Bollettino XXII 2024

26. Da maggio a 1. giugno

***


  2024 2023 2022 2021
2020 2019 2018 2017 2016
2015 2014 2013 2012 2011

Notizie + conoscenze di base

Il file PDF"Incidenti di energia nucleare" contiene una serie di altri incidenti avvenuti in vari settori dell'industria nucleare. Alcuni degli eventi non sono mai stati pubblicati attraverso i canali ufficiali, quindi queste informazioni hanno potuto essere rese disponibili al pubblico solo in modo indiretto. L'elenco degli incidenti nel file PDF non è quindi identico al 100% a "L'INES e i disordini negli impianti nucleari", ma rappresenta un'aggiunta.


1. Maggio 1968 (INES 4 | NAM 4,6) fabbrica nucleare Windscale/Sellafield, GBR

1. Maggio 1962 (francese Test nucleare "Beryl") A Ekker, Algeria, FRA

2. Maggio 1967 (INES 4) Akw Chapelcross, Regno Unito

4. - 5. maggio 1986 (INES 0 Classe.?) Akw THTR 300, Germania

7. Maggio 2007 (INES 1) Akw Philippsburg, Germania

7. Maggio 1966 (INES 4) Istituto di ricerca RIAR, Melekess, URSS

Dal 11 al 13 Maggio 1998 (6 test della bomba atomica) Pochran, IND

11. Maggio 1969 (INES 5 | NAM 2,3) fabbrica nucleare Appartamenti rocciosi, Stati Uniti

12. Maggio 1988 (INES 2) Akw Civaux, FRA

13. Maggio 1978 (INES ? Classe.?) Akw AVR Jülich, GER

18. Maggio 1974 (Il primo test della bomba atomica in India) Pochran, IND

21. Maggio 1946 (INES 4) T Undlicher Unfall in Los Alamos, Nuovo Messico, Stati Uniti

22. Maggio 1968 (Broken ArrowUSS Scorpione affondò SW. delle Azzorre, Stati Uniti

24. Maggio 1958 (INES ? Classe.?) Reattore NRU Chalk River, CAN

25. Maggio 2009 (Il secondo test della bomba nucleare della Corea del Nord) Punggye-ri, PRK

26. Maggio 1971 (INES 4 | Classe.?) Istituto Kurchatov, Mosca, URSS

27. Maggio 1956 (Test della bomba atomica statunitense) Eniwetok e Bikini, Stati Uniti

28 e 30 maggio 1998 (6 test nucleari pakistani) Ras Koh, PAK

 

Siamo sempre alla ricerca di informazioni attuali. Se qualcuno può aiutarmi mandi un messaggio a:
nucleare-welt@ Reaktorpleite.de

 


1. giugno


 

danni climatici | Compagnie petrolifere | danni

Nuova legge sul clima

Lo stato americano vuole riscuotere i danni dalle compagnie petrolifere

Il Vermont sta diventando serio: dopo le devastanti inondazioni, lo stato americano chiede risarcimenti alle grandi aziende industriali. La base è una nuova legge approvata a sorpresa dal governatore repubblicano. 

È un passo dal significato simbolico: il Vermont è stato il primo stato americano ad approvare una legge che impone alle compagnie petrolifere e del gas di pagare per i danni climatici. La regione è stata recentemente colpita da inondazioni e altri eventi meteorologici estremi.

Il governatore del Vermont non è un sostenitore della legge: il repubblicano Phil Scott ha detto che il piccolo stato probabilmente dovrà affrontare scontri estenuanti con "Big Oil". Nemmeno lui ha firmato la legge, ma è entrata in vigore anche senza la sua firma. Scott ha anche riconosciuto la necessità di intraprendere azioni urgenti per combattere le conseguenze del cambiamento climatico. Il cambiamento climatico ha già “danneggiato il Vermont in molti modi”, ha detto Scott.

[...]

Particolarmente colpite sarebbero le aziende attive nell’estrazione di combustibili fossili o nella raffinazione del petrolio greggio, che nel periodo in questione hanno causato più di un miliardo di tonnellate di emissioni di gas serra.

Il denaro potrebbe essere utilizzato dallo Stato, tra le altre cose, per migliorare i sistemi fognari, rinnovare strade, ponti e linee ferroviarie, trasferire, aumentare o aggiornare gli impianti di trattamento delle acque reflue e realizzare ristrutturazioni ad alta efficienza energetica di edifici pubblici e privati. Secondo i media, altri stati stanno prendendo in considerazione misure simili, tra cui Maryland, Massachusetts e New York.

*

Crisi climatica | Inondazioni | protezione Civile

Tempo estremo:

Non dire “alluvione del secolo”, ma “crisi climatica”.

Le inondazioni sono straordinarie se si guarda indietro agli ultimi 100 anni. Ma in tempi di crisi climatica, il termine “alluvione del secolo” perde il suo significato.

Dovrebbe essere espressa tutta la compassione per le persone che saranno colpite più duramente dalla tempesta di questo fine settimana. Auguriamo loro che la protezione contro le catastrofi funzioni e che non subiscano alcun danno, almeno non alla vita o all'incolumità fisica. Questo è ciò che risulta empaticamente evidente quando tu, soprattutto come persona non colpita, non tedesca del sud, segui come si svolge il disastro con forti piogge e temporali, con livelli dell'acqua, chiusure ed evacuazioni. E si confronta ripetutamente con una parola che è quasi onnipresente nelle notizie.

[...]

L’“alluvione del secolo” in cui morirono 180 persone sull'Ahr e sull'Erft, tra l'altro, è stato meno di tre anni fa. Era la metà di luglio 2021. I governi federale e statale hanno stanziato 30 miliardi di euro per un fondo per la ricostruzione. Nonostante tutte le differenze – geografiche, meteorologiche e, si spera, anche politiche locali – tra allora e oggi nella Germania meridionale e sudorientale: tali tempeste ci pongono come società di fronte alla questione di come vogliamo agire in futuro. In un futuro in cui la parola evento del secolo avrà tutt'al più questo significato: il secolo ne sarà pieno.

*

Sudafrica | coalizione | ANC

Confermata la perdita di potenza per l'ANC:

Chi governerà il Sudafrica in futuro?

Dopo aver contato quasi tutti i voti, l'autorità elettorale del Sud Africa ha confermato che l'ANC al governo ha perso molti voti a favore di altri partiti. Con chi avrebbe potuto governare il paese.

La perdita della maggioranza assoluta alle elezioni parlamentari significa più di una massiccia debacle elettorale per il partito al governo del Sudafrica, l'African National Congress (ANC).

L’ANC ha probabilmente perso 17 punti percentuali di voti

Per la prima volta nella trentennale storia democratica del Paese, il partito dell'ex combattente anti-apartheid Nelson Mandela non governerà più da solo, ma dovrà formare una coalizione e scendere a compromessi politici. Solo con chi?

[...]

Opzione di coalizione 1: l’Alleanza Democratica

Secondo i commentatori politici ci sono due principali possibili partner di coalizione: da un lato l'Alleanza Democratica (DA), economicamente liberale, che secondo i risultati parziali preliminari detiene il 21,71%.
Sebbene la DA sia ideologicamente lontana dall'ANC, ha già dato prova di sé a livello provinciale: dal 2009 governa la provincia del Capo Occidentale, in cui si trova la metropoli turistica di Cape Town.

Aleix Montana, analista politico presso la società di consulenza sul rischio Verisk Maplecroft, ritiene che una coalizione ANC-DA sia probabile nonostante le diverse ideologie. Una tale alleanza sarebbe accolta con favore dai partner occidentali e dagli investitori stranieri, ha affermato Montana.

Opzione di coalizione 2: il partito marxista EFF

L’altra probabile opzione di coalizione, dicono gli analisti, è una fusione dell’ANC con gli Economic Freedom Fighters (EFF), di tendenza marxista, che sostengono espropri e nazionalizzazioni su larga scala senza compenso…

*

CO2 | CCS | CCU

Legge sullo stoccaggio della CO₂

La politica sulla CO₂ di Habeck fa arrabbiare l'SPD e i Verdi

Il governo federale vuole consentire la cattura e lo stoccaggio dell’anidride carbonica nelle centrali elettriche a gas naturale. Le critiche arrivano non solo dalle associazioni ambientaliste, ma anche dai partiti di governo.

La legge sullo stoccaggio della CO2 approvata questa settimana dal governo federale incontra la resistenza non solo delle organizzazioni ambientaliste, ma anche dei semafori, in particolare dell'SPD e dei politici verdi.

Il motivo: secondo il progetto del ministro dell'economia Robert Habeck (Verdi), in futuro il CO2 proveniente dalle centrali elettriche a gas naturale verrà catturato e immagazzinato nel sottosuolo. Si teme che ciò prolungherebbe inutilmente l’era della combustione di combustibili fossili.

Mercoledì Habeck ha presentato al governo il progetto di legge sullo stoccaggio e i punti chiave di una “strategia di gestione del carbonio”. È quindi consentita la cattura, lo stoccaggio o l'utilizzo dell'anidride carbonica - abbreviazioni tecniche CCS e CCU. Finora queste procedure sono state praticamente vietate.

Sono omologati per settori industriali come quello del cemento e dell'acciaio nonché per l'incenerimento dei rifiuti, dove non è possibile evitare alcune emissioni residue. Anche a questo scopo è possibile il finanziamento pubblico.

[...]

“Disincentivi per i modelli di business fossili”

Politici climatici e ambientali come Nina Scheer dell'SPD e Lisa Badum e Armin Grau dei Verdi lamentano che l'inclusione del gas naturale non è coperta dall'accordo di coalizione del semaforo, che prevede solo CCS e CCS per le emissioni residue inevitabili.

Scheer ha affermato che questo limite è stato “superato dal progetto” e che questo non è “incompatibile né con l’accordo di coalizione né con il chiaro posizionamento del gruppo parlamentare SPD”.

Badum ha anche chiesto che le procedure siano limitate ai settori che non possono essere elettrificati o decarbonizzati con altri mezzi. Grau ha messo in guardia contro “falsi incentivi per restare fedeli ai combustibili fossili e continuare a modelli di business obsoleti”.

I Verdi possono fare affidamento su una risoluzione del gruppo parlamentare di dicembre, in cui si afferma: "Non vediamo l'industria energetica come un campo di applicazione". Scommettono che la legge può ancora essere modificata nel processo parlamentare...

*

Israele | Media | Netanyahu

Vuoto percettivo della realtà

Israele è sull’orlo del baratro. Il paese sta morendo. Ma è come se i cittadini commettessero un suicidio di Stato.

Uno degli effetti collaterali del disastro in corso in cui vive la società israeliana dal 7 ottobre è il palese declino della capacità di avere un discorso fattuale e veritiero sulla realtà del paese. Ciò ha a che fare con la sincronizzazione autoimposta dei media pubblici, in particolare radio e televisione, nell’attuale stato di guerra. Ma non solo. Naturalmente, come ovunque, i media svolgono un ruolo chiave nel formare e plasmare le opinioni pubbliche. Allo stesso tempo, si dimostrano anche portavoce affermati della loro clientela: essi stessi sono così influenzati dal costante input delle opinioni e degli atteggiamenti che dilagano tra la popolazione che il suono costante dei discorsi, delle chiacchiere e delle cosiddette notizie i programmi sembrano una riproduzione echeggiante delle strade – o delle chiacchiere di fondo e del ronzio piatto dei tavoli dei clienti abituali (chiamati “parlamenti” nel gergo popolare israeliano).

Questo non vuol dire che questi fenomeni siano nuovi. Gli effetti di quella che da decenni viene chiamata e analizzata come “industria culturale” sono ben noti; Non solo influenzano i tempi di crisi, ma sono, al contrario, una parte efficace dei meccanismi di normalizzazione del comportamento dei consumatori capitalisti e del conseguente disinnescamento di tutti i pensieri e le azioni critiche.

Due cose possono essere citate come peculiarità dell'attuale situazione di Israele che vanno oltre la normalità. Da un lato, la crisi acuta del Paese richiede un discorso che possa almeno offrire una riflessione sulla genesi e sulle strutture della catastrofe emergente.

[...]

Internamente, la società israeliana è profondamente divisa

D'altro canto, le strutture oggettive influenzano anche il carattere specifico della reazione pubblica alla minacciosa crisi in cui vive la popolazione israeliana. Sebbene si possa descrivere la crisi in modo coerente, non si può presumere che “la popolazione” debba reagire in modo omogeneo. La popolazione israeliana è tutt’altro che omogenea, e non solo sotto questo aspetto. È vero che la sua parte ebraica sa di essere unita e “unita” contro gli “arabi”, i “palestinesi”, “Hamas” (e talvolta anche “il mondo”); questi assolvono alla funzione consolidante cementante “verso l’esterno”...

*

Myanmar | Guerra per procura | popolazione civile

Escalation in Myanmar:

È così che infuria la nuova Guerra Fredda in Asia

Gli Stati Uniti, la Cina e la Russia riforniscono entrambe le parti in conflitto. Il big bang non è ancora avvenuto. Ma i preparativi per questo sono evidenti.

Oltre alle guerre in Ucraina e in Medio Oriente, sta scomparendo dalla vista uno dei conflitti geopolitici più esplosivi: la lotta per il Myanmar. Solo pochi giorni fa l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani aveva espresso preoccupazione per l'escalation di violenza nel nord del Paese asiatico. Non sono state fornite le ragioni dell'escalation: in Myanmar infuria una lotta di potere tra gli Stati Uniti da un lato e Cina e Russia dall'altro.

Gli avvertimenti dell'ONU riguardano soprattutto le conseguenze per la popolazione civile. A subire ancora una volta vittime è stata soprattutto la popolazione civile di etnia Rohingya.

[...]

Nel frattempo, la guerra civile in Myanmar sta attirando sempre più l’attenzione internazionale. Il Paese diventerà teatro di una guerra per procura tra gli Stati Uniti e le grandi potenze Cina e Russia? Si parla spesso di un conflitto di “nuova Guerra Fredda”. Esperti come il giornalista Bertil Lintner, che vive in Tailandia, lo sottolineano: gli sviluppi in Myanmar potrebbero contribuire in modo significativo a uno spostamento degli equilibri di potere globali.

Gli Stati Uniti sostengono il controgoverno del Governo di Unità Nazionale (NUG), formatosi dopo il colpo di stato militare, e i suoi alleati armati, le Forze di Difesa Popolare.

Al contrario, Cina e Russia, anche se non sempre apertamente, tendono ad agire dalla parte della giunta al potere del Consiglio di amministrazione statale (SAC)...

 


31. maggio


 

Sudafrica | Corruzione | ANC

Elezioni in Sud Africa:

ANC in caduta libera

L’ANC, al potere dal 1994, rischia di perdere la maggioranza assoluta. Il nuovo partito dell'ex presidente Jacob Zuma è in ascesa. 

JOHANNESBURG taz | Il ministro dell'Energia Gwede Mantashe e il ministro delle Comunicazioni Mondli Gungubele, due veterani dell'ANC, stavano già lanciando sguardi preoccupati allo spettacolo blu brillante giovedì pomeriggio. Ciò che dice il consiglio del Results Operation Center (ROC) della Commissione elettorale sudafricana (IEC) a Midrand, Johannesburg, non sembra positivo per il partito al governo dell'African National Congress (ANC).

Venerdì mattina è stato finalmente chiaro quello che le previsioni avevano già previsto. Sebbene sia stata conteggiata solo la metà dei voti, l'ANC detiene solo il 42%. Anche se i risultati finali delle elezioni non saranno disponibili prima di domenica, sta già emergendo un risultato importante: per la prima volta dal 1994, l'ANC probabilmente scenderà sotto il 50%.

La cattiva gestione, gli scandali di corruzione e il clientelismo hanno fatto crollare la fiducia nell'ex movimento di liberazione di Nelson Mandela. Nelle ultime elezioni del 2019, l’ANC ha ottenuto il 57% dei voti, ma la tendenza al ribasso non è diventata evidente solo a partire da queste elezioni. Per la prima volta dalla fine dell’apartheid, il Sudafrica attende con ansia un governo di coalizione.

[...]

Sono ancora troppo buoni Si ricordano le rivolte del 2021, quando i sostenitori di Zuma saccheggiarono le strade e morirono diverse centinaia di persone. Il motivo è che l'ormai 82enne è stato condannato a 15 mesi di carcere dopo essersi rifiutato di testimoniare su accuse di corruzione durante il suo mandato.

Ma il giorno delle elezioni la situazione resta tranquilla. Nonostante alcuni scanner rotti e un’elaborazione inefficiente degli elettori, che porta a lunghi tempi di attesa, l’umore è buono. Ma l’ANC si è ritrovato con il naso sanguinante.

*

Ritiro graduale nucleare | compensazione | carta energetica

Responsabilità dello Stato

L’UE pone fine al trattato sulla Carta dell’energia

Vittoria per la lobby ambientalista: le aziende non hanno più la possibilità di citare in giudizio gli stati se decisioni politiche come l’eliminazione anticipata del carbone svalutano i loro investimenti nel settore energetico.

Il Consiglio dell'UE ha deciso all'unanimità di ritirare la Comunità dal Trattato sulla Carta dell'Energia. Questa decisione rappresenta la fase finale di un processo in più fasi e ha quindi effetto immediato. Il Trattato sulla Carta dell’Energia (ECT) è stato concluso negli anni ’1990 per fornire una migliore protezione giuridica ai grandi investimenti privati ​​nelle energie fossili, in particolare petrolio, gas e carbone.

Il contratto dava alle aziende la possibilità di citare in giudizio direttamente uno Stato se fossero state influenzate negativamente dalle decisioni prese dal rispettivo governo. Vattenfall costituisce un esempio lampante in Germania. Nel 2012 la società statale svedese ha citato in giudizio il governo federale in un tribunale arbitrale internazionale chiedendo danni per sei miliardi di euro. L'azienda ha giustificato questo passo affermando che, a causa della chiusura anticipata delle centrali elettriche di Krümmel e Brunsbüttel, non sarebbe più stata in grado di produrre tutta la quantità di energia elettrica inizialmente assegnata.

Le società elettriche hanno ricevuto miliardi per l'eliminazione del nucleare

In una sentenza del 2016 anche la Corte costituzionale federale ha stabilito che è necessario indennizzare la quantità residua di energia elettrica che non può più essere utilizzata. Alla fine il governo federale ha raggiunto un accordo con le società elettriche interessate Vattenfall, RWE, Eon/PreußenElektra ed EnBW. Per compensare le conseguenze economiche dell’eliminazione anticipata del nucleare, il governo federale ha pagato un risarcimento di 2,43 miliardi di euro...

*

Crisi climatica | Venerdì per il futuro | Elezioni europee

Destra e conservatori mano nella mano contro la politica climatica

All'inizio di giugno potranno votare 350 milioni di europei. Negli ultimi giorni prima delle elezioni, il movimento per il clima sta cercando di raggiungere un numero sufficiente di nuovi elettori per evitare uno spostamento disastroso a destra in termini di politica climatica.

Una settimana prima delle elezioni europee, Fridays for Future lancia un appello per uno sciopero per il clima. “La lotta contro la crisi climatica deve essere nuovamente al centro della politica dell’UE dopo le elezioni”, si legge in un appello. Il movimento sta pianificando proteste questo venerdì in dodici paesi dell’UE e in oltre 90 città tedesche contro l’imminente spostamento a destra e per una maggiore protezione del clima nell’UE.

“Di nuovo al vertice dopo le elezioni” – alcuni potrebbero chiedersi se questo non glorifica un po’ il passato. In effetti, poco dopo le ultime elezioni europee del 2019, si dava l’impressione che la cosa fosse fatta e che la crisi climatica fosse finalmente presa politicamente sul serio.

Decine di migliaia di persone sono scese in piazza in quel momento e hanno invitato i politici ad agire. L’affluenza alle urne è stata storicamente elevata, superiore al 50%, nessun programma dei partiti democratici poteva permettersi di tralasciare la protezione del clima e i Verdi hanno guadagnato molti voti, mentre coloro che si sono opposti alla politica climatica nei gruppi conservatori e socialdemocratici sono stati puniti.

Pochi giorni dopo la sua elezione, la neo-presidente della Commissione Ursula von der Leyen si è presentata davanti alle telecamere e ha annunciato il “Green Deal europeo”. L’Europa dovrebbe essere il primo continente a diventare climaticamente neutrale entro la metà del secolo.

Ciò che già allora non bastava, come lamentavano numerose associazioni ambientaliste, era almeno ad un passo dall'eterno stallo...

*

Protezione del clima | TempestaAssicurazione

Forti piogge e condizioni meteorologiche estreme:

L'avvertimento di un nuovo danno record

In alcune parti della Germania vi è il rischio di forti piogge e inondazioni. Nel frattempo, Fridays for Future teme attacchi alla protezione del clima. Quanto è già alto il danno. 

Da giovedì sera le allerte meteo si stanno susseguendo a ritmo serrato. Diversi media avvertono di una “nuova alluvione del secolo” – l’ultima è adesso nemmeno tre anni fa.

Nonostante l’aumento delle condizioni meteorologiche estreme: riduzione della protezione del clima?

In linea con questo, anche se era previsto da tempo, il movimento Fridays for Future ha lanciato ancora una volta uno sciopero per il clima: in Germania, le lezioni saranno boicottate in più di 90 città questo venerdì. Con le proteste il movimento vuole attirare l’attenzione su uno “spostamento antiecologico a destra” che minaccia le elezioni europee del 9 giugno.

Frieda Egeling, portavoce di Fridays For Future Berlin, ha spiegato: "Mentre inondazioni, scarsità d'acqua e ondate di caldo minacciano centinaia di migliaia di persone in Europa, gli estremisti di destra alimentano i timori sulla protezione del clima e vogliono revocare le leggi sul clima". Proteste del movimento giovanile sono state annunciate anche in altri dodici paesi dell'Ue.

Conseguenze delle tempeste: il settore assicurativo lancia l'allarme

L'Associazione dell'industria assicurativa tedesca GDV ha chiarito questa settimana quanto sia forte la minaccia già oggi. Secondo questi dati, lo scorso anno a causa di temporali, grandine e forti piogge si sono verificati danni assicurati per 5,7 miliardi di euro. “Si tratta di 1,7 miliardi di euro in più rispetto al 2022”, ha affermato l'amministratore delegato della GDV Jörg Asmussen a Berlino.

Secondo l’associazione, il record precedente registrato era di 2021 miliardi nel 13,9, l’anno della Inondazioni sull'Ahr, sull'Erft o sul Weser...

*

Wahlen | disinformazioneIntelligenza artificiale

Intelligenza artificiale da OpenAI

Gli sviluppatori di ChatGPT denunciano diverse campagne di disinformazione governativa

Internet è inondato di contenuti fraudolenti: attori sostenuti dallo Stato hanno utilizzato l'intelligenza artificiale di OpenAI per disinformazione. Gli sviluppatori di ChatGPT ora affermano di aver interrotto cinque campagne.

Lo sviluppatore di ChatGPT OpenAI afferma di aver interrotto negli ultimi tre mesi cinque campagne di disinformazione da parte di attori sostenuti dallo stato che volevano utilizzare l'intelligenza artificiale (AI) di ChatGPT per attività fraudolente, come annunciato da OpenAI in un post sul blog.

Gli attori in questione hanno quindi cercato di utilizzare i modelli linguistici di OpenAI per compiti come la generazione di commenti, articoli e profili nelle reti online. Inoltre i modelli sono stati utilizzati anche per testare codici per bot e siti web. "Queste operazioni non sembrano aver beneficiato di un'attività degli utenti significativamente maggiore o di una maggiore portata attraverso i nostri servizi", ha rassicurato il CEO dell'azienda Sam Altman.

Si dice che le campagne sventate abbiano avuto origine in Russia, Cina, Iran e Israele.

[...]

Si teme che app come ChatGPT o il generatore di immagini Dall-E possano produrre contenuti fraudolenti su larga scala in pochi secondi. Paesi come Russia, Cina e Iran utilizzano specificamente piattaforme di disinformazione online per manipolare le elezioni.

Dal punto di vista dei contenuti, le campagne riguardavano l'invasione russa dell'Ucraina, il conflitto nella Striscia di Gaza, le elezioni in India, la politica in Europa e negli Stati Uniti, nonché la critica al governo cinese. Secondo OpenAI, la collaborazione, la condivisione dell’intelligence e le protezioni integrate nelle loro applicazioni hanno permesso di contrastare gli abusi.

*

Penale | Don Trumpl

"Colpevole. Colpevole. Colpevole"

Trump, il truffatore elettorale

Il sistema giudiziario americano impiegherà otto anni per mettersi al passo con Donald Trump. La giuria ha un solo verdetto per l'ex presidente: colpevolezza. Trump ha quindi utilizzato mezzi illegali per vincere le elezioni presidenziali del 2016. La sconfitta lo segna visibilmente. Ma non per molto.

Colpevole. 34 volte. Molto spesso l'oratore risponde alla domanda sulle accuse con questa parola. Dopo la prima, Donald Trump chiude gli occhi e scuote leggermente la testa. Il suo avvocato Todd Blanche vuole ascoltarlo di nuovo, individualmente dai dodici giurati. Trump ora guarda nella loro direzione. Tutti ripetono il verdetto, chi abbassa lo sguardo, chi guarda il giudice Juan Mercan. Ringrazia la giuria e lasciano la stanza. Blanche chiede che il verdetto venga invalidato perché basato sulla testimonianza dell'ex avvocato personale di Trump e testimone principale Michael Cohen, ma Merchan respinge la richiesta. L'ex presidente degli Stati Uniti è quindi un criminale condannato.

Ci sono resoconti dettagliati dei media su ciò che è accaduto giovedì presso il tribunale penale di Manhattan, come quello del New York Times. Manca ancora la sentenza per il processo del silenzio di Manhattan. Merchan lo ha annunciato per l'11 luglio. Anche la squadra di Trump ha già annunciato che intende presentare ricorso. Ma il verdetto di colpevolezza è esaustivo. L'allora candidato presidenziale repubblicano ha cospirato con altri per influenzare le elezioni del 2016 a suo favore con pagamenti segreti basati su storie di donne, violando così la legge elettorale e cercando di coprire il tutto con documenti falsi...

 


30. maggio


 

Biden | Ucraina | Armi americane | Russia

Difesa di Charkiv

Biden consente all’Ucraina di limitare l’uso delle armi americane in Russia

Cambio di rotta alla Casa Bianca: il presidente americano Biden dà all’Ucraina il via libera per usare le armi americane contro obiettivi in ​​Russia, ma solo per difendere la città di Kharkiv, nell’Ucraina orientale.

A quanto pare il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha permesso all’Ucraina di attaccare obiettivi all’interno della Russia con armi americane. Lo riferiscono diversi media statunitensi, citando rappresentanti del governo. Inizialmente, questo permesso si applica probabilmente solo agli obiettivi vicino a Kharkiv, nell’Ucraina orientale, dove le truppe russe sono avanzate per l’ultima volta. Sono ancora vietati anche gli attacchi offensivi con armi a lungo raggio.

La decisione segna un cambio di direzione nella politica di Biden. Il presidente degli Stati Uniti aveva precedentemente vietato all’Ucraina di sparare con armi fornite dagli Stati Uniti contro obiettivi in ​​Russia.

[...]

Si sta anche discutendo di un ruolo più forte per la NATO nel coordinamento degli aiuti. Finora gli Stati Uniti hanno organizzato l’aiuto militare dei loro alleati del cosiddetto Gruppo Ramstein. Trasferendo questo ruolo alla NATO, l'obiettivo è renderla indipendente dagli sviluppi politici negli Stati Uniti. Secondo i diplomatici, ciò sarebbe particolarmente vero se l’ex presidente Donald Trump vincesse le elezioni di novembre.

*

SudafricaWahlen

L’ANC perde risultati parziali nelle elezioni parlamentari in Sud Africa

Dopo il primo conteggio dei voti, sembra che il partito al potere sudafricano perderà. Sarebbe la prima volta dal 1994 che il partito non otterrebbe la maggioranza assoluta.

Secondo i primi risultati parziali, dopo le elezioni parlamentari in Sudafrica ci sono segnali che l'African National Congress (ANC), che governa da solo per 30 anni, perderà la maggioranza assoluta. Secondo la commissione elettorale, dopo lo spoglio del 35% dei voti, il partito dell'eroe nazionale Nelson Mandela ha ottenuto il 42,3%. Nel 2029, l’ANC aveva ricevuto circa il 57% dei voti. All’epoca partecipò alle elezioni il 66% degli aventi diritto al voto. Questa volta sarebbe stato il 70%.

L’ANC ha subito un “colpo significativo”, ha affermato il politologo Daniel Silke. "Questo è uno shock per il sistema dell'ANC e alla fine sarà uno shock per il sistema del sudafricano medio che conosce il governo dell'ANC solo dal 1994", ha aggiunto. Le elezioni ridisegnano i confini politici del Sudafrica e creano un certo livello di incertezza, ha detto anche Silke.

Il più grande partito d'opposizione, l'Alleanza Democratica (DA), ha ottenuto nei risultati parziali circa il 25%. Con il XNUMX%, i radicali di sinistra Economic Freedom Fighters (EFF), guidati dall'ex funzionario dell'ANC Julius Malema, costituivano la terza forza più forte, seguiti dal nuovo partito MK dell'ex presidente e presidente dell'ANC Jacob Zuma con l'XNUMX%.
La commissione elettorale ha annunciato che i primi risultati parziali non contenevano ancora i risultati delle principali città, in particolare Johannesburg e Durban...

*

Pakistaneffetti tardiviBassa radiazione | Ras Koh

La potenza militare del Pakistan:

Ricaduta tardiva in Belucistan

Il Pakistan ha testato testate nucleari in una regione apparentemente deserta 26 anni fa. Le prove indicano da tempo conseguenze sulla salute a lungo termine.

CHAGAI taz | Il padre 60enne di Khalil Ur Rehman è recentemente morto di cancro e suo fratello di 27 anni, Shafiq Ur Rehman, soffre di cancro al sangue. Khalil, 30 anni, gestisce un negozio a Soragl, un villaggio nel distretto nord-occidentale di Chagai, nella provincia del Balochistan nel Pakistan occidentale, dove c'è un movimento per l'indipendenza. Soargl è uno degli insediamenti più vicini ai Monti Ras Koh, a 30 chilometri di distanza. Il Pakistan ha condotto lì sei test nucleari sotterranei dal 28 al 30 maggio 1998.

Ciò lo ha reso il settimo paese al mondo e il primo paese musulmano a possedere armi nucleari. I test nucleari erano una risposta ai test condotti dalla vicina ostile India appena due settimane prima.

[...]

Lo studente raccoglie dati indipendenti

Ma da tempo ci sono dubbi. Abdul Razik, uno studente di Chagai presso l'Università del Belucistan, ha condotto uno studio per la sua tesi di master nel 2014. Ciò contraddice le affermazioni del governo. Nel suo articolo “Impatti dei test nucleari su Chagai”, Razik afferma che le esplosioni sono avvenute su una montagna nelle montagne di Ras Koh, dove c’era un villaggio abitato chiamato Chehtar.

Il governo sostiene che “sono state colpite solo dieci famiglie vicine al luogo del test, che sono state trasferite in un luogo più sicuro”. Ma secondo Razik c'erano molte più famiglie nelle vicinanze e anche una distanza di un chilometro non avrebbe dato loro sicurezza. Secondo Razik, quattromila persone sono state colpite dai test nucleari.

[...]

Secondo Aryan Mengal, che lavora come assistente sociale nella zona di Ras Koh, le malattie più comuni includono tifo, polmonite, malattie della pelle e del fegato, epatite e talassemia, oltre a tumori come la leucemia. I bambini sono particolarmente colpiti.

Molti dei bambini nati dopo i test nucleari nella regione erano di bassa statura e soffrivano di varie disabilità. "Poiché, secondo la mia osservazione, i genitori e i nonni di questi bambini non presentano tali malattie e caratteristiche, ciò rende la situazione ancora più allarmante", afferma Mengal...

*

PanamaLivello del mare | Inondazioni

Panama accusa i paesi industrializzati

L'isola sprofonda nel mare: 1350 persone vengono trasferite

A causa dei cambiamenti climatici, anche il livello del mare sta aumentando. Panama sta quindi evacuando gli abitanti di un'isola. Il presidente lamenta che altre 48 isole popolate corrono il pericolo immediato di essere inondate e denuncia come responsabili i paesi ricchi e industrializzati.

A causa del pericolo di inondazioni dovuto all’innalzamento del livello del mare, quasi tutti gli abitanti di una piccola isola di Panama vengono trasferiti sulla terraferma. Il presidente Laurentino Cortizo ha consegnato il nuovo insediamento di Nuevo Cartí, sulla costa settentrionale di Panama, agli indigeni Guna. Nei prossimi giorni circa 1350 persone lasceranno la sovrappopolata isola di Carti Sugtupu, come ha scritto Cortizo in un post su X.

[...]

Cortizo: Paesi industrializzati responsabili del reinsediamento

Il presidente panamense ha attribuito la necessaria evacuazione ai paesi ricchi e industrializzati e alle loro crescenti emissioni di gas serra, sottolineando che sono soprattutto gli stati insulari più poveri a essere colpiti per primi dalle conseguenze del riscaldamento globale. “Ci sono paesi come il nostro che devono dirottare risorse a causa della crisi climatica”, ha lamentato. “La crisi climatica che il mondo sta vivendo […] ci ha costretto qui a Panama a trasferirci dall’isola in questo insediamento di circa 300 case.”...

*

RadonEsposizione alle radiazioni | cancro al polmone

Il radon come causa soppressa di cancro ai polmoni

Il radon è un gas nobile inodore e cancerogeno. Si concentra inosservato nelle case e provoca il cancro ai polmoni. Sai se sei a rischio?

Non tutti i rischi di cancro in Germania sono di origine antropica come il fumo attivo o passivo, ma ignorare un rischio è una decisione umana dovuta all’ignoranza o all’ignoranza. Il radon è un gas nobile inodore e cancerogeno che può concentrarsi inosservato nelle case e negli scantinati.

Già nel 2008 uno studio ha dimostrato che il radon indoor è responsabile di circa il 1.900% di tutti i decessi per cancro ai polmoni in tutta la Germania. Si tratta di circa XNUMX morti all'anno.

Sebbene i numeri non siano più del tutto nuovi, sono ancora considerati attuali. Ciò è dovuto al fatto che il radon si trova soprattutto negli edifici più vecchi ed esistenti. Chiunque abbia la casa costruita su un sottosuolo granitico potrebbe averne sentito parlare.

In Germania il gas nobile radon contribuisce in misura maggiore all'esposizione alle radiazioni naturali. Anche se il gas nobile è di origine naturale, non è affatto salutare...

*

IsraeleConflitto in Medio Oriente | ICC | Mossad

Il Mossad minaccia il tribunale penale

Rapporto: i servizi segreti israeliani dovrebbero evitare un'indagine della CPI sul governo. Il procuratore capo intimidito e minacciato

La scorsa settimana il governo israeliano ha reagito con indignazione all'annuncio che la Corte penale internazionale (CPI) avrebbe potuto emettere mandati di arresto nei confronti del primo ministro Benjamin Netanyahu e del ministro della Difesa Joaw Gallant. Tuttavia, secondo un articolo pubblicato martedì dal Guardian di Londra e dai siti israeliani +972 e Local Call, non si può parlare di sorpresa. Di conseguenza, Netanyahu in particolare non solo temeva da tempo un simile passo. Ha anche cercato di fare pressione sui capi investigatori dell'impianto dell'Aja, anche con l'aiuto del servizio segreto straniero Mossad.

La Corte penale internazionale ha iniziato a indagare su Israele sotto la guida del procuratore capo Fatou Bensouda nel 2015. Israele, come gli Stati Uniti, la Russia e la Cina, non ha firmato lo Statuto di Roma della Corte penale, che normalmente è il prerequisito per un simile passo. Nel 2012, tuttavia, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha accettato la Palestina come Stato osservatore, consentendo così anche all’autorità nazionale di Ramallah di aderire alla Corte penale internazionale. Quindi la Corte ha ora potuto avviare indagini contro presunti criminali provenienti da Israele, dopotutto si tratta di violazioni dei diritti umani nei territori occupati, inclusa Gaza, cioè in Palestina, che riconosce la CPI e dove tali crimini ricadono quindi sotto la sua giurisdizione.

Secondo il Guardian, l'adesione della Palestina alla CPI sarebbe stata una "linea rossa" per il governo israeliano. Dopotutto, a differenza dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il Tribunale dell’Aia non è un’istituzione “sdentata”, come il giornale londinese cita una voce proveniente da Israele. Quindi il governo ha inviato il Mossad a Bensouda per assicurarsi che le loro ricerche preliminari iniziali non portassero a nulla...

 


29. maggio


 

Protezione del clima | populisti di destraElezioni europee

Elezioni europee: Con la destra contro la protezione del clima

L’Europa sta attualmente vivendo uno spostamento a destra senza precedenti. Mai dal 1945 i populisti nazionali o anche i partiti con una tradizione fascista appena mascherata sono stati così vicini al potere governativo in così tanti paesi come lo sono oggi. Anche il Parlamento europeo, che sarà rieletto tra il 6 e il 9 giugno, rischia di mostrare un volto significativamente diverso nei prossimi cinque anni.

Chi vuole valutare la forza della destra non deve guardare alle sue famose roccaforti di Ungheria e Austria, né al Nord Europa, dove sembrano essere saldamente radicate, né alla penisola iberica, dove si sono recentemente sentite una ripresa. No: è sufficiente concentrarsi sul nucleo classico dell'Europa, sui sei Stati fondatori dell'attuale UE. In quattro di essi, le forze di destra minacciano di vincere le elezioni: Francia, Italia, Paesi Bassi e Belgio. Inoltre la Germania ha un AfD considerato così di destra anche tra la destra europea che perfino il Rassemblement National di Marine Le Pen non vuole più collaborare con esso.

Tra gli Stati fondatori resta solo il Lussemburgo, ma essendo un piccolo paese conta solo sei dei 720 deputati. D'altro canto, oltre il 13% dei seggi appartiene alla sola delegazione tedesca (96 rappresentanti); Anche la Francia (81) e l'Italia (76) inviano gruppi numerosi. Quindi, se fino a un terzo dei voti in tre dei paesi più popolosi dell’UE va all’estrema destra, ciò ha un impatto enorme. Se si aggiunge il PiS ancora forte in Polonia, si vede che lo spostamento a destra sta avvenendo nel centro storico e geografico dell’Unione Europea.

[...]

Il firewall che la Germania sta attualmente lottando per mantenere è stato da tempo minato o addirittura completamente rovesciato dai conservatori di altri paesi. Anche se Weber lo volesse, difficilmente potrebbe impegnare il PPE su una linea di demarcazione rigorosa.

La presidente della Commissione Ursula von der Leyen non esclude di essere confermata, se necessario, con i voti dei partiti di destra, almeno quelli del più filo-occidentale ECR. Ciò è anche un’espressione del nuovo equilibrio di potere che sta emergendo: cinque anni fa von der Leyen contava solo su una maggioranza risicata di nove voti tra le fila del PPE, socialisti e liberali. Questa maggioranza è ora a rischio...

*

Agricoltura | Catena di fornituraMercosur

Filiera della soia: “Gli agricoltori hanno tutte le ragioni per protestare”

Le grandi catene di supermercati traggono profitti milionari dal business della soia. Gli agricoltori sono in rosso. Servono regole chiare per limitare il potere del commercio al dettaglio, afferma “Aktion Agrar” e annuncia proteste.

Gli europei consumano 60 chilogrammi di soia pro capite all’anno. Solo una piccola parte si presenta sotto forma di tofu o salsa di soia. La parte del leone è nascosta nella carne e in altri prodotti animali.

La fame tedesca di soia ammonta a sei milioni di tonnellate, che ogni anno vengono spedite attraverso l'Atlantico su enormi navi portacontainer, principalmente dagli Stati Uniti e dal Brasile. L'istituto di ricerca olandese Profundo ha esaminato più da vicino la catena di approvvigionamento della soia brasiliana in un nuovo studio per conto dell'iniziativa ambientale Aktion Agrar.

[...]

La deforestazione della foresta pluviale e lo sfollamento dei piccoli agricoltori sono ulteriori conseguenze della costante espansione della coltivazione della soia.

Secondo Jutta Sundermann di Aktion Agrar in un'intervista a Klimareporter°, le normative esistenti come l'EU Supply Chain Act non sono sufficienti per escludere danni alle persone e all'ambiente causati dalla coltivazione della soia. Accordi di libero scambio come l’accordo UE-Mercosur, negoziato da decenni, creerebbero ulteriori incentivi per la coltivazione e difficilmente verranno ratificati.

Gli agricoltori hanno tutte le ragioni per protestare contro il sistema agricolo, spiega Sundermann. “Tuttavia, molte delle proteste attuali sono state cooptate dalla destra o stanno portando ad un attacco generalizzato alle normative ambientali”.

Insieme al Gruppo di lavoro per l'agricoltura rurale (AbL), l'Aktion Agrar invita quindi ad una manifestazione contro le importazioni di soia al porto di Brake in Bassa Sassonia. È prevista anche una campagna con numerose imbarcazioni nel porto speciale sul Weser tra Brema e Bremerhaven.

Per Sundermann, i risultati dello studio sono un altro argomento per “allontanarsi dal mercato globale della carne e dei mangimi animali” e concentrarsi sul clima, sulla biodiversità e sul futuro delle aziende agricole. “Siamo felici per tutti gli agricoltori che si uniscono alla nostra protesta”.

*

Demokratie | politica economicaperdita di fiducia

Una politica economica più giusta

Gli economisti chiedono un’agenda contro il populismo

Decine di rinomati scienziati chiedono un riallineamento della politica economica. Propongono cambiamenti profondi per affrontare la perdita di fiducia nelle democrazie liberali.

Di fronte alla crescente sfiducia nei confronti delle democrazie liberali, gli scienziati di Berlino hanno chiesto una nuova politica. I governi devono garantire con urgenza di affrontare la perdita di controllo, percepita o effettiva, che preoccupa molte persone, si legge nell’appello del New Economy Forum. Perché questa è una delle cause più importanti del “malcontento popolare” – e della perdita di fiducia nella democrazia.

Il fulcro della nuova politica economica dovrebbe essere quello di non concentrarsi più esclusivamente sull’efficienza economica, ma piuttosto sulla creazione di prosperità condivisa e di posti di lavoro sicuri e di alta qualità. La politica industriale dovrebbe affrontare in modo proattivo gli imminenti sconvolgimenti regionali sostenendo le nuove industrie nella loro trasformazione – e non, come spesso è avvenuto in passato, erogando sussidi e prestiti per mantenere il loro status quo.

[...]

Ascesa del populismo nell’anno delle super elezioni?

I populisti minacciano di sperimentare una ripresa nell’anno delle super elezioni globali del 2024. Il diffuso sentimento di impotenza è alimentato, tra le altre cose, dalla globalizzazione e dal cambiamento tecnologico, si legge nell’appello. E ora anche attraverso il cambiamento climatico, l’intelligenza artificiale e l’inflazione. "Decenni di globalizzazione mal gestita, eccessiva dipendenza dall'autoregolamentazione dei mercati e austerità hanno minato la capacità dei governi di rispondere efficacemente a tali crisi."

Ciò che serve ora è un nuovo consenso politico che affronti le cause della sfiducia delle persone, invece di concentrarsi solo sui sintomi o cadere nella trappola dei populisti che fingono di avere risposte facili.

*

GiapponeFukushima | Daiichi

I robot dovrebbero ripulire la centrale nucleare danneggiata di Fukushima Daiichi

I robot dovrebbero rimuovere i detriti radioattivi dalla centrale nucleare di Fukushima Daiichi precipitata nel 2011. Al primo giro di prova ne seguiranno altri.

La Tokyo Electric Power Company Holdings (TEPCO), gestore della centrale nucleare giapponese Fukushima Daiichi, distrutta da un terremoto nel 2011, prevede di inviare quest'anno robot nell'impianto contaminato per recuperare materiale fuso e altamente radioattivo. L’azienda ha ora effettuato i primi test con i robot. È stato possibile raccogliere piccoli pezzi di frammenti simulati di elementi di combustibile utilizzando un robot telecomandato.

La rimozione degli elementi di combustibile fuso nel blocco del reattore Daiichi 2 avrebbe dovuto iniziare entro la fine del 2021. Ma i lavori di bonifica si sono rivelati più difficili del previsto e si sono verificati ripetuti ritardi.

[...]

Prevista la prima raccolta di prova

TEPCO prevede ora di utilizzare il robot per effettuare un primo campionamento di prova nel blocco del reattore contaminato. Lo scopo è rimuovere circa 3 grammi di materiale contaminato.

[...]

Tuttavia, i robot hanno ancora molto lavoro da fare. Si ritiene che il totale dei tre reattori danneggiati a Fukushima contenga circa 880 tonnellate di combustibile nucleare fuso altamente radioattivo.

*

Amnesty International | pena di morte

Numero di esecuzioni nel 2023 al livello più alto dal 2015

Secondo Amnesty International, lo scorso anno più di 1.000 persone sono state giustiziate dallo Stato in tutto il mondo. Il numero delle esecuzioni è in aumento, soprattutto in Iran.

Secondo l’organizzazione per i diritti umani Amnesty International, l’anno scorso sono state uccise almeno 1.153 persone per ordine di un tribunale statale. Si tratta della cifra più alta dal 2015, afferma Amnesty in un rapporto sull’uso globale della pena di morte. Solo pochi paesi sono responsabili di questo aumento.

Di conseguenza, solo l’Iran è responsabile di quasi tre quarti di tutti gli omicidi registrati, con 853 persone giustiziate. Si tratta di un aumento del 48% rispetto all'anno precedente. Seguono l'Arabia Saudita con 172 esecuzioni, la Somalia (38) e gli Stati Uniti (24). Inoltre, secondo Amnesty, il numero di nuove condanne a morte comminate in tutto il mondo nel 2023 è aumentato del 20% arrivando a 2.428 rispetto all’anno precedente.

[...]

Gli Stati Uniti stanno sperimentando nuovi metodi di uccisione

Negli USA Amnesty continua a criticare il sostegno alla pena di morte da parte di diversi Stati americani. Alcuni di loro hanno addirittura introdotto "un nuovo, crudele metodo di esecuzione"; una persona è stata uccisa in Alabama con il metodo non testato del soffocamento con gas azoto. Nel complesso, il numero delle esecuzioni negli USA è aumentato da 18 a 24 rispetto all'anno precedente. Negli stati americani dell'Idaho e del Tennessee sono stati introdotti progetti di legge che consentirebbero le esecuzioni tramite plotone di esecuzione.

[...]

Cina e altri paesi con un numero elevato di casi non segnalati

Amnesty International ritiene inoltre che la Cina continui a giustiziare il maggior numero di persone al mondo. A causa della rigida censura nel Paese, il rapporto di Amnesty non contiene informazioni più dettagliate; Probabilmente sono migliaia le persone giustiziate in Cina.

Per ragioni simili non è possibile fornire dati anche per la Corea del Nord e il Vietnam, ma Amnesty ritiene che entrambi i paesi mettono a morte su larga scala. Nella Corea del Nord, ad esempio, esiste una nuova legge che rende punibile con la morte chi non parla coreano a determinate condizioni.

Inoltre, Amnesty ha registrato 38 esecuzioni in Somalia lo scorso anno, più di sei volte di più rispetto al 2022. In tutta la regione dell’Africa sub-sahariana si è registrato un drastico aumento delle condanne a morte del 66% (494 nel 2023). Inoltre, il Myanmar ha continuato a imporre condanne a morte in tribunali militari segreti e ingiusti.

 


28. maggio


 

RosatomFramatome | Fabbrica di elementi combustibili Lingen

Gli affari della Francia con la Russia:

Protesta contro l'accordo sul nucleare di Macron

Il presidente francese Macron riceve a Münster il Premio per la Pace della Vestfalia. Gli oppositori del nucleare manifestano contro la sua politica nucleare.

GÖTTINGEN taz | Dentro l'onore, fuori la protesta. Mentre martedì mattina nello storico municipio di Münster il presidente francese Emmanuel Macron è stato insignito del Premio internazionale per la pace di Vestfalia "per il suo instancabile impegno nel limitare il conflitto all'inizio dell'attacco russo all'Ucraina", a pochi angoli di distanza, gli oppositori del nucleare stavano manifestando contro il "corso accogliente" della Francia con la compagnia nucleare russa Rosatom. “La politica nucleare di Macron sta finanziando la guerra di Putin”, hanno scritto i manifestanti su uno striscione.

Rosatom è collegata attraverso una joint venture con la società nucleare francese Framatome, che gestisce l'unica fabbrica tedesca di elementi combustibili a Lingen, in Bassa Sassonia. Poiché gli affari vanno a rilento, in futuro lì verranno prodotti anche elementi combustibili esagonali per i reattori nucleari russi e di tipo sovietico. I tecnici Rosatom erano già a Lingen per formare il personale tedesco e installare i componenti per le macchine Rosatom.

“Macron viene celebrato qui come un presunto combattente per la pace. “Ma con la sua politica nucleare finanzia l’attacco di Putin all’Ucraina”, dice Bettina Ackermann dell’organizzazione antinucleare “.ausstrahlt”. Nelle parole di Vladimir Slivyak, co-presidente dell’organizzazione ambientalista russa Ecodefense e vincitore del Premio Nobel alternativo, Rosatom è “uno strumento del Cremlino”. L'azienda statale raggruppa tutte le attività nucleari del paese, dall'estrazione dell'uranio alle armi nucleari, ed è attivamente coinvolta nella guerra contro l'Ucraina, ad esempio attraverso l'occupazione della centrale nucleare di Zaporizhia.

Putin guadagna miliardi dalla vendita dell’uranio

"Qualsiasi cooperazione con Rosatom avvantaggia Putin e aumenta la dipendenza energetica dalla Russia", ha continuato Slivjak...

*

Protezione del clima | Commercio di emissioni | Compagnie petrolifere

Frode nei progetti di protezione del clima in Cina?

Come vengono derubati gli autisti

Con i progetti di protezione del clima in Cina, le aziende petrolifere tedesche possono raggiungere i loro obiettivi climatici stabiliti dalla legge. Ma secondo una ricerca “frontale”, molti di essi esistono solo sulla carta. 

I progetti di protezione del clima del valore di oltre mezzo miliardo di euro erano solo falsi. I costi per il rifornimento o l'acquisto di gasolio da riscaldamento sono a carico dei consumatori. I progetti sono approvati dall'Agenzia federale per l'ambiente. Nello scandalo sono coinvolti rinomati istituti di prova tedeschi e compagnie petrolifere globali. “frontale” ha parlato con addetti ai lavori, valutato immagini satellitari e cercato indizi in Cina.

Esplosivo: Interrogato da "frontal", l'ente di accreditamento tedesco (DAkkS) spiega che nessuno degli enti di prova che hanno esaminato i progetti cinesi di protezione del clima ha l'accreditamento per questo...

*

RussiaUzbekistanSMR | Regione di Jizzakh

La Russia progetta di costruire una centrale nucleare SMR in Uzbekistan

Un accordo tra Uzbekistan e Russia prevede la costruzione di una centrale nucleare con sei piccoli reattori modulari nella regione uzbeka di Jizzakh, i cui lavori di costruzione inizieranno già quest'estate.

L'accordo è stato firmato durante la visita di Stato in Uzbekistan del presidente russo Vladimir Putin. È previsto un sito con una capacità totale di 330 MW, composto da sei reattori da 55 MW. Rosatom fungerà da appaltatore generale, con la partecipazione di aziende locali alla costruzione.

Il progetto uzbeko si basa sul reattore raffreddato ad acqua RITM-200N, modellato sulla tecnologia dei rompighiaccio a propulsione nucleare, con una potenza termica di 190 MW o 55 MWe e una vita operativa prevista di 60 anni. La prima versione terrestre è attualmente in costruzione a Yakut, in Russia; La messa in servizio della prima unità è prevista nel 2027...

traduzione con https://www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

*

Spagna | NorvegiaIrlanda | Palestina | Israele

Riconoscimento di uno Stato palestinese

"L'unica strada verso una soluzione a due Stati"

Il governo spagnolo ha ufficialmente riconosciuto la Palestina come Stato. Anche la Norvegia e l’Irlanda hanno fatto il passo oggi. Israele è indignato.

Il governo di sinistra spagnolo ha formalmente riconosciuto uno Stato palestinese. Un decreto corrispondente è stato approvato durante una riunione del gabinetto. "Si tratta di una decisione storica che ha un unico obiettivo: aiutare gli israeliani e i palestinesi a raggiungere la pace", ha affermato il primo ministro Pedro Sánchez nel Palacio de la Moncloa, sede del governo.

Di fronte al dibattito sui confini dello Stato di Palestina, Sánchez ha affermato che la Spagna non ha il diritto di “definire i confini di altri paesi”. Tuttavia la posizione di Madrid è "pienamente coerente con le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell'Onu e con la tradizionale posizione dell'Ue". Vengono così riconosciuti i confini del 1967, che esistevano prima della Guerra dei Sei Giorni.

"Gerusalemme Est come capitale"

Secondo il politico socialista, lo Stato di Palestina deve "prima di tutto essere vitale. La Cisgiordania e la Striscia di Gaza devono essere collegate da un corridoio, con Gerusalemme Est come capitale e unite sotto il governo legittimo dell'Autorità Palestinese".

Sánchez ha sottolineato che la decisione del suo governo non è diretta contro nessuno, "soprattutto contro Israele, un popolo amico che rispettiamo, che apprezziamo e con il quale vogliamo avere le migliori relazioni possibili". Respingiamo l'Islamismo di Hamas e condanniamo fermamente gli attacchi terroristici contro Israele del 7 ottobre. Ma il riconoscimento è “l’unica via per una soluzione a due Stati”...

*

EnergiewendeConcedere denaro | Sostituzione riscaldamento

I proprietari di case possono nuovamente richiedere finanziamenti per nuovi impianti di riscaldamento

La KfW ha lanciato una nuova tornata di finanziamenti per la sostituzione del riscaldamento. La domanda è alta: finora sono pervenute già 27.000 domande.

Da martedì, altri gruppi potranno richiedere finanziamenti governativi per sostituire i vecchi sistemi di riscaldamento a gas e petrolio con alternative più rispettose del clima. La procedura è ora possibile anche per i proprietari indipendenti di condomini e per le associazioni di proprietari di case con riscaldamento centralizzato, ad esempio, come hanno annunciato la banca di sviluppo responsabile KfW e il Ministero federale dell'economia.

Dal 27 febbraio i proprietari di case unifamiliari esistenti che vi abitano possono chiedere un sostegno per il cambiamento. Secondo il Ministero dell'Economia, finora sono pervenute circa 27.000 domande. A partire da agosto possono presentare domanda anche i locatori privati ​​e i proprietari di associazioni di proprietari di case che desiderano sostituire il riscaldamento nel proprio appartamento. Ciò vale anche per le domande per edifici non residenziali.

Schema di finanziamento complicato

A seconda delle esigenze è possibile un finanziamento massimo del 70%. Il 30% è destinato a tutti, siano essi residenziali o commerciali. Secondo il ministero, è previsto anche un bonus di efficienza del 5% aggiuntivo per le pompe di calore che utilizzano acqua, suolo o acque reflue come fonte di calore o che utilizzano un refrigerante naturale...

*

GazaConsiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite | Rifugiati

Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU convoca una riunione d'emergenza sull'attacco di Rafah

L'attacco aereo israeliano su un campo profughi a Rafah ha suscitato critiche internazionali. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU sta ora pianificando una riunione d’emergenza.

Dopo l'attacco aereo israeliano su un campo profughi a Rafah, il Consiglio di sicurezza dell'ONU vuole incontrarsi martedì per una riunione d'emergenza. Secondo i diplomatici, l'incontro è previsto per le 21.30:XNUMX, riferiscono all'unanimità le agenzie di stampa dpa e AFP. Non è ancora chiaro se l’incontro si terrà pubblicamente oppure no. L'Algeria aveva chiesto l'incontro.

Secondo l'autorità sanitaria palestinese, controllata dall'organizzazione terroristica Hamas, almeno 45 persone sono state uccise e numerose altre ferite nell'attacco di domenica sera. La maggior parte dei morti erano donne e minorenni. L'incidente scatenò critiche internazionali...

*

Il fungo atomico sta per bombe atomiche o all'idrogeno, anche nel contesto dei test28 e 30 maggio 1998 (6 test nucleari pakistani) Ras Koh, PAKCampo di prova delle armi nucleari

Dal 1945 in tutto il mondo sono stati effettuati oltre 2050 test di armi nucleari...

Armi nucleari dalla A alla Z

Lo stato delle armi nucleari è il Pakistan

...Le armi nucleari del Pakistan furono sviluppate negli anni '1970 sotto la guida di AQ Khan, su commissione del primo ministro Zulfikar Ali Bhutto. Khan aveva rubato progetti per centrifughe dai Paesi Bassi mentre lavorava presso la società nucleare Urenco e li aveva usati per arricchire l'uranio e sviluppare armi nucleari.

Il Pakistan afferma di aver condotto con successo sei test nucleari il 28 e 30 maggio 1998, in risposta ai test indiani. Tuttavia, sulla base dei dati sismici, gli esperti presumono che in realtà siano stati eseguiti solo due test. Tuttavia, con questi test il Paese è riuscito a far sì che l’opinione pubblica mondiale percepisse il Pakistan come una potenza dotata di armi nucleari. In precedenza si sospettava solo da tempo un arsenale nucleare.

Il Pakistan non ha mai firmato il Trattato di non proliferazione nucleare, ma non è stato ufficialmente riconosciuto come uno Stato dotato di armi nucleari. In quanto Stato menzionato nell'Allegato 2 del Trattato sulla messa al bando totale degli esperimenti nucleari, il Pakistan deve firmarlo prima che il trattato possa entrare in vigore, cosa che non è ancora avvenuta...
 

wikipedia di

Forze armate del Pakistan#Forze nucleari

La forza nucleare tattica è stata introdotta da Musharraf nel 1999 e fa capo direttamente al presidente. Il Pakistan non ha firmato il Trattato di non proliferazione nucleare. Ha armi nucleari dal 1998. L'arsenale è stimato in 100-120 testate, ma la Divisione dei Piani Strategici (SPD), che comanda la forza nucleare, non si è mai espressa in merito.
 

Forze armate del Pakistan#Storia

Nel 1998, le forze pakistane fecero esplodere sei armi nucleari nel sottosuolo. Ciò è avvenuto in risposta a cinque test indiani quest'anno. I sondaggi sull'approvazione dei test per rappresaglia anche per il primo test indiano del 1974 variavano tra il 60% e il 97% di approvazione...
 

Programma nucleare pakistano

Il programma nucleare del Pakistan iniziò nel 1972 sotto Zulfikar Ali Bhutto. Il Pakistan, come il suo vicino e acerrimo rivale India, è di fatto una potenza nucleare e non ha firmato il Trattato di non proliferazione nucleare. Tuttavia, l'obiettivo originario del Pakistan di dotare la bomba atomica già nel 1976 non è stato raggiunto. Il primo test pubblico sulle armi nucleari ha avuto luogo nel 1998.

Nel 1998, le forze pakistane fecero esplodere sei armi nucleari sottoterra nella provincia del Balochistan...
 

Elenco dei test sulle armi nucleari

Elenco cronologico e incompleto dei test sulle armi nucleari. La tabella contiene solo i punti salienti della storia della detonazione di una bomba atomica a scopo di test...

 


27. maggio


 

Premio per la paceMacron | Fabbrica di elementi combustibili Lingen

28 maggio 2024 dalle ore 9:XNUMX - Protesta contro Macron a Münster - Stop agli accordi nucleari francesi con la Russia

A causa degli affari in corso tra le aziende statali francesi e l’azienda nucleare russa Rosatom, noi, insieme agli oppositori del nucleare tedeschi, francesi e russi, chiediamo l’imminente Martedì (28.5 maggio) dalle ore 9 alla protesta al Museo d'arte e cultura LWL (piazzale Rothenburg, di fronte all'Aegidiimarkt) a Münster SU. L'occasione è la visita del presidente francese Macron, che proprio questo giorno riceverà nel municipio di Münster il Premio per la pace della Vestfalia, tra l'altro per il suo presunto "impegno instancabile" contro l'attacco russo all'Ucraina. Il presidente francese Macron è atteso nel centro di Münster all'ora di pranzo.

L’assegnazione del Premio per la Pace al presidente Macron è un affronto. Con la sua politica nucleare Macron promuove la guerra d’aggressione russa: la società nucleare statale francese Framatome continua a mantenere la sua “cooperazione strategica” con il gruppo del Cremlino Rosatom. Vuole addirittura espanderlo, ad esempio attraverso l'ingresso di Rosatom nella produzione di elementi combustibili a Lingen. E con il suo veto, Macron impedisce da anni le sanzioni dell'UE contro il settore nucleare russo, riversando ogni anno miliardi nel tesoro di guerra di Putin. “L’energia nucleare di Macron finanzia la guerra di Putin”, criticano gli oppositori dell’energia nucleare.

Insieme alla rete francese per l'eliminazione del nucleare "Sortir du nucléaire", .broadcast e ai nostri amici di Lingen, protesteremo quindi con barili nucleari, striscioni, bandiere e tamburi davanti al Museo d'arte e cultura LWL di Münster e con un'azione che dimostreremo il sincero nucleare Rendere chiara l'amicizia tra Macron e Putin. La nostra richiesta: “Niente affari con Rosatom!”

*

Fuori i razzistiDeportazioni | firewall

Conseguenze per la festa di destra di Sylt:

Lavoro andato, reputazione rovinata: giustificato?

Poiché hanno urlato testi razzisti mentre festeggiavano a Sylt, le persone coinvolte hanno perso il lavoro e le loro foto sono state pubblicate. Giustificato?

Sì,

Perché queste conseguenze sono l’attuazione coerente del concetto di “firewall contro la destra”, che da anni viene invocato tra i partiti. La metafora un po’ obliqua – che suggerisce che le idee di destra si trovano solo ai margini, non al centro della società – viene utilizzata principalmente per distinguersi dall’AfD. Ma se noi, come società civile, vogliamo prendere una posizione coerente contro la destra, ciò può solo significare che gridare slogan razzisti e nazionalisti deve avere delle conseguenze.

Perché ciò accade ancora troppo raramente. L'incidente di Sylt con le sue conseguenze ne è un esempio positivo. Dopo che giovedì è apparso un video in cui un gruppo di persone urlava slogan xenofobi davanti al club “Pony”, si è scatenata una grande indignazione. Ma l'indignazione non si è fermata qui: alcuni invitati alla festa sono stati identificati, il gestore del locale ha sporto denuncia penale e i primi datori di lavoro hanno licenziato i dipendenti che avevano riconosciuto nel video.

[...]

No,

perché questo distrae dal vero problema. “La Germania per i tedeschi, via gli stranieri!” è stata già vissuta quest’anno da almeno 4.791 persone: sono state deportate. Il numero delle deportazioni è già aumentato di oltre il 30% rispetto all'anno precedente e, se la tendenza continua, significherebbe che entro la fine dell'anno saranno fuori 20.000 stranieri.

Se questo non è un motivo per una danza di gioia a Sylt. Ci sono ancora più motivi per festeggiare: da domenica l'AfD ha potuto esercitare maggiore pressione sulle autorità locali per l'immigrazione con nuove maggioranze nei parlamenti delle città della Turingia, la CDU non vuole più consentire procedure di asilo in Germania con il suo programma di base, i Verdi sostengono la riforma Geas sulla protezione europea dei rifugiati. E poi c'è la storia con il cancelliere dell'SPD. "Dobbiamo finalmente deportare su larga scala coloro che non hanno il diritto di restare in Germania", ha detto Olaf Scholz in autunno.

Il governo federale fornisce i numeri di deportazione, quindi a volte puoi festeggiare. Ma per favore, non così "disgustoso" come lo è ora a Sylt (Scholz) o in modo tale che il comportamento "non possa più essere spiegato con il consumo di alcol" (Friedrich Merz) ...

*

Commissione UERechtsextreme | Da Leyen

Contato: perché Ursula von der Leyen potrebbe perdere il lavoro a Bruxelles

I socialdemocratici mettono in guardia Ursula von der Leyen dalla collaborazione con gli estremisti di destra. Una mossa del genere potrebbe porre fine alla sua carriera. Chi potrebbe succederle?

C’è uno spostamento a destra in Europa – questo è indiscusso. In Germania, l’Alternativa per la Germania (AfD) potrebbe fare molto meglio alle elezioni europee rispetto alle ultime elezioni e ottenere un risultato record. In Francia, il partito di Marine Le Pen mette sempre più sotto pressione il presidente Emmanuel Macron. Sono già al potere in altri paesi.

Questa tendenza è rafforzata dal fatto che finora le istituzioni dell’UE hanno avuto poca paura di entrare in contatto con i politici di estrema destra. Il capo diplomatico dell’UE Josep Borrell, ad esempio, in passato ha utilizzato stereotipi razzisti. E la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen sta facendo il resto per rendere socialmente accettabili i politici estremisti di destra.

Le istituzioni dell’UE e il loro rapporto con l’estrema destra

I socialdemocratici europei non vogliono più sopportare tutto ciò. Politico riferisce di aver avvertito von der Leyen di una possibile collaborazione con parlamentari estremisti di destra. In caso di emergenza, ciò potrebbe significare la fine della sua carriera politica, o almeno il suo fallimento alle prossime elezioni per la Commissione europea.

Tra i critici figurano il cancelliere Olaf Scholz (SPD) e la principale candidata dell'SPD alle elezioni europee, Katarina Barley. Secondo Politico, nelle ultime settimane avrebbero minacciato più volte di bloccare la candidatura di von der Leyen...

*

Russia | scorie nucleariSottomarini nucleari | Novaya Zemlya

Rifiuti nucleari nel Mar di Norvegia:

L'eredità dimenticata della Russia

Le testate nucleari e i sottomarini nucleari della Guerra Fredda sono immagazzinati nel Mare di Norvegia. Dopo l’attacco all’Ucraina, a nessuno importa più.

MÖNCHENGLADBACH taz | Circa 17.000 oggetti radioattivi sono immagazzinati nell'estremo nord, nel Mare di Barents e nel Mare di Kara, due mari marginali dell'Oceano Artico a nord della Russia. I rottami nucleari comprendono l'intera gamma di attrezzature necessarie alla marina di una potenza mondiale: testate nucleari, contenitori con scorie radioattive, barre di combustibile esaurito e non esaurito, reattori nucleari di sottomarini smantellati o affondati e persino sottomarini nucleari completi.

La maggior parte è immagazzinata sul fondale marino non lontano dall’isola di Novaya Zemlya, che fu teatro di 1955 test nucleari tra il 1990 e il 130. Per molto tempo si sperava che un giorno il materiale pericolosamente arrugginito potesse essere sollevato e immagazzinato in una forma meno rischiosa. Ma l’intervento russo in Ucraina il 24 febbraio 2022 ha in gran parte annullato tutto ciò. Questa è la conclusione a cui è giunta l'organizzazione ambientalista norvegese Bellona in un rapporto pubblicato di recente.

Lo studio è stato presentato da Alexander Nikitin, che conosce molto bene il mare e il problema. Un'apparizione simbolica, perché dal 1974 al 1985 Nikitin prestò servizio come ingegnere di volo sui sottomarini nucleari della flotta del Mare del Nord e poi diresse il gruppo di ispezione sulla sicurezza nucleare del Ministero della Difesa come capitano di primo grado fino al 1992, prima dell'URSS e poi successivamente della Federazione Russa.

[...]

Solo dieci anni fa, le prospettive di tenere sotto controllo le conseguenze ecologiche dei siti contaminati in decomposizione non erano cattive. Ma la guerra in corso dal 24 febbraio 2022 ha seppellito queste prospettive. Al momento non ci si può aspettare nulla dai partner occidentali. Al contrario, la Russia non vuole più collaborare con l’Occidente. E chiunque in Russia voglia avviare un dialogo con Mosca su questo tema deve aspettarsi svantaggi professionali. Chiunque lavori con l'organizzazione ambientalista Bellona, ​​che lì è vietata, ha un piede in prigione.

Il fatto che ci siano problemi transfrontalieri e globali e che il mondo possa essere mantenuto solo insieme è una posizione minoritaria in Russia in tempi come questi. Il recupero e lo stoccaggio sicuro della radiosa eredità della corsa agli armamenti nel Mare del Nord è quindi ormai molto lontano.

*

PFAS | acqua potabileVeleni dell'eternità

Raggiunto proporzioni allarmanti

Le acque europee inquinate da “prodotti chimici perpetui”.

In Germania la contaminazione di fiumi, laghi e falde acquifere sta diventando un problema. Soprattutto perché nell’acqua si insinuano sempre più sostanze chimiche che non possono essere scomposte. Un fiume è particolarmente colpito.

Secondo le organizzazioni ambientaliste, la presenza dei cosiddetti prodotti chimici perpetui (PFAS) nelle acque europee ha raggiunto livelli allarmanti. In particolare, secondo un rapporto della European Pesticide Action Network e di altre organizzazioni, i valori limite dell’UE vengono talvolta ampiamente superati per il composto chimico acido trifluoroacetico (TFA). Secondo la Federazione tedesca per l'ambiente e la protezione della natura (BUND), in Germania sono colpiti l'Elba e la Sprea.

L’entità della contaminazione di fiumi, laghi e falde acquifere richiede “un’azione decisiva”, continua il rapporto. I pesticidi PFAS devono essere vietati ed è necessario riconsiderare i pericoli delle singole sostanze chimiche come i TFA.

Per il rapporto, il Centro per la tecnologia dell'acqua di Karlsruhe ha esaminato più di due dozzine di campioni di acque superficiali e sotterranee provenienti da dieci paesi europei, compresi quelli dell'Elba e della Sprea e della Senna in Francia. In tutti i campioni sono stati rilevati TFA che, secondo il rapporto, possono penetrare senza ostacoli nelle acque sotterranee e rimanervi per secoli.

Nel regolamento UE sui pesticidi, i TFA sono classificati come “non rilevanti”. Diverse associazioni sottolineano però la longevità della sostanza nell'ambiente e l'impossibilità di filtrarla mediante i normali processi di trattamento dell'acqua potabile.

La zona più colpita è stata l'Elba presso Amburgo

Secondo il BUND, il bacino più colpito dall'inquinamento da TFA è l'Elba presso Amburgo. La concentrazione più alta di tutti i campioni è stata trovata lì, pari a 3300 nanogrammi per litro. Il limite proposto dall'UE per tutti i PFAS nell'acqua potabile è di 500 nanogrammi per litro...

*

scorie nucleari | Deposito temporaneoRepositoryruoteContenitore di trasporto

La questione irrisolta dello smaltimento dei rifiuti nucleari: le ruote come depositi temporanei

Le scorie nucleari rimangono un problema. Le autorizzazioni per i 16 impianti di stoccaggio temporaneo scadono tra il 2034 e il 2047. Cosa succede quando scade la licenza d'esercizio dei Castors?

È noto che l’eredità di 60 anni di utilizzo dell’energia nucleare graverà sulla popolazione per secoli quasi imprevedibili, ma nella maggior parte dei casi viene soppressa con successo. Con la decisione del governo federale guidato dalla CDU di chiudere le centrali nucleari tedesche nel 2011, ritardata di tre mesi, la questione dello smaltimento dei rifiuti è passata fuori dal centro dell’attenzione, ma non si è affatto avvicinata ad una soluzione.

La richiesta di rimettere in funzione le centrali nucleari dismesse trascura il fatto che da anni non viene effettuata un'ispezione decennale e spera che si possa continuare a farne a meno. Finora le cose sono andate bene in Germania.

Il ruolo degli impianti di stoccaggio temporaneo nello smaltimento dei rifiuti nucleari

Finora i rifiuti altamente radioattivi sono stati imballati a Castoren, ogni pezzo costava circa due milioni di euro, e attualmente vengono, nella migliore delle ipotesi, trasportati in un impianto di stoccaggio temporaneo. In Germania ci sono 16 siti di stoccaggio temporaneo, che immagazzinano principalmente combustibile nucleare irraggiato proveniente da centrali nucleari e reattori di ricerca, ma anche rifiuti altamente radioattivi derivanti dal ritrattamento.

Per quanto riguarda la durata dell'eventuale stoccaggio temporaneo, l'autorità federale competente Base osserva: "Le autorizzazioni nucleari per lo stoccaggio di combustibile nucleare in impianti di stoccaggio temporaneo sono state deliberatamente limitate a 2000 anni dall'Ufficio federale per la radioprotezione, l'autorità allora competente per il rilascio delle licenze, all'inizio degli anni 40." Questo è il tempo che dovrebbero contenere i contenitori Castor, quindi un record della sicurezza e dell'integrità dei contenitori è stato mantenuto per 40 anni.

[...]

In primo piano l'argomento viene evitato per non preoccupare la popolazione. Tuttavia, si sta lavorando in background per rispondere alla domanda se le ruote possano essere utilizzate in sicurezza anche fino a quando non sarà disponibile un deposito finale, sebbene la data di disponibilità sia ancora aperta.

*

Il fungo atomico sta per bombe atomiche o all'idrogeno, anche nel contesto dei test27. Maggio 1956 (Test della bomba atomica statunitense) Eniwetok e Bikini, USACampo di prova delle armi nucleari

Dal 1945 in tutto il mondo sono stati effettuati oltre 2050 test di armi nucleari...

wikipedia di

Operazione Redwing

L'operazione Redwing fu la tredicesima serie di test nucleari americani condotti nelle Isole Marshall nel Pacifico tra il 4 maggio e il 21 luglio 1956. In totale sono state testate 17 armi nucleari in superficie. L'operazione è stata condotta per testare potenti armi termonucleari che non potevano essere testate nel Nevada Test Site. Le bombe prendono il nome dalle tribù dei nativi americani.

27. Maggio 1956 - Il 3° test nell'ambito dell'operazione Redwing, dal nome della tribù indiana "Zuni", è stato il primo test di una bomba termonucleare americana nel Progettazione a tre fasi (FFF: “Fissione-Fusione-Fissione”). L'esplosione di 3,5 MT ha creato un cratere profondo 30 metri e con un diametro di 800 metri...

20. Luglio 1956 - Il 16° test nell'ambito dell'operazione Redwing, dal nome della tribù indiana "Tewa", è stato fatto esplodere su una chiatta nella barriera corallina dell'atollo di Bikini tra le isole di Namu e Yurochi e ha avuto una forza esplosiva di 6-8 MT. Tewa stava cercando Zuni e Ivy Mike la terza bomba americana all'idrogeno con un design a tre stadi (fissione-fusione-fissione). 
 

Elenco dei test sulle armi nucleari

Elenco cronologico e incompleto dei test sulle armi nucleari. La tabella contiene solo i punti salienti della storia della detonazione di una bomba atomica a scopo di test...
 

Armi nucleari dalla A alla Z

Stati dotati di armi nucleari

Ci sono nove stati dotati di armi nucleari ma solo cinque sono “riconosciuti”. Gli Stati Uniti, la Russia, la Cina, la Francia e il Regno Unito – gli stati che hanno anche un seggio permanente nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite – sono definiti nel TNP come “stati dotati di armi nucleari” perché hanno fatto esplodere armi nucleari prima del 1957. Tuttavia, anche India, Pakistan, Israele e Corea del Nord possiedono armi nucleari, sebbene Israele non le ammetta, e non sono quindi membri del TNP...

 


26. maggio


 

InondazioniCondizioni meteorologiche estremenegazionisti del clima

Dibattiti sul tempo estremo

I materiali climatici si adattano

I recenti eventi meteorologici estremi stanno facendo riflettere anche gli scettici climatici più esperti. Perché i luoghi diventano sempre più affollati quando piove quando, secondo loro, le condizioni meteorologiche estreme causate dai cambiamenti climatici non esistono nemmeno? 

Il cambiamento climatico non rende davvero le cose facili. Anche le condizioni atmosferiche più estreme non possono mai essere riconducibili esattamente ad essa come unica causa. Il riscaldamento globale tende ad aumentare le precipitazioni e le stagioni secche. Le forti piogge stanno diventando sempre più frequenti e più intense, ma quando cade esattamente la quantità entrano in gioco gli dei del tempo e altri fattori.

È noto che gli scettici climatici professionisti fanno affidamento su questo. Ha sempre piovuto, ci sono sempre state allagamenti e cantine e poi garage pieni sono storie popolari sui social media alla luce delle recenti inondazioni.

Ma queste narrazioni stanno iniziando a incrinarsi. Recentemente è scesa dal cielo più fitta e peggiore di quanto mai previsto. Non era solo una forte pioggia, no, metà del Saarland era sott'acqua.

Le cantine non vengono più allagate una volta ogni dieci anni, ma con antiestetica regolarità. I politici federali e statali stanno ora prendendo in considerazione anche l’assicurazione obbligatoria per i rischi naturali. Anni fa era impensabile...

*

Da LeyenElezioni europeefirewallAla destra

L’Europa è minacciata da un’era di populismo di destra

Tra gli estremisti di destra come l’AfD, la “melonizzazione” è vista come una parolaccia per tradire la pura dottrina. Per i politici centristi, la “melonizzazione” dovrebbe essere un avvertimento a non farsi coinvolgere in affari sporchi con i partiti populisti di destra in Europa. Jan Sternberg teme che la CDU attualmente veda le cose diversamente.

Berlino. In italiano il firewall si chiama “muro spartifuoco” o, più comprensibile a livello internazionale, “il firewall”. Ciò che è più interessante per le elezioni europee e per il prossimo mandato di Ursula von der Leyen come presidente della Commissione europea è dove si trova il muro di sicurezza tra i conservatori europei e i partiti di estrema destra – e se esiste.

Almeno il vicepresidente del gruppo parlamentare CDU Jens Spahn conosce un progetto. In un'intervista ha individuato il firewall "a destra del partito di Giorgia Meloni" - un partito che viene comunemente descritto come "post-fascista" e nelle cui fila si alza spesso il braccio destro. In un’intervista con Deutschlandfunk, Von der Leyen non ha dato una risposta chiara alla domanda se avrebbe collaborato con i partiti di destra dopo le elezioni europee.

Come prima, cercano la maggioranza tra i singoli deputati, altrimenti seguono i seguenti criteri: i partiti devono essere “per l’Europa, per l’Ucraina, cioè contro la Russia, e per lo Stato di diritto”.

Nuovo asse tra le “bionde di ferro”

Meloni si è posizionato dalla parte dell’Ucraina, e le questioni con l’Europa e lo Stato di diritto sono, diciamo, negoziabili. A Roma si parla da tempo del nuovo asse tra von der Leyen e Meloni, il “Corriere della sera” le chiamava “le due bionde di ferro”.
 

IMHO

Mi viene subito in mente quanto segue:

Quando i nazisti portarono i comunisti, rimasi in silenzio; Non ero comunista.
Quando hanno rinchiuso i socialdemocratici, sono rimasto in silenzio; Non ero un socialdemocratico.
Quando hanno chiamato gli unionisti, sono rimasto in silenzio; Non ero un sindacalista.
Quando presero gli ebrei, rimasi in silenzio; Non ero ebreo.
Quando sono venuti per me, non c'era più nessuno a protestare.

Martin Niemöller

E poiché si tratta nientemeno che dei diritti umani, se necessario si possono aggiungere altri versetti, ad esempio:

Quando hanno rinchiuso i giornalisti, sono rimasto in silenzio; Non ero un giornalista.

Quando hanno portato i richiedenti asilo sono rimasto in silenzio; Non ero un richiedente asilo.

Quando annegarono i profughi, rimasi in silenzio; Non ero un rifugiato.

Quando uccidevano le persone, restavo in silenzio; IO ...

ecc.

*

CanadafermarsiAntisemitismus

Antisemitismo a Toronto: sparatoria in una scuola elementare ebraica

Sabato ignoti hanno sparato in una scuola femminile ebrea a Toronto. Il primo ministro canadese Justin Trudeau vede l’atto come antisemita.

MONTREAL afp | Diversi colpi di arma da fuoco sono stati sparati contro una scuola femminile ebrea nella metropoli canadese di Toronto. Nessuno è rimasto ferito nell'incidente avvenuto sabato prima delle 05.00 del mattino (ora locale), ha detto la polizia. I presunti autori sono scesi da un'auto scura e hanno sparato contro la scuola elementare Bais Chaya Mushka nel distretto di North York. La facciata della scuola ebraica è stata danneggiata.

L’incidente è avvenuto nel mezzo delle crescenti tensioni sulla guerra a Gaza. La polizia di Toronto ha annunciato che aumenterà la propria presenza a North York, ma anche in altre scuole e sinagoghe. "Non ignoreremo quello che è successo qui", ha detto l'ufficiale di polizia Paul Krawczyk in una conferenza stampa. Tuttavia, non si dovrebbero trarre conclusioni affrettate sul movente del crimine.

Politici come il primo ministro canadese Justin Trudeau e associazioni ebraiche hanno classificato l'atto come antisemita...

*

Maroccopermessiindustria automobilistica

Il Marocco esporta più automobili in Europa che in Cina

Meno di due decenni fa, in Marocco non esisteva praticamente alcuna industria automobilistica. Ora è il più grande dell'Africa. Ma ora sta arrivando l’era delle auto elettriche, con nuovi concorrenti.

Tre volte al giorno, un treno merci trasporta centinaia di automobili dalle zone rurali del nord del Marocco a un porto sul Mediterraneo. Provengono da una fabbrica Renault fuori Tangeri e vengono inviati ai concessionari di automobili in Europa. Gli incentivi commerciali e gli investimenti in infrastrutture come questa linea ferroviaria merci hanno aiutato il paese a trasformare la sua industria automobilistica praticamente inesistente nella più grande dell’Africa in meno di due decenni. Il regno nordafricano fornisce all’Europa più veicoli di Cina, India o Giappone e ha la capacità di produrre 700.000 automobili all’anno.

E il governo è determinato a mantenere anche in futuro la posizione del Paese come produttore di automobili di peso massimo, candidandosi con entusiasmo a progetti di auto elettriche. Ma la misura in cui potrà rimanere competitiva a livello globale in questa nuova era di veicoli con crescente automazione nella produzione è una questione aperta.

Attualmente in Marocco operano più di 250 aziende che producono veicoli o parti di veicoli. L'industria automobilistica rappresenta oggi il 22% del prodotto interno lordo e l'equivalente di 12,9 miliardi di euro di esportazioni. La casa automobilistica francese Renault, il più grande datore di lavoro privato del Marocco, produce quasi tutte le sue piccole auto Dacia Sandero, estremamente popolari in Europa, nel paese nordafricano. Libero da molti controlli ed equilibri di una separazione democratica dei poteri, il governo sta dicendo alle aziende che vogliono esternalizzare la produzione in aree più economiche che potrebbero ottenere l’approvazione per nuove fabbriche e completare la costruzione entro un breve periodo di tempo – forse appena cinque mesi...

*

TuringiaCandidatiElezioni locali

Mancano candidati in più di 90 città della Turingia

In molte località della Turingia non ci sono più candidati alle elezioni: un segnale di allarme per Bodo Ramelow. L'associazione municipale mette in guardia contro gli attacchi elettorali da parte dei populisti.

Il primo ministro della Turingia Bodo Ramelow ha espresso preoccupazione per lo stato della democrazia in vista delle elezioni locali nel suo Land. Il politico di sinistra ha dichiarato alla rete editoriale Germania (RND) che in 91 località della Turingia non si presenteranno più candidati è per lui un segnale d'allarme. "Vedo questo sviluppo con preoccupazione", ha detto Ramelow. “È vero che alla fine le persone vengono elette in questi luoghi”, ha detto Ramelow. "Ma è un segnale di avvertimento in cui la democrazia si indebolirà per prima."

Alla fine della scorsa settimana, l'Ufficio statale di statistica della Turingia ha annunciato che alle elezioni del consiglio distrettuale/comunale e dei consigli comunali di domenica si presenteranno 18.986 candidati per un totale di 7.464 seggi. L'ufficio aggiunge: "In 91 distretti/città, per l'elezione del sindaco di distretto/città verranno distribuite 'schede bianche'". Gli elettori avrebbero la possibilità di inserire le proprie proposte elettorali su queste schede bianche.

Il Primo Ministro ha chiesto una “vitalizzazione della democrazia” e un maggiore apprezzamento per i governanti, nonché una maggiore protezione per loro.

[...]

Associazione municipale: Migrazione e inflazione non sono questioni municipali

L'Associazione delle città e dei comuni ha messo in guardia contro le manovre elettorali locali da parte di populisti ed estremisti. Si è cercato di reinterpretare le elezioni locali come votazioni su questioni internazionali come la guerra o l'immigrazione, ha spiegato l'amministratore delegato André Berghegger ai giornali del gruppo mediatico Funke. Deve essere chiaro che non si tratta di politica federale o di politica internazionale. "L'attacco russo all'Ucraina, l'inflazione o la politica migratoria non sono questioni municipali". Berghegger ha descritto i tentativi di cooptare consapevolmente la democrazia locale come disonesti. L'associazione comunitaria rifiuta fermamente un simile approccio.

Berghegger ha affermato che i cittadini dovrebbero tenere presente che la politica viene decisa a livello locale nelle elezioni locali. "Si tratta di aree edificabili, asili nido e scuole, nonché di offerte per il tempo libero e culturali. I parlamenti locali discutono di impianti sportivi, piscine o offerte per giovani e anziani."

*

Kompromissnegoziati di paceAggressione

Pace nonostante l'aggressione: lezioni storiche

Negoziati di pace oltre le linee del conflitto: la storia offre soluzioni non convenzionali. La terza pagina conta. (Parte 2 e conclusione).

Dopo il prima parte La serie di articoli in due parti trattava alcune delle tecniche di negoziazione, in particolare quelle che William Ury ha sviluppato nel corso dei suoi 40 anni di pratica come mediatore e nel suo libro Possibile, che vale la pena leggere. Il modo in cui sopravviviamo (e prosperiamo) in un’epoca di conflitti è illustrato qui con esempi tratti dalla storia dei negoziati di pace di successo. 

Preoccupazioni fondamentali

Non appena dopo l'attacco della Russia all'Ucraina, in Germania si sono fatte forti le voci che chiedevano una soluzione diplomatica alla guerra, ma sono state accusate massicciamente di essere "pacifisti sottoproletari" e "quinta colonna di Putin".

Gli argomenti contro i negoziati di pace erano sorprendentemente fondamentali. Fondamentalmente non puoi parlare con un aggressore perché ovviamente non puoi fidarti di lui. In linea di principio, i negoziati possono avere successo solo se entrambe le parti sono realmente disposte al dialogo.

In linea di principio, le trattative potrebbero essere portate avanti solo se l’aggressore si fosse completamente ritirato dal Paese aggredito.

E ultimo ma non meno importante: in linea di principio si potrebbe accettare i colloqui solo se chi sostiene i negoziati di pace ha già in tasca un compromesso ottimale per convincere i critici del senso della diplomazia di pace.

Ciò che stupiva già allora in questi argomenti è che sono così fondamentali che è quasi logico dedurne che i colloqui di pace in una guerra di aggressione in cui l’aggressore non è disposto a ritirarsi nel suo territorio nazionale non hanno alcuna possibilità di reale successo. successo e, nella migliore delle ipotesi, portare a una pace dettata.

Tuttavia, questa affermazione è assurda alla luce di numerosi accordi di pace nella storia...

*

26. Maggio 1971 (INES 4 | Classe.?) Istituto Kurchatov, Mosca, URSS

Due sperimentatori sono morti dopo un incidente critico e altre due persone sono state irradiate.
(Costi ?)

Incidenti di energia nucleare
 

Incidenti negli impianti nucleari

Il 26 maggio 1971 si verificò un incidente presso la struttura SF-3 dell'Istituto Kurchatov di Mosca durante gli esperimenti
Determinare il numero di barre di combustibile U-235 altamente arricchito per raggiungere il livello critico
Disposizione a causa di un guasto meccanico della disposizione di prova un incidente critico in cui
due sperimentatori hanno ricevuto dosi di radiazioni di 60 e 20 Sv e sono morti rispettivamente dopo cinque e 15 giorni.
Sono sopravvissute altre due persone con dosi comprese tra 7 e 8 Sv.

 


Notizie +  conoscenze di base

 

Notizie +

 

RazzismoMisantropiabrutalizzazione

Episodi di razzismo:

Il commissario per l’antisemitismo mette in guardia contro la cultura pop razzista

Felix Klein è scioccato dal video di Sylt. Ma non ne è rimasto sorpreso: la misantropia è "ovviamente diventata parte della cultura pop".

Dopo l'incidente razzista di Sylt, il commissario federale per l'antisemitismo Felix Klein ha denunciato la misantropia nella società. Klein ha dichiarato alla Editorial Network Germany (RND) di essere rimasto scioccato dal video dell'incidente circolato sui social media. "Non perché l'esistenza di tale ideologia misantropica mi sorprenda, ma perché è chiaramente diventata parte della cultura pop e socialmente accettabile in un ambiente che dovrebbe essere consapevole che gli stranieri contribuiscono in modo significativo alla nostra prosperità", ha aggiunto Klein.

Dal punto di vista di Klein, il video rappresenta diverse dimensioni della misantropia. "Chiunque invoca una 'Germania per i tedeschi' nel classico stile nazista esclude tutti i gruppi presumibilmente 'non tedeschi' che si suppone abbiano meno valore, comprese le persone con un passato migratorio, i Sinti e i Rom, ma anche gli ebrei", ha detto. Era felice “che tale comportamento non rimanga impunito”.

Altro incidente in Bassa Sassonia

La polizia di stato sta ora indagando sul video per sedizione. Nella registrazione si può vedere e sentire come i giovani del Sylter Club Pony sull'isola del Mare del Nord gridano slogan nazisti come "Germania ai tedeschi, fuori gli stranieri" sulla canzone L'amour toujours di Gigi D'Agostino. Un uomo mostra una posa che potrebbe essere il saluto hitleriano vietato. La canzone L'amour toujours è recentemente diventata un inno per gli estremisti di destra. Poco dopo l'incidente di Sylt si è saputo che l'agenzia di sicurezza statale stava indagando anche su un video registrato durante una festa popolare in Bassa Sassonia, in cui si potevano anche sentire persone che gridavano slogan razzisti al ritmo della discoteca.

L'incidente di Sylt ha suscitato indignazione anche in politica. La ministra federale dell’Interno Nancy Faeser (SPD) ha parlato di “una vergogna per la Germania”, mentre la ministra dell’Istruzione dello Schleswig-Holstein Karin Prien (CDU) ha descritto il video come “un segno di negligenza nei confronti della prosperità”. Anche il presidente federale Frank-Walter Steinmeier ha commentato l’incidente e si è lamentato di un “irrigidimento dell’etichetta politica”. Il cancelliere Olaf Scholz (SPD) ha definito gli slogan del video “disgustosi” e “inaccettabili”.

Anche il Pony Bar ha preso le distanze dagli ospiti che gridavano gli slogan e, secondo le sue stesse dichiarazioni, ha ora sporto denuncia penale. Secondo i gestori, i dipendenti del ristorante non si erano accorti del "comportamento profondamente antisociale" dei clienti. Ecco perché non hanno reagito immediatamente.

 


Notizie +  conoscenze di base

 

conoscenze di base

La mappa del mondo nucleare

L'unico pianeta che abbiamo...

*

La “Ricerca Interna”

RazzismoMisantropiabrutalizzazione

9 maggio 2024 - "Una delle ragioni principali è il senso di impotenza"

29 febbraio 2024 - Aumentano gli attacchi degli estremisti di destra contro i politici. Non ci sono autori individuali

31 dicembre 2023 - Il cambiamento necessario necessita di maggiore sostegno

26 novembre 2023 - Sociologo sul radicalismo dell'AfD: “Qualcosa è cambiato”

28 febbraio 2023 - Chomsky: Perché le richieste di una NATO più forte sono sbagliate e mendaci

25 gennaio 2023 - Monaco del fango Je suis

 

**

Il motore di ricerca Ecosia sta piantando alberi!

https://www.ecosia.org/search?q=Rassismus

https://www.ecosia.org/search?q=Menschenfeindlichkeit

https://www.ecosia.org/search?q=Verrohung

 

**

wikipedia

Razzismo

Il razzismo o l’ideologia razziale è una visione del mondo secondo la quale le persone vengono classificate ed escluse come “razza”, “popolo” o “etnia” sulla base di caratteristiche esterne o attribuzioni negative da parte di altri che sono esagerate, naturalizzate o stereotipate. Fino al XX secolo, le presunte “razze umane” venivano costruite secondo teorie razziali ormai obsolete, basate principalmente su caratteristiche biologiche (colore della pelle, forme del viso e del corpo, ecc.), giustificando così la schiavitù, le politiche di assimilazione, l’etno o il genocidio.

I razzisti e gli ideologi razzisti di solito considerano superiori le persone che sono il più simili possibile alle proprie caratteristiche, mentre tutti gli altri (spesso classificati) sono visti come inferiori (sciovinismo). Questa riduzione gerarchica è preceduta da una suddivisione spesso meticolosa delle persone in gruppi (discriminazione), in cui le identità miste e multiple e le transizioni di gruppo vengono viste come casi seri e problematici. Gli ideologi razziali vogliono spesso rendere più difficili i rapporti normali tra gruppi (segregazione) e in particolare impedire la mescolanza attraverso i legami familiari e la generazione di discendenti...
 

Misantropia di gruppo

Durata e programma di ricerca

Il termine “misantropia legata al gruppo” si basa sull’approccio di disintegrazione di Bielefeld e mira a catturare e sistematizzare atteggiamenti ostili nei confronti di persone di diversa estrazione sociale, religiosa ed etnica, nonché con diversi stili di vita in una società, utilizzando un termine con una vasta gamma. Si presuppone che il nucleo comune dei fenomeni assegnati a questo termine sia un'ideologia dell'ineguaglianza: vengono messe in discussione l'equivalenza e l'integrità di gruppi specifici nella società. La misantropia palese e nascosta è inclusa nella ricerca empirica. Il principale gruppo di ricerca non parla di fenomeno, ma di “sindrome”. Il termine “sindrome” per il complesso di discriminazione è preso in prestito dalla medicina ed esprime il fatto che i diversi sintomi spesso si presentano contemporaneamente o in modo correlato.

Una caratteristica fondamentale del programma di ricerca “Misantropia di gruppo” dell’Istituto per la ricerca interdisciplinare sui conflitti e la violenza (IKG) dell’Università di Bielefeld è stato il lavoro basato sulla ricerca sociale empirica, che ha utilizzato studi rappresentativi a lungo termine per identificare le correlazioni tipiche di i sottofenomeni. Oltre alla xenofobia e al razzismo si è parlato anche della svalutazione della religione, cioè dell'antigiudaismo e dell'islamofobia. Vi era inclusa anche la denigrazione dell'alterità sessuale o sociale, vale a dire la svalutazione dei senzatetto, degli omosessuali e dei disabili, nonché la dimostrazione del sessismo e dei privilegi stabiliti...
 

brutalizzazione della società

Nel 2012, sotto la direzione di Rudolph Bauer, è stata pubblicata l’antologia Kaltes Land, che ha due sottotitoli: Contro l’abbrutimento della Repubblica federale e Per una democrazia umana. Gli autori, che oltre a Christoph Butterwegge come ricercatore sulla povertà, includono anche sociologi ed esperti di etica sociale, “incitano alla resistenza contro la politica di disumanizzazione sempre più brutale del neoliberismo: con analisi e argomentazioni, dal punto di vista degli scienziati e delle persone colpite”. Il libro dedica una delle sue sezioni alla disumanizzazione in relazione a Hartz IV e presenta “concetti per la riumanizzazione” oltre il capitalismo in un’altra sezione.

Christian Pfeiffer, criminologo ed ex direttore dell’Istituto di ricerca criminologica della Bassa Sassonia (KFN), ha affermato nel 2012 che l’ipotesi di una “brutalizzazione della società” “non può essere dimostrata empiricamente”. Siamo “inondati di immagini di criminalità”, ma la violenza sta diminuendo.

[...]

La posizione di Pfeiffer non è sempre condivisa. Nel 2015, ad esempio, il giornalista Markus Feldenkirchen ha collegato la crisi dei rifugiati alla preoccupazione che potesse svilupparsi “un clima di brutalizzazione come quello visto più recentemente ai tempi di Weimar”. Il suo titolo era la brutalizzazione tedesca e diceva che la Germania potrebbe “superare la crisi senza rinunciare alla sua civiltà”. Invece «nel Paese prevale un clima di rissa da osteria». Ha paura che “la Germania diventi brutale” e giustifica i suoi timori con numerosi esempi concreti. Una “cultura della brutalizzazione” “ha contribuito in modo significativo al fallimento della prima democrazia tedesca”...

 

**

YouTube

Ricerca: razzismo, misantropia, brutalizzazione

https://www.youtube.com/results?search_query=Rassismus

https://www.youtube.com/results?search_query=Menschenfeindlichkeit

https://www.youtube.com/results?search_query=Verrohung
 

Si aprirà in una nuova finestra! - Playlist del canale YouTube "Reaktorpleite" - radioattività in tutto il mondo... - https://www.youtube.com/playlist?list=PLJI6AtdHGth3FZbWsyyMMoIw-mT1Psuc5Playlist - radioattività in tutto il mondo...

Questa playlist contiene oltre 150 video sul tema degli atomi*

 


Torna a:

Newsletter XXI 2024 - 19-25 maggio

Articolo di giornale 2024

 


Per lavorare su 'Newsletter THTR','reattore.de'E'Mappa del mondo nucleare' abbiamo bisogno di informazioni aggiornate, di colleghi energici e freschi e di donazioni. Se qualcuno può aiutarmi mandi un messaggio a: info@Reaktorpleite.de

Chiama per le donazioni

- Il THTR-Rundbrief è pubblicato dal 'BI Environmental Protection Hamm' ed è finanziato da donazioni.

- Il THTR-Rundbrief è diventato nel frattempo un mezzo di informazione molto notato. Tuttavia, ci sono costi in corso dovuti all'ampliamento del sito web e alla stampa di fogli informativi aggiuntivi.

- Il THTR-Rundbrief ricerca e riporta in dettaglio. Per poterlo fare, dipendiamo dalle donazioni. Siamo felici di ogni donazione!

Conto donazioni: BI Protezione Ambientale Hamm

Scopo: circolare THTR

IBAN: DE31 4105 0095 0000 0394 79

BIC: WELADED1HAM

 


Notizie + conoscenze di base inizio pagina

***