanto pare la campagna è iniziata con la recente guerra di Gaza e ha utilizzato account su X e le piattaforme Meta Group Facebook e Instagram. Molti dei post sono stati generati dal bot ChatGPT basato sull'intelligenza artificiale. In totale, gli account falsi avevano accumulato più di 40 follower. Inoltre, sono stati creati tre falsi siti di notizie in lingua inglese che pubblicavano articoli filo-israeliani.

[...]

Meta ha affermato di aver rimosso 510 account Facebook, 32 pagine Facebook, XNUMX account Instagram e un gruppo Facebook in relazione all'operazione israeliana. Tuttavia, molti articoli su X sono ancora disponibili, ha effettuato una ricerca il New York Times.

Secondo il rapporto, il governo israeliano ha avviato la campagna di disinformazione poco dopo il 7 ottobre, invitando decine di start-up tecnologiche israeliane a riunioni urgenti per combattere come "soldati digitali" per il paese...

*

Complesso militare-industrialearmatura | soldi delle tasse

WiP

“Avrebbe, avrebbe, frenare la catena”

(Nelle traduzioni, la rima “Would have, might have, tank chain” di certo non funziona affatto.)

MiK, il complesso militare-industriale ci ha davvero derubati. L’industria delle armi sta rastrellando sempre più denaro e le persone in tutto il mondo pagano con la vita.

Quando qualche anno fa all'industria nucleare tedesca è stato permesso di liberarsi dalla responsabilità delle scorie nucleari con 24 miliardi, io... Attività e ambizioni nucleari nazionali ha scritto quanto segue:

A proposito, "MiK" e gli azionisti dell'industria nucleare si sono davvero divertiti, la festa, lo champagne, i dividendi e le lacrime di gioia sono scese a fiumi, ed è andata benissimo. Il rischio è stato socializzato!

Conclusione: il contribuente paga ancora per un altro round locale!

Noi, che non siamo azionisti dell’industria nucleare, non abbiamo altra scelta. O paghiamo miliardi per lo smantellamento degli impianti nucleari e per lo stoccaggio sicuro delle scorie radioattive fino al “Giorno dei Santi” oppure rischiamo il graduale avvelenamento delle generazioni future.

“Dopo sei sempre più intelligente”

o

"Se il cane non avesse fatto la cacca, avrebbe preso il coniglio."

Non dovremmo lasciare che questi o altri detti simili ci impediscano di imparare dagli errori del passato.

Dopo aver visto le conseguenze e compreso le cause, dovremmo analizzare a fondo gli errori del passato e, sulla base di queste analisi, riconsiderare e, se necessario, modificare eventuali piani saggi per il futuro.

Nella Repubblica di Weimar i democratici non riuscirono a fermare i fascisti, questa volta non dobbiamo lasciarci sfuggire l'occasione...

*

Elezioni europeeDanni alla proprietà | manifesti elettorali

Danni ai manifesti elettorali:

Nel mirino sono soprattutto i Verdi e l'SPD

I crimini si ripetono continuamente nella campagna elettorale europea. I politici della Bassa Sassonia sono stati più volte insultati e persino aggrediti fisicamente.

HANNOVER dpa/taz | Durante la campagna elettorale europea la polizia della Bassa Sassonia ha già registrato centinaia di danni ai manifesti elettorali. Dei 385 casi fino al 31 maggio 2024, 151 hanno interessato i Verdi e 104 l'SPD, come ha annunciato la Polizia criminale statale della Bassa Sassonia (LKA) su richiesta dell'Agenzia di stampa tedesca. 87 volte è stata indagata l'AfD a causa di manifesti imbrattati o distrutti, 34 volte la CDU, 25 volte la FDP, 21 volte la Sinistra e 8 volte altri partiti. I numeri sono ancora preliminari, ha detto un portavoce della LKA.

Per quanto riguarda la registrazione dei reati di matrice politica esiste ancora un controllo di qualità e, secondo la portavoce, spesso in seguito si verificano dei cambiamenti. Negli ultimi giorni e settimane sono stati denunciati numerosi reati potenzialmente collegati alle elezioni europee.

[...]

Mercoledì notte a Herzogenrath, presso Aquisgrana, due giovani hanno dato fuoco a un manifesto elettorale del partito della Sinistra. Mercoledì la polizia di Aquisgrana ha riferito che gli agenti, allertati da una telefonata, hanno prima spento il manifesto elettorale in fiamme.

Due giovani che si trovavano nelle vicinanze sono sembrati insospettiti dagli agenti. Tuttavia, gli adolescenti di 18 e 19 anni hanno negato il coinvolgimento nel crimine. Un testimone ha poi mostrato un video del delitto, al termine del quale i due hanno confessato il delitto. L'agenzia di sicurezza statale sta indagando per danni materiali causati da un incendio.

*

6 giugno 2008 (INES 1) Akw INES categoria 1 "disturbo" Philippsburg, Germania

wikipedia di

elenco degli eventi

Secondo il Ministero dell'Ambiente del Baden-Württemberg, nella notte di venerdì 6 giugno 2008, nel recipiente di contenimento del Blocco I è stata rilevata una caduta di pressione superiore ai valori consentiti. Il contenitore, che racchiude parti importanti del reattore, ha una leggera sovrappressione di 20 millibar durante il normale funzionamento. Secondo il ministero, la caduta di pressione rilevata ammontava a 1 millibar all'ora ed era dovuta a una perdita. La perdita si è verificata durante la messa in funzione dell'impianto dopo la revisione e subito dopo il riempimento del contenitore con azoto. Nella scala di rating internazionale “INES” appartiene alla classe 1 (“disturbo”).

Centrale nucleare di Philippsburg, guasti e incidenti
 

La piaga delle centrali nucleari

Philippsburg (Baden-Wuerttemberg)

Il Philippsburg II venne messo in funzione nell'agosto del 2001 con un sistema di raffreddamento di emergenza difettoso. Nonostante il difetto fosse stato scoperto due settimane dopo, il reattore rimase in funzione illegalmente. Successivamente si scoprì che il sistema di raffreddamento di emergenza non era stato sufficientemente riempito da anni. Va aggiunto che l'operatore non ha segnalato questo incidente del 2001 all'autorità di controllo. Nel novembre 2001 il Ministero dell'Ambiente di Stoccarda ha riferito che da Philippsburg I era fuoriuscita acqua contaminata a causa di un difetto in una valvola di drenaggio della fabbrica.

Poiché durante l'ispezione annuale del sistema di spegnimento rapido una pompa del reattore I non è stata spenta, nell'aprile 2004 si sono riversati nel Reno 30.000 litri di acqua radioattiva. L'EnBW ha denunciato l'incidente all'autorità di regolamentazione nucleare il giorno dopo...

 


5. giugno


 

promozione | pompa di caloreCalore

Cambiamenti nel riscaldamento: le nuove cifre sulle pompe di calore suscitano sorpresa

Sempre più case vengono riscaldate con pompe di calore. Ciò è dimostrato dagli attuali dati del governo. Tuttavia, ci sono ostacoli.

Wiesbaden – Recentemente c’è stato un vero e proprio trambusto attorno alla pompa di calore. A causa delle precedenti grandi incertezze relative ai finanziamenti, su cui apparentemente molti cittadini avevano fatto affidamento, le vendite di pompe di calore nel primo trimestre del 2024 sono diminuite notevolmente. Tuttavia, il ministro federale dell'economia Robert Habeck (Verdi) è ora ottimista. "In aprile il numero delle richieste è chiaramente aumentato", ha dichiarato di recente al Rheinische Post. I dati attuali gli danno ragione, almeno sul lungo termine.

Considerazioni a lungo termine mostrano che le pompe di calore stanno diventando sempre più popolari

Le pompe di calore vengono utilizzate in un numero sempre maggiore di nuovi edifici residenziali. Come ha riferito mercoledì (5 giugno) l'Ufficio federale di statistica (Destatis), nel 2023 circa due terzi di tutti gli edifici residenziali completati utilizzavano pompe di calore per il riscaldamento (più precisamente il 64,6%). Rispetto all’anno precedente 2022 ciò significa un aumento di otto punti percentuali e rispetto al 2014 è più che raddoppiato sulla carta. Allora le pompe di calore erano installate nel 31,8% dei nuovi edifici.

[...]

I rappresentanti del settore sottolineano regolarmente che il dibattito in Germania è andato storto. “Il dibattito è slegato dai fatti”, ha detto Lo ha detto a Ippen.Media l'amministratore delegato e fondatore di Enpal, Mario Kohl (vedi sotto). Il governo ha ancora molto lavoro da fare sia in termini di finanziamenti che di “massiccia disinformazione” diffusa nel 2023. Molti consumatori sono rimasti turbati dal dibattito sui finanziamenti per le pompe di calore.

 

disinformazione | burocraziaDomande di finanziamento

Il produttore critica il dibattito sulle pompe di calore: “Basterebbe che la gente capisse i fatti”

Il dibattito sulla legge sul riscaldamento ha scosso la fiducia nelle pompe di calore. Tuttavia, troppo spesso si tratta di disinformazione. Una società energetica berlinese vuole cambiare la situazione.

Berlino – Nel primo trimestre del 52, le pompe di calore hanno registrato il calo di vendite più marcato tra tutti i generatori di calore, con un calo del 2024%. Lo ha annunciato all’inizio di maggio 2024 l’Associazione federale dell’industria tedesca del riscaldamento (BDH). Anche se il governo sta facendo del suo meglio per promuovere le pompe di calore, la fiducia dei tedeschi nella nuova tecnologia è andata in frantumi.

[...]

Le pompe di calore attraversano attualmente un periodo difficile in Germania, ma non sembra essere il caso di Enpal. Cosa funziona meglio per te rispetto alla concorrenza?

Mario Kohle: Siamo rimasti molto sorpresi dal fatto che si dicesse che la pompa di calore avesse difficoltà. Il finanziamento prevede sovvenzioni fino al 70% o fino a 21.000 euro. La pompa di calore è diventata molto più attraente rispetto a prodotti comparabili come il riscaldamento a gas o olio. Ciò che ci differenzia è che in Enpal siamo specializzati anche nello spiegare questo al cliente e nell'integrare prodotti diversi in soluzioni globali.

[...]

Fondamentalmente le richieste di finanziamento funzionano sorprendentemente bene, ma ci sono alcuni dettagli burocratici. Ad esempio, per ottenere un bonus sui redditi sono necessarie due dichiarazioni dei redditi. Naturalmente, molte persone che non presentano dichiarazioni dei redditi non hanno questo.

I politici sono invitati ad aiutare e ridurre la burocrazia in modo che i finanziamenti raggiungano coloro a cui sono destinati. Naturalmente, aiutiamo i clienti a richiedere finanziamenti. Finora le cose stanno andando abbastanza bene alla KfW. Ma se i finanziamenti della KfW non arrivano, interverremo noi a causa della nostra promessa di finanziamento allo Stato.

Quindi i politici devono ancora fare i compiti.

Mario Kohle: Sì, prima a causa dei finanziamenti e poi a causa della massiccia disinformazione che è stata diffusa nell'ultimo anno. Dobbiamo fare molto lavoro educativo.

*

industria della difesa | viaggi nello spazio | Produzione di armi

Olaf Scholz promette sostegno all'industria degli armamenti

Per molto tempo la politica tedesca si è tenuta alla larga dall’industria degli armamenti, dice il Cancelliere. Considerata la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, ora è finita.

Il cancelliere Olaf Scholz ha assicurato all'industria della difesa il sostegno a lungo termine del governo federale nello sviluppo delle proprie capacità produttive. "Oggi vediamo più chiaramente che mai quanto sia importante avere un'industria della difesa europea e tedesca in grado di produrre continuamente tutti i tipi importanti di armi e le munizioni necessarie", ha affermato.

I politici in Germania “hanno dato troppo spazio al settore in passato”. Scholz ha detto: "È finita. L'attacco della Russia all'Ucraina, che viola il diritto internazionale, ha presentato a tutta la Germania una nuova realtà in termini di politica di sicurezza".

[...]

"La capacità di agire nello spazio in qualsiasi momento e di mettere in orbita i satelliti è essenziale dal punto di vista commerciale, ma anche dal punto di vista della difesa", ha affermato. Per portare i satelliti nello spazio sono necessari anche piccoli sistemi affidabili e innovativi. Il Cancelliere ha fatto riferimento ai primi lanci dei cosiddetti micro-lanciatori tedeschi quest'anno. Questi portano piccoli satelliti nello spazio. “L’Europa ha bisogno di una propria mega costellazione di satelliti, sia per l’Internet delle cose che per la guida e il volo autonomi di domani”, ha affermato Scholz. Il termine Internet of Things indica un mondo interconnesso di “smart”, ovvero dispositivi intelligenti che si comportano come computer e sono collegati in rete con altri dispositivi localmente o tramite Internet.

*

striscia | acqua potabile | Impianti di desalinizzazione

Emergenza umanitaria per i palestinesi

Chiuso impianto di desalinizzazione nella Striscia di Gaza – L’ONU lancia l’allarme

Il presidente degli Stati Uniti Biden sta esortando Israele e Hamas a negoziare una tabella di marcia. I recenti combattimenti nella Striscia di Gaza segnalano nuovi fronti. Ora la fornitura di acqua potabile sta cominciando a scarseggiare.

Le persone intrappolate nella Striscia di Gaza fanno affidamento sugli impianti di desalinizzazione per ottenere sufficiente acqua potabile dal mare. Ma ora, secondo l’ONU, i sistemi vitali sono stati spenti per mancanza di carburante per i generatori di energia.

"La gente non ha abbastanza acqua", ha avvertito su X l'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso palestinese. "La sopravvivenza è una lotta per le famiglie e i bambini che devono percorrere lunghe distanze per procurarsi l'acqua". L'organizzazione ha chiesto alle autorità israeliane di garantire l'accesso immediato all'acqua.

Israele ha dichiarato ad aprile che una conduttura idrica centrale da Israele alla Striscia di Gaza era stata riparata dopo essere stata danneggiata nella guerra contro l'islamico Hamas.

“Bombardamenti, sfollamenti forzati, mancanza di cibo e acqua”

“I bambini di Gaza stanno vivendo un incubo senza fine”, ha detto un altro X-post dell’UNRWA. "I bombardamenti, gli sfollamenti forzati, la mancanza di cibo e acqua e il mancato accesso all'istruzione stanno traumatizzando un'intera generazione...".

*

glifosato | Monsanto | Pagamento della penale

Verdetto sul glifosato:

Sanzione Bayer drasticamente ridotta

In Pennsylvania, la multa in una causa contro il glifosato contro la Bayer è stata ridotta da 2,25 miliardi di dollari a 400 milioni di dollari. Tuttavia la Bayer vuole presentare ricorso. 

Un giudice dello stato americano della Pennsylvania ha ridotto la multa in una causa sul glifosato contro la Bayer da 2,25 miliardi di dollari a 400 milioni di dollari. Martedì, nella sentenza, il giudice Susan Schulman ha accolto alcune delle obiezioni della Bayer e ha ridotto i danni compensativi a 50 milioni di dollari e i danni punitivi a 350 milioni di dollari.

La Bayer ha tuttavia annunciato che presenterà ricorso contro la sentenza. "Sebbene la corte abbia ridotto l'importo incostituzionalmente eccessivo dei danni, continuiamo a non essere d'accordo con il verdetto di responsabilità perché il procedimento è stato viziato da errori significativi e rimediabili", ha detto un portavoce della società.

[...]

Nel 2020, Bayer ha accettato un accordo fino a 9,6 miliardi di dollari per la maggior parte dei casi Roundup allora pendenti, ma non è stata in grado di raggiungere un accordo per i casi futuri. Sono ancora pendenti più di 50 cause legali. Bayer ha affermato che decenni di studi hanno dimostrato che Roundup e il suo principio attivo glifosato sono sicuri. Le autorità di tutto il mondo classificano il farmaco come non cancerogeno. L’Agenzia per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità, tuttavia, ha classificato il principio attivo come “probabilmente cancerogeno” nel 000.

 


4. giugno


 

Protezione del clima | energia solareEEG

L’energia solare ha raggiunto risultati record, superando di gran lunga le previsioni degli anni ’90

Pochi giorni fa a Berlino sono stati festeggiati i grandi successi dell'energia solare con molti dei primi entusiasti dell'energia solare.

In effetti, il successo dell’espansione dell’energia solare nel 2023 è a un livello che i principali fornitori globali di energia e i loro analisti non credevano possibile negli anni ’90 e nemmeno nell’ultimo decennio.

Le previsioni sull'energia solare dell'IEA sono sempre state troppo basse

L'Agenzia internazionale per l'energia (AIE), che domina il mondo nelle questioni energetiche, ha pubblicato numerose valutazioni sull'espansione dell'energia solare a Parigi, in particolare nel suo annuale World Energy Outlooks (WEO).

Nel 2006, nel World Energy Outlook (WEO), l’AIE prevedeva un’espansione del fotovoltaico (PV) di circa 3 gigawatt (GW) per il 2023. Nel 2012 ha aumentato questa previsione a circa 25 GW per il 2023 e nel 2017 a circa 75 GW.

Infatti, nel 2023 sono stati aggiunti in tutto il mondo oltre 400 GW di fotovoltaico.

Si tratta di più di quanto l'industria nucleare sia cresciuta in 40 anni. Nel 2023, ogni giorno sulla Terra è stato installato 1 GW di nuovo fotovoltaico...

*

Uscita | propaganda | Commissione d'inchiesta

Commissione d'inchiesta sulla fine delle centrali nucleari:

Populismo a buon mercato

L'Unione non vuole accettare che in Germania le centrali nucleari appartengano al passato. Una commissione parlamentare d’inchiesta non ha senso.

Ecco come sono i cattivi perdenti: il gruppo parlamentare dell'Unione al Bundestag vuole seriamente istituire una commissione d'inchiesta che esamini il processo decisionale in seguito alla chiusura delle ultime centrali nucleari tedesche. I cristiano-democratici semplicemente non possono accettare che l'uso dell'energia nucleare in Germania sia ormai storia, anche se loro stessi una volta hanno deciso di eliminarla gradualmente.

Istituendo la commissione d'inchiesta, essi abusano dello strumento più importante dell'opposizione per manovre elettorali a basso costo. Perché all’Unione non interessa affatto chiarire nulla. Vuole presentare il ministro federale dell'economia Robert Habeck e con lui i Verdi nella speranza di trarne un vantaggio politico. Se non si sbagliano i democristiani. Anche molti conservatori trovano sgradevole il populismo a buon mercato...

*

Protezione del clima | super riccoImposta patrimoniale

Tassa sui ricchi per la protezione e l’adattamento al clima in tutto il mondo: secondo l’economista, presto il consenso

I ricchi dovrebbero pagare di più per il clima, sia attraverso le tasse che attraverso le imposte sui consumi, afferma uno degli artefici dell’Accordo di Parigi. 

L’economista francese Laurence Tubiana è considerato l’artefice dell’Accordo di Parigi del 2015, secondo il quale il riscaldamento globale dovuto alle emissioni dovrebbe idealmente essere limitato a 1,5 gradi o almeno al di sotto di due gradi.

Il primo è ormai considerato irraggiungibile tra gli scienziati del clima; quest'ultimo come ambizioso. Tubinia suggerisce quindi che i super-ricchi di tutto il mondo siano responsabilizzati per raggiungere questo obiettivo.

I ricchi dovrebbero pagare: sogno irrealizzabile o realistico?

Una sorta di tassa patrimoniale globale per far fronte alla crisi climatica potrebbe presto diventare consenso, riferisce il britannico Guardian. Il Brasile, che ospiterà il vertice mondiale sul clima il prossimo anno, è considerato un forte sostenitore del progetto.

Nel frattempo, i paesi poveri stanno lottando per raccogliere i mille miliardi di dollari (785 miliardi di sterline) di finanziamenti esterni di cui hanno bisogno per ridurre le proprie emissioni, gestire la necessaria trasformazione economica e mitigare gli impatti già inevitabili della crisi climatica.

Quanto dovrebbero pagare i frequent flyer per il clima

Un altro suggerimento è una tassa per i frequent flyer, poiché le persone più ricche tendono a volare molto più della media anche nell’emisfero settentrionale: la metà delle persone nel Regno Unito non prende l’aereo ogni anno, ad esempio. Con una tassa del genere, Tubiana ha in mente posti business e di prima classe.

Altre possibili fonti di entrate sarebbero una tassa sul carbonio sulle spedizioni internazionali, che, secondo uno studio della Banca Mondiale, potrebbe fruttare miliardi senza incidere sul commercio globale. Anche le tasse sui combustibili fossili potrebbero svolgere un ruolo...

*

Energie rinnovabilifossile | pompa di calore

Gas al secondo posto

Le pompe di calore riscaldano due terzi dei nuovi edifici

Il riscaldamento a gasolio non ha più alcun ruolo nei nuovi edifici. Il gas, invece, resta una fonte energetica centrale. Molto prima però c'è la pompa di calore: la tendenza è in forte aumento. Quattro nuovi edifici residenziali su cinque sono già riscaldati con energie rinnovabili.

In Germania il riscaldamento degli edifici nuovi avviene prevalentemente con pompe di calore. Secondo l'Ufficio federale di statistica, l'anno scorso in quasi due terzi (64,6%) delle 96.800'2014 case abitative realizzate sono stati installati apparecchi elettrici. Rispetto al 76,3 la quota di pompe di calore in questo segmento è più che raddoppiata. La tendenza continua, poiché attualmente la quota di pompe di calore negli edifici residenziali omologati è pari al XNUMX%.

La fonte energetica viene utilizzata soprattutto nelle case uni e bifamiliari, ma meno frequentemente nelle nuove case plurifamiliari. La seconda fonte primaria più importante nelle nuove costruzioni lo scorso anno è stato il gas, utilizzato nel 20,1% degli edifici. Sono solo la metà rispetto a dieci anni fa. Inoltre, l’8,2% degli edifici è dotato di teleriscaldamento e quasi il 5% dispone di altre fonti energetiche rinnovabili come pellet o biomassa.

Il riscaldamento a gasolio non ha più alcun ruolo, poiché è stato installato solo in 300 nuovi edifici, il che corrisponde a una quota dello 0,3%...

*

BavieraInondazioni | tempo estremo

La mancata protezione dalle inondazioni: sarà ripagata?

Mentre in molti luoghi le persone continuano a lottare contro le inondazioni, ora si diffonde anche la rabbia. Alcuni sindaci criticano le lacune nella protezione dalle inondazioni. Dei nove polder alluvionali previsti, otto non sono ancora in costruzione.

Il sindaco di Rodingen Alexandra Riedl sta esaminando una richiesta di risarcimento danni. E non contro nessuno. È arrabbiata con l'ufficio responsabile della gestione dell'acqua a Ratisbona. Ha scritto molte lettere anche al suo collega di partito, il ministro bavarese dell'Ambiente degli Elettori Liberi, Thorsten Glauber. Invano! Le autorità di gestione dell'acqua sono subordinate al suo ministero.

Il sindaco è preoccupato per i residenti

Ciò che preoccupa Alexandra Riedl: la già promessa barriera contro le piene sul fiume Regen è stata rinviata. Il motivo: la mancanza di soldi nello Stato Libero. Anche se la città di Roding ha già versato ingenti somme di denaro in anticipo per rendere possibile la misura, dice Riedl. Ora non ha solo paura di dover sostenere i costi, ma ha anche paura dell'alluvione.

[...]

Verdi: Se qualcuno ha ritardato la protezione dalle inondazioni, è stato Hubert Aiwanger

Per Katharina Schulze, leader dei Verdi nel parlamento regionale, è chiaro che il ministro dell'Economia Hubert Aiwanger ha rallentato la protezione dalle inondazioni: "Quando penso a Hubert Aiwanger, penso a un uomo che non si è distinto per la sua protezione dalle inondazioni misure adottate negli ultimi anni, ma misure di protezione contro le inondazioni molto più sabotate." I Verdi hanno avanzato proposte al parlamento regionale bavarese per la protezione tecnica dalle inondazioni con i polder, ma anche per la protezione ecologica dalle inondazioni. Si trattava della rinaturalizzazione di brughiere e laghi. Tuttavia, hanno fallito a causa della coalizione di governo nero-arancione...

*

politica climatica | sussidiInversione di tendenza del traffico

Politica finanziaria

Lindner dovrebbe fornire suggerimenti di risparmio per i sussidi ai trasporti

Un’alleanza di sindacati, associazioni ambientaliste e un club automobilistico chiede al ministro federale delle finanze di ridistribuire i fondi a favore della transizione dei trasporti. I sussidi dannosi per il clima sono anche socialmente ingiusti.

Il traffico è stato un problema da quando è iniziata la politica climatica, oltre 30 anni fa. Il settore esiste in Germania dal 1990 praticamente niente contribuito al risparmio di CO2. Il governo federale ha promesso miglioramenti, ma una vera inversione di tendenza non è in vista.

Un'insolita alleanza tra sindacati, associazioni ambientaliste e imprenditoriali, oltre a un club automobilistico chiamate Ora, in vista del bilancio federale 2025, il ministro delle Finanze Christian Lindner (FDP) chiede una riallocazione delle risorse finanziarie – lontano dai sussidi dannosi per il clima e dalla nuova costruzione di strade, verso investimenti nella transizione dei trasporti.

[...]

Uscire dalla trappola del motore a combustione

In totale i sussidi ammontano a decine di miliardi di euro che, secondo le undici organizzazioni, dovrebbero essere utilizzati per una trasformazione socio-ecologica. Lo dice l'Agenzia federale per l'ambiente ne viene contabilizzata circa la metà di sussidi dannosi per l’ambiente in questo paese, che l’Ufficio stima a più di 65 miliardi di euro all’anno, al settore dei trasporti.

In un "Piano in cinque punti" L’alleanza suggerisce invece come spendere i soldi. Ciò include il rinnovamento delle infrastrutture stradali invece della costruzione di nuove autostrade, la fine del ritardo di investimenti ferroviari di 90 miliardi di euro, l’espansione dei finanziamenti ai trasporti pubblici e quella Biglietto 49euro per garantirlo a lungo termine e ampliarlo con un biglietto sociale più economico...

*

4. Giugno 2008 (INES 0 Classe.?)Categoria INES 0 "Evento da segnalare" Ah Krsko, SVN

I regolatori hanno chiuso la centrale nucleare di Krsko dopo che il sistema di raffreddamento primario si è guastato e il refrigerante è fuoriuscito nel contenimento del reattore.
(Costo circa US $ 12 milioni)

Incidenti di energia nucleare
 

wikipedia di

Centrale nucleare Krško#incidenti

Il 4 giugno 2008 alle 15 si è verificato un incidente con perdita di refrigerante. Il refrigerante era fuoriuscito nel sistema di raffreddamento principale (circuito primario) e di conseguenza l'uscita del reattore era stata ridotta. Il reattore è stato spento e completamente spento alle 07:20 ...
 

La piaga delle centrali nucleari

Krško (Slovenia)#Rischi e Incidenti

Ci furono già problemi con la consegna nel 1981: quando il generatore di vapore da 322 tonnellate veniva trasportato da Rijeka a Krško, si schiantò contro l'autostrada. Nei primi otto anni, le operazioni presso la struttura da 70 miliardi di dollari sono state interrotte XNUMX volte...

 


3. giugno


 

Punto indiano | Holtec | museruola

La vecchia centrale nucleare non entra in funzione per motivi di sicurezza: ma i lavoratori devono tacere

I gestori di una centrale nucleare dismessa negli Stati Uniti hanno contrattualmente vietato ai loro ex dipendenti di testimoniare contro il loro ex datore di lavoro. Probabilmente ci sono stati problemi di sicurezza.

Holtec International, proprietaria della centrale nucleare statunitense Indian Point, ha messo la museruola ai suoi ex dipendenti: non sono autorizzati a discutere problemi di sicurezza con estranei. Questo è il risultato di un'indagine della Nuclear Regulatory Commission (NRC).

L'autorità ha recentemente rimproverato il proprietario della centrale elettrica con sede nel New Jersey. Il motivo: clausole contenute nei contratti di fine rapporto dei dipendenti che hanno lasciato l'azienda nel 2022 e nel 2023. Le clausole impedivano o impedivano ai dipendenti di testimoniare in procedimenti che avrebbero potuto danneggiare Holtec, riferisce il portale di notizie lohud.com.

[...]

Il gestore della centrale nucleare Holtec aveva già una reputazione discutibile

Questa è la seconda volta negli ultimi mesi che Holtec fa marcia indietro a seguito di un rimprovero da parte della NRC per aver violato le norme federali. A febbraio, la NRC ha rimproverato Holtec per aver utilizzato 63.000 dollari dei fondi dei contribuenti stanziati per la demolizione di Indian Point per sostenere una sfilata di moda scolastica, squadre sportive e un torneo di golf.

Holtec ha dovuto restituire il denaro prelevato da circa 2 miliardi di dollari in fondi fiduciari per la decostruzione.

*

Ritiro graduale nucleare | Laufzeit | decisione

Estensione runtime Atom:

La leadership dell'Unione spinge per una commissione d'inchiesta

La leadership dell'Unione chiede una commissione d'inchiesta sulle circostanze dell'eliminazione del nucleare. Verrà esaminato anche il ruolo di Robert Habeck.

Il capo del gruppo parlamentare dell'Unione al Bundestag vuole chiedere ad una commissione d'inchiesta di chiarire le circostanze dell'abbandono del nucleare da parte del governo a semaforo nel 2022. Ciò emerge da una lettera del leader della CDU Friedrich Merz e del leader regionale della CSU Alexander Dobrindt alla frazione del Bundestag, disponibile su ZEIT ONLINE. Anche il ruolo del ministro federale dell'economia Robert Habeck (Verdi) dovrebbe essere esaminato in una commissione U.

"Le informazioni a nostra disposizione portano alla conclusione che il governo federale ha deciso su una questione cruciale della nostra sicurezza energetica nazionale non a beneficio della Germania, ma esclusivamente secondo la logica dei partiti verdi", si legge nella lettera. Il Ministero federale dell'economia ha inviato solo i documenti incompleti richiesti per chiarimenti. "Per questo motivo raccomandiamo che il gruppo parlamentare CDU/CSU istituisca una commissione d'inchiesta sui 'dossier Habeck'", scrivono i politici. Il gruppo deve ancora votarlo.

[...]

L’Unione afferma che molte domande rimangono senza risposta

La controversia riguarda il processo decisionale relativo all'estensione della durata di servizio delle centrali nucleari due anni fa. La rivista Cicero aveva pubblicato documenti del Ministero federale dell'economia e del Ministero federale dell'ambiente, che secondo il mezzo potevano dare l'impressione che le valutazioni a livello dipartimentale fossero state modificate in modo tale che il proseguimento dell'esercizio dei reattori per un periodo più lungo sembrava impossibile. In entrambi i ministeri le preoccupazioni interne sull'eliminazione del nucleare, ancora prevista per l'anno successivo, sarebbero state represse. Entrambi i ministeri lo negano.

[...]

Habeck aveva assicurato all'opposizione che avrebbe fornito alla commissione tutti i dati per valutare i processi decisionali in quel momento. Egli ha sottolineato che l'Unione e il FDP avevano deciso di eliminare gradualmente l'energia nucleare molti anni prima. Alla fine si trattava solo di continuare a far funzionare tre reattori per alcuni mesi.
 

IMHO

Gli strateghi dell’Adenauerhaus hanno escogitato qualcosa di veramente grandioso con la commissione d’inchiesta “Habeck e l’eliminazione graduale del nucleare”. I media si concentreranno sulla domanda “Perché mi importa delle chiacchiere di ieri?” e a questo proposito soprattutto le signore e i signori della CDU/CSU dovrebbero vestirsi in modo caldo nonostante l’imminente calda crisi estiva.

*

danni climatici | Finanziamento | Baku

natura e ambiente

Preparazione del vertice sul clima: chi paga per i danni climatici?

Il finanziamento dei danni climatici sarà un argomento importante al prossimo vertice sul clima COP 29 a Baku. Gli esperti internazionali stanno ora discutendo i fondamenti nell'incontro preparatorio a Bonn.

Chi dovrebbe pagare i costi crescenti dei danni climatici e dell’adattamento climatico? Su questo gli Stati discutono da anni. A causa dell’aumento delle temperature e dell’aumento degli eventi meteorologici estremi, il tema sta diventando sempre più importante.

In questo contesto, diverse migliaia di rappresentanti governativi, ricercatori e membri della società civile si incontrano attualmente a Bonn, in Germania, fino al 13 giugno. Stanno discutendo i modelli di negoziazione per la prossima conferenza sul clima che si terrà a Baku, capitale dell'Azerbaigian, a novembre.

Si tratta di questioni delicate: quali paesi industrializzati dovrebbero pagare? Quanti soldi dovrebbero arrivare dalle casse statali e quanti dalle aziende private? E come possono i paesi rendere trasparente la destinazione dei soldi?

[...]

Costi climatici crescenti: da miliardi a trilioni

Nel 2009, i paesi più ricchi hanno deciso di stanziare 2020 miliardi di dollari (100 miliardi di euro) all’anno entro il 92 per aiutare i paesi in via di sviluppo a mitigare e affrontare la crisi climatica. Tuttavia, secondo i risultati della revisione dell’OCSE, questo obiettivo è stato raggiunto per la prima volta nel 2022.

[...]

Chi dovrebbe pagare per i danni climatici?

Resta la questione su chi dovrebbe pagare le spese. Molti paesi industrializzati che si sono impegnati a raggiungere gli obiettivi finanziari chiedono anche ad altri paesi con grandi industrie di fare la loro parte. I paesi con le emissioni più elevate al mondo, come la Cina e l’Arabia Saudita, finora ne sono stati esentati perché le Nazioni Unite (ONU) li considerano paesi in via di sviluppo...

*

Messico | Wahlen

Elezioni in Messico:

Scienziato con un focus ecologico

Claudia Sheinbaum ha scritto di cambiamento climatico, CO2 ed energia eolica. Ora è destinata a diventare la prima donna a diventare presidente del Messico.

CITTÀ DEL MESSICO taz | Chiunque osservi la carriera accademica di Claudia Sheinbaum non penserebbe mai che il probabile futuro presidente messicano sia diventato l'auspicato successore dell'attuale capo di stato Andrés Manuel López Obrador. Mentre il capo di Stato uscente spingeva con tutte le sue forze verso l’uso dei combustibili fossili, il fisico si occupa da decenni dei problemi che questa produzione di energia crea.

L'ormai 61enne ha scritto in numerose pubblicazioni sul cambiamento climatico, sulle possibilità di ridurre le emissioni di CO2 a Città del Messico e sulle conseguenze sociali dell'uso dell'energia eolica. L'ingegnere ambientale si è dedicato a questi temi anche come membro del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici.

Nella sua carica di sindaco della capitale, che ha ricoperto dal 2018 al 2023, si è impegnata a favore dello sviluppo sostenibile delle metropoli: ha aumentato l’utilizzo dell’acqua piovana, ha fatto installare numerosi impianti solari e ha ampliato la rete dei trasporti pubblici.

Sheinbaum dovrà ora dimostrare se la prima presidente donna del Messico potrà andare per la sua strada nonostante le istruzioni del suo mentore. Finora la sua carriera politica è stata strettamente legata a quella di López Obrador, o Amlo in breve...

*

Greenpeace | Prezzo CO2soldi per il clima

Compensazione dei prezzi della CO2

Greenpeace mette in guardia dal rinunciare ai soldi per il clima

Il governo federale in realtà vuole compensare l’aumento del prezzo della CO2 con soldi per il clima – in realtà. Non ne sentiamo più parlare molto. Secondo Greenpeace, questa circostanza rappresenta un grande pericolo per la società.

Secondo uno studio, senza una compensazione finanziaria per l’aumento del prezzo della CO2 per il rifornimento e il riscaldamento, le economie domestiche corrono il rischio di notevoli oneri aggiuntivi. L’organizzazione ambientalista Greenpeace chiede quindi la rapida introduzione di fondi per il clima. “Un prezzo della CO2 senza soldi per il clima è socialmente esplosivo”, afferma Bastian Neuwirth, esperto di clima di Greenpeace. Secondo uno studio del Forum ecologico-sociale dell’economia di mercato su incarico dell’organizzazione ambientalista Greenpeace, i soldi per il clima potrebbero ridurre significativamente l’onere anche per la fascia media della società.

Il prezzo della CO2 fissato per legge rende, tra le altre cose, più costosi il riscaldamento e il rifornimento con combustibili fossili e intende incentivare un consumo più rispettoso del clima. Aumenterà nei prossimi anni. SPD, Verdi e FDP avevano concordato nell'accordo di coalizione: "Per compensare i futuri aumenti dei prezzi e garantire l'accettazione del sistema di mercato, svilupperemo un meccanismo di compensazione sociale oltre l'abolizione della tassa EEG (denaro per il clima). "

Secondo il ministro federale delle finanze Christian Lindner il pagamento pro capite sarà tecnicamente possibile a partire dal 2025. Tuttavia, i soldi per il clima costerebbero miliardi. Non è chiaro se e quando la coalizione implementerà questo...

*

Cooperazione statt disinformazione e Attacchi informatici

Guerra nucleare per errore: “Deepfake e attacchi informatici potrebbero avere un impatto”

L’intelligenza artificiale aumenta il rischio di escalation militare. La complessità della minaccia nucleare potrebbe diventare incontrollabile. Gli esperti vedono solo una soluzione. (Parte 2 e conclusione - Parte 1)

Sono anche cofondatori del gruppo di interesse “Guerra nucleare accidentale”. Perché vede la necessità di mettere in guardia sul pericolo di una “guerra nucleare accidentale”?

Karl Hans Bläsius: Già negli anni ’1980 mi preoccupavo del rischio di una “guerra nucleare accidentale”, ad esempio a causa di un errore del computer. A partire dal 2016 circa ho avuto l'impressione che il rischio di una guerra nucleare fosse di nuovo in aumento e nel 2019 ho creato il sito web atomkrieg-aus-versicht.de per segnalare questi rischi, perché a mio avviso erano troppo poco conosciuti.

La mia paura più grande era che nei prossimi decenni il cambiamento climatico avrebbe reso inabitabili molte regioni, che le persone sarebbero state costrette a trasferirsi altrove, e ciò avrebbe portato a crisi e conflitti, così che qualsiasi fallimento in un sistema di allerta precoce sarebbe diventato sempre più grave. pericoloso e questo alla fine diventerà uno dei possibili risultati di una "guerra nucleare accidentale".

A mio avviso, il rischio di una “guerra nucleare accidentale” è ora notevolmente aumentato a causa della guerra in Ucraina.

26 settembre 1983

Ci sono state situazioni in passato in cui una guerra nucleare è arrivata per un soffio da un incidente?

Karl Hans Bläsius: Sì, ci sono state alcune situazioni come questa in cui è stato solo per grande fortuna che non si è verificata una "guerra nucleare accidentale". Ci sono state alcune situazioni molto pericolose, in particolare durante la crisi missilistica cubana.

Particolarmente noto è stato l'incidente accaduto il 26 settembre 1983: un satellite del sistema di allarme rapido russo ha segnalato l'attacco di cinque missili balistici intercontinentali. Una volta accertato il corretto funzionamento del satellite, l'ufficiale russo in servizio lo avrebbe fatto Stanislav Petrov deve trasmettere il messaggio di avvertimento secondo le norme. Tuttavia riteneva improbabile un attacco da parte degli USA con soli cinque missili, non voleva essere responsabile di una terza guerra mondiale e, nonostante i dati, decise che si trattava di un falso allarme...

 


2. giugno


 

Baviera | AlluvioneViolazione della diga

Diversi distretti dichiarano una catastrofe: la situazione a Günzburg sta peggiorando

A causa delle gravi inondazioni in alcune parti della Germania meridionale, finora undici distretti e comuni hanno dichiarato catastrofe. Finora è stato segnalato un morto e numerose persone sono rimaste ferite. I servizi di emergenza continuano a effettuare evacuazioni. Secondo l'amministratore del distretto, solo a Günzburg più di 1.000 persone hanno dovuto abbandonare le proprie case e appartamenti.

Molte città sono allagate. In numerosi comuni bavaresi sono state adottate misure di evacuazione. Le circa 1.000 persone colpite nel distretto di Günzburg sono state ospitate nelle palestre e in parte nel parco divertimenti Legoland, ha spiegato l'amministratore del distretto alla Bayerischer Rundfunk. Secondo il governo regionale, attualmente in Baviera sono in servizio 20.000 aiutanti e centinaia di soldati della Bundeswehr. Nel frattempo gli aiutanti furono addirittura 40.000.

A Pfaffenhofen un pompiere è morto quando la sua barca si è capovolta durante un'operazione di salvataggio. Nella vicina Schrobenhausen è scomparsa una donna che si dice si trovasse in una cantina quando arrivò l'alluvione. Anche a Offingen presso Günzburg si è capovolta un'imbarcazione con a bordo dei soccorritori e da allora è scomparso un pompiere. Un uomo è rimasto gravemente ferito mentre lavorava all'elettricità nel distretto di Freising, nell'Alta Baviera. È stato salvato da un'area allagata presso il municipio di Allershausen, ha detto la polizia. Si può presumere che i lavori fossero legati all'alluvione.

Vigili del fuoco sulla diga crolla: “Riparazione impossibile”

Secondo i vigili del fuoco, le riparazioni non sono possibili dopo la rottura della diga nell'area del comune di Baar-Ebenhausen. Adesso le persone devono essere salvate, si diceva. C'è il rischio che un'altra diga crolli sulla coppia...

*

Nitro | populismoDonazione del partito

Arretrato dovuto alla tecnologia

Solo un’azienda tedesca vuole davvero vendere motori a combustione dopo il 2035. La BMW è sostenuta dall'Unione e dalla FDP. Un errore fatale, costellato di contrattempi imbarazzanti – e un sacco di soldi.

Lo slogan ebbe un tale successo da entrare nella cultura pop. La canzone che dà il titolo all'album "Zooropa" degli U2 del 1993 iniziava così: "Zooropa: Advancement through technology / Zooropa: sii tutto ciò che puoi essere". Lo slogan Audi è apparso anche in “Park Life” dei Blur (1994). Era considerata l'emblema dell'immagine high-tech tedesca degli anni Novanta: innovativa, elegante, ultramoderna.

Negli ultimi anni l’immagine ha subito un duro colpo. Prima lo scandalo del diesel, poi la straziante, pericolosa indecisione nell'allontanarsi da una tecnologia che deve e dovrà morire: il motore a combustione interna. Dannosi per il clima e la salute, rumorosi, vulnerabili, assurdamente inefficienti.

Il mercato dei motori a combustione si sta contraendo, la mobilità elettrica sta crescendo in modo esponenziale

Il marchio Audi sembra determinato a non rinunciare all'ideale del “progresso attraverso la tecnologia”. Il CEO di Audi Gernot Döllner vuole eliminare completamente i motori a benzina e diesel entro il 2033. La maggior parte degli operatori del settore sa che il futuro appartiene alle auto elettriche: i motori a combustione hanno venduto peggio in tutto il mondo dal 2017 e in Europa dal 2019. La mobilità elettrica, invece, continua a crescere in modo esponenziale a livello globale, nonostante si dica il contrario.

Solo per il capo della BMW Oliver Zipse il “piacere di guidare” sembra essere indissolubilmente legato al motore a combustione: BMW è l’unico produttore tedesco ad opporsi all’obiettivo dell’UE di immatricolare solo veicoli a zero emissioni di CO₂ a partire dal 2035.

[...]

La BMW è appoggiata in questa posizione dalla CDU. Da anni esistono stretti legami, anche finanziari, tra il partito e il produttore. I membri delle famiglie Quandt e Klatten, proprietarie di parti della BMW, hanno donato negli anni più di 3,7 milioni di euro ai partiti dell'Unione Puoi verificarlo su “Lobbypedia”.. La stessa BMW ha donato all'Unione oltre 2,8 milioni di euro. Il FDP ha ottenuto almeno 1,3 milioni dai Klatten e dai Quandt e quasi 720.000 euro dalla BMW...

*

Messico | Wahlencrimine organizzato

Voto dopo una campagna elettorale sanguinosa

Per la prima volta i messicani possono eleggere presidente una donna. Due candidati erano in vantaggio nei sondaggi, dopo una campagna elettorale segnata dalla violenza. Perché la criminalità organizzata si spinge in politica.

"Voglio che voi donne portiate questo messaggio nei vostri cuori: se una donna diventa presidente, non vince solo una, ma vinciamo tutti", grida la candidata Claudia Sheinbaum ai suoi sostenitori durante una manifestazione elettorale. Se i sondaggi saranno corretti, in futuro il Messico sarà molto probabilmente governato da una donna, forse Sheinbaum.

Primo presidente donna con un programma femminista?

Secondo i sondaggi, lei era in vantaggio da mesi; poco prima delle elezioni aveva ottenuto il 54% dei voti, seguita da Xóchitl Gálvez, che aveva ottenuto circa il 36%. Il 61enne ex senatore, imprenditore e ingegnere informatico si candida per il partito conservatore di destra Acción Nacional, parte della principale alleanza di opposizione Frente Amplio por México.

L’alleanza era formata da tre partiti, due dei quali hanno dominato la politica in Messico per decenni prima di essere cacciati dal Partito Morena di sinistra del presidente in carica Andrés Manuel López Obrador. In fondo alla corsa per la carica più alta dello Stato c'è Jorge Álvarez Máynez, 38 anni, dell'ancora giovane partito Movimiento Ciudadano con punteggi intorno al dieci per cento.

[...]

La criminalità organizzata fa pressione sui candidati

La criminalità organizzata influenza gli equilibri di potere, soprattutto durante le campagne elettorali. Attualmente in Messico sono attivi 200 gruppi criminali che difendono i propri interessi, spiega Falko Ernst dell'organizzazione non governativa International Crisis Group. Non si tratta più solo di droga; la criminalità organizzata domina il lucroso business di avocado, lime e pollo, guadagna con il traffico di esseri umani e l'immigrazione, con i ricatti, i rapimenti e, soprattutto, con il pizzo.

E non è tutto: "Ora si tratta soprattutto di mercati legali - tra cui agricoltura, industria e commercio globale. Soprattutto, i gruppi hanno notato che una volta che hanno accesso allo Stato, possono scremare molti soldi dagli appalti pubblici" - ad esempio nel settore edile o nei progetti infrastrutturali. Il portafoglio della criminalità organizzata è diventato molto diversificato. Ed è per questo che, dice Ernst, le elezioni sono così importanti...

*

Tailandia | Colpo di stato militarerealisti

Il vincitore delle elezioni tailandesi sull'orlo dell'eliminazione

“Costa loro di più ucciderci che averci intorno”.

Per i giovani è un riformatore, per i militari e la famiglia reale è un radicale: un anno fa Pita Limjaroenrat vinse le elezioni in Thailandia, ma non gli fu permesso di governare. Adesso dovrebbe essere escluso dalla politica. 

Pita Limjaroenrat, 43 anni, ex star della politica tailandese, si rilassa su una poltrona della Soho House nel centro di Bangkok, pochi giorni prima che la sua carriera politica possa finire per sempre.

Poco più di un anno fa Limjaroenrat vinse le elezioni in Tailandia come miglior candidato del partito progressista “Move Forward” – molto più avanti degli altri partiti. Non sono stati solo i giovani che hanno votato per lui a desiderare una Thailandia diversa: più moderna, con pari opportunità e con più voce in capitolo. I voti per lui e il suo partito provenivano da tutta la società.

Limjaroenrat e il suo partito si sono comportati diversamente rispetto al governo che governa il paese dopo un colpo di stato militare dieci anni fa. Con personale giovane, spesso femminile, con richieste per un futuro più giusto nel Paese del sud-est asiatico. Volevano riformare la monarchia, l'esercito e il cosiddetto paragrafo di lesa maestà, tutte idee considerate radicali in Taliand. E per la quale i giovani ancora oggi lottano, finendo in carcere e facendo scioperi della fame.

Quello conservatore L’establishment militare lealista e realista ha quindi impedito al vincitore delle elezioni di governare. Questa domenica si concluderà l'assunzione delle prove nel caso aperto contro di lui dalla Corte Suprema della Thailandia. “Move Forward” potrebbe essere sciolto e il Limjaroenrat potrebbe essere escluso dalla politica. Il partito predecessore ha subito un destino simile dopo le elezioni del 2019. È stato vietato anche dopo le elezioni...

*

Parlamento europeo | Martin Sonneborn

Il Diogene di Osnabrück

C’è poca diversità nei parlamenti. Anche nel Parlamento europeo esiste una cultura di politici in grigio su grigio. C'è un'eccezione. Un cittadino parlamentare con uno spiccato senso della comicità. 

I suoi discorsi al Parlamento europeo sono brevi. Ma conciso. Va dritto al punto. Per cui: l'umorismo è una fioritura? Perché non viene mai escluso nelle sue brevi apparizioni. Sì, è impensabile senza di essa. Nonostante la sua intelligenza e il suo spirito, i suoi discorsi sono accuse: spesso si rivolge direttamente al presidente della Commissione, che parla la sua lingua madre. Martin Sonneborn si candida alla rielezione in questi giorni. Il politico di The Party è pieno di umorismo - e proprio per questo è un politico europeo così serio.

Ha detto alla rivista Overton che considerava un vantaggio aver "imparato il suo mestiere sul Titanic". Il suo lavoro alla rivista satirica è il motivo per cui le sue piccole polemiche - ha detto "le nostre piccole polemiche" e si riferisce certamente al suo partito e ai suoi collaboratori - sono più divertenti "delle lezioni della maggior parte dei colleghi". Non sono solo divertenti. Nella battuta pungente c'è qualcosa che difficilmente si trova più in molti politici professionisti, nemmeno in tracce: la sincerità - e quindi la verità.

[...]

Una volta la festa era una festa per scherzi. Lei si vede ancora così. Ma se andate ad una riunione del consiglio comunale a Francoforte, dove si trova il partito, non noterete alcuna differenza tra i politici scherzosi e quelli che sono serissimi nella loro vasca comunale degli squali. Tuttavia, è evidente che quelli divertenti sono più eloquenti. Ciò che questo dice sulla natura della nostra comunità è che l'intelletto si rifugia nel sarcasmo, anzi deve rifugiarsi se vuole poter sopportare questo “dominio della bassa mediocrità”. Il fatto che Sonneborn brilli in Europa perché tutti gli altri appaiono in tono spento è una tesi popolare tra i puristi dei partiti politici. Non deve necessariamente essere giusto. Alla fine Sonneborn portò la Coppa del Mondo 2006 in Germania. Insieme a Franz Beckenbauer. C'erano due figure di luce tra di loro.

*

Argentina | Pressefreiheit | Javier miglia

Radiodiffusione pubblica:

Argentina: come si sta riducendo la libertà di stampa

Il governo argentino sta riducendo le trasmissioni pubbliche. Molti temono per la libertà di stampa, anche perché il presidente Milei attacca regolarmente i giornalisti online.

Il presidente argentino Javier Milei si è fatto conoscere in tutto il Paese con le sue eccentriche apparizioni, soprattutto sui social. Sia attraverso i suoi capelli selvaggiamente sporgenti, che dice di non pettinare perché li lascia al libero mercato, o apparendo in un costume da supereroe, Milei sa come attirare l'attenzione. L'immagine che si è creata è il suo capitale e ha portato a conflitti con la stampa anche prima della sua elezione. Ora, con Milei in carica, la situazione dei media nel Paese sta peggiorando.

Milei attacca ripetutamente i giornalisti sgradevoli sui social network. Due giorni prima del suo insediamento nel dicembre 2023, l'organizzazione Reporter Senza Frontiere aveva affermato che l'aggressività di Milei nei confronti della stampa era un segnale di avvertimento e che lo avrebbero tenuto d'occhio da vicino.

Il governo argentino taglia le trasmissioni pubbliche

In qualità di presidente, ora sta creando fatti: a metà maggio, il governo ha chiuso tutti i siti web delle trasmissioni pubbliche e i canali dei social media. Sospese numerose dirette e tutti i telegiornali del fine settimana.

La chiusura è un colpo al cuore del sistema mediatico argentino.

Agustín Lecchi, sindacato giornalisti SiPreBA

Agustín Lecchi ne chiarisce la portata: "La radio pubblica è l'unica emittente che raggiunge tutto il Paese. Anche le zone della Patagonia dove non c'è nemmeno il segnale Internet".

[...] 

Javier Milei insulta i giornalisti sui social

Javier Milei preferisce comunicare direttamente tramite X, ex Twitter. In alcuni giorni, il presidente trascorre più di quattro ore sulla piattaforma, mostrano le misurazioni. Per Milei, la maggior parte dei giornalisti sono bugiardi. Su X insulta le persone per nome. Solo quest’anno, 60 giornalisti sono stati aggrediti fisicamente o verbalmente in Argentina. L'associazione dei giornalisti FOPEA ne ha contati quasi 20 insultati direttamente dal presidente...

 


Notizie +  conoscenze di base

 

Notizie +

 

Sistemi d'arma | Intelligenza artificialeSpirale di escalation

L’intelligenza artificiale aumenta accidentalmente il rischio di una guerra nucleare?

I sistemi d’arma IA possono innescare spirali di escalation. Non hanno la capacità di prendere decisioni razionali. A cosa può portare questo. (Parte 1) 

Intervista al Prof. Karl Hans Bläsius, professore di intelligenza artificiale all'Università di Treviri e gestore del sito web atomkrieg-aus-accidental.de e ki-follow.de sull’intelligenza artificiale nella guerra moderna e sui pericoli per l’umanità.

Prof. Bläsius, l’intelligenza artificiale svolge oggi un ruolo cruciale nella progettazione di sistemi d’arma autonomi. Come valuta questo sviluppo? 

Karl Hans Bläsius: Fondamentalmente l'autonomia dei sistemi tecnici non è negativa. Spero anche nelle auto autonome per poter guidare anche quando sarò vecchio. I robot autonomi possono essere molto utili anche in ambienti pericolosi. Naturalmente, i militari vorrebbero anche avere maggiore autonomia nei sistemi d’arma, poiché ciò consentirebbe loro di ottenere un maggiore impatto in ambienti complessi e scadenze ravvicinate.

Tuttavia, queste sono armi che servono a distruggere e uccidere, quindi qui dovrebbero applicarsi standard diversi. Da un lato l’obiettivo non dovrebbe essere quello di automatizzare l’uccisione, ma dall’altro è possibile una maggiore autonomia per tutti i sistemi d’arma e potrebbero verificarsi sviluppi particolarmente pericolosi, anche in relazione alle armi nucleari, ad esempio nel caso delle armi autonome sottomarini, aerei o missili da crociera.

Nel trading ad alta frequenza sui mercati finanziari si verificano spesso processi di interazione imprevisti tra diversi algoritmi, che portano a massicci cali dei prezzi in pochi secondi (i cosiddetti “flash crash”). Possono verificarsi interazioni così imprevedibili tra i sistemi automatici anche con sistemi d’arma completamente autonomi, portando a una reazione a catena imprevista di attacchi e contrattacchi guidati autonomamente? 

Karl Hans Bläsius: Sì, anche questo rischio è incluso in uno Rapporto di ottobre 2020 intitolato “Sistemi d’arma autonomi” descritto dall'Ufficio per la valutazione tecnologica del Bundestag tedesco. Qui viene utilizzato anche il termine “flash war”. In periodi di tempo molto brevi, i sistemi concorrenti potrebbero lanciare attacchi e contrattacchi non più controllabili e controllabili dagli esseri umani, e potrebbero quindi portare ad una spirale di escalation.

Una simile reazione a catena sarebbe concepibile anche con agenti Internet autonomi. Una simile “guerra lampo” potrebbe avvenire anche su Internet. Alcuni sistemi di intelligenza artificiale generativa paragonabili a ChatGPT sono già in uso su Internet e altri verranno aggiunti. Molte aziende e paesi stanno attualmente lavorando su sistemi di intelligenza artificiale generativa. Oltre agli esseri umani, anche i robot potrebbero porre domande e svolgere compiti a questi sistemi. È prevedibile che presto ci saranno interazioni tra questi sistemi stessi.

Ciò può creare nuove minacce, soprattutto se questi sistemi hanno capacità di attacco informatico. Gestito da esseri umani, robot o un altro sistema di intelligenza artificiale generativa, un sistema come ChatGPT potrebbe effettuare attacchi informatici. Altri sistemi di intelligenza artificiale generativa con cui esiste già interazione potrebbero rilevarlo e lanciare contrattacchi.

Senza il coinvolgimento delle persone, tra questi sistemi potrebbe verificarsi rapidamente una reazione a catena con attacchi informatici sempre più potenti, ovvero una “flash war” su Internet. Questi sistemi sarebbero quindi di fatto armi informatiche autonome. Anche se i sistemi attuali non sono ancora tecnicamente in grado di farlo, è prevedibile che a intervalli regolari verranno attivati ​​ampliamenti che potrebbero raggiungere tali capacità nei prossimi anni o molto presto.

L’intelligenza artificiale viene già utilizzata oggi, ad esempio, per determinare gli obiettivi militari nelle guerre? E se sì, come valuti questo?

Karl Hans Bläsius: Sì, Israele utilizza tali sistemi basati sull'intelligenza artificiale per determinare i combattenti di Hamas e la presunta ubicazione. Vengono utilizzati dati di monitoraggio estesi e gli obiettivi di controllo vengono determinati su larga scala. Telepolis ne ha già parlato più volte (qui, qui e qui).

È estremamente discutibile se gli esseri umani controllino ancora la correttezza di tali obiettivi determinati automaticamente. Perché è ovviamente un numero più grande. Se così non fosse, alla fine sarà una macchina a decidere chi verrà ucciso, compresi i civili vittime di questi attacchi. Questo è inaccettabile.

Le azioni militari spesso si svolgono in tempi estremamente brevi e in una situazione estremamente complessa. Pertanto, l’uso crescente dell’intelligenza artificiale è ovviamente in realtà un’opzione per poter padroneggiare le quantità ingestibili di dati e prendere una decisione. Questo è problematico dal tuo punto di vista?

Karl Hans Bläsius: A causa della complessità e dei tempi brevi, sarà sempre più necessario utilizzare tecniche di intelligenza artificiale. Tuttavia, tali decisioni vengono solitamente prese in un contesto incerto. I dati disponibili per prendere una decisione sono solitamente vaghi, incerti e incompleti.

Per valori vaghi come dimensioni o luminosità degli oggetti esiste uno spettro continuo tra "non applicabile" e "applicabile". Le caratteristiche corrispondenti valgono solo in una certa misura e ciò non è sempre sicuro, ma possono verificarsi solo con un certo grado di probabilità.

Inoltre potrebbero mancare informazioni importanti per una decisione. L’intelligenza artificiale comprende anche tecniche per risolvere problemi e prendere decisioni basate su dati vaghi, incerti e incompleti.

Tuttavia, tali decisioni si applicano solo con un certo grado di probabilità e possono essere errate. Questo è un limite che si applica in linea di principio, indipendentemente da quanto buoni saranno i sistemi di intelligenza artificiale. I decisori umani dovrebbero essere sempre consapevoli di questo problema.

Lei l'ha già menzionato: l'esigenza spesso sentita che la decisione finale sulla vita e sulla morte spetti all'uomo può però rivelarsi un controllo fittizio. È discutibile se gli esseri umani possano valutare da soli le informazioni e respingere la decisione dell'IA in un lasso di tempo così breve, giusto?

Karl Hans Bläsius: Sì, questo è molto discutibile. In molti casi, le decisioni automatiche prese dagli esseri umani sono difficili da verificare perché spesso si basano su centinaia di caratteristiche ponderate, dalle quali viene calcolato un risultato complessivo utilizzando una speciale formula di valutazione.

Una tale soluzione, cioè la giustificazione del risultato di una decisione, di solito non è di facile comprensione. Una revisione potrebbe richiedere alcune ore o addirittura giorni, il che di solito non è sufficiente. Ciò si applicherà particolarmente in un contesto militare.

Se il risultato della decisione non può essere valutato facilmente e rapidamente dagli esseri umani, l’unica cosa che resta per gli esseri umani è credere a ciò che offre la macchina. Decisioni corrette e di successo legate all’intelligenza artificiale porteranno anche ad una maggiore fiducia in tali sistemi nel tempo, rendendo sempre più difficile per le persone resistere alle decisioni della macchina.

In particolare, le persone potrebbero essere ritenute particolarmente responsabili se decidono diversamente da quanto suggerito dalla macchina e questo si rivela sbagliato. Il requisito che la decisione finale sulla vita e sulla morte spetti a una persona, vale a dire che debba applicarsi il principio "man in the loop", potrebbe rivelarsi un controllo fittizio. È discutibile se le persone possano valutare le informazioni disponibili nel tempo a disposizione e quindi avere una base adeguata per la loro decisione.

Nello specifico, forse per quanto riguarda la guerra in Ucraina: in che misura vede confermati i suoi timori riguardo all’uso dell’intelligenza artificiale?

Karl Hans Bläsius: L'intelligenza artificiale viene utilizzata nella guerra in Ucraina, ad esempio per un rapporto dettagliato sulla situazione militare in base al quale è possibile determinare gli obiettivi di attacco adeguati. Qui viene utilizzato il software dell'azienda americana Palantir. Anche di questo Telepolis aveva già parlato. Anche i droni sono particolarmente importanti in questa guerra, anche se non so fino a che punto l'intelligenza artificiale e l'autonomia giochino un ruolo qui.

Vede il pericolo di una spirale di escalation nella guerra in Ucraina?

Karl Hans Bläsius: Sì, vedo un grosso rischio qui. La minaccia nucleare esiste fin dall’inizio della guerra. Gli effetti di una guerra nucleare possono essere così gravi da creare un elevato livello di inibizione contro l’uso delle armi nucleari, anche in tempi di crisi e di guerra.

Tuttavia, sono ipotizzabili diversi scenari in cui potrebbe essere utilizzato. L'uso di armi nucleari non può essere escluso se una potenza nucleare si trova in una situazione per lei inaccettabile, anche se dall'esterno è difficile prevedere in quali circostanze ciò avverrà.

Ciò varrà per la Russia almeno nel caso in cui la Federazione Russa si trovi in ​​un’emergenza esistenziale, anche se non è chiaro in quali condizioni si verificherà una situazione del genere. Il rischio di una guerra nucleare può però dipendere anche da coincidenze, ad esempio se a causa di un errore in un sistema di allerta precoce per minacce nucleari viene segnalato un attacco nucleare anche se non è avvenuto, cioè si tratta di un falso allarme.

Anche in questi casi la base dati per individuare tali attacchi è vaga, incerta e incompleta. Questo è il motivo per cui i sistemi automatici non possono prendere decisioni affidabili anche in tali situazioni. Per la valutazione occorre tenere conto del contesto, ovvero della situazione politica globale.

Anche altri eventi che possono essere associati a un messaggio di allarme di questo tipo potrebbero far sì che tale messaggio venga valutato come autentico.

Inoltre, in tempi di guerra come quelli attuali, è più probabile che si abbia fiducia nel fatto che un nemico possa effettuare un simile attacco. La nazione presumibilmente attaccata deve considerare di lanciare i propri missili nucleari prima dell'attacco del nemico e rendere più difficile una controreazione.

Ciò potrebbe quindi portare a una “guerra nucleare accidentale”. Le minacce di utilizzare armi nucleari sono altrettanto irresponsabili quanto gli attacchi ai componenti della forza nucleare di una potenza nucleare.

Tali eventi possono facilmente portare a malintesi e interpretazioni errate, che portano a una guerra nucleare accidentale. Ciò vale anche per gli attacchi ai sistemi di allarme rapido russi divenuti noti negli ultimi giorni, che hanno aumentato notevolmente il rischio di escalation.

 


Notizie +  conoscenze di base

 

conoscenze di base

La mappa del mondo nucleare

Andare al lavoro! Qui è tutto pieno di spazzatura...

*

La “Ricerca Interna”

Sistemi d'arma | Intelligenza artificiale

3 marzo 2024 - Più coraggio non farebbe male...

25 febbraio 2024 - Intelligenza artificiale e guerra: noi esseri umani stiamo perdendo il controllo?

7 febbraio 2023: gli hacker di Kim rubano 1,2 miliardi di dollari

24 gennaio 2023: la Germania consegna carri armati all'Ucraina

31 luglio 2022 - Turbo per l'esercito francese

1 novembre 2022 - Non temere il progresso e la tecnologia, temi il capitalismo

 

**

Il motore di ricerca Ecosia sta piantando alberi!

https://www.ecosia.org/search?q=Künstliche Intelligenz

https://www.ecosia.org/search?q=Waffensysteme

 

**

Accademia federale per la politica di sicurezza (BAKS)

L'intelligenza artificiale nelle forze armate: la necessità di intervenire sull'autonomia dei sistemi d'arma

Le forze armate di tutto il mondo hanno iniziato a esplorare l’uso dell’intelligenza artificiale (AI) per scopi militari. La Bundeswehr non fa eccezione. I settori in cui l’intelligenza artificiale può sfruttare i suoi punti di forza e ottimizzare e accelerare i processi nella Bundeswehr comprendono, ad esempio, la logistica, la manutenzione predittiva, il supporto operativo e la gestione, ma anche l’analisi di grandi set di dati per il rilevamento tempestivo delle crisi. Un’area molto più delicata è l’uso dell’intelligenza artificiale per aumentare l’“autonomia” dei sistemi d’arma, fino a sistemi d’arma completamente autonomi che selezionano e ingaggiano obiettivi senza controllo umano. Questo articolo esplora la novità e la natura funzionale dell’”autonomia del sistema d’arma”. Delinea quindi i rischi associati ai sistemi d’arma completamente autonomi. Infine, il documento fornisce tre suggerimenti su come la Germania dovrebbe posizionarsi a livello internazionale e nazionale nei confronti della Bundeswehr: evitare i rischi e sfruttare le opportunità.

Scienziati e rappresentanti di aziende tecnologiche civili, motori dell’innovazione nel campo dell’intelligenza artificiale, avvertono da anni con grande attenzione mediatica un cambiamento di paradigma nella guerra. Tra questi figurano Stephen Hawking, recentemente scomparso, nonché Elon Musk, Demis Hassabis e Mustafa Suleyman, i fondatori della società di intelligenza artificiale di Google DeepMind. Tutti richiamano l’attenzione sui rischi giuridici, di sicurezza e etici internazionali se in futuro i sistemi d’arma opereranno sempre più al di fuori del controllo umano. Sulla scia di questi avvertimenti da parte della società civile, dal 2014 si svolgono a livello delle Nazioni Unite (ONU) discussioni multilaterali sul possibile controllo degli armamenti per sistemi d'arma completamente autonomi, noti nel gergo delle Nazioni Unite come LAWS (Lethal Autonomous Weapon Systems), a livello delle Nazioni Unite (ONU). della Convenzione delle Nazioni Unite sulle armi di Ginevra invece di...

 

**

wikipedia

Intelligenza artificiale

L'intelligenza artificiale (AI), nota anche come intelligenza artificiale, è una branca dell'informatica che si occupa dell'automazione del comportamento intelligente e dell'apprendimento automatico. Il termine è difficile da definire perché manca già una definizione precisa di “intelligenza”. Tuttavia, viene utilizzato nella ricerca e nello sviluppo.

Un tentativo di definire “intelligenza” è che è la qualità che consente a un essere di agire in modo appropriato e proattivo nel suo ambiente; Ciò include la capacità di percepire dati ambientali, cioè di avere impressioni sensoriali e reagire ad esse, di assorbire, elaborare e immagazzinare informazioni come conoscenza, di comprendere e produrre linguaggio, di risolvere problemi e raggiungere obiettivi.

I successi pratici dell’intelligenza artificiale vengono rapidamente integrati nei campi di applicazione e non contano più come intelligenza artificiale. A causa di questo cosiddetto “effetto AI”, la ricerca sull’intelligenza artificiale sembra lottare solo con noccioli duri che non riesce a risolvere, come espresso anche dal “teorema” di Tesler: “L’intelligenza è ciò che le macchine non hanno ancora fatto”.
 

Sistema d'arma

In generale, il termine sistema d’arma si riferisce a materiali di difesa tecnica complessi, per lo più moderne attrezzature militari su larga scala dell’era industriale. Un componente del sistema d'arma è l'arma vera e propria.

I sistemi d'arma possono essere di dimensioni diverse e possono anche essere costruiti l'uno sull'altro. Ad esempio, un missile antiaereo in un sistema di difesa a corto raggio su una nave da guerra che forma un sistema di difesa antiaereo con altre navi. Ciascuno di questi livelli individuali (missili, difesa a corto raggio, nave e sistema di difesa aerea) può essere definito un sistema d'arma.

[...]

automazione

I sistemi d'arma odierni possono anche rispondere a una minaccia in modo completamente autonomo e più velocemente della capacità di reazione umana. Il miglioramento dei sistemi d’arma richiede anche una risposta corrispondente da parte dei sistemi di difesa, che può superare le capacità umane. Un esempio tecnologico è fornito dai cosiddetti sistemi d'arma ravvicinati (CIWS) come il Phalanx CIWS o il Goalkeeper, che possono distruggere diversi missili antinave supersonici che si avvicinano alla nave da diverse direzioni a breve distanza (difesa a corto raggio). .

Queste forme di automazione consentono concetti di difesa completamente nuovi. Ad esempio, il sistema di difesa e combattimento di una moderna nave da guerra dispone di numerosi sistemi d'arma subordinati e stratificati, che vengono schierati in base alle minacce. I sistemi d'arma sono controllati centralmente dal cosiddetto centro operativo (OPZ).

Sistemi senza pilota

Anche gli aerei senza pilota (UAV; droni tedeschi), i veicoli e le imbarcazioni vengono ora dotati di armi e diventano sistemi d'arma di nuovo tipo. Mentre i veicoli e le imbarcazioni senza pilota sono in gran parte ancora in fase di sviluppo o test, gli aerei senza pilota e armati (UCAV, Unmanned Combat). Air Vehicle) ha già completato le sue prime missioni di combattimento. O volano su una rotta preimpostata o sono controllati a distanza. Anche nel primo caso è possibile l'intervento costante di un pilota. Ad esempio, i bersagli appena scoperti possono essere attaccati durante lo schieramento. Un gran numero di obiettivi terrestri in Iraq sono stati distrutti utilizzando il drone MQ-1 Predator.

Programmi di sviluppo per aerei da combattimento senza pilota sono in corso in numerosi paesi. Mentre l'industria della difesa americana sta lavorando principalmente sull'X-45 (Air Force e Boeing) e sullo sviluppo di ETAP.

 

**

YouTube

Ricerca: Sistemi d'arma di intelligenza artificiale

https://www.youtube.com/results?search_query=Künstliche Intelligenz

https://www.youtube.com/results?search_query=Waffensysteme
 

Si aprirà in una nuova finestra! - Playlist del canale YouTube "Reaktorpleite" - radioattività in tutto il mondo... - https://www.youtube.com/playlist?list=PLJI6AtdHGth3FZbWsyyMMoIw-mT1Psuc5Playlist - radioattività in tutto il mondo...

Questa playlist contiene oltre 150 video sul tema degli atomi*

 


Torna a:

Newsletter XXII 2024 - dal 26 maggio al 1 giugno

Articolo di giornale 2024

 


Per lavorare su 'Newsletter THTR','reattore.de'E'Mappa del mondo nucleare' abbiamo bisogno di informazioni aggiornate, di colleghi energici e freschi e di donazioni. Se qualcuno può aiutarmi mandi un messaggio a: info@Reaktorpleite.de

Chiama per le donazioni

- Il THTR-Rundbrief è pubblicato dal 'BI Environmental Protection Hamm' ed è finanziato da donazioni.

- Il THTR-Rundbrief è diventato nel frattempo un mezzo di informazione molto notato. Tuttavia, ci sono costi in corso dovuti all'ampliamento del sito web e alla stampa di fogli informativi aggiuntivi.

- Il THTR-Rundbrief ricerca e riporta in dettaglio. Per poterlo fare, dipendiamo dalle donazioni. Siamo felici di ogni donazione!

Conto donazioni: BI Protezione Ambientale Hamm

Scopo: circolare THTR

IBAN: DE31 4105 0095 0000 0394 79

BIC: WELADED1HAM

 


Notizie + conoscenze di base inizio pagina

***